Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Emanuele Iemma
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marcello d'Andrea
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Taxi de la Marne
Taxi de la Marne
Sergio Colombo

  Latest arrival...

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

  Latest arrival in the gallery

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

Sd.Kfz. 251 zu Fuss - Giampaolo Bianchi




Girovagando sulla rete in cerca di foto reali da cui ispirarmi per ambientare il mio ultimo diorama, mi sono imbattuto nello Wurfrahmen, uno dei primi lanciarazzi tedeschi utilizzati durante la seconda guerra mondiale; esso era derivato dal semicingolato da trasporto truppe Sd.Kfz. 251/1 dove vennero montati tre comparti per ogni lato, contenenti ognuno un razzo armato.
La mira era raggiunta ruotando l'intero veicolo nella direzione desiderata e i lanciatori, composti da casse di legno contenenti i razzi, potevano essere angolati da 5 a 40 gradi; la portata massima era di circa 2000 metri.
Questo sistema, soprannominato "Stuka zu Fuss" (Stuka a Piedi), pur rozzo e impreciso, si dimostrò efficace in azione, soprattutto nel combattimento urbano sul fronte orientale.
Ho scelto senza esitare questa versione perché, partendo dal Sd.Kfz. 251/1 in mio possesso, mi stimolava l'idea di costruire tutti gli apparati di lancio.




Sd.Kfz. 251/1
Modello storico della Tamiya (1995) in scala 1:35; la costruzione è avvenuta da scatola senza after-market.
Ho iniziato dall’abitacolo cercandolo di renderlo vissuto e rovinato.
































Autocostruzione dei lanciamissili
Dopo aver riportato in scala, da varie fotografie reperite in rete, le dimensioni dei lanciamissili, mi sono messo all’opera.
Dalle foto seguenti si evince il numero di pezzi necessari per costruire una sola cassa di lancio; basterà poi moltiplicare per 6!!!








Il materiale utilizzato è stato il plasticard con spessore di 1 mm.
Successivamente sono passato all’autocostruzione dei missili da 28 cm.
Ho utilizzato delle bombe inutilizzate di uno Spitfire in scala 1:32 e i cannoni Hispano.
Avendone solo due, ho deciso che solo queste sarebbero state visibili mentre le rimanenti quattro le avrei allocate in casse chiuse.












Poi mi sono dedicato ai pannelli laterali di supporto per le casse lanciamissili, anch’essi realizzati in plasticard.
Per gli ingranaggi a cremagliera ho usato lamierino di metallo e per i supporti delle casse sempre plasticard.
































Per la realizzazione dei supporti in metallo per i pannelli e le casse lanciamissili ho utilizzato dei tubolari in acciaio del calibro di 0,1 mm










Cingoli:
sono stati trattati con primer Tamiya grigio e poi colorati con una miscela di lavaggi Valllejo sepia e rojo




Il semicingolato è stato dipinto ad aerografo utilizzando come colore di fondo il Vallejo Air german dark yellow, mentre per la mimetica ho usato il german red brown e il green zinc chrome.




Per dare vivacità e dinamismo alla scena ho aggiunto una Zundapp KS 750 dell’Italeri in scala 1:35...








... e un rudere di una chiesetta della Miniart in scala 1: 35.




Tale soggetto è stato piuttosto deludente, perché l’assemblaggio è risultato molto complicato dalla imperfetta simmetria di combaciamento delle parti.




Base del diorama
Ho utilizzato una tavola di Forex 38 x 27 x 1,5 cm dalla quale ho ricavato un alloggiamento per la strada presente nel kit della Miniart e l’ho allocata in situ.
La prosecuzione della strada è stata fatta stendendo uno strato di das grigio che è stato poi modellato incidendo il pave’ con bisturi n° 11.












Figurini
Provengono dal kit German Wiking Division della Dragon, dal kit Tamiya, dal kit Italeri e dalla mia banca dei pezzi.




Le pose di alcuni sono state modificate per esigenze..."sceniche".






Oggettistica
Le casse contenenti i missili da 28 cm sono auto costruite in balsa.








Il diorama è immaginato come un dinamismo; due coppie soldati scaricano le casse di legno e le portano verso le rovine, altri due trasportano un missile per caricarlo nella cassa, due soldati sono impegnati in alcune riparazioni davanti al mezzo e uno di questi indica ad un commilitone una possibile minaccia all’orizzonte.
Vicino alla chiesa un altro soldato è impegnato in una conversazione radio e all’estremità della strada un soldato tedesco ferito siede nello Zundapp 750.
L’asinello è stato aggiunto per dare un tocco di pace e naturalezza all’ambiente.














































Questo lavoro è stato sicuramente per me il più complesso tra quelli fatti ultimamente.




Grazie per i Vostri eventuali commenti, e buon modellismo a tutti.

Giampaolo Bianchi

[Gallery]

28.04.2016



Commento di Marco Vergani [29/04/2016]:
ciao Giampaolo,
un diorama "ricco" e molto ben riprodotto. Se mi permetti, solo una piccola osservazione: i licheni che hai usato per riprodurre la vegetazione sono troppo "colorati" quasi finti ... avrei usato invece dei piccoli ciuffi d'erba di colore diverso, mentre per gli arbusti avrei usato piccoli rametti di teloxis aristata, spruzzata con della colla spray e fatto cadere "a pioggia" prodotti che simulano il fogliame, magari di colori diversi per simulare foglie secche.....
Comunque complimenti!
Al prossimo, ciao Marco.

Commento di fazzu [29/04/2016]:
non sono la persona piu' adatta a commentare i tuoi lavori, e quindi posso dirti che x me hai fatto un capolavoro, 6 bravissimo complimenti.
p.s. in bocca al lupo x il prossimo lavoro

Commento di Flavio Tribolati [29/04/2016]:
Complimenti un lavoro ricco e complesso con mille sfaccettature e mille particolari: sei proprio bravo!!!

Commento di Lauro Bonfà [29/04/2016]:
Complimenti Caro Giampaolo per questo Stukas a piedi, un lavoro complesso e non certo semplice. Mi piace molto il dinamismo della scena che hai saputo ricreare.Ben realizzate le rovine della chiesa e anche qui vedo che hai dovuto lavorare parecchio, e infine concordo su quanto ha detto Marco riguardo ai licheni, che però non pregiudicano a mio modesto parere il magnifico lavoro da te svolto.

Commento di Vito [29/04/2016]:
Grande Giampaolo sono rimasto davvero stupito !
Lavoro complesso è ben eseguito !
Complimenti a presto Vito

Commento di giampaolo bianchi [29/04/2016]:
ringrazio tutti per i commenti positivi.Marco ha sicuramente ragione e faro' tesoro dei suoi preziosi consigli,se sono migliorato e' grazie ai vs lavori che per me sono fonte di studio e ispirazione.

Commento di Luca Navoni [30/04/2016]:
ciao Giampaolo,
diorama ben riprodotto e da veramente l'idea del movimento.... ....se posso, mi allego a marco e Lauro per quanto riguarda i licheni che hai usato come vegetazione, spiccano un po' troppo... avrei usato dei piccoli ciuffi d'erba di colori diversi e poi con un po' di aerografo li avrei ritoccati come colorazione..... ...ti consiglio una ditta che lavora molto bene la MiniNatur.....
.....per il resto davvero complimenti anche epr tutte le autocostruzioni....
...p.s. anche io come te ho preso un'accantonata con un rudere della miniart, i disegni sulle scatole ti attirano poi quando apri e vedi gli stampati ti accorgi della c....... ;-)

Un saluto e un abbraccio, Luca

Commento di giampaolo bianchi [30/04/2016]:
grazie Luca per l'apprezzamento.la stupidaggine l'ho fatta posizionando l'erba dopo i figurini e tutto il resto. ho provato a sfumare con l'aerografo ma il rischio di sporcare tutto mi ha fatto desistere.
Grazie per la dritta sulla vegetazione.

Commento di riccardo casati [30/04/2016]:
Ciao Gianpaolo un gran lavoro ...sei migliorato tantissimo ...molto bello tutto ..bello il mezzo ... e la casa ... devi solo curare un pò di più i figurini anche se sono buoni ..puoi migliorare ... io avrei messo meno giallo nella vegetazione ...comunque nel complesso un ottimo lavoro ...complimenti hai fatto un miglioramento veramente buono sotto tutti gli aspetti mezzo ..figurini e ambientazione ..continua così un abbraccio
..Riccardo

Commento di Francesco Sasso [30/04/2016]:
Ciao Giampaolo, mi associo agli altri amici per i complimenti, hai saputo creare una scenetta molto interessante.. tutto ben studiato e realizzato. Il semi cingolato, le rovine della Chiesa e i militari a parer mio li hai collocati perfettamente, i dettagli sono ben visibili e tutto risulta bilanciato, bravo. Mi associo anche io a quanto scritto dagli altri amici dulla vegetazione, avrei invecchiato un pochetto di più i mattoni in vista della Chiesa, ma è soltanto un mio piccolo parere.. davvero un bel lavoro, stai migliorando parecchio!
Un salutone e alla prossima.
Francesco

Commento di giampaolo bianchi [01/05/2016]:
grazie Riccardo e Francesco...ripeto..i miei modesti miglioramenti sono stati raggiunti studiando i Vs lavori e facendo mie le critiche ed i consigli che mi sono pervenute e che spero di continuare a ricevere da Voi nel futuro.
Un caro saluto.
Giampaolo

Commento di ezio bottasini [02/05/2016]:
Ciao Gianpaolo, grande lavoro, ricco e moilto particolareggiato; personalmente anch'io avrei usato erba per fermodellismo, con qualche ciuffetto più alto per rompere lo schema piuttosto dei licheni; per tutto il resto sinceri complimenti.
Al prossimo Ezio

Commento di maurizio ugo [07/05/2016]:
..ciao Giampaolo, occhio all'animale in disparte, se vedono gli animalisti un animale in zona di guerra, lasciato senza protezione va a finire ti denunciano per abbandono di animali...potresti fargli un ricovero, o una copertura mimetica... belin... hai fatto 30, fai 31.... bel lavoro !!!! ciao ciao e al prossimo!
Un salutone Maurizio..



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No