Gli assi dell'aviazione

Giulio Reiner
Giulio Reiner New
Pietro Ballarini


I precedenti...

Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong
Marcel Albert

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

T34 76 Versione ChTZ
T34/76 Versione ChTZ
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cavaliere Templare XIII Sec.
Cavaliere Templare XIII Sec.
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Fiat Idrocaccia Rosatelli ICR 20 A.Q.

Enrico Calanchini




Variante idrovolante a scarponi del caccia Fiat CR 20 terrestre; vennero realizzati 23 esemplari dalla Macchi e 23 dalla CMASA.
L’installazione dei galleggianti comportò un deperimento delle caratteristiche di velocità e maneggevolezza.
La specialità Idrocaccia 161^ e 162^ Sq. in seno all'88° Gr. era basata a Vigna di Valle, nel 1931 fu impiegata in parte per equipaggiare un reparto da dislocare sull'isola di Lero del Dodecaneso in Egeo con la 161^ Sq. fino al'essere sostituita dagli idro IMAM Ro 44 inquadrati anch'essi nella stessa Sq. poco prima dell'inizio della guerra e risultata poi inadeguata ai compiti ad essa assegnati.




Le caratteristiche del velivolo idro si discostavano di poco da quelle delle versioni terrestri (bis e Asso) che a loro volta erano suddivise in diverse motorizzazioni e altre differenze minori.




Per intraprendere il lavoro mi sono documentato attraverso diverse foto alcune reperite anche sul web che mi hanno fatto notare numerosi particolari assenti o inesatti del kit, assai prezioso è stato il Notiziario CMPR 3/06 con una trattazione abbastanza completa ed esaustiva.




Il kit inscatolato in ambo le versioni della polacca Choroszy in scala 1:72 è in resina ed è piuttosto basico, da ripulire da bave e materozze è privo riscontri, nonchè con elementi che data la loro fragilità si rende necessaria la loro sostituzione.










Tutti i montanti li ho rifatti in tubi di rame da 0,8 mm. dotandoli di spinotti, altri interventi riguardano l'incavo sotto i tubi di scarico da fresare perché assente, la forma del radiatore frontale è di forma leggermente errata ma non è modificabile, il generatore posto al centro dell'ala superiore è mancante come gli anelli per il sollevamento e le luci di navigazione, per gli interni bisogna arricchirli foto alla mano, aggiungendo anche le cinture fotoincise della Eduard e il frangivento (assente) che va fatto in acetato.




Discorso a se riguarda i galleggianti, poichè il soggetto da riprodurre non montava quelli del tipo che offre il kit con la parte superiore di forma quasi piatta bensì stondata come appare anche nelle foto.




Fiat Idrocaccia Rosatelli ICR 20 A.Q.

La differenza stava nel fatto che i primi erano metallici mentre i secondi erano in legno, di conseguenza è stata apportata tale modifica facendo uso di strisce di plasticard e stucco, vanno inoltre dotati dei timoni e degli anelli per l'ancoraggio, diversi altri ammenicoli completano gli interventi.




Degno di nota è invece il trittico in scala 1:72 che accompagna le istruzioni con le misure d'ingombro che rispettano quelle reali.
Lalluminiata è ottenuta ad aerografo con Humbrol 11 in tre tonalità, i tricolori in coda con i Vallejo dati a pennello, le decals le ho ristampate perchè brutte e inutilizzabili, i tiranti a crocera e degli attuatori sono in sprue filato.




Nella confezione è incluso anche il carrello d'alaggio che è risultato immontabile e incompleto, inoltre senza istruzioni, per questo ho optato per l'ambientazione in "semiammollo".
Per evitare gran parte degli interventi citati si potrebbe ricorrere al più fedele kit iniettato del CR 20 terrestre della Aeroclub, ormai introvabile, aggiungendo i galleggianti della Choroszy, soluzione anti economica ma meno laboriosa.
Ho avuto occasione un decennio fa di assemblare il modello Aeroclub che vi mostrerò in futuro...




Enrico Calanchini

[Gallery]

28.05.2018



Commento di ezio bottasini [29/05/2018]:
Ciao Enrico, visto il kit di partenza il risultato è veramente notevole ma, visto a ciò che ci hai abituato a condividere, penso ci fossero pochi dubbi. Altra Regia chicca che va ad arricchire la tua ma anche la nostra conoscenza degli italici velivoli di quell'epoca.
Complimentoni, al prossimo.
Ezio

Commento di giampaolo bianchi [29/05/2018]:
caro Enrico lavoro bellissimo specie per le autocostruzioni considerando la scala.. degno di un microchirurgo,
complimentoni
giampaolo

Commento di Lauro Bonfà [30/05/2018]:
Interessantissimo modello, realizzato ottimamente. Bravo Enrico nonostante il lavoraccio e la faticaccia ne è uscito un Cadeau di Italica produzione Storica e Didattica. Complimenti.

Commento di giovenco giuseppe [30/05/2018]:
quest'idro è veramente simpaticissimo - grazie per avercelo confezionato e messo a disposizione sul forum - ormai fai parte di quella nicchia della nicchia di cultori della Regia ai quali ci si affeziona per il repertorio proposto di volta in volta - bravo Enri!!!!

Commento di Dino Dall'Asta [31/05/2018]:
Molto bello e interessante.
Bravo, come al solito...
Dino

Commento di Enrico Calanchini [01/06/2018]:
Ringrazio tutti per i graditi commenti, spero manteniate l'interesse per gli arcaici velivoli italici che tento, e tenterò di riprodurre al meglio delle mie capacità.

Enrico

Commento di Francesco Sbarile [01/06/2018]:
Mi aggiungo alla lista di chi ti ha fatto i complimenti per lo splendido lavoro, soprattutto per i galleggianti, davvero notevole.
Francesco

Commento di Francesco Sasso [01/06/2018]:
Ciao Enrico, un altro pezzo pregiato della tua vasta collezione. Sinceri complimenti.
Francesco

Commento di Enrico Calanchini [02/06/2018]:
Grazie ancora per i sopraggiunti e graditi complimenti
Enrico

Commento di giuseppe [02/06/2018]:
Ciao Enrico, complimenti per il bellissimo lavoro svolto con un kit sicuramente non facile. Le autocostruzioni ed i cenni storici sono la ciliegina sulla torta. Grazie!

Commento di maurizio ugo [25/06/2018]:
....ciao Enrico, grazie, un lavorone, che fa si che ti meriti un BRAVISSIMO, anche per l'amor patrio che ti contraddistingue per la continua realizzazione di italici velivoli...
un abbraccione maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

      Nome

      E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No