Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Gli assi italiani della 2° GM - Ezio Bottasini

Vorrei dedicare queste poche righe a tutti gli aviatori che hanno dato la loro vita nei cieli del mondo durante l’ultimo conflitto mondiale (1939-1945), in particolar modo ai nostri connazionali, poiché noi Italiani troppo spesso ci dimentichiamo dei nostri Eroi.
Di coloro che hanno sacrificato la loro vita, per ideali, a volte anche discutibili, ma in ogni caso ideali che in quel particolare momento erano gli ideali della Patria, della nostra Italia.


G-55 Drago MC_200 Biron © Ezio Bottasini - Click to enlarge


Nomi come Luigi Gorrini, Adriano Visconti, Teresio Martinoli, Franco Lucchini, Ugo Drago, Mario Bellagambi, Franco Bordoni Bisleri, Carlo Maurizio Ruspoli, Giorgio Solaroli di Briona, solo per citare i più famosi, ma si potrebbe continuare, riempiendo la pagina con altre decine di nomi.
Nomi che ai più non dicono nulla, nomi noti ad una cerchia ristretta di persone che come me hanno una grandissima passione per le “cose” aeronautiche e non solo per il modellismo, oppure appartenenti all’Arma Azzurra della generazione che ha combattuto la guerra (ormai penso pochi reduci) ed ai loro familiari.


MC_202 Niclot MC_202 Reiner © Ezio Bottasini - Click to enlarge


Eroi ed assi della caccia secondi a nessuno dei loro colleghi delle altre Nazioni belligeranti, alleati e non, altrimenti che per le macchine su cui hanno volato, combattuto e anche vinto nella prima parte del conflitto; infatti appena divenuti tutt’uno con macchine alla pari (Macchi 202 e 205, Reggiane 2001) o addirittura secondo me superiori (Fiat G55, Reggiane 2005), hanno saputo e potuto, anche se troppo tardi, dimostrare appieno le loro capacità.
Possono far sorridere i 22 abbattimenti confermati del nostro migliore asso Sergente Maggiore Teresio Martinoli se confrontati alle 352 vittorie di Hartmann o alle 301 di Barkhorn (assi tedeschi), teniamo presente però il fatto che oltre alle macchine obsolete, i nostri piloti si sono confrontati non con Polacchi e Russi impreparati e inizialmente con macchie antiquate ma con Francesi ed Inglesi con macchine superiori ed addestramento equivalente. Basti pensare per fare un paragone realistico che Richard Bong, il primo asso USA, finì la guerra con uno score di “soli” 40 abbattimenti perpetrati ai danni dei Giapponesi (chi ha orecchie per intendere…).


MC_205 Fanali MC_205 Serafini © Ezio Bottasini - Click to enlarge


Eroi i nostri che, contrariamente a quanto successo dopo la 1° Guerra Mondiale, quando ai reduci furono conferite le più alte decorazioni per le loro imprese belliche come Francesco Baracca che molti conoscono, se non altro per il cavallino della Ferrari, dopo la 2° guerra mondiale furono dimenticati , quasi che dimenticando le imprese degli uomini che vi avevano partecipato, si potessero dimenticare gli eventi che richiamavano alla mente un conflitto pieno di ricordi dolorosi per tutti gli Italiani, senza pensare però che quegli uomini avevano combattuto, avevano sofferto e molti erano morti comunque per la Patria.
Esistono pochi testi e recensioni dedicati ai nostri assi, questo perché gli avvenimenti accaduti dopo l’8 settembre 1943, avevano costretto molti di essi ad una scelta spesso non dettata da motivi “ideologici” ma sentimentali; il grande Luigi Gorrini, nella sua biografia disse che la sua scelta di aderire all’ANR, fu quella di combattere nel tentativo, anche se disperato, di difendere la sua casa in Emilia dai bombardamenti alleati.


Me_109 MC_202 Visconti © Ezio Bottasini - Click to enlarge


Queste scelte determinarono per molti piloti tra cui diversi assi, l’essere messi sotto accusa ed espulsi dall’Aeronautica post-bellica. Questo spiega anche il fatto per cui l’Aeronautica stessa in passato, ha spesso ignorato gli assi della caccia italiani della 2° G.M., in quanto includere o escludere i nomi dei piloti che continuarono a sostenere la causa dell’Asse avrebbe causato un inaccettabile problema politico per la burocrazia militare, perciò nessuna lista “ufficiale” degli assi italiani, o anche solo un elenco comprensivo delle “vittorie” confermate, è mai stata diramata dall’AMI.


MC_202 Gorrin MC_200 Lucchini © Ezio Bottasini - Click to enlarge


Luigi Gorrini “Vespa 2”, è stato l’unico ad essere insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare della Regia Aeronautica e della R.S.I., la cui onorificenza è stata riconosciuta nel dopoguerra, vennero trasformate tre proposte di medaglie d’argento in un’unica d’oro, promuovendolo contemporaneamente al rango di ufficiale nella rinata Aeronautica Militare Italiana (A.M.I.). Minor fortuna ebbe Adriano Visconti, il quale dopo le vittorie riportate in seno alla Regia Aeronautica, le decorazioni sia italiane che tedesche ricevute, dopo l’8 settembre fu posto al comando del 1° Gruppo Caccia “Asso di Bastoni”, dove ottenne altre vittorie prima della capitolazione finale del suo reparto. Dopo aver negoziato una resa onorevole per il 1° Gruppo, Visconti fu proditoriamente assassinato a Milano dai partigiani il 29 aprile 1945 (ricordiamo che il cessate il fuoco datava dal 25 ).


Me_109 Drago Re_2001 Trja © Ezio Bottasini - Click to enlarge


Tanto si potrebbe ancora scrivere per illustrare le gesta dei maggiori tra i rimanenti 40 assi italiani, potremmo riempirne volumi, a tale scopo, di seguito vi indico alcuni testi e riviste dove si potranno approfondire le conoscenze sui nostri dimenticati eroi.
A scopo modellistica sono in commercio dei bellissimi fogli di decalcomanie della “SKY models”, atte a riprodurre Macchi 202 e 205 di nostri assi e piloti noti, per gli altri ci si può sempre rivolgere alla propria “scorta” di decals ed al proprio estro come ho più volte fatto io.


Me_109 Sanson Me_109 Bellagambi © Ezio Bottasini - Click to enlarge


BIBLIOGRAFIA

Giacomo Manfredi
ALI D’ITALIA la storia di Luigi Gorrini, “Vespa 2”, l’asso dell’aviazione da caccia italiana, medaglia d’oro al Valor Militare - Ed. Società Editrice Barbarossa.
Aerei Militari: assi e leggende - Fascicolo n° 42
Gli assi italiani della 2° Guerra Mondiale” - Ed. Del Prado-Osprey Aviation
Aerei nella Storia
Ali Tricolori” 1° e 2° parte supplementi al n° 23 Apr-Mag 2002 e n° 27 Dic-Gen 2002
Franco Pagliani
Aviatori Italiani - Ed. Longanesi
Nicola Malizia
Il 51° Stormo Caccia - Ed. Bizzarri-Roma

Ezio Bottasini
© 2011
[Gallery]