Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Eurofighter EF-2000 Typhoon - Ezio Bottasini

Kit Revell scala 1/48




Storia del programma
Nel 1979 Inghilterra e Germania iniziarono a lavorare sul programma ECF (European Combat Fighter) per un nuovo caccia da superiorità aerea, come risposta europea ai caccia USA F-15/16/18 e di affrontare con successo i caccia sovietici tipo MiG-29 e Su-27.
Nel 1980 la Francia fece una breve comparsa nel programma, un anno dopo il suo posto fu preso dall’Italia.
Il programma ECF cambiò in ACA (Agile Combat Aircraft).
I primi disegni ce lo presentavano con una presa d’aria a doppia sezione ventrale, bimotore, con formula alare delta canard e doppia deriva verticale.
Nel 1982 comparve un dimostratore tecnologico, denominato EAP che sarebbe servito come banco di prova per il futuro velivolo, esso fece il suo L’aereo dimostrò subito eccellenti prestazioni sia in termini di maneggevolezza che di velocità (Mach 2) Il sistema di controllo totalmente digitale consentiva di gestire appieno le caratteristiche del velivolo che era volutamente instabile (come l’F-16).
L’EAP montava due motori RB199 (gli stessi del Tornado), ha compiuto 259 voli finiti nel 1991.
Nel 1983 ci fu ancora un tentativo di aggregazione da parte della Francia che però viste le richieste avanzate sia in termini di compartecipazione che di caratteristiche dell’aereo, fallì nuovamente; si aggregò anche la Spagna, questo nuovo programma prese il nome di F/EFA (Future European Fighter Aircraft), questo programma nel 1985 fu cancellato ma subito resuscitato con il nome di EFA: i partecipanti erano Gran Bretagna, Germania, Italia e Spagna, riuniti nel consorzio industriale Eurofighter.
Nel 1992, il programma affrontò una difficile crisi, che lo mise quasi in abbandono: la Germania, ufficialmente preoccupata del vertiginoso aumento dei costi ma, in realtà a causa dei cambiamenti geopolitica conseguenti alla caduta del Muro di Berlino e dalla costosissima riunificazione delle due Germanie, fu sul punto di abbandonare il programma; cosa questa, visto il contributo tedesco di circa un terzo dell’intero pacchetto, che avrebbe determinato l’impossibilità del progetto EFA di sopravvivere.
Per questa ragione gli altri partner, proposero una riduzione nelle capacità dell’aereo determinandone la riduzione dei costi, questa proposta fu accolta dalla Germania e il programma fu salvo.
Il progetto fu ribattezzato N/EFA (N per New), ma nel dicembre 1992 il nome cambiò ancora e divenne definitivamente Eurofighter 2000.
Nel 1998 ricevette la designazione ufficiale di Typhoon e quello stesso anno furono firmati i contratti per la produzione della prima Tranche di serie.
Il Typhoon conserva la configurazione dell’EAP: ala a delta canard, presa d’aria ventrale squadrata suddivisa in due sezioni, singolo timone verticale.
Il sistema di controllo di volo è full-digital, la propulsione è assicurata da due turbofan EJ200 i cui primi esemplari si sono resi disponibili nel 1995, il sistema avionico è incentrato sul radar ECR-90 Captor e sulla suite di protezione elettronica DASS.




Il velivolo è costruito sia nella variante mono e biposto da conversione operativa; la produzione è articolata in Tranche e ulteriormente suddivisa in lotti e blocchi:

 
Tranche 1
Tranche 2
Tranche 3
Totale
Gran Bretagna
     53
     67
     49
  160
Germania
     33
     79
     31
  143
Italia
     28
     47
     21
    96
Spagna
     19
     34
     20
    73

I totali di queste Tranche potrebbero non essere sicuri, la ragione di questa incertezza sta nel fatto che il Typhoon, pur essendo un velivolo superbo, appartiene sostanzialmente alla generazione dell’F-16, MiG 29 e Su 27, senza avere quelle spiccate caratteristiche Stealth che sono presenti nei caccia dell’ultima generazione F-22 e F-35.
L’Eurofighter, si è portato a casa alcuni significativi successi di esportazione: Austria (15), Arabia Saudita (72) e Oman (12 a partire dal 2017).




Capacità di combattimento
Il Typhoon ha un’agilità eccezionale, malgrado le dimensioni, il velivolo ha dimostrato di volare ad angoli di attacchi superiori ai 35 gradi e di "tirare" fino a 9G, nonché di avere una creta capacità di volo in supercrociera (cioè a velocità supersonica), ad alta quota.
Purtroppo queste prestazioni sono parzialmente degradate dalla necessità di trasportare esternamente i missili aria-aria e gli altri carichi bellici.
La suite avionica è eccellente, il radar multimodale ECR-90 ha dimostrato ottime qualità ed è in grado di vedere un caccia a 160 km e di inseguire fino a venti bersagli contemporaneamente, con un’elevata resistenza alle contromisure elettroniche.
Anche il sistema d’arma è particolarmente sofisticato, il caccia ha integrato il cannone ed una capacità preliminare di utilizzare missili aria-aria classe AMRAAM, Sidewinder e ASRAAM.




Nel tempo è prevista l’integrazione di piene capacità di armamento ed in particolare dei missili aria-aria Meteor e Iris-T nonché svariati tipi di armi aria-terra, come i missili Storm Shadow, gli antiradar ALARM, bombe a guida laser, missili antinave Penguin e Harpoon, anticarro Brimstone e bombe a guida GPS.




Il kit
Malgrado la fama e la diffusione dei kit Revell, personalmente mi sarei aspettato qualcosa di più da un kit relativamente nuovo, sia in termini di precisione che di incisione.
Numerosi pezzi si presentano con bave e imprecisioni dello stampo; i raccordi, soprattutto quelli alari sono imprecisi e richiedono una notevole dose di stucco per pareggiare e riempire la linea di unione con la fusoliera, le pannellature pur in negativo sono abbastanza fini ma non eccezionali; i componenti dell’abitacolo sono piuttosto grossolani, personalmente ho preferito "spianare" gli strumenti presenti ed utilizzare le fotoincisioni Eduard 49367 per interni ed esterni, dedicate al kit Revell monoposto che, contrariamente al set per il biposto non contengono i pannelli di protezione per le prese d’aria, altra pecca di questo kit, in quanto piuttosto spartane e non a mio avviso belle (quindi sarebbe meglio chiuderle, tanto più se si fa il modello parcheggiato).
Altro aftermarket usato per questo kit sono state le mask Eduard EX-191 per la preparazione alla verniciatura dei trasparenti.
Anche le istruzioni di montaggio non sono sempre chiarissime.




Iniziato il montaggio dall’abitacolo ed utilizzate le fotoincisioni precolorate, il realismo dello stesso acquista spessore; a parte i difetti sopradescritti, una volta preparati i pezzi, puliti dalle bave; il montaggio procede abbastanza agevolmente, salvo l’inserimento delle prese d’aria che richiedono un certo lavoro di adattamento al fine di far combaciare la fusoliera e la parte inferiore delle ali; aggiunte le parti superiori delle stesse si deve fare il lavoro di raccordo con lo stucco detto prima.
La verniciatura è stata ottenuta con i seguenti colori, dopo aver naturalmente steso una mano di primer:

  • radome radar H 129
  • pannelli dielettrici e bordo d’entrata alette canard H 147
  • aereo H 127
  • i pannelli antistanti gli scarichi dei reattori, sono stati verniciati con una mescola 4-1-1 di H191, H56, H52
  • gli scarichi dei reattori, dopo aver dato una mano di fondo con nero H85, con tecnica dry brush, ho fatto l’effetto "cotto" con H53, H52, H55.

Ad asciugatura avvenuta ho evidenziato i pannelli e le varie prese d’aria con la grafite, "tirandola" un po’ per sfumarla con un vecchio pennello; due mani di cera in preparazione alla posa delle decal.
Le decal di questo kit sono abbastanza belle, permettono di riprodurre gli aerei di tre reparti britannici, due tedeschi, uno austriaco, uno italiano e uno spagnolo.
Personalmente (e non poteva essere diverso), ho optato per l’esemplare italiano del 4º Stormo 9º Gruppo di Grosseto identificativo ottico 4-6 pilotato dal Cap. M. Maurizio nel 2005, l’armamento scelto è stato quello da intercettazione composto da due missili AIM-9L Sidewinder, recuperati dal set Aircraft weapons C della Hasegawa cod: X48-3 applicati ai piloni subalari esterni e da quattro AIM-120B AMRAAM, di scatola, semi annegati sotto la fusoliera, più un serbatoio supplementare da 1000lt. applicato al pilone centrale sotto la fusoliera.




Visto il numero di stancil e le insegne proprie della versione italiana, la posa delle decal ha richiesto diverse ore, comunque la buona qualità delle stesse ha permesso di nascondere il film trasparente di supporto.
Dopo aver steso un ultimo strato di cera per sigillare il tutto ho dato una passata di opaco trasparente con l’aerografo a completamento.
Il figurino che fa da contorno al modello è della ditta Ceca Plus Model no. AL4011, colorato con H91 di fondo e schiarito con H31 e H31 + H34; sarebbe un pilota USA di F-16, adattato.




La scaletta e i tappi anti FOD nelle prese d’aria, sono autocostruiti con plasticard, profilati Evergreen e tondini di ottone della Lion Roar.




Ezio Bottasini

[Gallery]

25.05.2014

Nota: Come sempre un grazie va a mia figlia Sara per le foto; la documentazione sul programma Eurofighter è stata tratta dal sito Aerei Militari




Commento di Roberto [04/06/2014]:
Ezio, molto bello, lavoro decisamente pulito con colorazione delicata, che si addice al soggetto. L'unico consiglio che mi sento di darti, in caso di colorazioni monocromatiche, cosi chiare, è quello di usare un lavaggio leghe mente più chiaro per le incisioni dei pannelli.Tutto il resto è perfetto.
Ciao Roberto

Commento di Marco Vergani [06/06/2014]:
carissimo Ezio,
bel modello, complimenti! Come sai anch'io mi sto dedicando allo stesso modello della Revell ...
L'unica cosa che mi lascia un pò pelplesso, ma questo lo sai già, è la posizione aperta della canopy.
ciao, Marco

Commento di Dino Dall'Asta [11/06/2014]:
Un altro aereo ottimamente eseguito, con la solita accuratezza e precisione: complimentissimi!

Commento di Nicola Ruffino [09/11/2014]:
solo x info, nella prassi normale un velivolo a terra, avrà' sicuramente le protezioni , ma altrettanto sicuramente avrà' le spine agli AMRAAM in fusoliera, nn potrà' mai avere l'aerofono aperto ( cosa ke si può' fare, credo, solo cn assistenza hyd esterna), ma la cosa ke più mi salta agli occhi , nn solo, l'apertura del canopy completamente sbagliata ( almeno se parliamo dei velivoli realmente in linea volo) e della forma dei canard, specie del lato più' alto, vicino al canopy , differente !

Commento di Antonio Della Ragione [14/09/2015]:
Mmmmm .... A mio parere un lavoro eseguito abbastanza bene , MA .... C'è un ma enorme ... Io personalmente ho costruito 3 EF 2000 e non ho mai visto ( sia su istruzioni ,sia in foto su web ) l'apertura del canopy in quel modo ....
Bah .... Risolvendo questo enigma-errore ....gli darei un bel 9....
Ottimo la verniciatura e l'invecchiamento .

Commento di ezio bottasini [15/09/2015]:
Egregi, in risposta a tutti voi, sono perfettamente coscente dell'errore di apertura del canopy, al momento del montaggio, visto il punto di attacco talmente ridotto adottai questa "malsana" configurazione rovinando in pratica il lavoro fatto su questo kit.
Ezio
Spero do essermi fatto perdonare con i modelli successivi

Commento di geppy [20/02/2020]:
buonasera, a proposito di EFA della Revell qualcuno di voi e in possesso delle istruzioni di montaggio visto che il mio modello ne e sprovvisto? e non so come fare a montarlo.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No