Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Dornier Do 335 "Pfeil" - Ezio Bottasini

Kit Tamiya scala 1:48




Il Do 335 "Pfeil" (Freccia), era un caccia pesante sperimentale multiruolo, bimotore ad ala bassa prodotto dall’azienda tedesca Dornier-Werke GmbH nel 1943.
La sua principale caratteristica era quella di aver due distinti gruppi motore collocati assialmente, il primo, nella configurazione tipica dei monomotori, con elica traente, posto nel muso dell’aereo, l’altro posto dietro la cabina di pilotaggio, azionava un’elica spingente posta in coda all’aereo, con conseguente miglioramento dell’aerodinamica rispetto alla formula tradizionale dei caccia pesanti bimotori, con i motori posti a livello delle ali.
Proprio questa sua configurazione traente-spingente permetteva allo "Pfeil" di avere prestazioni nettamente superiori a qualsiasi altro progetto di caccia pesante con motore a pistoni.
Il Do 335 venne introdotto durante le fasi finali della seconda guerra mondiale, fasi in cui la Luftwaffe era in una situazione critica, tale da richiedere il rapido invio dell’aereo ai gruppi di combattimento.
Tuttavia i ritardi della consegna dei motori Daimler-Benz DB 603E, con 12 cilindri a V invertita raffreddati a liquido eroganti 1800 hp ciascuno, fecero si che solo 38 di questi aerei venissero consegnati prima della fine della guerra.
Il Do 335 fu la massima espressione dell’aereo da combattimento mosso da motori a pistoni ed eliche; gli aerei della generazione successiva avrebbero avuto la propulsione a getto.
Questo aerei poteva raggiungere nella versione A-1 i 686 km/h e arrivare fino a 756 km/h con potenza di combattimento, mentre la versione A-6 621 e 700 con potenza di combattimento, con un’autonomia di 2050 km aumentabile a 3750 con i serbatoi ausiliari, una tangenza operativa di 11410 m l’A-1 e 10190 l’A-6; l’armamento consisteva di due mitragliatrici MG 151/15 calibro 15mm, un cannone MK 103 calibro 30 mm, fino a mille kg di bombe suddivise in una da 500 kg in alloggiamento ventrale e due piloni sub alari per piccoli carichi.




Furono prodotti: 14 prototipi, 10 in versione A-0di pre-produzione, 11 A-1 monoposto di produzione di serie, 3 A-10 e A-12 biposto in tandem per l’addestramento.
I primi dieci Do335 A-0 vennero inviati a maggio per dei test.
Nel tardo 1944 iniziò la produzione del Do 335 A-1 di serie, simile allo A-0 ma con motori più potenti DB 603E-1; era in grado di raggiungere una velocità massima di 765 km/h a 6500 m con la potenza di combattimento o 686 km/h in condizioni normali e, salire a 8000 m in meno di 15 minuti.
Con queste caratteristiche, il Do 335 A-1 poteva facilmente superare ogni aereo alleato.
Anche con il solo motore posteriore e l’elica anteriore in bandiera, venne registrata una velocità di 563 km/h.
L’asso francese Pierre Closterman, nel suo libro "La grande giostra" edito in Italia da Longanesi (personalmente l’ho letto e posso dire che si legge come un romanzo come tanti altri libri dello stesso genere sarei ben felice di poter divulgare altri titoli a chi ne fosse interessato), afferma di essere stato il primo pilota alleato ad aver ingaggiato in combattimento un Do 335, nell’aprile del 1945, mentre era al comando di una sezione di Tempest del 3º Sq. della RAF sulla Germana del Nord.
Non appena il pilota dello "Pfeil" si accorse degli aerei britannici, invertì la rotta per tentare la fuga.
A dispetto della grande velocità dei Tempest, i caccia della RAF non riuscirono a raggiungerlo.




Il kit della Tamiya è del consueto stampo di elevata qualità a parte i piani mobili di ali e piani di coda solidali con lo stampo che in questo caso non ho sezionato anche perché ho posto il pilota all’interno dell’abitacolo, con il Kettenkrafttrad, compreso nel kit, che traina il velivolo verso la pista, per un volo di collaudo, quindi ho pensato che il pilota poteva aver già messo le parti mobili in linea di volo, evitandomi così la difficile, in questo caso, sezionatura delle stesse.




A completamento del modello, ho acquistato come aftermarket solo:

  • gli scarichi della Ultracast cod. 48105 di ottima fattura e con i fori degli scarichi già stampati.
  • Le mask della Eduard cod. EX101, vista la complessità della struttura portante dei trasparenti.

Il montaggio non è stato particolarmente difficile, ho usato gli interni dell’abitacolo di scatola, di buona qualità e piuttosto dettagliati, l’inserimento del pilota ha nascosto buona parte dei particolari, ho solamente raccordato le cinture di sicurezza dal pilota al seggiolino, ricavandole da due pezzetti di nastro di carta da tappezziere verniciato.




L’unico pezzo non particolarmente preciso è la capottatura del serbatoio unita a quella del motore posteriore, che non raccorda perfettamente con la fusoliera.
L’uso dello stucco è stato limitato al raccordo della fusoliera subito dietro il cockpit e per raccordare la "bocca" della presa d’aria ventrale; per il rimanente kit i pezzi si sono assemblati in modo estremamente preciso.
Il kit è stato verniciato, dopo aver dato una mano di primer, per le superfici superiori con l’RLM 81 Humbrol HG 16 e RLM 82 Humbrol HG17 mentre le superfici inferiori sono state dipinte con RLM 76 acrilico Lifecolor UA074.
Visto che, come abbiamo detto, nessuno "Pfeil" è stato operativo, ho riprodotto il Do 335 A-1, W.Nr. 240161 codice ottico 1/3 bianco, limitando l’invecchiamento alle "fumante" dietro gli scarichi dei motori e all’evidenziazione delle pannellature.




Per il contorno dell’ambientazione sono stati utilizzati i seguenti elementi:

  • il kettenkrafttrad con relativo inserviente contenuto nella scatola,
  • la Citroen Traction 11CV della Tamyia,
  • i figurini che rappresentano due alti ufficiali che testimoniano al volo di collaudo sono dono dell’amico Marco.

La basetta di misura 30x40 cm è stata suddivisa in tre parti, una rialzata a mo di terrapieno, ottenuta con del polistirolo compatto da isolamento edilizio, su cui è stato steso una strato di colla vinilica mista ad acqua e successivamente della sabbia fine a cui in seguito e stata applicata dell’erba per ferromodellismo, e infine piantumata con delle teloxis aristata a cui sono state applicate le "foglie" con colla spray.
Il terrapieno è stato contenuto con "assi" ricavate da legname per modellismo navale lasciato nel colore naturale.




Lo spiazzo è stato realizzato stendendo sulla basetta di legno una strato di "Diorama texture paint paviment effect" grigio chiaro della Tamyia, a simulare il cemento, su cui ad essiccamento avvenuto sono state tracciate le linee di separazione dei vari pannelli successivamente dipinte con del nero satinato diluito; dopo di che sono stati fatti alcuni effetti di invecchiamento; ho lasciato anche un piccolo pezzo di terra con rada erbetta, ottenuto con lo stesso procedimento del terrapieno ma con l’aggiunta di alcuni ciuffi di erba più alta della Green Line.




La Citroen Traction è stata verniciata con il grigio Humbrol H27, forse un po’ chiaro, però visto il periodo vicino alla fine della guerra, ho pensato che il mezzo, dopo tanto utilizzo, dovesse avere un aspetto piuttosto deteriorato e sbiadito; i segni di polvere sulle fiancate sono state realizzate con tecnica dry brush prima con del grigio H28 e poi con del sabbia H 63, è stato eseguito inoltre un lavaggio con del nero opaco




Per il Kettenkraftrad è stato usato l’RLM 79 Var Life Color UA 081 desaturato con l’H63 dato a dry brush su cui è stato steso un lavaggio con Terra di Siena Life Color UA 143.
I figurini sono stati dipinti usando i seguenti colori:

  • nero satinato H85
  • blu aviazione H96
  • grigio mare H27

Con le debite sfumature chiare e scure.

Buon modellismo a tutti.


Ezio Bottasini

[Gallery]

30.01.2014

Nota: Le notizie riguardanti il Dornier Do 335 sono tratte da Wikipedia, mentre i miei ringraziamenti vanno all’amico Marco, oltre che per i figurini, per le consulenze riguardo a colorazione ed ambientazione e a mia figlia Sara per l’esecuzione delle foto.



Commento di Alby Starkiller [01/02/2014]:
Caro Ezio, ecco un tuo ennesimo capolavoro!:)la tua accuratezza dei particolari che inserisci sui velivoli ormai raggiunge livelli stellari :) ho notato anche un tuo grosso miglioramento nella pittura dei figurini, cosa non semplice in quanto trattasi di: scala 1/48. Quindi complimentissimi! davvero molto bello. Un salutone e a presto.
Alby.

Commento di Marco Vergani [03/02/2014]:
carissimo Ezio,
il tuo Do 335 mi piace molto .... solo una piccolissima critica : per la palizzata avrei messo dei sostegni, sarebbe stata più realistica .... beh qualche difetto dovevo pur trovarlo ..... eh .. eh .. eh ..!!
A presto, Marco



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No