Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Chance Vought F4U Corsair

"Missione compiuta" e "Briefing sul ponte"

Ezio Bottasini




Questo famoso caccia statunitense prodotto dalla United Aircraft Corporation, fu impiegato principalmente nella Seconda Guerra Mondiale e durante la guerra di Corea.
Fu il miglior caccia imbarcato su portaerei della guerra, anche se dimostrò straordinariamente efficace anche con base a terra ed imbattibile nell’attacco al suolo, per molti aspetti superiore perfino al P-51 Mustang.
Registrò una quantità di vittorie aeree straordinaria.
Soltanto nel teatro del Pacifico, dive prevalentemente operò, gli F4U rivendicarono l’abbattimento di 2140 aerei giapponesi, a fronte della perdita di 189 Corsair, in combattimento aereo, un rapporto abbattimenti/perdite mai più eguagliato nella storia.
La sua produzione durò dieci anni, fino al dicembre 1952, facendo del Corsair l’aereo americano rimasto più a lungo in produzione; ne furono prodotti 12571 esemplari, gli ultimi dei quali restarono in servizio fino al 1965.
I primi Corsair di serie uscirono dalle fabbriche a partire dal giugno 1942 e furono impiegate dalle squadriglie della Navy e da quelle dei Marines; alla fine del 1942 la portaerei Saratoga, ricevette per prima i Corsair sul ponte di volo.
Entro il 1942 la Navy ottenne 178 aerei, ma aspettò fino all’aprile del 1944 prima di renderli operativi a bordo delle portaerei americane.
Il Corsair, quindi, entrò in combattimento prima con i reparti dei Marines basati a terra.
Il caccia della Vought ebbe il suo battesimo del fuoco il 13 febbraio 1943 a Guadalcanal; aveva doti di volo che lo rendevano superiore all’Hellcat e al Seafire (anche se non in maneggevolezza a bassa velocità), potendo inoltre contare su una struttura robusta che lo rendeva idoneo all’impiego sulle portaerei.
Gli statunitensi lo usarono come aereo destinato a reparti navali basati a terra, ovvero prevalentemente delle squadriglie dei Marines, le quali tra il 1943 e il 1945 si batterono in condizioni durissime contro nemici agguerriti a terra, in mare e in cielo.
Il Corsair è stato uno dei primi cacciabombardieri multiruolo e come tale operò nella fase finale della guerra.
Il Corsair non era particolarmente innovativo nella struttura della fusoliera, anche se ricorreva a soluzioni avanzate come il carrello totalmente retrattile e i rivetti sostituiti da punti di saldatura.
Il motore con i suoi 2000CV necessitava di un’elica di grande diametro a causa del fatto che era ancora tripala sui primi modelli (l’elica quadripala comparirà sull’F4U-4).
Anche per questo il Corsair aveva l’ala dalla struttura caratteristica a "W", per consentire al carrello di non essere troppo lungo.
L’ala riusciva a ridurre la resistenza aerodinamica complessiva e aveva nel suo bordo anteriore, vicino alla fusoliera, i radiatori annegati per il raffreddamento dell’olio.
La struttura era a cassone ripiegabile verso l’alto, soluzione moderna applicata poi a quasi tutti gli aerei imbarcati successivi.




Il suo impiego fece nascere leggende come il Maj. Gregory "Pappy" Boyington, l’asso dei Marines con all’attivo 28 vittorie totali e 4 probabili di cui 22 con il Corsar; ex-alcolizzato, comandante del VMF-214 "Black Sheep.
Nato nel 1912, Boyington diventò pilota dell’aviazione dei Marines nel 1935.
all’inizio della guerra entrò in un gruppo paramilitare e fu uno degli elementi di punta delle "Tigri Volanti", in appoggio alla resistenza cinese contri i giapponesi.
Dopo Pearl Harbour, "Pappy" rientrò nei Marines e nel maggio 1943 fu mandato a Guadalcanal.
La sua "esuberanza" (cioè il numero di risse da lui causate e la propensione per il whisky), gli impose una pausa di quattro mesi.
Dopo la cura, fu assegnato alle Isole Salomone, più specificatamente sull’isola di Vella Lavella al Barakoma Airfield, nel Pacifico, dove mise insieme uno squadrone che sarebbe diventato leggendario: il Black Sheep Squadron, un "mucchio selvaggio" di tesate calde e di sbandati a un pelo dal deferimento alla Corte Marziale, ma anche di piloti di primissimo ordine, capaci in pochi mesi di operazioni di seminare il panico tra i piloti giapponesi.
Abbattuto nel gennaio 1944 durante uno scontro memorabile sopra l’isola di New Britain, Boyington fu catturato e imprigionato fino alla fine della guerra.




Il "Bianco 86" raffigurato tra i modelli fotografati è il suo, ambientato nel novembre 1943 (periodo riconoscibile dai bordi rossi delle insegne di nazionalità), al rientro da una missione di attacco a qualche base giapponese come si può evincere dal supporto per la bomba vuoto (da qui il titolo "Missione compiuta").






I modelli illustrati in questo articolo sono di produzione Tamiya, in scala 1/48.
Inizialmente sono partito con il volerne fare uno con le insegne del Maj. Boyington (recuperate dal kit Academy), ma quando ho visto la fattura dello stampo e la possibilità di realizzarlo con le ali ripiegate sul ponte di una portaerei ho voluto esagerare e ne ho acquistato un altro che raffigura il Corsair del Lt. Cdr. Roger R. Hedrick, asso con un totale di 12 vittorie e 4 aerei danneggiati, ambientato sul ponte della USS Bunker Hill, con marinai, trattore e piloti che studiano una cartina con il loro comandante (da qui il titolo "Briefing sul ponte").





L’ottima base di partenza del kit Tamiya offre la possibilità di migliorarlo con alcuni piccoli dettagli che, personalmente, ho autocostruito senza ricorrere ad aftermarket (che in questo momento di crisi non è cosa da poco).
All’abitacolo, già piuttosto ben dettagliato, ho aggiunto solo le cinture di sicurezza, ottenute con del nastro da tappezziere, colorato con del Humbrol H26 kaki aggiungendo degli anellini ottenuti con del tondino di ottone da 0,10 per simulare le fibbie.




Le gambe del carrello principale le ho rifinite con l’aggiunta delle molle di ritorno, ottenuto con del filo di rame sottile avvolto a spirale su un tondino, e il tubetto del sistema idraulico del carrello, con il tondino di ottone debitamente sagomato e poi verniciato.
Ho inoltre dato movimento alle parti mobili dei piani di coda sia verticale che orizzontali, sezionandoli dall’insieme, ricostruendo il bordo di attacco e incollandoli inclinati.
Al motore ho aggiunto qualche cavetto ricavato dal solito filo di rame dando anche un tono di colore all’insieme.



Al Corsair di Boyington, visto il recente atterraggio, ho lasciato i flabelli di raffreddamento aperti con la conseguente costruzione del sistema di chiusura dei flabelli stessi e il supporto della bomba l’ho ricostruito, mantenendo la parte centrale, mentre il supporto è stato rifatto con del profilato Evergreen da 0,88 mm a cui ho poi aggiunto i blocchi ricavati da un altro supporto bomba trovato nella "banca-pezzi".



Un appunto sul montaggio, va fatto sui timoni di profondità orizzontali che tendono a montarsi inclinati, ho ovviato il problema eliminando gli incastri centrali, posizionandoli in modo corretto ed aspettando qualche minuto fino alla presa della colla.




La colorazione è stata fatta con i soliti smalti Humbrol, la mimetizzazione a tre toni con: Bianco opaco H34, Blu intermedio H144 e Blu Navy H77.
Ho usato l’H77 anche per il modello in overall blu e il Giallo H24 per la fascia sulla Naca.
Due belle passate di cera per pavimenti Livax 20 carati, posa delle decal altra passata di cera, lavaggio ad olio con marrone ombra, passata di cera finale.
La rifinitura: con opaco trasparente per il Corsair di "Pappy" e con satinato trasparente per quello di Hedrick.
Ad entrambi i trasparenti ho aggiunto alcune gocce di bianco opaco per accentuare la desaturazione della colorazione di fondo visto il teatro operativo usurante in cui i Corsari operavano.
L’effetto sui piani mobili, flaps e pannelli alari rivestiti in tela l’ho ottenuto usando come riferimento (è stato più un manuale che un riferimento), le tecniche descritte sull’articolo di Roberto "Missione abortita".




Veniamo alle ambientazioni.
Per "Missione compiuta", mi sono avvalso delle grelle di plastica della Eduard art. n° 8801, verniciate in Alluminio H56 dopo passata di primer e lavate ad olio con marrone ombra e incastrate in una basetta di compensato da 10 mm.
Il terrapieno è ricavato da un blocchetto di polistirolo espanso ad alta densità, di DAS pronto e spennellato di colla vinilica, poi cosparso di sabbia fine, il tutto spruzzato con una mescola (come direbbe Roberto: "…secondo le norme UNI AD OCCHIO…"), composta da: Bianco H34, una goccia di Rosa H61 e una di Giallo H24 (più o meno una proporzione di 10+1+1) a simulare la sabbia corallina delle isole del Pacifico, senza coprire le grelle se non per dare un effetto polvere.
Il terrapieno è sorretto con "tronchi di palma" ricavate da dei tondini di legno di balsa incise e verniciate con del Marrone scuro H82 e "drybruschate" con il Legno naturale H110.



Le due palme sono state auto costruite rivestendo di DAS due pezzetti di ramo d'acero presi in giardino e incise con il taglierino, verniciate con successive mai di diverse tonalità di marrone.
Le foglie sono state fatte con del cartoncino leggero cui è stato applicato del fil di ferro come nervatura e poi verniciate ad aeropenna con diverse tonalità di verde.
Bidoni e casse sono della Minimali, il pilota sull’ala fa parte della scatola di montaggio, mentre il meccanico che esulta e quelli che posizionano i blocchi alle ruote sono ricavati dalla scatola "U.S. Navy personnel 1942" della Eduard art. n° 8506, mentre i blocchi fanno parte della scatola Tamiya art. n° 107 "WWII U.S. Navy pilots".



La Jeep è un kit Hasegawa, l'ho verniciata come se fosse della Navy con H144 schiarito, forse impropriamente, ma non mi andava di fare la solita Jeep verde oliva (il numero di serie sul cofano è quello della Jeep dell'ammiraglio Nimitz contenuti nella scatola), il figurino è un mix dei due di scatola, colorato con la divisa da ufficiale pilota nel teatro operativo del Pacifico.




Il carrellino della bomba è auto costruito mentre la bomba e quella di scatola a cui è stato praticato un foro per simulare l’alloggiamento della spoletta non ancora inserita.




Per "Briefing sul ponte", ho usato il "U.S. Navy carrier deck Essex class" in plastica della Eduard art. n° 8802, dopo passata di primer, colorata la parte in legno prima con Legno naturale H110, poi passato a spruzzo con Marrone scuro H98, le parti metalliche con Alluminio H56, le righe con Bianco H34, due mani di cera per pavimenti Livax 20 carati, applicati i numeri recuperati da decal di avanzo, altra mano di cera, lavaggio ad olio con marrone ombra, mano di cera finale.
L’opacizzazione è stata fatta con Opaco trasparente H49 con alcune gocce di bianco opaco per simulare lo sbiadimento dovuto all’usura e alla salsedine, le strisciate sono state eseguite con una matita dermografica nera e le sporcature con una mescola diluitissima di nero H33 e marrone H98.




I figurini sono ricavati dalle stesse scatole citate nella precedente ambientazione, il moto-tug è contenuto insieme ai piloti Navy della Tamiya.




La colorazione dei figurini è stata eseguita:

  • per i piloti con H28 la tuta di volo, H99 il giubbetto salvagente e relative cinghie H83il caschetto, i paracadute in H26 e le cinghie in H34;
  • i meccanici a terra appartenendo al corpo dei Marines la camicia in verde oliva H155 i pantaloni in U.S. Dark Green H116, con relative sfumature;
  • i marinai imbarcati con H87 le camicie e H96 i pantaloni.




Per tutti sono state eseguite sfumature più chiare o più scure partendo dal colore di base per dare profondità Per il moto-tug ho usato il Dark Camuoflage Gray H156 schiarito; per il conducente i pantaloni in H25, camicia e maglia con mescole varie di H25 con bianco e grigio chiaro, come da foglio illustrativo.




Devo esprimere i miei più sinceri ringraziamenti agli amici e, con un minimo di presunzione, colleghi modellisti (anche se non mi sento al loro livello) Marco e Roberto; a Marco perché senza i consigli e le foto che fanno da sfondo, queste due ambientazioni non sarebbero state le stesse, a Roberto perché la sua "Missione abortita" da cui mi sono liberamente ispirato, è stata anche strumento di stimolo per osare a fare qualcosa di più, a realizzare quei piccoli dettagli (molle, tubetti, piani di coda riposizionati ecc.) che fanno la differenza tra un modello di scatola e un modello più "vivo" che si avvicina maggiormente al vero; il suo articolo è stato per me un "manuale" da cui prendere spunto ma soprattutto, capire come realizzare alcuni "effetti speciali".

GRAZIE!!

Buon modellismo a tutti


Ezio Bottasini

[Gallery]

28.09.2013

Nota: nella preparazione delle nozioni storiche di questo articolo sono stati utilizzate le seguenti fonti:
  • Wikipedia
  • Boyington Gregory, L'asso della bottiglia, (Ed. TEA, 2002)


Commento di Dino Dall'Asta [02/10/2013]:
Ciao Ezio, complimenti davvero... per l'accuratezza e il realismo sia delle ambientazioni che dei velivoli, nonché per il relativo articolo così dettagliato e preciso!
Dino

Commento di Marco Vergani [03/10/2013]:
carissimo Ezio, questi tuoi due ultimi lavori sono molto belli ....
Ti ringrazio di avermi citato ma il sottoscritto ha fatto proporio ben poco, il merito è tutto tuo e poi, siceramente e con il "cuore in mano",posso affermare che non hai niente da invidiare ad altri modellisti anzi ..... i tuoi lavori sono veramente ben fatti ... ci metti la tecnica ma soprattutto la passione per questo hobby e questo è l'importante!!
Un caro saluto, Marco

Commento di Alby Starkiller [03/10/2013]:
...anche questa volta hai realizzato un capolavoro! ho notato nel tempo la tua ascesa verso il miglioramento dei dettagli e la "maniacale" cura dei minimi particolari! ancora tanti complimenti! credo fermamente che il tuo livello è da considerarsi più che ottimo, ciò che realizzi è sempre dettato da una forte passione per il modellismo e le tue realizzazioni ne sono la costante conferma. Un abbraccio ed un caro saluto. Alby.

Commento di Roberto [03/10/2013]:
Parte 1

Ezio,

Quando ho visto il diorama con le palme ho pensato "orpo, ho avuto i ladri in casa", e sono corso a controllare la vetrina.

Ti ringrazio di aver citato il mio articolo, e devo dire che hai fatto due modelli davvero molto molto belli, per trovare qualche difettuccio o cose migliorabili, mi sono dovuto impegnare sul serio.

Mi piacciono la colorazione e l'invecchiamento dei due aerei, ineccepibili, il mio l'ho invecchiato di più, ma è questione di gusti. Dei due aerei ritengo leggermente migliore quello a terra, mi pare che sei riuscito ad ottenere una maggiore variazione cromatica, decisamente molto efficace, una finezza sarebbe state quella di differenziare un po' le tonalità di alcuni pannelli, ma non è una critica, è il mio masochismo modellistico. Le foto di quello imbarcato non permettono un giudizio molto obbiettivo, ma sembrerebbe leggermente meno .......non so neanch'io cosa!


Commento di Roberto [03/10/2013]:
Parte 2

Ci sono un paio di cosucce che potresti ancora migliorare, il cavo dell'antenna dell'aereo Pappy mi pare un po' troppo chiaro, risalta troppo.
A quello imbarcato forse potresti sostituire i nastri adesivi messi a tappare le aperture delle Browning con delle sriscioline di decal, forse più" in scala"
Potresti anche rendere un po' meno "pettinati" gli aghi delle foglie delle palme.


Commento di Roberto [03/10/2013]:
Parte 3
Vediamo cosea avrei fatto di diverso, ma ormai non più corregibile.
I motori Americani bruciavano meno olio degli omologhi crucchi, bene quindi l'ampiezza dei fumi di scarico, ma mi sembrano troppo neri, meglio se dopo aver dato il nero avessi velato con un po' di marrone e infine una strisciolina piccola piccola di bianco, a siimulare la vernice cotta dal calore.
I tronchi del terrapieno sono un po' troppo regolari, dritti e dello stesso diametro.
Sarebbe stato meglio differenziare un po' il colore delle singole grelle, rendendo meno regolare la velatura di sabbia tutto intorno.
Un po' di sfumature ad aerografo sul trattorino, qualche lavaggio scuro e un dry brush sugli spigoli l'avrebbe reso più tridimensionale.
Della disposizione dei pezzi non posso che parlarne bene, visto che hai copiato la mia; bella l'aggiunta della Jeep, se non avessi la testa impegnata su altro, te la copieri, così saremmo pari!!!

Una cosa decisamente sotto tono sono le cinture,capisco il non volerti impegnare con aftermarket, ma almeno usa del filo più sottile, magari facendo cadere le fibie in angoli un po' meno visibili, ma non ti scoraggiare, neanche io sono mai riuscito a creare fibie credibili.

In sostanza stai facendo dei modelli molto belli, ma forse trascuri un pochino, è ho scritto un pochino, ancora il contorno, sono sicuro che non ti mancano le capacità per fare meglio.

Scusa se sono stato un po' crudele nei giudizi, ma vedendo come migliori, spero ti servano da ulteriore sprone a farti del male eh! eh! eh!:-) :-)

Ciao e complimentissimi.

Roberto.


Commento di ezio bottasini [04/10/2013]:
Cari amici, troppo buoni.

Caro Roberto, sulla scorta di questi modelli, per quelli che sto elaborando, mi soo "svenato" in aftermarket, proprio per avere dei dettagli migliori e più realistici, comunquenell'insieme sono abbastanza soddisfatto anch'io dei due Corsair.

Grazie a tutti, un caro saluto, Ezio

Commento di ezio bottasini [04/10/2013]:
Per Roberto parte seconda: il nastro sulle Browning è da 0,5mm che in scala 48 corrisponde a 24mm onestamente mi sembra in scala, tantè che non copre completamente le bocche da fuoco, per il resto hai, come sempre, ragione; comunque penso che un altro piccolo passo avanti l'ho fatto.

Un caro saluto Ezio

Commento di Roberto [05/10/2013]:
Il passo in avanti direi che è stato notevole.
Di nuovo complimenti.
Per quanto riguarda il nastro, intendevo in spessore, non in larghezza, in una foto da l'impressione di staccarsi.
Per questo ti ho suggerito l'uso di decal.

Comunque ripeto, sono dettagli che possono essere migliorati, ma nulla tolgono al lavoro da te fatto.

Ciao

Roberto.

Commento di ivan [15/01/2014]:
COMPLIMENTI DAVVERO SONO DEI CAPOLAVORI

Commento di Michele Costa [22/08/2016]:
il mio primo modello realizzato circa 35 anni fà, era un Corsair (esiste ancora). non appana ho visto il tuo modello e lo scenario, ho pensato ha delle foto d'archivio complimenti. come ti ho appena detto sono un grande ammiratore del corsair, e ne sto costruendo uno. ciao. 

Commento di ezio bottasini [25/08/2016]:
Ciao Michele, mi piacerebbe vederlo...



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No