Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola New
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Come Back
I’ll Come Back
Pietro Ballarini

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Nebelwerfer 42 e Sd.Kfz.251/4 Ausf.C

Prima del fuoco

Dino Dall'Asta




Nebelwerfer 42 da 21cm (lancia nebbia)
Era un’arma di saturazione dagli effetti devastanti, seppur di concezione semplicissima: una serie di 5 canne da lancio legate insieme e sistemate sul carrello di un cannone FH18/40 Howitzer, al fine di rendere il tutto facilmente trasportabile e manovrabile.
Estremamente precisa, lanciava razzi esplosivi H.E. del peso di 114 kg alla distanza di 8 km e normalmente uno su cinque era al napalm.


Nebelwerfer 42


Introdotta nel 1942, si affiancò al più piccolo 41 a 6 canne e con appositi adattatori, costituiti da binari estraibili inseriti all’interno delle canne (Rotaie Liner), potevano essere usati anche i razzi più piccoli da 15 cm del peso di 34 kg.




I razzi venivano inseriti a mano posteriormente nelle canne e sparati tramite un congegno collegato con fili elettrici, che permetteva ai serventi di stare ad una certa distanza di sicurezza durante il lancio; occorrevano 90 secondi per ricaricare il sistema e in 14 secondi lanciava la salva.
Tutti i colpi si concentravano in una piccola area addosso al nemico, generando anche una terribile onda di pressione capace di danneggiare gli organi interni dei malcapitati soldati nemici persino a decine di metri di distanza dall’esplosione.




La precisione e la stabilità in volo del razzo erano dovute alla rotazione ottenuta con una particolare compensazione dei jet di uscita dei gas che, contrariamente ai normali razzi, non erano situati sul lato posteriore del razzo, bensì agivano a circa metà lunghezza tra l’ogiva ed il fondello, dove tra l’altro c'era l'innesco elettrico.


Nebelwerfer 42


Werfer-Granate 21


Il primo tratto del razzo costituiva la carica di lancio, quella che serviva a far vincere l'attrito del proiettile nella canna e conseguentemente lanciare come prima accelerazione il razzo; consumata questa carica si innescava quella di mantenimento, che sfogava dai jet di lato fino al raggiungimento dell'obbiettivo.
Nei pressi delle batterie i serventi al pezzo erano soliti scavare buche dove poi trovare sia riparo al momento dello sparo  dei razzi e sia per proteggersi dall’eventuale fuoco di controbatteria.


Un breve filmato d’epoca

Con l’identificativo di Werfer-Granate 21, il Nebelwerfer 42 fu anche adattato e installato sugli aerei da caccia della Luftwaffe per contrastare le formazioni dei bombardieri Alleati nel 1943.


Werfer-Granate 21



Sd.Kfz. 251/4


Sd.Kfz. 251/4 Ausführung C - Sonder Kraftfahrzeug (veicolo per usi speciali)
Semicingolato blindato per trasporto truppe ma che, in questa variante, fu progettato principalmente per il traino e il trasporto delle munizioni del cannone FH18/40 Howitzer, anche se generalmente fu usato per il servizio di altri sistema d’armi e impiegato su tutti i fronti dalla Wehrmacht nel corso del secondo conflitto mondiale.
La struttura era composta da lamiere di spessore variante da 6 a 14,5 mm, inclinate di circa 30° per aumentare la protezione balistica.




Il vano di trasporto era generalmente a cielo aperto e se questo fatto rendeva le truppe più esposte, d’altra parte permetteva loro di utilizzare le proprie armi, sfruttando comunque la protezione fornita dalla blindatura; invece la parte anteriore del veicolo, comprendente la cabina di guida ed il vano motore, era completamente protetto.




L’armamento del veicolo di base era costituito da due mitragliatrici MG34 (sostituite nel corso del conflitto da due MG42): quella anteriore era scudata, mentre quella posteriore, montata su un piedistallo a candeliere con testa sferica, poteva essere usata anche in funzione contraerea.
Le truppe trasportate potevano uscire dal veicolo tramite un portellone posteriore a due battenti, con sagoma che seguiva la forma della blindatura.




Dati tecnici:

  Lunghezza:
5,8 m
  Larghezza:
2,1 m
  Altezza:
1,75 m
  Peso:
7,810 kg
  Velocità max:
52,5 km/h
  Autonomia:
300 km


Il Diorama - scala 1:35
Ho realizzato questo diorama ambientandolo sul fronte orientale nell’inverno del ‘44: una postazione di lanciarazzi Nebelwerfer, immaginandola facente parte di una linea scaglionata di difesa per contrastare o quantomeno rallentare la progressiva avanzata dell’esercito russo.
Da un pannello isolante di polistirene estruso, ho ricavato una base da 40x21 cm, sulla quale ho steso alcuni strati di DAS in modo irregolare per simulare l’andamento del terreno e anche per modellare la buca, precedentemente scavata nel pannello stesso, rialzandola in superficie.
Poi ho cosparso a pioggia del terriccio setacciato fine e successivamente con pezzi di legno d’arbusto ho simulato sia una barriera di tronchi d’albero a parziale protezione della postazione, sia la circostante vegetazione, composta da nudi alberelli, tronchi e rami recisi.
Successivamente, per segnalare l’inizio di un attiguo campo minato di difesa, ho posizionato il cartello ricavato dal web e da me composto con listelli di legno da modellismo navale.
Usando un piccolo colino a trama fine ho dapprima cosparso a pioggia della neve artificiale, fissandola contemporaneamente con lacca spray per capelli e poi ho spalmato con gel acrilico lucido brevi tratti del terreno per simulare ghiaccio e neve pressata dal passaggio dei mezzi e degli uomini.






Proseguendo ho così “arredato” la buca che, come precisato in precedenza, serviva quale riparo per i serventi quando dovevano agire sul meccanismo di sparo (anche se in alcune foto d’epoca i serventi stavano accucciati sì a distanza di sicurezza ma non nella buca stessa) e soprattutto quale rifugio in previsione di un attacco di controbatteria da parte del nemico:

  - sui bordi ho posizionato da un lato una stuoia coperta da una rete mimetica sulla quale è appoggiata una mitragliatrice MG 34 con a fianco due granate a mano con manico (Stielhandgranate, più comunemente chiamata “schiacciapatate”), dall’altro lato un telefono da campo, il cui filo è collegato ad una bobina avvolgi cavo (fedelmente ricostruita utilizzando la mia banca dei pezzi) e un busta portadocumenti;
 - sul fondo ho inserito una pedana in listelli di legno, sulla quale ho appoggiato caricatori di riserva e bombe a mano.

Accanto alla barriera di tronchi ho posizionato due paline, ricavate da una tondino in ottone e colorate a strisce bianco rosse, che venivano utilizzate per calcolare l’azimut, cioè l’alzo delle canne del Nebelwerfer (mirino azimutale) in funzione della distanza dell’obiettivo da colpire.




Così completata la base, ho assemblato il lanciarazzi, splendido e accurato kit della Lion Roar, la cui verniciatura ha avuto il consueto iter:

  - primer metallico in bomboletta
  - spray lacca per capelli
  - acrilico Lifecolor con aerografo
  - lavaggio, scheggiature e tonalità.

Dopo averlo posizionato, ho disposto tre figurini della Verlinden già dedicati a serventi di questo kit, unitamente ai proiettili a razzo di cui un paio appoggiati su di una stuoia pronti per essere caricati e ho sparso sul terreno i relativi contenitori.
Invece il semicingolato della AFV era già “pronto”, avendolo assemblato e verniciato a pennello già in mimetismo invernale qualche anno fa, unitamente al previsto cannone Howitzer a traino.
E’ stato aggiornato solo con pochi ritocchi, dotandolo anche del telone di copertura del vano di trasporto, nel quale ho stipato alcuni proiettili a razzo nei loro contenitori.
Con filo metallico, opportunamente curvato e fissato alle sponde, ho realizzato tre centine di sostegno del telone stesso; per quest’ultimo ho usato due pezzi di tela bianca che, preventivamente sagomati a misura con un certosino lavoro di sartoria ed immersi in una soluzione di vinavil con acrilico verde mimetico della Vallejo, ho unito e posizionato sulla predetta struttura, arrotolandone parzialmente un lembo.
Dopo qualche giorno, ho scoperto per caso che la Royal Model ha in catalogo ben cinque diversi tipi di teloni in plastica esclusivi per questo semicingolato: ma il “fai da te” è stato chiaramente più gratificante...




Ho completato lo scenario con altri tre figurini: l’ufficiale osservatore con il cannocchiale su treppiede è della Tamiya, mentre quello accanto e il paracadutista sono della Dragon; ho inserito anche tre Panzerfaust appoggiati all’interno della barriera di tronchi e un bidone con accanto un piccone infisso nel terreno vicino agli alberelli, mentre il meccanismo di sparo è appoggiato su di una tanica rovesciata.




Dino Dall'Asta

[Gallery]

08.03.2014


Bibliografia.
Immagini.



Commento di ezio bottasini [11/03/2014]:
Ciao Dino, sempre impressionante la dovizie e precisione dei particolari, nonchè della descrizione della tua opera; molto bello e realistico, spero di vederlo dal vero (e venga premiato), al prossimo Monza Models di fine maggio.

Un caro saluto Ezio

Commento di Marco Vergani [11/03/2014]:
Bellissimo, come del resto tutti i tuoi modelli !!
Mi sorpende la ricerca storica che sempre c'è dietro i tuoi lavori, precisa ed accurata.
A presto, Marco

Commento di Mario Bentivoglio [16/03/2014]:
Bellissimo lavoro Dino!!!!
sempre un piacere vedere questi bei lavori !!!
:-)

Commento di Dino Dall'Asta [17/03/2014]:
Grazie a tutti per i vostri apprezzamenti.
A presto.
Dino



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No