Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola New
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Come Back
I’ll Come Back
Pietro Ballarini

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

U.S. Marine Corps in Fallujah IRAQ 2003

Alby Starkiller




Dopo aver acquistato l’eccellente Kit di montaggio in scala 1/35 della Tamiya del carro armato M1A1 Abrams, la mia intenzione iniziale era quella di eseguire solo e soltanto il veicolo con i due figurini compresi nella scatola, posizionarlo su di una semplice base e niente più.
Poi però visualizzando, per documentarmi un po, centinaia di foto inerenti a questo carro armato impiegato in diverse parti del mondo, decido di ampliare l’idea iniziale, optando per creare una scenetta con il corpo dei Marines americani operativi in Iraq.




20 Marzo 2003: invasione in Iraq da parte di una coalizione guidata dagli Stati Uniti d'America con lo scopo principale: la deposizione di Saddam Hussein, già da tempo visto con ostilità dagli Stati Uniti per vari motivi come: timori su un suo ipotetico tentativo di dotarsi di armi di distruzione di massa, il suo presunto appoggio al terrorismo islamico e l'oppressione dei cittadini iracheni con una dittatura sanguinaria.




Fin da prima dell'inizio della guerra, l'ipotesi di un'invasione dell'Iraq scatenò malumori in tutto il mondo, contrapponendo chi la riteneva necessaria e chi la considerava un crimine ingiustificabile.
Oltre all'opinione pubblica, le polemiche si svilupparono anche sul piano internazionale: in Europa, la Francia e la Germania si opposero fin dall'inizio all'intervento, mentre Gran Bretagna e Italia offrirono il loro supporto.
L’Italia partecipò al conflitto fra il 2003 e il 2006 con la missione "Antica Babilonia", fornendo forze armate dislocate nel sud del Paese, con base principale a Nassiriya.




Senza dilungarmi sui dettagli tecnici del mezzo in questione l’M1A1 Abrams e del perché e del percome dei vari aspetti di questa denominata: Seconda Guerra del Golfo, preferisco focalizzare questo mio articolo su come ho realizzato il diorama.




Il diorama è iniziato dalla fine, cioè se nelle volte precedenti costruivo prima il modellino e poi attorno l’ambientazione, questa volta ho cominciato col costruire prima l’ambientazione, poi a seguire i vari figurini e per ultimo il carro armato.




I vari componenti utilizzati sono: le "rovine" della marca MiniArt (cod. prodotto: 36039),i pali della luce sempre della MiniArt (cod. prodotto: 35541a), 3 figurini della Trumpeter e 1 della marca Mantis, il carro armato con 2 figurini inclusi nella scatola della Tamiya, il tutto in scala 1/35.
I colori acrilici utilizzati sono prevalentemente i codificati Tamiya sia a SPRAY che per pennello, con l’ausilio sporadico di colori della marca Citadel ottimi per la pittura/rifinitura dei figurini.






Per quanto invece riguarda il resto, è tutto frutto di materiali di recupero.
La base su cui poggia il diorama è una vera e propria sovrapposizione di mosaici da me ideata in legno compensato ed accuratamente tagliato, per poi proseguire con lo stuccaggio e l’aggiunta di carta abrasiva per ferro sagomata in modo irregolare a simulare l’ipotetico asfalto dissestato e poi incollata sulla base con colla vinilica.






A conclusione dell’ambientazione, ho applicato 4 fori per l’inserimento dei pali della luce e raffinato il tutto con sabbia vera del deserto, proveniente da un vecchissimo souvenir.




Dopo essermi assicurato che la colla si era ben asciugata in tutte le sue parti, con del filo di cotone grigio/nero ho simulato i fili della luce, senza tralasciare il loro ipotetico degrado.
Una volta terminata l’ambientazione, mi sono cimentato alla pittura di tutti e sei i figurini, cercando in ognuno di imprimere peculiari caratteristiche.
Con una massiccia dose di accuratezza nei particolari, ma senza esagerare e con la media di circa otto ore di pittura per ciascuno, arrivo finalmente al capolinea, e giunge così il momento a me più piacevole, cioè quello del montaggio del bestione M1A1 Abrams.




In quest’ultimo, oltre ad aver aggiunto "sporcature" e sabbia vera in alcune sue parti per renderlo il più possibile realistico, con la restante "retina" compresa nel kit di montaggio per realizzare il cestello porta oggetti nel retro della torretta, ho elaborato un’ipotetica rete mimetica arrotolata da applicare in un secondo momento proprio all’interno del cestello stesso.
Infine dopo aver effettuato tutto quanto il montaggio e colorazione+ritocchi del carro armato ed inserito i due figurini, tra cui il capo-carro che ho cercato di dipingerlo come se fosse un mio piccolo autoritratto (con il pizzetto alla D'Artagnan), con le corde della mia vecchia chitarra elettrica ho simulato le antenne sulla torretta dell’Abrams.




In conclusione alla scenetta, ho stampato su carta un ipotetico striscione che ho applicato poi sul muro della casa in rovina ove capeggia la scritta in arabo: NO WAR ON IRAQ, ed ho aggiunto una piccola "forzatura" dal lato opposto della parte con un sempre ipotetico quadretto ancora appeso nonostante il crollo della casa raffigurante Saddam Hussein, giustiziato poi in seguito per impiccagione il 30 dicembre 2006.




Credo almeno questa volta, di essere riuscito a fare un notevole salto di qualità nelle mie realizzazioni, avendo curato nei minimi particolari sia il modellino, che i figurini, che tutta quanta l’ambientazione fino all’ultimo granello di sabbia.




Lascio a voi i commenti e ringrazio come sempre l’amico Franco di PIRANI SPORT Cento (FE) per l’elaborazione della bellissima targhetta che dà il titolo alla mia scenetta, ringrazio il buon Gianni di COSTA giocattoli Cento (FE) per avermi fornito dell’impeccabile Kit Tamiya dell’M1A1 Abrams, ringrazio i carissimi amici Michele Pelizzola e Dino Dall’Asta per i consigli e l’apporto critico in fase di realizzazione spronandomi a dare il meglio delle mie capacità artistiche, ed infine la mia famiglia tutt’ora incredula di questa mia ultima "opera" per il loro costante sostegno morale.
Buon proseguimento e buon modellismo a tutti.


Alby Starkiller

[Gallery]

08.03.2014




Commento di ezio bottasini [13/03/2014]:
Ciao Alby, sempre meglio, i tuoi lavori stanno avendo un'evoluzione esponenziale, da quando sei "comparso" tra noi con i tuoi Revell easy-kit Star Wars ad oggi, i tuoi lavori non sembrano essere stati fatti dalla stessa persona.
Complimentoni e avanti tutta così, è vero che non si finisce mai di imarare, però a mio modesto avviso, hai ormai raggiunto un punto in cui ci sia da imparare da te.
Un caro saluto, alla prossima Ezio

Commento di Dino Dall'Asta [13/03/2014]:
Ottimo lavoro, sia per l'impostazione che per l'esecuzione, anche dei tanti particolari.
Complimenti ancora per questo tuo diorama, con la speranza/certezza di vederne tanti altri...un diorama tira l'altro!!
Ciao Dino

Commento di Alessio [13/03/2014]:
stupendo Alby, davvero stupendo

Commento di Rino [13/03/2014]:
Caro Alby, non sono un esperto ma a me questa tua nuova realizzazione piace moltissimo!!!!!

Commento di Raffanumber1 [13/03/2014]:
Bravo Alby, opera veramente ben riuscita. Come hai detto tu, hai fatto un notevole salto di qualità, hai curato nei minimi particolari i personaggi, il modellino e tutta quanta l?ambientazione, l'asfalto rovinato, i fili dell'alta tensione, il quadro con il ritratto di Saddam Hussein e infine la sabbia sottratta al tuo vecchio souvenir. Buon proseguimento

Commento di Luca Evangelisti [13/03/2014]:
come sempre bellissimo

Commento di Michele pelizzola [16/03/2014]:
Ti ringrazio x la citazione nella presentazione ma non ho fatto altro che constatare la tua maestria nell'uso di materiali e tecniche il resto è farina del tuo sacco

Commento di Mario Bentivoglio [16/03/2014]:
Complimenti Alby, veramente un bellissimo lavoro ambientato in uno dei miei periodi storici 'modellistici' preferiti !!!
:-) al prossimo tuo lavoro !!! ciaoo
mario

Commento di ira [17/03/2014]:
Bello!!!!!bravo Alby!!!! :-D

Commento di Alby Starkiller [20/03/2014]:
...mi rende davvero felice leggere questi vostri bellissimi commenti!!!
Per tanto vi ringrazio di cuore tutti quanti!!!
...e nella speranza di rimanere all'altezza di così tanti consensi mi auguro che possa piacervi tanto anche il mio prossimo diorama che sarà ambientato durante il secondo conflitto mondiale. Un caro saluto ed un abbraccione a tt. A presto ;)

Commento di Luis [29/03/2014]:
Ciao Alby
Scusa il ritardo ma solo ora ho potuto leggere la tua bella realizazione e finalmente ho potuto vedere l'Abrams della Tamiya di cui mi antivipavi in un tuo precedente commento ( seppur sn un vekkiazzo fuso e scoppiato , nn mi dimentico mai delle persone care) Ora posso solo dirti ke sn contento di vedere un mezzo militare moderno in 1/35 ke spicca tra i soliti triti e ritriti carri della 2ºgm.
Continua cosi e buon lavoro x il tuo prox modello.
Luis
P.s: cmq mi fatto tornare x in attimo la voglia degli 1/35, infatti nel pomeriggio mi son fiondato in un noto negozio di modellismo di Torino e mi son comprato il Tortoise della Meng.
Ah dimenticavo, se ti piacciono i carri moderni americani, okkio al nuovo M103 della Dragon, e' pieno di errori nonostante il suo costo non proprio economico.

Commento di luciano cremonini [02/04/2014]:
Veramente un bel lavoro, molto curato nei dettagli. Sembra vero...ciao sei un grande.A presto



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No