Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola New
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Come Back
I’ll Come Back
Pietro Ballarini

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

F/A-18E Super Hornet - Alby Starkiller




Alcuni mesi fa nel mio disordinato garage, mi trovai a caccia di una chiave inglese, quando rovistando tra gli attrezzi sparpagliati sul tavolo da lavoro, la mia attenzione ricadde per attimo su di un alto scaffale dove un piccolo “naso grigio” spuntava da dietro alcune scatole di cartone.
Incuriosito, ed ormai rassegnato dal fatto che la chiave inglese in questione proprio non saltava fuori, presi la scaletta e mi arrampicai come l’uomo-ragno sullo scaffale spostando un’infinità di cianfrusaglie impolverate, fino a quando riuscii finalmente ad arrivare a quel “nasino grigio” che un momento prima spiava la mia folle ricerca.
Si trattava di un mio vecchio modellino in scala 1/48 della ben nota Hasegawa, realizzato molti anni fa e poi abbandonato a sé stesso,a causa dello spazio che man mano venne a mancare sempre più per via della mia crescente collezione di Action Figures.




Riuscito finalmente a metter mano al modellino, mi accorsi immediatamente delle sue pessime condizioni.
Oltre allo strato di polvere che lo ricopriva, vi erano alcuni pezzi staccati, come ad esempio i missili e i carrelli ruote.
Così decisi di metterci mano per ristrutturarlo e dargli un dignitoso posto assieme agli altri modellini già sistemati nell’apposita vetrinetta che mio nonno abilmente costruì a suo tempo.
Dopo alcune ore di lavoro, riuscii a farlo "resuscitare" dal meandro più oscuro del mio garage, e a renderlo accettabile per l’esposizione in vetrina.
Dalle foto che seguono, noterete che è stato eseguito con carrelli aperti, quindi parcheggiato a terra, a differenza invece degli altri aeromodelli che ho eseguito in seguito.






Infatti, i primi aeromodelli che realizzavo da ragazzino, erano tutti fatti così, e li realizzavo pressoché identici all’immagine frontale della scatola di montaggio.
A forza di vedere tutte queste mie riproduzioni uguali alle scatole, decisi di cambiare e di realizzare nei futuri aerei più personalizzati ed in posizione di volo con tanto di pilota.
Così facendo, è per me, un po’ come se sopra ad ognuno applicassi ben visibile la mia firma.










Tale decisione, che avrete modo di riscontrare negl’altri modellini che pubblicherò, è stata presa in quanto mi ero stancato di vedere sempre gli stessi canoni di realizzazione, stanco soprattutto di vedere un’ulteriore nota statica a questi miei aeromodelli.
Mi chiesi: ...trattasi di aerei giusto? Bene, allora perché continuare a rappresentarli a terra? Gli aerei sono fatti per volare, e così da quel giorno in poi ho preso la decisione di eseguirli tutti in posizione di volo.











Ancora una volta auguro buon proseguimento e buon modellismo a tutti.


Alby Starkiller
[Gallery]
28.09.2012


Commento di Ezio Bottasini [01/10/2012]:
Ciao Alby, per essere un restauro è più che decoroso, anzi, bello. Come ho scritto in un articolo di qualche tempo fa, che puoi trovare su questo sito, spesso un modello ben restaurato ritrova un degno posto in vetrina.
Ciao e alla prossima.
Ezio


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No