Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Compagnia Franca di Marina 1750
Compagnia Franca di Marina 1750

Hawker Thypoon 1-B - Valter Vaudagna

Kit Hasegawa scala 1/48




Mancano poche ore all'anno nuovo e io sono qui a descrivere un modello finito nell'estate del 2012.
A volte le cose nascono un po' cosi per caso, nell'estate del 2005 un amico mentre si parlava di modellismo mi disse "mah.... me lo fai un aereo?"... "Certo" gli risposi, "cosa vuoi che ti faccia?"... "Non so", mi rispose, "dimmi qualche modello che è in commercio".
Gli feci un piccolo elenco di scatole di qualità che erano in commercio in quel periodo, nominai pure il Thypoon, al che' l'amico mi fermò... "ok fammi il Thypoon con le strisce di invasione".
La Settimana dopo, incursione nel negozio di modellismo di fiducia e acquisto della scatola Hasegawa.
Grandi propositi, comincio l'abitacolo, dettaglio con fili di rame per simulare le caverie, rifaccio il seggiolino un po' troppo spesso, rifaccio gli strumenti al cruscotto, incollo vari particolari mentre aspetto che la colla asciughi, incollo le ali dopo averne tagliato via i flaps, taglio la parte mobile dei piani di coda, i giorni passano e con loro l'entusiasmo iniziale, il modello dopo un po' di settimane ritorna mezzo tagliuzzato e con particolari gia incollati dentro la scatola, per evitare di fargli prendere polvere, e dopo diversi mesi ritorna in mansarda dentro gli scatoloni, che contengono ovviamente un altro bel po' di scatole, gli anni passano, passa anche tutto il periodo dedicato alla collezione e al miglioramento delle macchine in 1/43.




Nel frattempo smette la frequentazione del sudetto amico, e si arriva all'alba del 2012 dove ero ritornato a fare modelli di aerei e nonostante avessi per 5 anni modificato macchinette, la capacità manuale era aumentata, me ne accorgevo da come facevo certe cose con più velocità di prima delle macchinine.
Un bel giorno riporto giù la scatola per guardarla ,combinazione un amico mi aveva donato in quel periodo una rivista greca che come si chiamasse non ve lo so dire in quanto pure il nome era scritto in greco.
Si riportava in un articolo il resoconto fotografico dei National I.P.M.S. INGLESI con bellissime foto a colori; in 3 belle foto quello che la didascalia indicava come (uniche parole in inglese) senior National Champions, appunto un HAWKER THYPOON 1-B in scala 1/32 tratto dal kit Revell, autore il maltese BRIAN CHAUCI.
Il modello si presentava iperdettagliato, con motore, vano armi e vano radio in vista.
Quel modello mi ispirò molto, nei mesi successivi grazie ad un amico (io non avevo ancora un collegamento internet) feci diverse ricerche per trovarne traccia, qualche foto la trovai sparsa qua e la sul web, raccolsi un po' di documentazione, scoprii mio malgrado, le critiche che il motore in resina della CMK si portava dietro (dimensioni troppo contenute).
La cosa non mi toccò più di tanto, siccome il 24 cilindri ad H è praticamente un parallelepipedo, realizzai che, partendo da un parallelepipedo di plasticard della giusta dimensione e aggiungendo dettagli e cavi si poteva tranquillamente autocostruire (è più facile che fare un motore a V, anche se adesso non avrei più i problemi di allora).
Detto e fatto, il motore in 2 giorni prese forma, dettagliato da caverie, tubazioni e ogni altro ben di Dio che un motore possa avere.








Poi fu la volta del vano armi, una volta delimitato il perimetro con rettangolini di plasticard, fatto i buchi di alleggerimento e le scatole portamunizioni; forse il lavoro più impegnativo furono i tamburi dei cannoni da 20 mm, tutto con l'utilizzo di plasticard, rod, strips, sprue filato e fili di stagno.




Idem per il vano radio, struttura fusoliera (invisibile) castello portaradio e radio alla stessa maniera di tutto quanto sopra.
Taglio un po' altrimenti diventa un poema e vi annoiate, carrelli dettagliati coi soliti tubi dei freni, particolari assottigliati per portare in scala gli spessori della plastica.
Verniciatura: colore interni: io uso da sempre per gli aerei inglesi il Greygreen 78 Humbrol (tuttora) parto da quello è poi schiarisco dove serve, lo trovo fedele come tonalità, faccio un lavaggio di colore a olio verde scuro e riprendo i pannelli delimitati da centine o tubi col colore schiarito.
Esterni: dark green, ocean grey, medium sea grey.
Il primo e l'ultimo si trovano in quasi tutte le gamme dei colori disponibili (in quel periodo ce n'erano molti meno di adesso) l'ocean grey l'ho trovato solo nella gamma Xtracolor.








All'epoca usai i colori della Gunze, l'ocean grey lo ricavai dall'extra dark sea grey, semplicemente schiarendolo.
Devo dire che mettendoci vicino lo spitfire che ho finito quest'anno, e in cui ho usato il colore giusto, sono praticamente identici.
La basetta è un foglio di cartoncino imbevuto di vinavil, verniciato in diverse tonalità di grigio e erba in fibre anche essa verniciata con varie tonalità di verde, marrone e giallo.




Più delle mie parole (brevi) penso possano descrivere il lavoro le fotografie.




Un saluto a tutti quanti e un grande augurio di buon anno che ci attende che porti serenità a tutti.

BUON ANNO E TANTA FELICITÀ


Valter Vaudagna

[Gallery]

31.12.2018




Commento di Francesco Sbarile [02/01/2019]:
Come sempre un grande lavoro di dettaglio, ma quello che più impressiona è il realismo globale del prodotto finito. I miei più sinceri complimenti. Francesco

Commento di giampaolo bianchi [02/01/2019]:
CARO VALTER UN ENNESIMO CAPOLAVORO MODELLISTICO.VERAMENTE INCREDIBILE LA RICOSTRUZIONE DEGLI ALLOGGI PER LE MITRAGLIATRICI...MOLTO REALISTICO.ECCEZIONALE LA LIVREA IN 3 TONI,
GRANDE VALTER
GIAMPAOLO

Commento di ezio bottasini [02/01/2019]:
Ciao Valter, cosa dire davanti a tanta bravura...con uno sfondo con prati ed alberi sarebbe difficile dire che è un modello...
Superlativo.
Buon Anno a tutti gli amici vicini e lontani di Kitshow e al nostro impareggiabile Giacomo.
Ezio

Commento di Enrico Calanchini [05/01/2019]:
Direi lavoro di alto profilo, molto realistico specie nei particolari hand made e nel complesso molto accattivante. Un'ennesima prova della tua bravura.

Ciao e Auguri di buon anno a te e a tutti gli amici di Kitshow

Enrico

Commento di giovenco giuseppe [09/01/2019]:
il vano motore è sorprendentemente realistico e come dice Ezio, se ambientato in esterni sarebbe molto arduo riconoscere un modellino da un velivolo reale - visto che è del 2012,........... gallina vecchia fa buon brodo!!! Giuseppe

Commento di Gianni [15/01/2019]:
Si in effeti più che rimanere a bocca aperta.... un realismo sorprendente, gran bei dettagli.
Bravissimo
Gianni


Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No