Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novit del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  I prossimi eventi

Gruppo Herrin


La storia e la memoria New
29-30/09/2018 Porto Mantovano

FIAT G.91 - Valter Vaudagna

Kit Ocidental, scala 1/48




Per realizzare il modello del G 91 in 1/48, il modellista ha due scelte: o il vecchio ESCI, riedito recentemente dalla Italeri o il modello della portoghese Ocidental, che altro non è che un clone del modello ESCI, con la pannellatura incisa, con gli stessi errori di forma, e una pannellatura incerta, ma non in tutti gli esemplari (parlando con altri modellisti che lo hanno costruito mi hanno detto che il loro aveva la pannellatura più che a posto).




Per realizzare questo modello son partito dai disegni di Richard Caruana pubblcati sulla rivista inglese S.A.M. che si possono trovare anche su internet, un amico me li ha stampati su carta verificando le corrette dimensioni di lunghezza e larghezza del velivolo riportate in scala.




Il modello Ocidental / ESCI coincide dimensionalmete abbastanza bene coi suddetti disegni, tutto sommato abbastanza precisi, ma differisce per forma nel muso, dei piani di coda, nella parte inferiore posteriore del cono di scarico, nella carenatura posteriore del tettuccio e nel profilo leggermente abbondante della deriva verticale.
Oltre a questi difetti principali presenta un difetto di sagoma troppo ampia degli aerofreni e della loro sede, un vano del carrello principale troppo poco profondo, e una forma errata del copricarrello (troppo liscio e senza la caratteristica bugna dove si inserisce la ruota) oltre ad un abitacolo povero, spartano, e un seggiolino eiettabile molto povero e sottodimensionato.
Le foto a corredo dell'articolo credo spieghino più di tante parole le modifiche fatte.




In generale il cono di coda è stati portato alla forma corretta con l'inserimento di un cuneo di plasticard (dopo aver praticato un taglio nella mezzeria della parte posteriore del modello) che alla base misura 2,5 mm.
Un cuneo delle stesse dimensioni dovrà essere inserito pure nella parte inferiore tra una semifusoliera e l'altra durante l'incollaggio delle due.
Il tutti poi sagomato con lime, carta abrasiva e stucco.
Il profilo del piano verticale di coda necessita solo di una leggera ridimensionata in tutto il perimetro (lima o cutter, seguendo il disegno).






La carenatura posteriore dell'abitacolo si porterà alla dimensione corretta o con l'inserimento di spessori di plasticard sommati all'arretramento della parte del kit, oppure tagliando via la parte del kit, inserendo anteriormente spessori di plasticard (che siano della dimensione della parte parte posteriore del tettuccio del kit) e posteriormente a loro con l'inserimento di una parte della parte mobile del tettuccio di uno skyraider (Monogram, ESCI o Tamiya) il tutto sempre raccordato con stucco (cianoacrilica o milliput).




Abitacolo: o si autocostrisce usando come riferimento foto dell'aereo vero (quello italiano però) o si possono usare in alternativa gli abitacoli in resina della S.W.A (non più in commercio) o della Neomega.






Io ho fatto un mix, abitacolo S.W.A. modificato in quanto relativo alla versione R3 luftwaffe (anche il neomega è relativo a questa versione) e seggiolino Neomega, in quanto più dettagliato dell'S.W.A.
Gli aerofreni sono stati modificati alla versione preserie, solo internamente in quanto esteriormente sono uguali.






Vani Carrelli e vani aerofreni sono stati un po migliorati: ho tagliato i flap e ricostruito l'alloggiamento e la loro parte anteriore (arrotondati).




Dettagliato le gambe del carrello con le sue tubazioni idrauliche con fili di rame e plasticard.




Ricostruito i portelli copricarrello con la creazione delle bugne (stampate a caldo su un master in plastica e raccordate esteriormente col milliput e sagomate con lima e carta abrasiva) seguendo le foto degli stessi che avevo fatto ad un esemplare vero parecchi anni fa.
Il muso è stato ricostruito partendo dal cono anteriore del set della S.W.A. che è stato accorciato di buoni 5 mm poi, una volta incollato davanti alla fusoliera, portato alla giusta forma dei disegni sempre con sano olio di gomito.
Vorticatori di coda: quelli del kit sono di fantasia; i preserie avevano questa sequenza 5+3+3+4, li ho rifatti in plasticard 0,25x0,75x1 mm.




Dopo aver lisciato con carta abrasive bagnate per bene il modello (ci ho passato ore) ho dato la mano di fondo (nero Humbrol HU 85) per il successivo metallo naturale.




Dopo 2 giorni ad asciugare(era luglio) ho spruzzato il modello con l'alluminio AK, i vari vani carrello, aerofreni con l'interior green xtracolor, l'abitacolo è in un grigio medio (non ricordo il colore preciso) con strumenti e consolle in nero.




Decals: se, per le coccarde, si rimedia con le Tauro Model (i preserie le avevano sopra l'ala all'interno delle paretine antiscorrimento) per i numeri e lo stemma nato mi sono dovuto arrangiare, mi è venuto in aiuto l'amico ROBERTO CARENA, validissimo ex modellista navale che con lo stampaggio decal fai da te ci sguazza, stampandomi su decal trasparente i numeri, la matricola e lo stemma nato.
Le ruote sono quelle del set della S.W.A.
Siccome sui G 91 furono provati i decolli con razzi JATO, ho voluto dotarne il mio modello (licenza poetica) quindi ho modificato negli attacchi quelli del kit dell'F84F Monogram.








Il modello è stato realizzato su richiesta del redattore del notiziario IPMS, sig. Livio Gonella (grandissimo motivatore nonché rompiballe di notevole spessore) per lo speciale sui 60anni del primo volo del G 91 vero... che si schianto' qualche mese dopo nei pressi di Cavour (TO) per sopravvenuto stallo; praticamente sfioro' casa mia (abito a 20 km in linea d'aria dal luogo di codesto incidente).
A seguito di questo incidente furono installati i Vorticatori in coda all'aereo vero.




Questa è la mia esperienza con il modello G 91; altre 3 scatole sono li in attesa, io invece resto in attesa ormai (invano) da 2 anni dal famigerato modello della A.M.K che diversi siti danno in realizzazione... la speranza è sempre l'ultima a morire!






Buon modellismo a tutti voi.


Valter Vaudagna

[Gallery]

10.03.2018




Commento di Gerry [12/03/2018]:
Bravo Valter, veramente un bel lavoro, molto bella anche l'idea di aggiungere i JATO. :-)

Commento di PIETRO [12/03/2018]:
Bravissimo Valter.
complimenti per la realizzazione tecnica e la verniciatura.
Pietro

Commento di Dino Dall'Asta [12/03/2018]:
Ottimo lavoro, complimenti !!
Dino

Commento di giampaolo bianchi [12/03/2018]:
caro valter anche tu come enrico non scherzi nelle sezioni e ricostruzioni.. per il dettaglio che hai raggiunto nelle autocostruzioni sembra scala 1/24..eccezionale!!
un abbraccio.
Giampaolo

Commento di marco [12/03/2018]:
Complimenti bel lavoro! Soprattutto la verniciatura metallica ti rimasta perfetta!

Commento di Massimo M. De Luca [12/03/2018]:
Ciao Valter
FANTASTICO!!!! Mascella sul tavolo ed occhiali da sole per questo luccicante G91 "metallaro"! Tra i soggetti pi interessanti mai visti per me!
Massimo "Pitchup"

Commento di Alby Starkiller [12/03/2018]:
Ciao Valter,
Questa tua realizzazione talmente accurata e magistralmente interpretata, tanto che in alcune foto ho Fatto fatica a credere che Si trattasse di un modellino in scala 1/48.
DAVVERO TANTI COMPLIMENTI!
Un Salutone.
Alby.

Commento di Enrico Calanchini [13/03/2018]:
Caro Valter, chapeau e complimenti strameritati per questa magnifica realizzazione molto curata sotto ogni aspetto, anche per la particolare configurazione ideata non comune. 👍🏻👍🏻👍🏻

Ciao. Enrico

Commento di giovenco giuseppe [13/03/2018]:
devo dirti che l'ambientazione in esterni rende onore al tuo modello, da tanto che realistico - il b. n., poi la sua morte - bravo Valter, se fosse per me ti chiamerei Walter, per indicarti la mia ammirazione Viva Valter - Giuseppe

Commento di Gianni [13/03/2018]:
Complimenti, un lavoro che provoca invidia per quanto pulito ed accurato; le ricostruzioni sono per me sempre troppo complicate da affrontare, ma ti riesce tutto molto bene con molta naturalezza.
bravissimo
Gianni

Commento di Lauro Bonf [13/03/2018]:
Gran bel lavoro caro Valter, dalle bellissime immagine che ammiro talmente realistico che sembra vero. Complimenti.

Commento di ezio bottasini [14/03/2018]:
Valter una sola parola...MERAVIGLIOSO.... il mio pastrugno impallidisce e scompare davanti a questo capolavoro, mi vergogno di averlo pubblicato....
Grande, al prossimo, un caro saluto.
Ezio

Commento di Valter vaudagna [14/03/2018]:
1000 grazie a tutti...Ezio il tuo non un pastrugno... un modello meritava di essere pubblicato... io porto le mie esperienze.. voi le vostre... uno scambio via web, arricchiscono tutti. Grazie a GIABA, lo ringrazio a nome di tutti.. un caro saluto a tutti e un sincero augurio per la Pasqua che viene.. al prossimo

Commento di Francesco Sbarile [15/03/2018]:
Scusa, ma dove sono le foto del modello finito ? Hai pubblicato quelle dell'aereo vero.
Scherzi a parte complimentissimi.
Francesco


Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No