Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Beraki Gebre, Sciumbasci capo degli Zaptiè

Con la fine della resistenza dell’Amba Alagi (17 maggio 1941) e di Gondar (27 novembre 1941) cessava, di fatto, l’Africa Orientale Italiana, parte fondamentale di quel sogno coloniale un po’ fuori dai tempi che aveva attraversato l’Italia fra gli ultimi decenni dell’800 e la metà del ‘900.
In questa storia lunga circa 70 anni, piena di anacronismi e di pagine sanguinose poco lusinghiere, sono stati protagonisti anche italiani e africani dall’animo grande e coraggioso, forse poco conosciuto.
Sicuramente Amedeo Guillet, un uomo decisamente fuori dal comune quanto naturalmente a suo agio con qualsiasi abitante e contesto del Corno d’Africa.
E anche Beraki Gebresellasiè, noto fra le truppe italiane e fra gli amici con il diminutivo di Beraki Gebre, Sciumbasci capo degli Zaptiè, nato ad Adinebri, nell’attuale Etiopia il 15 aprile 1914.
Attualmente vive a Roma, presso la Residenza Parco di Veio (Via Rocco Santoliquido), alla Giustiniana, lungo la Via Cassia.
Combattente per l’Italia, eroe a Culquaber e a Gondar.


Beraki Gebresellasiè, sciumbasci capo degli Zaptiè


Gli Zaptiè.
Erano gli appartenenti all’Arma dei Carabinieri reclutati fra i locali in Eritrea, Somalia, Libia fra il 1888 e il 1942.

Manifesto d'epoca

Il termine deriva dal turco zaptyie che indicava la polizia a cavallo reclutata a Cipro, allora sotto il dominio britannico. I primi Zaptié vennero reclutati in Eritrea, per aumentare l’organico della Compagnia Carabinieri d’Africa, composta dai Carabinieri italiani presenti a Massaua, nel piccolo corpo di spedizione, a partire dal 1885. Inizialmente l’unico grado previsto tra le loro file era quello di bulucbasci, ma successivamente, con l’aumentare del loro organico, furono previsti anche il muntaz e lo sciumbasci, il grado più alto previsto per le truppe indigene, corrispondente a quello di maresciallo. Le uniformi potevano variare nelle diverse colonie, ma generalmente comprendevano fez e fusciacca rossi e divise bianche o kaki.
Gli Zaptié parteciparono alle varie operazioni di guerra nell’Africa orientale e in Libia. Il Corpo degli Zaptié della Somalia italiana era uno dei più numerosi, con ben 1.500 effettivi somali e 72 ufficiali italiani. Dal 1927 costituiva la guardia personale del Governatore della Somalia oltre a svolgere le funzioni di polizia territoriale.
Gli Zaptié si distinsero durante la guerra Italo-Etiopica (1935-1936) e nella conquista della Somalia britannica(1940). Furono tra gli ultimi ad arrendersi nel 1941 alle soverchianti forze britanniche nella battaglia di Culquaber, dopo strenua e coraggiosa lotta difendendo l’Africa Orientale Italiana.
Unatù Endisciau,muntaz del LXXII battaglione Zaptié (I Gruppo Carabinieri), fu il secondo soldato italiano di colore a ricevere la medaglia d’oro al valor militare alla memoria. L’altro decorato, nel 1941, fu Mohammed Ibrahim Farag, bulucbasci di coperta della Marina Militare, che – naufrago dopo l’affondamento del suo cacciatorpediniere – lasciò la lancia di salvataggio ad alcuni suoi camerati feriti e molto provati, allontanandosi a nuoto verso sicura morte.

Domenica del Corriere


Lo Sciumbasci.
Lo sciumbasci (o scium-basci o sciumbascì) (dal tigrino “investito del potere”) era un grado militare delle Truppe coloniali italiane, corrispondente al grado di maresciallo del Regio Esercito metropolitano.
Lo sciumbasci era il più alto grado raggiungibile dagli ascari eritrei, libici, somali e abissini del Regio Esercito ed era posto sotto il tenente (grado precluso alle truppe coloniali) e sopra il bulucbasci.
Lo sciumbasci veniva assegnato ad ogni mezza-compagnia coloniale o buluc ed era addestrato per poterla comandare come fosse un ufficiale, in caso di necessità. Inoltre requisito essenziale per essere ammesso al grado di sciumbasci era la conoscenza della lingua italiana.
Sciumbasci degli Zaptie Svolgeva le funzioni di furiere del suo reparto, ossia alle distribuzioni di materiali e del cibo, ai prelevamenti, ai turni, ai servizi, inoltre aveva incarico di occuparsi dell’istruzione delle reclute, dell’igiene, della pulizia e dell’ordine della truppa. Svolgeva anche la mansione d’interprete fra gli ufficiali italiani e la truppa coloniale, qualora questa non parlasse la lingua, ed era considerato il primo collaboratore degli ufficiali. Il distintivo di grado dello sciumbasci consisteva da tre galloni di tessuto di lana rossa, a forma di angolo, uno sotto l’altro, con la punta rivolta verso la spalla, con sopra panno nero a triangolo. Inoltre lo sciumbasci portava sul tarbush tre stellette disposte a triangolo equilatero, con la base parallela all’orlo inferiore del medesimo copricapo.
Lo sciumbasci degli Zaptiè in grande uniforme indossava penne di struzzo bianche sul copricapo.
Sul distintivo erano posti anche i contrassegni di anzianità e di merito (la corona dei Savoia) come distintivo di promozione per merito di guerra, nonché il fregio di specialità (mitragliere, mitragliere scelto, musicante, trombettiere, tamburino, sellaio, maniscalco, bracciale internazionale) e il distintivo della ferita in guerra.
In quanto sottufficiale, lo sciumbasci poteva essere armato anche di pistola e di sciabola, oltre che dell’armamento d’ordinanza. Al contrario, lo sciumbasci non usava la baionetta sul proprio fucile d’ordinanza. Inoltre lo sciumbasci poteva portare i gambali in ruolo delle fasce mollettiere, riservate alla truppa, anche se sovente sia gli uni che le altre erano indossate sui piedi scalzi, secondo l’uso coloniale. L’uso degli stivaletti di cuoio era infatti facoltativo.
Allo sciumbasci era era consentito indossare fuori servizio una mantellina nera (di propria proprietà). Lo sciumbasci portava come simbolo d’autorità il curbasc, un frustino di pelle d’ippopotamo, col quale applicava anche le sanzioni amministrative fisiche alla truppa. Nel 1936 venne anche creato il grado di sciumbasci capo, equivalente a luogotenente o aiutante.


Beraki Gebresellasiè, sciumbasci capo degli Zaptiè


Il “soldatino”.
Il figurino rappresenta uno sciumbasci capo degli Zaptiè, nel 1936, nel periodo della conquista dell’Abissinia e la proclamazione dell’Impero... proprio Beraki Gebresellasiè.

Bill Horan, lo sciumbasci capo per TuttoSoldatini


E’ una creazione del grande artista statunitense Bill Horan per la Rivista Tutto Soldatini e offerto (1999) in serie limitata ai lettori.
Ho cercato di dargli un contegno severo e sobrio.
I colori utilizzati sono gli acrilici Model con pennelli “tre zero” e “quattro zero”, mentre l’ambientazione è ottenuta esclusivamente con elementi naturali: sabbia, pietre, licheni, etc.


Beraki Gebresellasiè, sciumbasci capo degli Zaptiè



Bibliografia.




Stefano Deliperi
09.09.2011
[Gallery]
- Soldatini e storia -

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti:
Diorama Africa Orientale Italiana
Tenente Autoblindate della Somalia, 1934 - Torino 2011



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No