Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Trapper - Mauro Rota

Nella prima metà del XIX secolo, l’America del nord, è in buona parte inesplorata; uomini di grande coraggio e volontà, in cerca di un nuovo modo di vivere e guadagnare, si dedica alla caccia di animali da pelliccia, soprattutto castori ed orsi, sull’onda di una notevole richiesta di queste pelli da parte dell’Europa in cui la moda del cappello di pelo impazza.
Costoro, vivono in quasi completa solitudine, per tutto l’anno, con la compagnia al massimo del fido cane, vestendosi di pelli e ornandosi con oggetti e disegni sullo stile degli indiani, unici contatti che alcuni di loro potevano avere appunto, le popolazioni indigene della zona; non sempre questo era una buona cosa, visto che non sempre gli indiani erano pacifici.




Alcuni di loro, arrivarono addirittura a prender moglie indiana, per cementare l’amicizia col popolo della donna ed allo stesso tempo avere accanto qualcuno che ovviasse alle piu’ elementari esigenze della vita.
Una vita del genere, portava molto spesso a morte prematura; bastava una ferita che si infettasse, oppure una frattura che li immobilizzasse e la fine era quasi certa; senza contare gli animali feroci ed i già citati indiani.
Una sola volta l’anno, tutti questi trapper, si incontravano in primavera alle foci del Missouri, del Green o del Columbia, per vendere le loro pelli ai commercianti ed acquistare il necessario per l’anno seguente; il resto manco a dirlo finiva in donne ed alcool!




Quello che volevo rappresentare, è proprio uno di questi uomini, nel viaggio per raggiungere uno di questi ritrovi annuali, con il suo cavallo, in questo caso un mastodonte da tiro, discendente di quelli lasciati in terra americana dagli inglesi, con il suo travoi carico di pelli e cianfrusaglie varie.
Il cavallo è un pezzo Nemrod in resina, cui ho aggiunto la pelle d’orso ed i finimenti in cuoio costruiti in bicomponente Tamiya, il trapper è interamente autocostruito con il medesimo bicomponente e plasticard, le piume sia del morso del cavallo che del cappello del figurino sono parti di piume vere.
Il travoi è in legno con il carico èin parte autocostruito in stucco,in parte fatto con pezzi Historex.
Il terreno è creato su una base di DAS per simulare una semisalita, ricoperto con materiale naturale, terra, foglie, canapa, sassi, rami.
Tutto è stato colorato con acrilici Vallejo e Andrea.




Tocco finale, la pipa in bocca, fatta in legno, che richiama quelle che probabilmente potevano costrursi questi uomini con cio’ che trovavano in natura.


Mauro Rota

[Gallery]

04.05.2003


Nota: questo articolo è stato originariamente pubblicato nel sito superEva.




Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No