Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

"... ci voleva proprio..."
"... ci voleva proprio..."

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Sukhoi Su-27 D Flanker - Olivero Giovanni




Dalla chiusura del mio negozio, avevo tenuto il kit Sukhoi Su-27 D Flanker della Italeri in scala 1/72; lo avevo messo da parte perché ero rimasto affascinato ingannevolmente dall’immagine della scatola; una volta scoperto che il kit era stampato in positivo e che gli interni del cockpit erano decisamente scarsi, mi sono rattristato un pochetto ma non mi sono perso d’animo ed ho provveduto ad acquistare il cockpit in resina della Pavla ed il set di fotoincisioni per il cockpit Airwaves 72032.




Sukhoi Su-27 D Flanker

Sin dall’inizio ero indeciso se rappresentare il caccia in volo oppure a terra e posto su una basetta; tutte le foto trovate in internet rappresentavano il modello su basetta con carrelli in vista, ma la foto del SU27 in volo che vi lascio era per me decisamente accattivante.




Rappresentare il caccia in volo senza pilota mi lasciava perplesso, tra l’altro dettagliando il cockpit sarebbe stato illogico non aprire il tettuccio per mostrare i comandi e sedile in resina, per cui mi ero convinto di rappresentarlo su una basetta che non fosse quella di una portaerei perchè avevo deciso di non utilizzare le alette canard che ho trovato pessime e per nulla realistiche; unico neo era quello di utilizzare il carrello anteriore del Flanker D imbarcato nelle portaerei russe compreso nel kit, che differiva notevolmente dal caratteristico carrello anteriore del Su-27.



Riassumendo avrei rappresentato l’aereo a terra senza alette Canard con le decal ed il carrello della versione imbarcata tettuccio aperto e cockpit in vista.
Da subito mi sono dedicato ad adattare il cockpit della Pavla eliminando tutto il materiale eccedente e facendo numerosissime prove a secco: non è stata impresa facile essendo per me la prima volta ad avere a che fare con elementi in resina.
Successivamente ho provveduto a dare il primer Tamiya a bomboletta e, dato il colore di base su tutto il cockpit utilizzando aerografo ed il colore opaco Tamiya XF55, successivamente ho dipinto i pulsanti con del nero, rosso, e grigio utilizzando i Lifecolor opachi; dopo aver passato lo spray lucido Vallejo ho fatto i soliti lavaggi con colore ad olio grigio scuro.




Una volta terminato il lavoro di verniciatura ho incollato il tutto alle due semi fusoliere che avevo già precedentemente inciso.




Per le reincisioni mi sono affidato al set incisori Amati facendo uso del nastro Dymo ed in taluni casi ad una asta millimetrata, ho provato anche per la reincisione delle lamette wilkinson ma alla fine dopo numerosi tentativi ho utilizzato il manico Amati con una punta affilata recuperata in un set di lame cutter; per le rivettature ho utilizzato il kit Amati.




Il lavoro di reincisione e stato lungo e faticoso, non ho utilizzato dime, questo e andato a scapito della qualità del lavoro, in effetti questo è visibile nei profili circolari realizzati a mano, spesso scappava via l’incisore incidendo parti che non lo dovevano essere... un po’ di colla ciano acrilica e via nuovamente con tela molto fine.
Per le rivettature non ho avuto alcun problema a parte la qualità della plastica morbida per cui bisognava prestare attenzione a non calcar la mano soprattutto su elementi sottili.
Avendo diversi colori in casa ma non quelli consigliati nei fari forum per il Su-27, mi sono arrangiato utilizzando gli acrilici opachi Lifecolor LC010, LC01, UA133 che opportunamente mescolati sono serviti per realizzare il grigio, l’azzurro ed il blu, mentre per lo schema mimetico mi sono basato su una foto trovata nel web:


Sukhoi Su-27 D Flanker

Ecco alcune immagini che mostrano le fasi di verniciatura:


Per la mimetica ho utilizzato in alcuni casi il Patafix e talvolta la classica mascheratura con nastro Tamiya.
I colori metallizzati sono quelli Tamiya; per gli scarichi ho usato una base di Metallic Grey (XF56), e delle velature di titanium Silver (X32) e Coper (XF6), per l’alluminio ho usato sempre l’acrilico ma della Revell Alluminio (RE36199); per il terminale degli scarichi sempre il colori metallizzati Tamiya Metallic Grey (XF56) e titanium Silver (X32) con il set di polveri Tamiya ho passato con la spugnetta solo in alcuni punti il burnt blu, per la piastra metallica sempre un fondo scuro Metallic Grey (XF56)con una leggera schiarita di titanium Silver (X32) mentre attorno alla piastra del cannoncino l’alluminio Revell per il cannoncino, il Gun Metal Tamiya.
In Internet ho avuto modo di apprezzare moltissime foto di lavori eseguiti da esperti modellisti, le ho recuperate ed archiviate, questo per potermi aiutare e prender spunto per il mio lavoro; vi mostro alcune che trovo fantastiche (non sono kit Italeri):




Sukhoi Su-27 D Flanker

Ormai convinto di rappresentare il caccia su una basetta con il carrello del SU 33 senza alette canard e cockpit in vista, ecco l’imprevisto... non ho più trovato il carrello posteriore sinistro... dopo una lunga ricerca ed una leggera incavolatura ho ripiegato sul l’ipotesi del caccia in volo; ho dovuto chiudere i portelli con qualche difficoltà, riprendere alcune incisioni tutto a modello quasi interamente verniciato.
Dopo aver dettagliato con le fotoincisioni il sedile, fatto i lavaggi e drybrush lo incollato all’interno del cockpit e per ultimo incollato il trasparente con la vinilica diluita con acqua; ma solo a lavoro ultimato mi sono accorto di brutti aloni decisamente troppo evidenti proprio sul trasparente; per questa distrazione ho scollato il tettuccio, sudando un pochetto, ho poi eliminato gli specchietti che comunque coprivano parte della strumentazione, ripulito bene con il compound Tamiya e rincollato il tutto.
Per preparare ai lavaggi e l’applicazione delle decal ho voluto provare a dare il trasparente lucido utilizzando l’aerografo ed il prodotto Toffano, ma più per mia inesperienza nella diluzione che per la qualità del prodotto, ho esagerato in alcuni punti ed in altri no ed ho notato alcune leggere colature. Quando ho applicato le decal facendo uso del decal fix della Umbrol non ho avuto particolari difficoltà solo dopo mi sono accorto che alcune presentavano l’effetto di silvering; nessun problema per i lavaggi che sono stati esclusivamente selettivi nelle fessure dei pannelli reincisi e nelle griglie.
Nessuna decal prevista per i carichi; sono stati verniciati di bianco dopo aver incollato le alette e dato il primer, qualche dettaglio rosso e nero, successivamente incollati alle ali ed alla fusoliera.
Ultimi elementi incollati sono quelli più delicati come le antenne dopo averle precedentemente verniciate quando erano ancora nella griglia.
Il supporto è lo stesso utilizzato per il mio precedente lavoro sull’update del F14 A ho solamente realizzato il maschio da incollare sul mio Flanker e il gioco e fatto, ho poi creato il cartiglio descrittivo sul supporto.
In casa per questioni di spazio ho deciso di esporre un solo modello, cosi ripongo dentro una scatola a turno i miei modelli lasciandone solo uno visibile... purtroppo credo sia un problema di molti modellisti ma trovo complicato disporre i miei modelli già realizzati e quelli che in futuro realizzerò nel mio modesto appartamento.




In conclusione considerando la qualità del kit, che a detta di molti sembra essere scarsa, con errori nelle forme e dimensioni con le pannellature in positivo posso ritenermi sodisfatto, il lavoro di reincisione anche se un po’ deciso e le rivettature che ho realizzato hanno migliorato molto il kit, non ho trovato difficoltà nel montaggio e le mie disavventure non hanno pregiudicato il tutto; penso che avrei dovuto fare più attenzione all’applicazione dei lavaggi sugli scarichi, diciamo che non ho descritto alcuni tentativi mal riusciti nella verniciatura degli scarichi.
Alla fine rimane un po’ il rammarico per non averlo potuto rappresentare a terra.




Eccoci alcune foto del mio lavoro alcune con uno sfondo appropriato:


Come spesso faccio, ho realizzato un piccolo video di questo mio lavoro su You Tube.



Giovanni Olivero

[Gallery]

01.10.2016



Commento di giampaolo bianchi [01/09/2016]:
Caro Giovanni considerata la scala e la qualita' del modello ritengo si possa parlare di piccolo capolavoro..bellissima la rappresentazione delle pannellature e specialmente la livrea.
Un abbraccio.
Giampaolo

Commento di ezio bottasini [01/09/2016]:
Carissimo Giovanni, purtroppo Italeri ogni spesso si perde con questi benedetti pannelli ibn positivo, frutto di reiscatolamento di kit ormai datati, che ormai nel trezo millennio non si dovrebbero più vedere, soprattutto quando ci sono kit cinesi (tipo Meng), in fine negativo. Io non sono un esperto reincisore, anzi per il momebro non l'ho mai fatto, ho in programma abreve di cimentarmi con il G91 in 48 proprio della nostrana Italeri; però mi sembra che il tuo lavoro sia di tutto rispetto; peccato che il famoso Mostro che sepsso perseguita i modellisti, Si sia "impossessato" del tuo carrello sinistro, comunque l'insieme del lavoro è buono, forse dovevi desaturare di più i colori, ho visto recentement su Sky Model un Su27 come il tuo con una desaturazione pazzesca, comunque molto bello. Complimenti al prossimo Ezio

Commento di marco vergani [01/09/2016]:
Bravo Giovanni, mi piace molto, anche se è in scala 1/72 ( preferisco la 48!!).
Se ho ben capito hai chiuso il negozio di modellismo ma ..... definitivamente (??), Se si mi dispiace molto.
ciao e a presto.
Marco

Commento di Gianni [01/09/2016]:
Grazie Gianpaolo quando parli di piccolo capolavoro mi sono sentito molto lusingato Ezio ha ragione sulla desaturazione avrei dovuto dedicare più tempo mi sarebbe servito anche per il futuro; ebbene si Marco ho chiuso il negozio da un po di tempo ed ora mi cimento nelle borse scambio ed in qualche gruppo su Facebook per la vendita delle eccedenze...piano piano

Commento di Vito [02/09/2016]:
Ciao Gianni
Bravo !!!
Un bel lavoro,considerando la base di partenza se mi permetti, sulla base della mia piccola esperienza modellistica ti do un bel 8 per il modello è un 10+++++++++++++++++per il coraggio di reincidere migliorare e sperimentare!
Come sostengo sempre bisogna sempre provare nuove tecniche e migliorare quelle conosciute !
Bravo al prossimo Vito

Commento di Gianni [05/09/2016]:
grazie Vito i tuoi complimenti mi roempiono d\'orgoglio sapendo come lavori.
grazie grazie molte
Gianni

Commento di giovenco giuseppe [05/09/2016]:
non è che per caso hai partecipato anche alla mostra del cinema di Venezia?

Commento di Gianni [05/09/2016]:
Ciao Giuseppe non ho capito il nesso Sembra un film?

Commento di giovenco giuseppe [06/09/2016]:
... come sai vengono proiettati anche dei cortometraggi fuori concorso, o almeno così era fino a qualche tempo fa ...... la mia frase è totalmente positiva perché se hai raggiunto il festival di Venezia sei proiettato nel firmamento dei registi - è più chiaro esplicato così?

Commento di Gianni [07/09/2016]:
Ciao Giuseppe adesso è tutto chiaro non lo avevo inteso come qualcosa di negativo ma non avevo elaborato la cosa.
grazie ancora troppo gentile
Gianni

Commento di maurizio ugo [16/10/2016]:
....ciao Gianni, ottimamente rappresentato uno dei migliori velivoli al mondo....10 e lode....
un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No