Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Dassault Mirage 2000-5F - Marco Vergani




Il Dassault Mirage 2000 è un caccia multiruolo di costruzione francese entrato in servizio nella prima metà degli anni ottanta.
è stato il primo caccia da superiorità aerea ed intercettazione europeo della nuova generazione (quella degli anni settanta) ad essere entrato in servizio operativo.
Ha conosciuto un'evoluzione tecnica considerevole, fermo restando la struttura basica, ed ha ricoperto praticamente tutti i ruoli possibili per un caccia leggero classe 10 tonnellate, ottenendo un notevole successo commerciale in quattro diversi continenti.
Il principale utilizzatore è la Francia, l'Armée de l'Air ne ha ricevuti un gran numero.
Il Mirage 2000 è una macchina avanzata e nella tradizione della loro dinastia è anche un bel velivolo, con forme ben armonizzate.
L'estetica e la tecnologia hanno giovato al successo commerciale della macchina, nonostante un costo piuttosto elevato, che nella metà anni ottanta era dell'ordine dei 20-25 milioni di dollari per aereo.
La linea di produzione del Mirage 2000 è stata chiusa nel 2007 con la consegna dell'ultimo aereo costruito (il 601°, un Mirage 2000-5 Mk2) alla Polemikí Aeroporía (aeronautica greca) avvenuta il 23 novembre 2007.




Curiosità
Nell’anno 2000 l'Aeronautica Militare italiana, in vista della restituzione dei Tornado ADV presi in leasing dalla Royal Air Force, dovendo rimpiazzare i vecchi F-104 Starfighter e in attesa di schierare i nuovi Typhoon, aveva valutato la possibilità di prendere 28 Mirage 2000; la scelta ricadde invece sull’utilizzo in leasing di 34 F-16A Block 15 dall'USAF, per via del fatto che gli armamenti in dotazione dell'Aeronautica Militare italiana erano compatibili con gli F-16A e non con i Mirage 2000.

Caratteristiche tecniche:

 Tipo:
caccia multiruolo
 Equipaggio :
1/2 piloti
 Entrata in servizio:
novembre 1982
 Costo unitario:
23 milioni US$
 Lunghezza:
14,36 m
 Apertura alare:
9,13 m
 Peso a vuoto:
7.500 kg
 Peso max al decollo:
17.500 kg
 Propulsione:
1 turboventola Snecma M53-P2 da 98 kN di spinta
 Velocità max:
2,2 Mach
 Autonomia:
3.335 km
 Tangenza:
17.228 m
 Raggio d'azione:
1550 km
 Cannoni:
2 DEFA 554 da 30 mm.
 Piloni per carichi esterni:
5 fusoliera e 4 alari per missili e serbatoi esterni
serbatoi esterni
Mirage 2000-5F

Il kit
Il modello è inscatolato Kinetic; il coperchio della scatola del kit è dotato di una bella box art, raffigurante il disegno di un Mirage 2000 in volo.
Si compone di circa 170 parti in due toni di grigio, e 12 parti di trasparenti, decal e stencil per marking, nonché un libretto istruzioni con i profili in bianco/nero.
Lo stampaggio, nel complesso, è eccellente. Le linee delle pannellature sono abbastanza marcate e, onestamente, a me piacciono così.
Diversi carichi sterni sono presenti nella scatola del modello e più precisamente:

  • 4 missili Magic aria-aria
  • 1 serbatoio di fusoliera
  • 2 serbatoi alari
  • 2 serbatoi di carburante da esportazione
  • 2 missili a guida Laser AS - 30L
  • 4 missili aria-aria Matra Mica.

Il dettaglio della cabina di guida è discreto, gli alettoni possono essere installati in posizione inclinata, mentre il vano carrelli principale è abbastanza scarso di particolari; per fortuna che i portelli principali, a carrello estratto, rimangono chiusi, nascondendo alla vista buona parte dell’interno degli stessi.
Il foglio di decal, superbamente stampato, permette la possibilità di rappresentare 8 profili di versioni diverse del Mirage 2000C (4 francesi, 2 greci, uno del Qatar e uno degli Emirati Arabi Uniti).
Ho scelto di rappresentare un Mirage 2000-5F dell’Armée de l’Air, impegnato nell’operazione Harmattan, contro la Libia nel 2011.




Montaggio
Per questo kit ho acquistato diversi after market, e più precisamente:

  • dettaglio in resina dell’abitacolo della Pavla art. 48027;
  • dettaglio in resina del cono del muso della Pavla art. 48047;
  • ruote in resina della Pavla art. 48043;
  • dettaglio in resina scarico motore dell’Aires art. 4560;

Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio, utilizzando il dettaglio in resina della Pavla.
Non avevo mai acquistato dettagli in resina di questa ditta, però devo dire che mi sono trovato benissimo, a parte un pochino di "olio di gomito" per adattarlo al kit, ma non ho avuto grossi problemi e poi il costo è abbastanza contenuto.
Pertanto, dopo una colorazione eseguita con un colore grigio scuro, invecchiata tanto basta, messo in risalto pulsanti e "pulsantini" ho dato un leggero dry brush con del bianco opaco al fine di mettere in rilievo tutti gli spigoli creando delle sfumature di luce! Il cruscotto, che comprende il pannello della strumentazione, anch’esso in resina, è stato incollato dopo averlo dipinto in nero opaco, "drybrushato" con il bianco opaco sugli spigoli per meglio evidenziarlo e messo in risalto la strumentazione e i vari pulsanti.
La vasca, una volta completata, è stata inserita in una semi fusoliera senza grossi problemi.
Il seggiolino in resina è stato dipinto anch’esso in grigio scuro, il sedile e lo schienale in olive drab, le cinture in grigio chiaro e le fibbie in argento/bianco in modo da renderle ben visibili.
Purtroppo le cinture di sicurezza sono un tutt’uno con lo stampo del sedile e non foto incise, particolare che preferisco ma non si può avere tutto! Lo stesso è stato inserito nel vano abitacolo solo a costruzione finita.
Prima di chiudere le due semi fusoliere ho dovuto anche inserire la parte interna dello scarico motore, formato da un cilindro in resina, una parte sempre in resina che imita il cono e 2 piccole foto incisioni, Tutta la parte esterna dei flabelli di scarico, colorat in alluminio, evidenziati i vari "petali" del cono di scarico e invecchiato è stato anch’esso incollato a costruzione completata.
È stato sporcato all’interno e un pochino anche all’esterno con polvere di carboncino, al fine di creare quella sfumatura cotta dovuta ai gas di scarico roventi.




Ho avuto un po’ di difficoltà con le prese d’aria in quanto, a incollaggio avvenuto, l’unione non era perfetta e rimanevano felle fessure.
Le stesse sono state riempite da prima con dei pezzetti di foglio di plastica della Evergreen da 0,25 mm. e poi, successivamente stuccate.
Purtroppo nella carteggiatura alcuni dettagli superficiali sono andati persi, alcuni rifatti, altri purtroppo no! Gli interni dei pozzetti del carrello principale e anteriore, gli interni dei portelli stessi e le gambe di forza dei carrelli sono stati dipinti in alluminio.
Ho poi seguito dei "lavaggi" leggeri all’intero dei pozzetti dei carrelli e delle gambe di forza degli stessi con del nero opaco molto diluito, al fine di dare al velivolo un aspetto vissuto.
I martinetti pneumatici dei carrelli e quelli di chiusura dei portelli sono invece stati dipinti in argento lucido.




Colorazione, camouflage e marking
Per riprodurre al meglio il camouflage del Mirage 2000 ho fatto molte ricerche sul web al fine di stabilire la tonalità più precisa dei due colori.
Le istruzioni descritte sul libretto per la colorazione riportano un French blue marca Vallejo 900 e un light gray H 338 Gunze.
L’intero velivolo, superfici inferiori, superiori e serbatoi alari è dipinto in grigio chiaro Gunze 338, mentre la mimetica delle superfici superiore è in french blue a bande curvilinee.
Pertanto, per la colorazione del modello, ho deciso di usare questi colori:

  • per il grigio chiaro FS 36495 (Gunze 338) ho usato lo spray Tamiya AS 16, per le intere superfici inferiori, superiori e serbatoi alari;
  • per il french blue (Vallejo 900) a scelta è stata più difficile… alla fine ho deciso per lo spray Tamiya AS 25 (dark ghost gray).



Prima della colorazione ho spruzzato su tutto il modello una mano di primer grigio Fine Tamiya.
Dopo due "mani sottilissime" di cera, la posa delle decal, i lavaggi per evidenziare i pannelli, la mano finale di cera, il tutto è stato sigillato con del trasparente opaco.




Figurino
Per quanto riguarda il figurino ho usato quello inserito nel kit Eduard dell’F-4C , regalatomi dall’amico Ezio.
I figurini inseriti sono due, uno seduto, da inserire nell’abitacolo, e uno in piedi... scegliendo l’ultimo.
La tuta di volo è stata dipinta verde scuro ed poi ombreggiata in un verde più chiaro.
Per dare luce e profondità allo stesso è stato leggermente di nuovo ombreggiato con del bianco opaco con la tecnica del "dry bush".




Ambientazione del modello
Per la basetta ho utilizzato la solita cornice in legno, delle dimensioni di 25 x 30 cm. senza lastra di vetro.
Ho fatto tagliare al reparto falegnameria del Leroy Merlin di Caponago un rettangolo di legno, altezza 1 cm. di dimensioni adeguate, al fine di eliminare l’effetto "vasca"; è stato coperto con il biadesivo su cui sono stati incollati dei rettangoli di cartone di spessore 2/3 mm., al fine di riprodurre la pavimentazione in cemento.
È stato poi ricoperto con il pigmento della Tamiya 87115 "pavement effect light gray", leggermente carteggiato con carta abrasiva finissima ed evidenziate le linee di unione tra un rettangolo e l’altro con del nero opaco diluitissimo e polvere di bastoncini di carboncino, materiale usato per disegno.
Dopo la formazione della segnaletica orizzontale bianca che delimita la pista eseguita a spruzzo, previa mascheratura della zona interessata, la superficie è stata leggermente "invecchiata" e sporcata.
Lo spazio rimasto è stato riempito di vinavil e cosparso di sabbia fine e sassolini; una volta tolto il surplus è stato spruzzato con del sabbia chiaro e "drybrushato" con del bianco per creare un effetto 3D.
Per finire sono stati incollati piccolissimi cespugli e leggermente cosparso in alcune zone con dell’erba usata nel modellismo ferroviario Infine è stato incollato al fondo della basetta con del mastice universale.
L’opacizzazione è stata fatta usando un normale trasparente spray opaco comprato in ferramenta.

Profilo del Mirage 2000-5F


Conclusioni
Un buon modello, forse un tantino complicato l’assemblaggio delle due prese d’aria ma nel complesso più che positivo.




Ora ho sulla mia mensola l’MB-339 della Frems, l’F-4C della Eduard e il Mirage 5F della Wingman Models che aspettano...
Le informazioni tecniche sono state tratte da wikipedia, mentre le fotografie sono state fatte con il mio nuovo smartphone, un Samsung Galaxy J5.
Buon modellismo a tutti!

Marco Vergani

[Gallery]

22.09.2016




Commento di Giampaolo Bianchi [24/09/2016]:
caro Marco come al solito un gran bel lavoro..quello che mi ha particolarmente colpito e' il dettaglio delle pannellature..PERFETTO!!!
VORREI SAPERE CHE TECNICA USI.. soprattutto come la usi..
GRAZIE
Giampaolo

Commento di Gianni [25/09/2016]:
Un bellissimo lavoro dettagliato e accurato , se penso alle bombolette spray mi viene male...ci vuole moltamolta attenzione, interessante anche la curiosità che citavi.
Bravissimo.
Gianni

Commento di marco vergani [26/09/2016]:
per Giampaolo.
Caro "Giamp", non ho l'abitudine di fare un preshading del modello prima della verniciatura e, pertanto, dopo la verniciatura stessa e la stesura della cera con un pennellino finissimo ripasso le pannellature usando il prodotto pannel line Tamiya ... io mi ci trovo bene ..... al prossimo e grazie anche a Gianni ... troppo buoni.
Marco.

Commento di Riccardo Casati [26/09/2016]:
Ciao Marco io nn mi intendo molto di aerei ma mi sembra un ottimo lavoro . Sia il modello che la spiegazione di come lo hai eseguito ... un saluto

Riccardo

Commento di ezio bottasini [26/09/2016]:
Ciao Marco come spesso modello visto dal vero. Molto bello e ben realizzato. Ottimo l'articolo molto completo e dettagliato. Vai avanti ad usare le tue "care e fedeli bombolette. Alla prossima Ezio.

Commento di Lauro Bonfà [26/09/2016]:
Complimenti Caro Marco,modello splendido molto accattivante la livrea mimetica.Ho sempre trovato affascinante la linea dei Mirage,con le particolari ali a delta.Un Bravissimo è d'obbligo. Lauro

Commento di Marco Vergani [26/09/2016]:
Grazie a tutti, troppo buoni... finalmente posso usare in tutta "pace" le mie care bombolette spray ..
Ciao a tutti, Marco

Commento di giovenco giuseppe [27/09/2016]:
modello da veterano, lavoro da veterano, ..... mi chiedevo se a questo punto della tua vita modellistica non sia il caso di noleggiare un hangar per tutti i tuoi lavori!!!!... ma, hangar a parte, il tuo miragino è davvero intrigante - mi sovviene una collana di fumetti con i tenenti dell'aviazione francese Tanguy e Lavardure - hai fatto in tempo a leggerli?

Commento di marco vergani [27/09/2016]:
per Giuseppe,
grazie per il tuo commento ..... onestamente non li ho mai sentiti.
ciao, Marco

Commento di Vito [27/09/2016]:
Ciao Marco
Davvero un ottimo lavoro
Il più bello e realistico visto fin ora tra i tuoi modelli
Bravo bravo e bravo per il modello e per i continui professi.
Ciao Vito

Commento di Massimo M. "Pitchup" [01/10/2016]:
Ciao Marco
complimenti per la tua realizzazione. Il Mirage 2000 è per me un aereo bellissimo ma oscurato dai pariclasse americani. Aggiungo solo che come ipotesi l'AMI, o meglio il governo italiano, valutò anche il semplice "acquisto" delle ore di volo (20.000 mi pare) delegando in pratica agli equipaggi francesi la sorveglianza aerea!!!!!
Ottimo lavoro!
saluti
Massimo "pitchup"

Commento di marco vergani [05/10/2016]:
Grazie a Vito e a Massimo per la sua precisazione.
Un saluto, Marco.

Commento di maurizio ugo [16/10/2016]:
...ciao Marco, ottimo modello, piacevole come tutti i velivoli francesi ad ala a delta, questo tra l'altro ITALERI, lo sto facendo pure io, e sicuramente prenderò spunto dal tuo servizio....
un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No