Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

"Mein Gott!"
"Mein Gott!"

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

F-104G & F-104S "Starfighter"

Marco Vergani




Sono arrivato al terzo e quarto "Spillone"... chi lo avrebbe mai detto!!
Devo precisare che tutti e due i modelli sono della Eduard, acquistati insieme all’amico Ezio, ma lo stampo è il solito e bellissimo Hasegawa... come però tutti i kit Eduard, di un certo prestigio, all’interno abbiamo di tutto di più!!

F-104G
Nella scatola, con un coperchio molto accattivante, sono inclusi:

  1. 10 stampi in plastica grigio chiarissimo per un totale di 125 pezzi;
  2. 1 stampa di trasparenti per un totale di 19 parti;
  3. Due seggiolino in resina, uno tipo C2 e l’altro tipo M.B. CQ-7;
  4. Lastrina foto-incisa per abitacolo e cinture di sicurezza per i due seggiolini;
  5. Foglietto mask per le parti trasparenti;
  6. 2 fogli decals per marking (5) e stencil;
  7. 1 bellissimo libretto istruzioni con le 5 tavole a colori per profili e 2 tavole per gli stencil.


F-104G

Dopo due F-104 questo è stato costruito quasi ad occhi chiusi... scherzo naturalmente ma sicuramente non ho fatto alcuni piccoli errori/imperfezioni fatti nei precedenti, dato ormai la mia "grande esperienza" con il 104 Hasegawa !! (non è per niente vero!).
Per il 104G ho preso spunto da quello dell’amico Ezio, apparso su questo sito; per non farlo proprio uguale ho deciso, però, di cambiare un pochino schema di camouflage e reparto operativo.
Pertanto, gli unici aftermarket acquistati sono stati i fogli decal della Tauro per riprodurre un velivolo italiano dell’A.M.I. e precisamente il Tauro Model 48-570 (insegne di nazionalità e di reparto), e 48-511 (numeri di codici di reparto), ah, dimenticavo il tubo di Pitot in ottone della Master art. 40044, troppo bello!
Tutti gli stencil sono stati invece reperiti dal foglio decal presente nel kit marca Cartograph, che solo bellissimi!!




Montaggio
Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio del pozzetto, usando le fotoincisioni inserite nella scatola riguardanti il cruscotto e le console laterali, migliorano di molto il realismo... brava Eduard!
I colori usati per la zona abitacolo sono stati i seguenti:

  • H140 per l’interno dell’abitacolo, compresa la struttura metallica del seggiolino;
  • H155 per palpebra cruscotto e imbottitura seggiolino, a cui sono state date delle pennellate a dry brush con 155 schiarito per simulare l’usura;
  • H33 per impugnatura della barra di comando e pannelli sulle consolle laterali, su cui sono stati poi incollate le fotoincisioni Eduard.

Il montaggio non ha richiesto particolari accorgimenti e una quantità minima di stucco; sono state aggiunte le strutture interne ai trasparenti principali ottenute con rod evergreen 220 con diametro di 0,88 mm, con l’aggiunta degli specchietti retrovisori e due maniglioni di recupero.
Per quanto riguarda il bellissimo seggiolino in resina tipo C2, la struttura è stata colorata in grigio chiaro, in verde oliva l’imbottitura del sedile, in rosso il poggia testa ed infine incollate tutte le varie cinture della lastrina inserita nel kit.
Infine con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto) ho dato luce all’interno dell’abitacolo usando del bianco opaco.
Gli interni dei pozzetti del carrello principale e anteriore sono stati dipinti in alluminio opaco usando lo smalto humbrol n. 56.
Ho poi seguito dei "lavaggi" all’intero abitacolo e alle nervature dei pozzetti del carrello principale con del marrone opaco molto diluito, al fine di dare aspetto al velivolo un aspetto vissuto.
Lo scarico dello J79 dopo averlo verniciato di nero opaco, l’ho "drybrushato" prima con l’H53, poi con passate leggere sempre a dry brush con l’H52 ed infine con l’H55, seguendo le indicazioni dei kit fatti precedentemente dall’amico Ezio.




Colorazione, camouflage e marking
Il modello rappresenta il velivolo con il numero individuale 51-08, in forza al 21º Gruppo della 51º Aerobrigata, contraddistinto dalla particolare verniciatura chiamata "antiradiazione" usata nei primi anni ’60.
Pertanto ho usato:

  • per le ali superiori bianco opaco;
  • per la parte in metallo naturale, alluminio e silver di diversi spray Tamiya.

Come sapete, ormai, non posseggo un aerografo e pertanto per distinguere le parti in N.M. quelle soprattutto nella zona motore "cotte" dal calore ho agito nel seguente modo: * prima di tutto ho usato un silver diverso da quello usato per l’intera fusoliera, poi ho definito i pannelli da "scurire" delimitandoli con del nastro adesivo di carta e poi evidenziandoli con la polvere di grafite. Infine tutti i rivetti sono stati ulteriormente "evidenziati", uno per uno, con il panel line accent black della Tamiya. Un altro piccolo pannello è stato colorato in grigio chiarissimo. Dopo una mano di cera, la posa delle decal, i lavaggi per evidenziare i pannelli e la mano finale di cera, il tutto è stato sigillato con del trasparente opaco per le superfici superiori e del trasparente semilucido per le superfici inferiori.
Le decal derivano, come sopra citato, da diversi fogli Tauro Model come il 48-570 (insegne di nazionalità e di reparto), e il 48-511 (numeri di codici e reparto).
Una precisazione doverosa: le decal dei numeri di reparto sono state posizionate non come da istruzioni del foglio Tauro ma bensì tenendo conto della foto raffigurante proprio il velivolo reale dove si può notare che, i numeri stessi, sono posizionati leggermente avanzati rispetto al muso del velivolo, mentre nelle istruzioni Tauro sono invece più "arretrati".
Ho anche chiuso la "bocca" del cannone con un pezzo in resina della forma abbastanza corretta ma un pochino sovradimensionato in quanto, sempre dalla stessa fotografia, si vede chiaramente che la stessa è chiusa.
Spero dii avere fatto la cosa giusta!!




Figurini
Per quanto riguarda i figurini in resina usati in questo diorama sono:

  1. Plus Model art. 4017 pilota USA dell’F-105;
  2. Aerobonus AEB 480065 USAF fighter pilot.


I figurini sono stati dipinti tenendo conto delle uniformi dei piloti dell’AMI e schiarito ed ombreggiato con successive passate di colori chiari e scuri con tonalità simili al colore di base, al fine di dargli profondità.
Ho anche dipinto il triangolino tricolore sulla manica di sinistra.




Ambientazione dei modelli
Per la basetta ho utilizzato la solita cornice in legno, delle dimensioni di 30 x 40 cm. senza lastra di vetro.
Ho fatto tagliare al reparto falegnameria del Leroy Merlin di Caponago un rettangolo di legno di altezza 1 cm. di dimensioni adeguate, al fine di eliminare l’effetto "vasca"; è stato coperto con il biadesivo su cui sono stati incollati dei rettangoli di cartone, per imitare la pavimentazione in cemento.
E’ stato poi ricoperto con il pigmento della Tamiya 87115 " pavement effect light gray", leggermente carteggiato con carta abrasiva finissima e infine evidenziate le linee di unione tra un rettangolo e l’altro con del nero opaco diluitissimo.
La segnaletica orizzontale bianca e gialla che delimita la pista è stata eseguita a spruzzo previa mascheratura della zona interessata.
Ho voluto creare una piccola zona "a verde" con sassi e ciuffi d’erba sintetica, per dare un po’ di colore alla basetta stessa.
E’ stato opacizzato usando un normale trasparente spray opaco comprato in ferramenta e infine incollato al fondo della basetta con del mastice universale.
Ho voluto inserire un’asta porta bandiera sulla cui cima sventola, orgogliosamente, il Tricolore!!




Il basamento è fatto con 4/5 quadratini, incollati insieme, di plastica foglio Evergreen di 2 mm; il pezzo è stato carteggiato per arrotondare i quattro spigoli, verniciato in grigio cemento e opportunamente "sporcato".
L’asta è sempre un tondino di Evergreen, a cui sono stati incollati due piccolissimi tondini rotondi che fanno da carrucole; a queste è stato incollato il "cavo" porta bandiera fatto con filo da cucire, "irrigidito" con la colla ciano.
La bandiera, incollata a sua volta sul cavo, è fatta di carta colorata con i pennarelli.

Marking dell’F-104G


F-104G

Profilo dell’F-104G M.M. 6558/3-02 del 21º Gruppo, 51º Aerobrigata.
Il 21º Gruppo fu il secondo reparto italiano ad essere dotato del nuovo caccia e, per l’occasione venne rischierato fino all’aprile 1964 sull’aeroporto di Grosseto, prima di essere traferito in modo definitivo sulla base di Cameri (NO), dove si staccò dalla 51º Aerobrigata per operare come 21º Gruppo Autonomo CI.
Infine, il 1º aprile 1967 venne posto sotto il controllo del neocostituito 53º Stormo Caccia Intercettori.
Il camouflage adottato detto "antiradiazione" prevedeva parte della fusoliera superiore e le ali verniciate in bianco, per meglio disperdere una eventuale onda di luce e calore provocata dallo scoppio di un ordigno nucleare.


F-104G

Lo schema venne poi modificato, come nel caso del modello rappresentato (vedi profilo sopra riportato) mantenendo la fusoliera in metallo naturale e verniciando di bianco solamente la parte superiore delle ali.
Nel corso degli anni gli Starfighter italiani sono stati riverniciati con uno schema mimetico a larghe bande in grigio mare e verde scuro con la parte inferiore della fusoliera grigio-argento, e solamente a partire da metà degli anni ’90 hanno adottato una colorazione grigio chiaro integrale.




F-104S
Anche questo kit è della Eduard, pertanto non mi dilungo sul montaggio del modello in quanto vale quello scritto per il G; descriverò invece meglio la colorazione eseguita.
Il modello rappresenta il velivolo con il numero individuale 50-03, in forza al 50º Stormo CB - 155º Gruppo "Pantere Nere"- con mimetizzazione NATO, verniciato in grigio mare scuro con bande trasversali in verde scuro sulle superfici superiori ed in grigio-argento su quelle inferiori.
Pertanto ho usato:

  • F.S. 34079 – humbrol 116 per il verde scuro per le superfici superiori;
  • F.S. 36152 – humbrol 125 per il grigio mare scuro per le superfici superiori;
  • Light Silver-gray - spray Tamiya AS12 per le superfici inferiori.

Prima della colorazione ho spruzzato su tutto il modello una mano di primer grigio fine Tamiya; per quanto riguarda la verniciatura delle superfici superiori ho prima steso il grigio mare, poi con opportuna mascheratura usando del nastro apposito, ho creato le bande trasversali per il verde scuro.
Per quanto riguarda il bellissimo seggiolino in resina, in questo caso il M.B. CQ.7, la struttura è stata colorata in grigio chiaro, in verde oliva l’imbottitura del sedile e dello schienale, infine incollate tutte le varie cinture della lastrina inserita nel kit.
Dopo una mano di cera, la posa delle decal e la mano finale di cera, prima di dare il trasparente opaco per le superfici superiori e del trasparente semilucido per quelle inferiori ho invecchiato l’intero modello, accentuando tutte le pannellature con il prodotto panel line accent black della Tamiya.




Per quanto riguarda le decal delle insegne di reparto mi sono stati gentilmente offerti dall’amico Ezio, i numeri dei codici individuali ed alcuni stencil "tipicamente italiani" provengono dal bellissimo foglio decal della Sky 48-031, mentre gli altri stencil provengono dal solito foglio inserito nel kit stesso, marca Cartograph, a mio parere bellissime.
Una particolarità del modello S sono le due pinne ventrali laterali, oltre a quella centrale, inserite nel kit Eduard... meno male che Eduard ci ha pensato!
L’altra, più ostica, sono le pannellature della presa d’aria differenti per forma da quelle trapezoidali del modello G. Queste sono infatti rettangolari e nel kit sono presenti solo le prese d’aria per il modello G... non si può avere tutto dalla vita!
Volevo provare a modificarle carteggiando quelle errate e incidendo i due pezzi delle prese con le pannellature rettangolari corrette ed in effetti ci ho provato... a Voi l’ardua sentenza!!

Marking dell’F-104S


F-104S

Profilo dell’F-104S M.M. 6875/50-03 del 50ºStormo CB – 155º Gruppo "Pantere Nere" nonché una rara immagine dello stesso velivolo sulla base di Piacenza San Damiano.
Il 50º Stormo tuttavia ebbe vita breve con lo Starfighter, poiché nel 1973 venne sciolto con la chiusura della base e il suo trasferimento al 51º Stormo di Istrana (TV).


F-104S

Il camouflage adottato detto "NATO" prevedeva le superfici superiori della fusoliera e delle ali verniciate in grigio mare scuro con bande trasversali in verde scuro, mentre in grigio-argento quelle inferiori.
Solamente a partire da metà degli anni ’90 è stata adottata una colorazione grigio chiaro integrale "bassa visibilità".

Particolare della coda dell’F-104S 50-03

la realtà

il modello

Conclusioni
E sono arrivato al terzo e quarto "Spillone"...
Certo che con gli F-104 italiani c’è da sbizzarrirsi... camouflage "NATO" con i numeri neri, con i numeri bianchi e le insegne alta visibilità, con i numeri e le insegne "low visibility", per non parlare poi del camouflage grigio chiaro sempre a bassa visibilità, nonché i reparti operativi che per quasi quarant’anni hanno volato sullo "Spillone".
Un grazie di cuore all’amico Ezio che mi ha fatto conoscere e amare lo "Spillone"!




P.S. Come mi ha fatto notare Massimo "Pitchup" avevo sbagliato nel montare le alette dei serbatoi alari nei primi due F-104, sbagliando anche su questi due modelli.
Mi sono "armato" di santa pazienza e ho deciso, nonostante anche questi due ultimi modelli fossero già completati, di riparare all’errore... un po’ "grossolano" in verità!!
Ho anche colorato le luci di navigazione sulla fusoliera e sui serbatoi alari come mi aveva fatto notare Vito... grazie per le Vs. osservazioni utili per migliorare i modelli futuri...

Buon modellismo a tutti !!

Marco Vergani

[Gallery]

28.06.2015

I due prossimi "Spilloni", il quinto e sesto (gli ultimi della serie, promesso) riguarderanno un F-104S ASA-M del 5º Stormo, 23º Gruppo in camo "low visibility" mentre il sesto sarà un altro TF-104G, questa volta in camo "Nato" con insegne ad alta visibilità del 4º Stormo.





Commento di maurizio ugo [29/06/2015]:
.....ciao Marco, grazie per la visione di altri due "Spilloni", hai subito anche te il fascino di questo meraviglioso velivolo, e hai realizzato questi due esemplari in modo piacevole, anche la diversificazione della livrea, rende l'insieme bellissimo.......unico appunto....la bandiera Italiana ....troppo inamidata....
....scherzi a parte complimenti....
un salutone maurizio

Commento di ROBERTO [29/06/2015]:
Io conosco un tizio che ne ha 36 da fare, gli fate concorrenza? :-)

Commento di Vito [29/06/2015]:
Ciao marco, ma allora è proprio un grande amore !!!!!! Come sempre bel lavoro.

A presto Vito

Commento di Marco Vergani [30/06/2015]:
Grazie per i vs. commenti ...
per Ugo: è vero, la bandiera è troppo tesa, ma così si vede bene; per Roberto: sei kit dello stesso modello per me sono già troppi .....; per Vito : ci vediamo a luglio ...
un caro saluto, Marco

Commento di Massimo "Pitchup" [01/07/2015]:
Ciao Marco
sempre un bel vedere gli spilloni!! Poi i metallici secondo me hanno una marcia in più davvero. Davvero spettacolare l'insieme in particolare il 51-08 è stupendo.
Piccola modifica: i portellini del carrello anteriore del 51-08 andrebbero riposizionati al contrario.
saluti Massimo "Pitchup"

Commento di Enrico Calanchini [01/07/2015]:
Il cacciatore di stelle non sarà mai inflazionato è troppo bello in tutte le versioni possibili.
Questa coppia è irresistibile, davvero due magnifiche realizzazioni modellistiche.

Complimenti attendo i prossimi
Ciao Enrico

Commento di Marco Vergani [02/07/2015]:
per Massimo: mannaggia è vero, e si che la foto "parla" chiaro..... riesci sempre a vedere qualche difettuccio ...stavolta però li lascio così.....
per Enrico: grazie.
Ai prossimi "Spilloni" ... dopo le vacanze!!
Ciao, Marco

Commento di Luca Navoni [02/07/2015]:
Ciao Marco,

davvero due bei pezzi.....!!! a me sinceramente piace molto la versione in livrea mimetica e sarò curioso di vedere i tuoi prossimi gioiellini.....!!! ;)

un saluto, Luca

Commento di Marco Vergani [03/07/2015]:
A Luca .... grazie 1000!!
Per i prossimi dovrai aspettare dopo le vacanze, L'ASA M è già terminato ma ancora devo procurarmi il kit del TF ...... dal buon Vito ....
A presto.
ciao, Marco

Commento di ezio bottasini [06/07/2015]:
Ciao Marco, belli puliti e ordinati, sei satao troppo buono nel riferirsi a me, il grosso del lavoro l'hai fatto tu, complimentoni.
Comunque io ne ho pronto uno, in giacenza cinque e un altro da anddare a prendere da Vito, per un totale di 61 (tra 72, 48 e 32), penso che poi basta visto che non ho più posto....... Ciao a tutti e Buone Vacanze io purtroppo le ho già fatte e ho davanti tutto il caldo estate a casa...



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No