Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Alessandro Magno
"Da là arrivate prima!!!"

A-1 Douglas "Skyraider"

Ezio Bottasini e Marco Vergani




Il Douglas A-1 Skyraider era un cacciabombardiere monomotore ad ala bassa prodotto dall'azienda statunitense Douglas Aircraft Company negli anni quaranta.
Realizzato poco dopo la seconda guerra mondiale venne usato intensamente in Vietnam.
Uno degli aerei imbarcati su portaerei meglio realizzati ed anche una delle poche macchine di questo genere a compiere con successo la transizione all'impiego su vasta scala da basi terrestri, lo Skyraider fu progettato per operare come bombardiere in picchiata e aerosilurante.
Il primo volo fu nel 1945 e nel 1947 fu consegnato il primo lotto dei 3.180 esemplari di Skyraider complessivamente prodotti; Venne ritirato dal servizio nel 1968.
Sebbene equipaggiato con un motore aeronautico a pistoni, soluzione tecnica apparentemente sorpassata per un velivolo di prima linea, il modello venne utilizzato dalla U.S. Navy per oltre 20 anni.
Ha partecipato a numerosi conflitti bellici, ma specialmente in Corea e Vietnam, riuscendo addirittura ad abbattere un paio di caccia MiG-17.
Gli A-1 della U.S. Navy erano inizialmente dipinti con una livrea blu scuro, ma durante gli anni cinquanta adottarono la nuova livrea introdotta per quasi tutti i tipi di aerei basata sui colori grigio chiaro FS36440 per le superfici superiori e laterali e bianco lucido FS17875 per le superfici inferiori e le superfici mobili di controllo.
L'USAF, dopo aver inizialmente adottato la colorazione grigio-bianca della U.S. Navy, dal 1967 iniziò a dipingere i propri Skyraider con la nuova livrea mimetica introdotta nel sud-est asiatico, denominata "Vietnam", con tutte le superfici superiori e laterali a chiazze di verde scuro FS34079, verde medio FS34102 e marrone FS30219 mentre le superfici inferiori erano grigio chiaro FS36622.
Lo Skyraider rimase in servizio operativo nella U.S. Navy sino ai primi anni settanta quando venne sostituito dai Douglas A-4 Skyhawk.




La guerra in Vietnam
Utilizzato della U.S. Navy in Corea ed in Vietnam, l'A-1 svolse un ruolo primario nel supporto aereo per l'USAF e la Không Quân Nhân Dân Viêt Nam, l'aeronautica militare sudvietnamita, acquisendo nelle missioni la meritata fama di grande incassatore, ricevendo decine di colpi e ciò nonostante continuando a volare.
L'unica accortezza è stata l'applicazione di una corazzatura supplementare attorno alla cabina di pilotaggio per meglio proteggere il pilota.
L'unico punto debole, come si vide dopo il 1972 era il motore radiale, molto caldo, una vera calamita per i missili a guida IR spalleggiabili (come lo SA-7 Strela-2 e non), che iniziavano ad essere sempre più diffusi sia tra i guerriglieri Vietcong sia tra i regolari nord vietnamiti.


A-1 Douglas "Skyraider"

Dati tecnici:

 costruttore :
Douglas Aircraft
 impiego bellico :
cacciabombardiere monoposto imbarcato
 lunghezza :
m. 11,84 m
 apertura alare :
15,25 m
 motori :
un radiale Wright R-3350
 velocità max:
518 km/h
 autonomia :
2115 Km
 tangenza :
8685 mt.
 Piloni :
6 sub-alari, 2 estremità alari e 5 sotto la fusoliera
 armamento :
4 mitragliatrici Hispano-Suiza da 20 mm.
15 piloni fino a 3630 kg. di carichi bellici quali:
- serbatoi alari
- bombe
- razzi


A-1 Douglas "Skyraider"

Il kit
Nella scatola sono inclusi:

  1. 6 stampi in plastica grigio chiarissimo;
  2. 1 stampa di trasparenti per un totale di 5 parti;
  3. 2 fogli decals per 3 marking e stencil;
  4. 1 libretto istruzioni formato da 12 pagine, con immagini dei 3 profili da riprodurre.

Il kit fornisce opzioni per i tre aerofreni (quello ventrale e i due laterali) che possono essere lasciati aperti o chiusi, mentre i flaps possono essere estesi oppure piegati.
Una caratteristica che è presente in questo kit sono i "tappi" di plastica nera da installare all'interno della linea di mezzeria ed entrobordo dei 3 serbatoi esterni e delle due bombe da 2000 lb che consentono un miglior incastro fra quest’ultimi e i loro rispettivi piloni.
Per quanto riguarda invece i restanti dodici piloni sub-alari i loro carichi esterni, bombe e/o razzi, si incollano nel modo più tradizionale, ovvero usando la colla ciano.
I carichi esterni presenti nel kit sono i seguenti:

  • tre serbatoi esterni;
  • dodici razzi HVAR;
  • quattro pod FFAR per razzi;
  • dodici bombe da 250 lb;
  • due bombe da 2000 lb;
  • sei tubi di razzo SUU-14.

Per i carichi esterni abbiamo deciso, in comune accordo, di utilizzare il serbatoio ventrale, i due alari, i 4 rocket pod FFAR da 2,75 pollici e 6 lanciarazzi a tubo da 2,75 pollici.
Le decal sono per tre esemplari e precisamente:

  • A - 1H, 137543, VA-176, AK/409, USS Intrepid, 1966
  • A - 1H, 139768, VA-25, NE/577, USS Midway, 1964
  • A - 1H, 134569, VA-52, NM/300, USS Ticonderoga, 1964




Montaggio di Marco Vergani
Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio del pozzetto, come sopra già descritto, è abbastanza buono ma è stato "migliorato" usando fotoincisioni di cinture di sicurezza Eduard avanzatemi da un velivolo USA, tanto per accentuare il realismo di questa parte, molto importante secondo me nei modelli.
Tanto per dare un tocco di realismo in più ho acquistato dei dettagli in resina della Quickboost e più precisamente:

  • dettaglio elevatore cupolino QBT 48490;
  • gun barrels QBT 48561;

e per facilitarmi la vita anche il foglio mask della Montex SM 48047.

Le strumentazioni dell’abitacolo, il seggiolino e la parete posteriore sono stati colorati in nero opaco con lo spray Tamiya TS 63 mentre il pavimento in grigio scuro TS 4.
Con la tecnica del dry brush ho evidenziato le strumentazione delle consolle laterali dell’abitacolo con del bianco paco, mentre per quelle del cruscotto ho usato le decal del kit.
Infine, sempre con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto) ho dato luce all’interno dell’abitacolo usando del bianco opaco.




Gli interni dei pozzetti del carrello principale, del ruotino di coda, della gondola motore sono stati dipinti in bianco opaco usando lo smalto humbrol n. 34.
Ho poi seguito dei "lavaggi" all’intero abitacolo e alle nervature dei pozzetti del carrello principale con del marrone opaco molto diluito, al fine di dare aspetto al velivolo un aspetto vissuto.




Colorazione, camouflage e marking di Ezio Bottasini
Gli A-1 della U.S. Navy erano inizialmente dipinti con una livrea blu scuro, ma durante gli anni cinquanta adottarono la nuova livrea introdotta per quasi tutti i tipi di aerei basata sui colori grigio chiaro FS36440 per le superfici superiori e laterali e bianco lucido FS17875 per le superfici inferiori e quelle mobili di controllo.
La colorazione è stata effettuata dopo aver steso una mano di Primer Bianco Fine della Tamyia ed aver creato un preshading cun grigio scuro H32, sono stati usati gli smalti Humbrol ad aerografo e precisamente:

  • H 129 per le superfici superiori;
  • H 34 per quelle inferiori e le parti mobili.

Il modello riprodotto è quello dell’A-1 H del Va 176 (AK – 409) imbarcato sulla USS Intrepid nell’ottobre del 1966, che ha partecipato alla guerra in Vietnam.
La scelta è stata dettata dalla bellissima livrea di questo velivolo, dipinta sulla fusoliera destra e sinistra vicino all’impennaggio verticale, che riproduce una "scherzosa" grossa vespa pronta a "colpire" con il pungiglione.
Per preparare lo stesso all’applicazione di tutte le decals e stencil (abbastanza numerosi), ho steso sullo stesso due strati di cera e, una volta ben asciutta, ho posizionando le stesse.
Dopo il posizionamento delle decals ho voluto dare al modello un aspetto vissuto, dovuto all’usura, alle manutenzioni varie, ma soprattutto al fumo dei gas di scarico.
Per quest’ultimo, come si vede da tutte le foto di questo velivolo, le strisciate causate dal fumo dei gas di scarico del motore erano molto evidenti in quanto veniva "bruciato" contemporaneamente anche molto lubrificante.
Le fumate sono state riprodotte con una mescola "UNI ad occhio" con H113 color ruggine e H33 nero opaco Infine, dopo avere messo in evidenza le linee delle pannellature con una mina limata a becco di flauto, ho sigillare il tutto con trasparente satinato.




Figurino di Ezio Bottasini
Per quanto riguarda il figurino ho utilizzato quello in resina della Aerobonus art. 480085 ""USAAF pilots Vietnam war"1966", molto bello e ad un prezzo abbordabile.
E’ stato colorato come da istruzioni e poi schiarito ed ombreggiato con successive passate di colori chiari e scuri con tonalità simili al colore di base, al fine di dargli profondità.




Ambientazione di Marco Vergani
Per la basetta ho utilizzato la solita cornice, senza lastra di vetro, delle dimensioni di 40 x 26 cm. circa Da una ricerca sul web ho potuto appurare che la USS Intrepid era stata varata nel 1943 e "messa a riposo" nell’anno 1974, diventando poi un museo galleggiante.
Pertanto ho deciso di riprodurre il ponte di volo con listelli di legno utilizzati nel modellismo navale, incollati sul piano della basetta stessa utilizzando del bi-adesivo.
L’unica mancanza sono le parti metalliche di scarico dell'acqua che erano presenti sui ponti delle porterei USA della II G che volevo riprodurle con delle fotocopie scaricate dal web … che purtroppo non ho trovato.
Le righe bianche che simulano la pista sono state eseguite a spruzzo previa mascheratura della zona interessata, eseguendo per ultimo un lavaggio finale ad olio con marrone d’ombra.
L’opacizzazione è stata fatta usando un normale trasparente spray opaco comprato in ferramenta mentre le strisciate dei pneumatici sono state eseguite con una matita nera molto morbida.
Infine, per le sporcature ho usato una mescola diluitissima di nero e marrone opachi.

Marking dell’A-1H


A-1H - numero identificativo AK-409 – numero di serie 137543, del Va.176, imbarcato sulla USS Intrepid nel 1966, che partecipò alle missioni di bombardamento durante il conflitto vietnamita


Attack Squadron 176

L’Attack Squadron 176 fondato il 4 giugno 1955 (VA-176), noto come "Thunderbolts", era uno squadrone di attacco imbarcato sulla portaerei USS Intrepid (CV-11) della Marina degli Stati Uniti (U.S. Navy), partecipando attivamente alla guerra in Vietnam e successivamente, nel 1983, in Libano.

Durante il conflitto asiatico due membri dello squadrone divennero noti per l’abbattimento di due MiG-17 nordvietnamiti, avendo la meglio con un velivolo ad elica, come l’A-1 Skyraider, su dei velivoli a getto.




Conclusioni
Tamiya ha fatto, come al solito, un ottimo lavoro con questo kit, rendendo questo Skyraider il migliore in assoluto nella scala in 1/48.
Tra l’altro il prezzo di questo kit è abbastanza "popolare" anche se nella scatola purtroppo non troviamo nessun articolo in resina oppure lastrine foto incise.
Come avete certamente capito questo A-1 è stato fatto a " quattro mani" e ognuno a "messo del suo"...

Buon modellismo a tutti !!

[Questo modello ha vinto il terzo premio (bronzo) al Concorso modellistico Pro Loco di Giussano (MB) il 14/15 marzo 2015]





Nota: La documentazione sullo Skyraider è stata tratta dal sito Wikipedia.





Commento di Enrico Calanchini [24/03/2015]:
Bellissimo, stupenda realizzazione in toto, questo velivolo mi ha sempre affascinato.
Complimenti, e congratulazioni per per il premio ottenuto, bravi davvero.

Enrico

Commento di Roberto [27/03/2015]:
Ottimo lavoro a quattro mani, bello l' invecchiamento. Forse era da far staccare un po' di più il bianco delle superfici mobili, ammesso che l' appiattimento non sia dovuto alle foto. Una cosa che non mi convince è il ponte in legno. All' epoca del Vietnam, credo avessero già adottato il ponte angolato, e non so se fosse ancora rivestito in legno, ma sicuramente doveva essere verniciato.

Ciao Roberto

Commento di maurizio ugo [27/03/2015]:
...SIGNORI, mi inchino a questo modello a quattro mani...... complimenti, è un aereo che mi attrae molto, in questa colorazione, un saluto e un abbraccio a tutti e due!!!!!
maurizio

Commento di Francesco Sasso [29/03/2015]:
Bellissimo il vostro lavoro, di certo unire le vostre capacità ed esperienza consente di ottenere questi risultati! Bravissimi.
Vi saluto, alla prossima.
Francesco

Commento di Mario Bentivoglio [08/04/2015]:
Ezio, MArco..splendido lavoro !!! L'ho potuto ammirare dal vivo alla mostra a Giussano!
:-)
Dal vivo è ancor più bello!
Un salutone
ciao
mario

Commento di marco vergani [09/04/2015]:
Grazie a tutti ... da parte mia e di Ezio.!!
Marco



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No