Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Messerschmitt Bf. 109G-6

Assi Regia Aeronautica

Marco Vergani




Brevissima descrizione tecnica del Bf 109G Gustav:
È la versione più prodotta in assoluto, con punte di oltre 1.000 macchine mensili nel 1944.
Il motore era il Daimler-Benz DB 605 AM 12 da 1.475 hp.
Raggiungeva una velocità di 620 km/h a 6.900 metri e 610 km/h a 4.000 metri.
Poteva salire fino a 11.500 metri e aveva un'autonomia di 600 km, che arrivava a 1.000 km con serbatoi sganciabili da 300 litri.
Era armato con un cannone MK 108 da 30 mm. o da un MG 151 da 20 mm, sparanti attraverso il mozzo dell'elica, e due mitragliatrici MG 131 da 13 mm montate sulla cappottatura motore e sparanti attraverso il disco dell'elica.
Alcuni modelli potevano montare anche due cannoncini da 20 o 30 mm. sotto le ali.
Fu adottato dalle forze aeree di molti paesi come l’Italia, militando sia nella Regia Aeronautica che nelle file della A.N.R.


Me Bf 109G

Il modello è della Italeri, ovviamente in scala 1/48.
Nel kit sono inclusi:

  1. quattro alberi di stampate in plastica color grigio chiaro per un totale di 88 pezzi;
  2. una stampata per i trasparenti dedicata al tettuccio dalle pareti molto fini, cui si aggiungono la riproduzione della piastra interna a protezione della testa del pilota e del collimatore Revi;
  3. un foglio decal molto bello per ben 6 marking (tre esemplari della R.A. e tre della A.N.R.);
  4. un libretto istruzioni e tavola a colori dei sei esemplari da riprodurre sul coperchio della scatola.



Le decals incluse sono per sei esemplari, tre della R.A. e tre della A.N.R. e precisamente:

  1. Messerschmitt Bf. 109G-6/R6/Trop. del 150º Gruppo autonomo della R.A. di base a Sciacca (AG) nel luglio 1943, utilizzato, molto probabilmente, dal Magg. Antonio Vizzotto, comandante del medesimo Gruppo;
  2. Messerschmitt Bf. 109G-6/R 6, W.Nr. 18391, della 364º Squadriglia, 150º Gruppo autonomo C.T., basato a Sciacca (AG) nel giugno del 1943, del Capitano Mario Bellagambi che, dopo l’armistizio, divenne il comandante della 5º squadriglia del 2ºgruppo C.T. della A.N.R.;
  3. Messerschmitt Bf. 109G-6/Trop., W.Nr. 18096 "nero 4" della 154º squadriglia, 3º Gruppo C.T. di base a Comiso (RG) nel luglio 1943, appartenente al Sottotenente Giuseppe Ruzzin;
  4. Messerschmitt Bf. 109G-6, W.Nr. sconosciuto "nero 1" della 4º Squadriglia, 2º Gruppo C.T. della A.N.R. di base all’aeroporto "Pagliano e Gori", di Aviano nel novembre 1944 e pilotato dal sottotenente Amedeo Fagiano;
  5. Messerschmitt Bf. 109G-6, W.Nr. 166303, "bianco 12" della 6º squadriglia, 2ºgruppo C.T. della A.N.R. di base a Villafranca (VR) nel novembre 1944 e pilotato dal tenente Ermete Ferrero;
  6. Messerschmitt Bf. 109G-6/R 6/R 3, W.Nr. sconosciuto del Nucleo Comando del 2ºgruppo C.T. della A.N.R. di base a Cascina Vaga (PV) nel giugno 1944 e pilotato dal Capitano Massimo Mancini.



Il montaggio
Ho realizzato un caccia "tedesco" in forza però alla nostra Regia Aeronautica... il famosissimo Bf. 109 nella versione G-6.
Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio dell’abitacolo è abbastanza buono.
Nonostante tutto, ho acquistato, dei dettagli in resina riguardanti il Bf. 109, e più precisamente:

  1. interni abitacolo dell’Aires art.4284
  2. gun barrels della Quickboost art. 48211 per il Bf. 109 G-6;
  3. scarichi motore della Quickboost art. 48269 per il Bf. 109 G-6.

All’interno delle due semi fusoliere, in corrispondenza dell’abitacolo del pilota ci sono le riproduzioni della strumentazione, da me eliminate utilizzando una mini fresa della Dremel, acquistata nell’autunno scorso, stata particolarmente utile anche in altre occasioni.
L’intera vasca in resina dell’abitacolo, pareti laterali, pavimento, seggiolino, ecc. sono stati colorati in RLM 66, usando l’acrilico della Lifecolor UA 133, mentre il cruscotto del pilota è stato dipinto in nero opaco.
Ho poi seguito dei "lavaggi" in modo da far risaltare le strumentazioni stesse nonché le nervature dei pozzetti con del marrone opaco molto diluiti, al fine di dare a tutto l’interno dell’abitacolo stesso un aspetto vissuto.
Finita la colorazione ho inserito la vasca nelle due semi-fusioliere, costatando con soddisfazione che, nonostante l’articolo dell’Aires fosse per il kit Hasegawa, questo si adatta abbastanza bene anche per quello dell’Italeri.
Per quanto riguarda le ali, stampata C, hanno il difetto di avere flaps e flabelli dei radiatori subalari tutti solidali con il resto delle ali mentre in realtà, quando il caccia era a terra, questi elementi erano abbassati... questo è a tutti gli effetti l’unico vero difetto dello stampo Italeri.
Prima di unire le ali ho quindi staccato, dai tre pezzi che raffigurano le ali stesse, le zone dei flaps.
Per rendere poi tutto più reale ho acquistato la lastrina della Eduard art. 48390 riguardante tutte le zone dei flaps e dei flabelli dei radiatori.
E’ stato un lavoro abbastanza impegnativo e di precisione ma che, finito, mi ha ampliamente appagato!! Anche i due pezzi del timone di coda sono stati tagliati dalle due semi-fusoliere, uniti fra loro e poi incollato al modello leggermente piegato, al fine di dare ancora più realismo allo stesso !! Una volta completato l’assemblaggio, il modello è stato spruzzato con il primer spray Tamiya grigio fine, che mi è servito anche ad evidenziare eventuali difetti di stuccaggio e lisciatura.
Gli interni dei pozzetti del carrello principale, dei flaps e flabelli radiatori sono stati dipinti usando l’RLM 02 UA071, sempre della Lifecolor.
Ora passiamo alla colorazione del modello, certamente la parte più interessante ma anche la più impegnativa e delicata di tutto il lavoro occorrente per la realizzazione di un modello.




Colorazione e camouflage
Il kit conteneva decals, come sopra descritto, per tre esemplari appartenenti alla R. A. e tre in forza alla A.N.R.
Ho deciso di rappresentato il Messerschmitt Bf. 109G-6/R 6, W.Nr. 18391, della 364º Squadriglia, 150º Gruppo autonomo C.T. della R.A., basato a Sciacca nel giugno del 1943, del Capitano Mario Bellagambi.
Essendo un aereo di costruzione tedesca il camouflage seguiva le linee standard del Bf. 109 di quel periodo bellico e precisamente :

  • superfici superiori delle ali e parte alta della fusoliera in RLM 74 (graugrün) e RLM 75 (grauviolett) in splinter;
  • superfici inferiori delle ali e parte bassa della fusoliera in RLM 76 (lichtblau);
  • Macchie rade sfumate in 74 e 75 sopra il 76 in fusoliera.

Le insegne tedesche invece erano state obliterate con il grigio mimetico (FS.36231), sia sulle ali inferiori e superiori, sia in fusoliera. Pertanto i colori usati per il camouflage, dati a pennello, sono stati i seguenti:

  • RLM 74 (graugrün): acrilico Lifecolor UA 072;
  • RLM 75 (grauviolett) : acrilico Lifecolor UA 073;
  • RLM 76 (lichtblau): acrilico Lifecolor UA 074.

Prima del posizionando delle decals riguardanti il marking e i vari stencil ho steso su tutto il modello due strati di cera.
Infine ho dato al modello un aspetto vissuto, cercando anche di rendere la vernice usurata passando sulla parte superiore di tutto il modello del bianco opaco molto, molto diluito, e anche deteriorata soprattutto nelle zone di maggior utilizzo dei meccanici e del pilota (pannelli di ispezione, zona intorno al tettuccio, attacco ala sinistra con fusoliera, ecc.).
Ho anche messo in evidenza le linee delle pannellature, ripassando le stesse con del nero opaco un pochino fluido, usando un pennellino 00, per poi sigillare il tutto con spray opaco trasparente.




Figurini, mezzo terrestre e accessori
Per quanto riguarda i figurini dei piloti, se non ricordo male marca Reheat, sono stati recuperati dalla scatola degli avanzi.
Sono dei figurini di piloti tedeschi in tenuta africana, ma che potrebbero benissimo passare per italiani in un aeroporto siciliano nel luglio del 1943.
Sono stati dipinti sulla scorta degli altri figurini degli ultimi due diorami (Macchi 200 e Macchi 202).
Sono stati poi schiariti ed ombreggiati con successive passate di colori chiari e scuri con tonalità simili al colore di base, al fine di dare profondità agli stessi.
Gli inservienti sono stati reperiti da un kit Gasoline, riguardante due figurini in resina, questa volta "italianissimi", spacciati come inservienti.
Gli accessori (bidoni, taniche di carburante e casse di legno), sono in plastica e resina di marche diverse; precisamente quelli in plastica sono stati recuperati da un kit Tamiya, mentre quelli in resina sono della Minimali e della Italian Kit.




Per quanto riguarda il mezzo terrestre si tratta di un kit in resina della Fiat Topolino, della Gasoline art. GAS50050.
Devo sinceramente affermare che si tratta di un kit molto bello anche se le dimensioni finali sono veramente esigue, ma in effetti cercavo un mezzo piccolo ed appropriato e, questo kit, faceva proprio al caso mio!
Dopo un’accurata ed attenta pulizia di tutti i pezzi dalle bave della resina (molto poche in effetti), prove a secco per non sbagliare ed infine l’assemblaggio, il modello è stato colorato in dark yellow, usando lo spray Tamiya TS 3, e poi ombreggiato con successive passate di colori scuri, con tonalità simili al colore di base, al fine di dare profondità allo stesso, mettendo anche qui in evidenza le linee delle porte, del radiatore, ecc., ripassando le stesse con del nero opaco un pochino fluido, usando un pennellino 00, per poi sigillare il tutto con spray opaco trasparente.
Al modello si è voluto anche dare un aspetto usurato, dovuto al continuo utilizzo del mezzo.


FIAT Topolino

Un pò di storia...
La "Topolino", per la sua stessa filosofia progettuale, non si adattava ad un uso militare: la sagoma alta, le ruote piccole e strette ed i pesi sbilanciati sull'assale anteriore ne riduceva l'uso a percorsi piani e fondi duri.
Nonostante tutto già dal 1936 venne acquisita dal Regio Esercito la "500" come mezzo di collegamento nei comandi cittadini.
Durante la seconda guerra mondiale, la cronica e grave carenza di mezzi motorizzati portò l'esercito ad impiegare la vettura anche al fronte, molte delle quali vennero utilizzati anche dalla Wehrmacht dopo l'8 settembre 1943.




Ambientazione
Per la basetta ho adoperato la solita cornice di legno, cm. 25x30, senza lastra di vetro.
La basetta è stata creata su un unico livello, ovvero quello del terreno dove si svolge la scenetta.
In un angolo ho creato un piccolo centro di comunicazioni radio, con tenda e materiale vario come bidoni di carburante, casse di legno e teli sparsi.
Il telo mimetico della tenda è stato stampato su carta, ritagliato ed incollato al kit in plastica della tenda stessa con biadesivo.
Questo piccolo "centro di comunicazioni" per nasconderlo da "occhi indiscreti", nonché ripararlo dal sole siciliano è stato ubicato sotto della bassa vegetazione, creata con la solita teloxis aristata, spruzzata con colla spray, e poi ricoperta con un miscuglio di erba sintetica a due toni di verde.
L’intera basetta è stata "spalmata" con colla vinilica e poi coperta con sabbia fine, colorata con toni diversi di marroni chiari, giallo sabbia, ecc. ed infine con una miscela di nero/marrone opaco, diluitissimi, ho ricreato la morfologia del terreno.
La stessa è stata coperta, qua e là, da leggere macchie di erba, quella usata nel fermodellismo ferroviario.
Per finire ho "sigillando" l’intera basetta con una bella spruzzata di trasparente opaco comprato in ferramenta.


Immagini dal sito: http://www.finn.it

Marking
Messerschmitt Bf. 109G-6 in forza alla 364º squadriglia del 150º gruppo autonomo C. T., basato a Sciacca, Sicilia, nel giugno del 1943, ed appartenente al comandante del reparto, il Capitano Mario Bellagambi.
Dopo l’armistizio divenne il comandante della 5º Squadriglia del 2º gruppo C.T. della A.N.R.

Conclusioni
Che dire, nella mia collezione mancava proprio un famoso velivolo tedesco come il Bf. 109, con le insegne però della Regia Aeronautica... il mio amico Ezio sarà contento !!

Buon modellismo a tutti !!


Marco Vergani
[Gallery]
12.09.2013

Il mio prossimo lavoro sarà il Me-410B-2/U4 della Meng Model in scala 1/48, in forza alla Luftwaffe, Germania 1944... un "ritorno di fiamma" !!






Commento di ezio bottasini [17/09/2013]:
Caro Marco, che dire bello, anche l'ambientazione viste le foto allegate all'articolo è azzeccata, l'unica cosa se posso, è la targa della bellissima Topolino che riporta la E dell'esercito, forse si sarebbe potuto modificarla con una A di aeronautica, viste le dimesioni e la tua capacità ce la potevi fare a mano con pennellino 5-0 e colore rosso, comunque è proprio un dettaglio che non rovina l'insieme. Spero che non smetta di fare aerei della Regia, vista la tua passione per i tedeschi, ci sono altri soggetti interessanti da fare italiani (Stuka, Me 110, Ju 88 ecc.).

A presto Ezio

Commento di marco vergani [18/09/2013]:
carissimo Ezio, Ti ringrazio dei tuoi commenti positivi che, mi fanno molto piacere.
Onestamente non mi è neanche passato per la mente di modificare la targa .... se avessi immaginato l'esistenza della differenza delle targhe dei veicoli delle nostre forze armate di un tempo .... forse ci avrei anche provato!
Grazie e a presto! Marco

Commento di Gianni [24/09/2013]:
Questo kit è disponibile nel mio negozio on-line , quando lo acquistai mi colpì molto la possibilità di rappresentare l’aereo in 6 configurazioni differenti….chissà se in futuro mi cimenterò con questa scatola…al momento la propongo alla vendita poi vedremo . Non ho letto tue recensioni negative sul kit,Marco, devo pensare che il giudizio sia positivo vero?
Ciao Gianni

Commento di Marco Vergani [26/09/2013]:
carissimo Gianni,
se fossi un professore e dovessi dare un voto al kit meriterebbe la sufficienza piena .... purtroppo come ho scritto nell'articolo il suo più grande difetto sono la stampa delle ali dove flaps e flabelli dei radiatori sono solidali con la fusoliera ... non è un dramma, però quando il velivolo era a terra questi erano abbassati.
Comunque mi sento di consigliarlo caldamente, soprattutto per chi desiderasse riprodurre un Bf. 109 italiano ... con ben sei marking ( 3 della R.A. e tre dell'A.N.R. ) rimane solo l'imbarazzo della scelta!
Un caro saluto ..... al prossimo ... Marco


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No