Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Macchi M.C. 200 "Saetta" - Marco Vergani




Un po’ di storia
Dire che il Macchi MC. 200 sia stato uno tra i migliori caccia della II Guerra Mondiale al pari di "mostri sacri" quali P-51, Me.109, Spittfire, Fw. 190 ecc. è ovviamente un falso storico.
Affermare però che il Saetta sia stato un velivolo molto importante per la Regia Aeronautica e per la storia della nostra aviazione, questo è sicuramente vero.
L’Mc. 200 ha infatti rappresentato, assieme al suo contemporaneo Fiat G.50 - dalle caratteristiche generali però inferiori, quell’anello di congiunzione tra i biplani CR42 e i ben più prestanti Macchi 202 e Reggiane Re 2001 prima, e i famosi velivoli della serie 5 (Macchi Mc 205, Fiat G.55, Reggiane Re 2005) poi.
Ottimi aerei questi ultimi ma prodotti in pochi esemplari e pertanto impossibile risollevare le sorti dell’Italia nel secondo conflitto mondiale.
Con il Saetta i piloti italiani fecero quel salto di qualità passando dagli obsoleti biplani in tela e legno, ai più moderni monoplani dalle caratteristiche di volo ben diverse.
Il primo volo della creatura dell’Ing. Castoldi avvenne nel 1937, e l’aereo rappresentava quanto di meglio potesse offrire l’industria aeronautica italiana del tempo.
Esso era, infatti, monoplano, di costruzione interamente metallica, carrello retrattile con ipersostentatori sulle ali ed elica a passo variabile in volo.
A questo si aggiungevano delle ottime doti di robustezza e maneggevolezza con caratteristiche di volo più che buone.
A tali peculiarità stonava però la presenza di un tettuccio aperto (imposto dagli stessi piloti che non si trovavano a proprio agio in un abitacolo chiuso), una non ricca strumentazione, un armamento non adeguato per la presenza di due sole mitragliatrici Breda-Safat da 12,7 sparanti attraverso il disco dell’elica che ne limitava l’efficacia offensiva.
Ciò nonostante il Macchi 200 è rimasto in servizio tra le file della Regia Aeronautica e poi tra quelle dell’Aeronautica Cobelligerante al Sud e dell’ANR al Nord, fino al termine del conflitto, operando con onore su tutti i fronti di guerra, dal torrido clima africano alle gelide temperature russe o sul più mite Mediterraneo.
I primi Mc.200 vengono consegnati alla Regia Aeronautica nel 1939; al 10 giugno 1940 gli esemplari in linea sono 144, la metà pronta all'impiego, con il 6º Gruppo del 1º Stormo in Sicilia ed il 152º Gruppo del 54º Stormo a Vergiate.
Il primo novembre gli M.C.200 ottennero la loro prima vittoria, quando un Sunderland in missione di ricognizione fu attaccato appena al largo di Augusta in Sicilia, da una pattuglia in crociera di protezione.
Con l'arrivo verso la fine di dicembre del Xº Fliegerkorps in Sicilia, i Macchi furono assegnati di scorta agli Ju.87 del I/StG.1 e II/StG.2 nelle loro missioni su Malta.
In combattimento con i lenti Hawker Hurricane si dimostrò efficace, con prestazioni eccezionali nei duelli aerei e senza difetti particolari.
Il Macchi 200 operò su tutti i fronti italiani... Africa, Russia, Balcani, Grecia e, ovviamente, nel nostro Mediterraneo.





Dati tecnici dell’MC 200

Costruttore: Aeronautica Macchi
Impiego bellico: aereo da caccia
Equipaggio: 1 persone
Lunghezza: m. 8,19
Apertura alare : m. 10,68
Motore: un radiale Fiat A. 74 RC. 38
potenza: 840 CV
Velocità max: 510 km/h
Autonomina: da 570 Km
Tangenza: m. 9.600
Armamento difensivo: 2 mitragliatrici Breda da 12,7 mm.;
2 bombe per 320 kg. max

Macchi M.C. 200 Saetta

Il kit
Modellisticamente parlando il Macchi Mc. 200 è da sempre uno dei soggetti aeronautici tra i più gettonati, ma purtroppo il Saetta è stato un po’ snobbato dalle principali case modellistiche.
Solo qualche ditta minore ha immesso sul mercato scatole di montaggio relative al velivolo, ma tutte non esenti da pecche più o meno gravi.
A colmare la lacuna, ci ha pensato la nostrana Italeri con l’uscita di un ottimo kit nella scala 1/48.
Contraddistinta dal numero di catalogo 2676, già alla vista la scatola si presenta assai accattivante con la sua box art raffigurante un velivolo della 369a Squadriglia in volo.




Ottimo il dettaglio di superficie in negativo come pure ben realizzati gli interni dell’abitacolo (con paratie laterali separate e ben dettagliate) e dei vani carrello, da arricchire ulteriormente con le fotoincisioni fornite.
Queste riguardano il pannello strumenti e le cinture di sicurezza del seggiolino e altri elementi per le gambe di forza dei due carrelli principali.
Il montaggio non offre alcuna difficoltà, con fusoliera e ali che combaciano bene, riducendo al minimo l’utilizzo dello stucco.
Ritornando alle ali, i flap sono già separati dal resto dell’ala consentendo di collocare le superfici mobili nella posizione a piacimento... un buon modo per "movimentare" un po’ il modello una volta finito.
Ottimamente riprodotto l’apparato motore, che rende giustizia al radiale Fiat A.74 RC.38, come anche di buona fattura la Naca che presenta uno sportellino d’ispezione apribile per mettere ancora più in vista il motore radiale.
Le decal sono ben stampate e dai colori saturi.
Una caratteristica che, oramai, Italeri ha preso come riferimento per i suoi kit... complimenti e speriamo continui così!
Nel kit sono inclusi:

  1. un foglio decal per ben quattro marking;
  2. due alberi di stampate in plastica color grigio chiaro;
  3. una piccola stampata di trasparenti per il tettuccio;
  4. un libretto per istruzioni di facile intuizione con la nuova grafica "3D". (nel retro della scatola c’è la tavola a colori con i quattro camouflage)
  5. una lastrina foto incisa (pannello strumenti, cinture di sicurezza, ecc)
Le decals incluse, molto belle, sono per quattro esemplari, e precisamente:
  1. 369º Squadriglia 22º Gruppo Autonomo, Russia 1941;
  2. 365º Squadriglia Autonoma Caccia Terrestri, Napoli 1940;
  3. 85º Squadriglia 18º gruppo operativo, Araxos (Grecia) 1942;
  4. 150º Gruppo Autonomo Caccia Terrestri, Tirana (Albania) 1941.




Il montaggio
Sull’esperienza accumulata dalla costruzione del S.M. 79 (apparso su questo sito) ho voluto realizzare un altro velivolo della nostra Regia Aeronautica, questa volta un caccia, acquistato sempre dal mio negoziante di fiducia " Modellismo Baracca" di Monza.
Sempre da ricerche fatte sul web (come faremmo noi modellisti se Internet non esistesse??) avevo potuto constatare che era un kit ben fatto per quanto riguardava i dettagli dello stampo, ma anche per le decals ed altri articoli inseriti nella scatola.
Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio del pozzetto è abbastanza buono... ho voluto solamente migliorarlo ulteriormente, dettagliando anche un po’ l’esterno... e pertanto ho acquistato questi articoli:

Dettaglio in resina Pavla 48020 Interno abitacolo

Dettaglio in resina Quickboost QBT-48350 scarichi motori


Il dettaglio in resina della Pavla è molto bello e di facile utilizzazione, inserendosi senza problemi all’interno delle due semi-fusoliere L’intero abitacolo (pareti laterali, pavimento, seggiolino) sono stati colorati in verde anticorrosione, usando l’acrilico della Lifecolor UA 116, mentre il cruscotto del pilota è stato dipinto in nero opaco e poi usate le fotoincisioni inserite nel kit.
Anche gli interni dei pozzetti del carrello principale e del ruotino di coda sono stati dipinti usando il verde anticorrosione.
Ho poi seguito dei "lavaggi" in modo da far risaltare le strumentazioni stesse nonché le nervature dei pozzetti con del marrone opaco molto diluiti, al fine di dare a tutto l’interno dell’abitacolo stesso un aspetto vissuto Infine con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto) ho evidenziato le parti più sporgenti con l’alluminio.
In alluminio sono state dipinte anche le gambe di forza dei carrelli.




Colorazione e camouflage
Ho deciso di rappresentare Mc. 200 della 369º Squadriglia, 22º Gruppo Autonomo, Russia 1941.
I camouflage dei velivoli della Regia Aeronautica sono forse quelli tra i più elaborati di tutti i velivoli operanti durante la seconda guerra mondiale !!
Per riprodurli nel modo di corretto possibile sono ricorso ancora al sito utilizzato per il S.M. 79 (www.stormomagazine.com) che illustrava molto bene i colori originali usati dalla R.A., il riferimento con i colori in commercio delle marche più conosciute, nonché il tipo di schema mimetico da riprodurre in funzione al modello del velivolo e della zona operativa.

I colori della mimetica:

Mimetica Macchi
giallo mimetico 4
verde mimetico 2
marrone mimetico 2-3
grigio azzurro chiaro ( grigio mimetico )

Schema da riprodurre:
macchie rade giallo e marrone mimetico su fondo verde mimetico

Tabella colori mimetici velivoli R.A. 1936/1943

Tabella colori mimetici velivoli R.A.  1936/1943

Pertanto, in base a quanto sopra riportato, i colori scelti sono stati i Model Master:

  • verde mimetico 2 come colore di fondo delle superfici superiori : Model Master 2112 (FS34102);
  • giallo mimetico 4 usato come colore per le macchie più grandi: Model Master 2110 (FS33434);
  • marrone mimetico 2-3 per le macchie più piccole (all’interno del giallo mimetico :Model Master 2111 (FS 30108).
  • grigio azzurro chiaro 1 per le superfici inferiori: Model Master 2113 (FS 36307);

Tutti i colori sono stati dati a pennello!
Per quanto riguarda le macchie in giallo e marrone mimetico ho usato i due colori molto diluiti ed infine, a colori abbastanza asciutti ma non troppo, con una pezza leggermente imbevuta di diluente ho sfumato i contorni, creando l’effetto come le stesse fossero state date a spruzzo... o almeno questa era la mia intenzione!
Dopo il posizionamento delle decals e di tutti gli stencil, ho dato al modello un aspetto vissuto, cercando anche di rendere la vernice usurata e sbiadita passando sulla parte superiore di tutto il modello del bianco opaco molto diluito, e anche deteriorata soprattutto nelle zone di maggior utilizzo dei meccanici e del pilota (pannelli di ispezione, zona intorno al tettuccio, ecc.).
Ho anche messo in evidenza le linee delle pannellature, ripassando le stesse con del nero opaco un pochino fluido, usando un pennellino 00, per poi sigillare il tutto con spray opaco trasparente.

Figurini e accessori
Per quanto riguarda invece i figurini, ovviamente in scala 1/48, sono della CMK cod. F48062 - Regia Aeronautica, pilota e meccanico in resina molto belli.
I figurini sono stati dipinti in base all’immagine della confezione, e poi schiariti ed ombreggiati con successive passate di colori chiari e scuri con tonalità simili al colore di base, al fine di dare profondità agli stessi.

Regia Aeronautica, pilota e meccanico

Ambientazione
Per la basetta ho adoperato la solita cornice di legno, cm. 24x30, senza lastra di vetro.
La basetta, molto semplice, è stata creata su due livelli, quello del terreno dove sosta il velivolo e quella a "verde arboreo", leggermente rialzata.
Il rialzo è stato creato usando un pezzo di polistirolo, debitamente tagliato, coprendo poi l’intera basetta con colla vinilica e sabbia fine.
La stessa è stata coperta, qua e là, da erba usata nel fermodellismo ferroviario; per gli alberi invece ho usato della teloxis aristata comprata su eBay, che rappresenta molto bene arbusti ed alberi in miniatura.
Ho spruzzato sopra un velo di colla spray e poi li ho intinti, tenendoli per il tronco, in un recipiente contenente sempre dell’erba per fermodellismo, imitando le foglie degli alberi stessi.
La superficie del terreno è stata colorata con vari toni di marroni più o meno chiari, cosparsa infine ancora di erba per fermodellismo, meno abbondante o quasi inesistente attorno al velivolo causa calpestio di piloti e meccanici.
Ho creato una parete antischegge, rozzamente eseguita con i listelli per modellismo navale.
Sulla parete ho incollato una rete mimetica ad ulteriore camuffamento del velivolo.
Per finire ho "sigillando" l’intera basetta con una bella spruzzata di trasparente opaco comprato in ferramenta.
Il diorama è stato "arricchito" con bidoni di carburante ed una cassa di legno recuperati dalla scatola degli avanzi... che danno l'idea di una zona periferica di un campo di aviazione.


Macchi MC. 200 della 369ª Squadriglia 22º Gruppo Autonomo Caccia
Krivoj-Rog, Fronte Russo, Settembre 1941





Marking
Il velivolo rappresentato nel diorama, è un Macchi Mc. 200 Saetta, appartenente alla 369a Squadriglia, 22º Gruppo Autonomo Caccia, dislocata a Krivoj-Rog, fronte russo, estate 1941.
La scena vuole rappresentare il velivolo, parcheggiato in una zona periferica di un campo di aviazione, poco prima del decollo.
Il pilota e il meccanico stanno discutendo animatamente... forse di donne??!!




Conclusioni
A mio parere un bellissimo modello, ancora più bello in quanto della nostra Italeri.
In verità è la prima volta che riproduco un modello di questa ditta e devo dire che l’esperienza si è dimostrata positiva.

Questo kit, a mio parere, ha diversi vantaggi:
  1. il prezzo, tutto sommato abbordabile un po’ a tutti... e visto i tempi che corrono... ;
  2. Le decals inserite che sono addirittura per ben quattro esemplari;
  3. la lastrina foto incisa inserita nel kit.

Che dire, veramente un ottimo kit a iniezione di un Macchi MC.200 che, finalmente, colma una lacuna nel mercato modellistico.
Tra l’altro mi sembra di avere letto da qualche parte che l’Italeri ha anche immesso sul mercato (da poco) anche la Serie II del Saetta... (quello con l’abitacolo chiuso) perché non costruirli in accoppiata? Per questo rimando la cosa al mio amico e modellista Ezio, fans dei velivoli italiani di tutte le epoche!!
La presenza di articoli post-vendita sul mercato, come lastrine foto incise di Eduard e dettagli in resina, danno la possibilità di assemblare un buon modello, e il risultato è assicurato.
Un po’ di patriottismo fa sempre bene !!!




I cenni storici, le fotografie ed il profilo sono stati recuperati da vari siti web; un grazie a queste fonti!
Il prossimo kit sarà sempre un velivolo della Regia Aeronautica, il Macchi MC.202 "Folgore" dell’Hasegawa in scala 1/48... che il mio amico Ezio mi abbia contagiato... mah...


Buon modellismo a tutti !!


Marco Vergani
[Gallery]
29.04.2013




Commento di ezio bottasini [02/05/2013]:
Caro Marco, finalmente riesco a vedere questo bellissimo modello, di cui abbiamo ampiamente parlato: bello, bello, bello.

Hai scelto oltretutto un ottimo soggetto, quella del comandante del gruppo capitano Giorgio Iannicelli M.O.V.M. alla memoria.

Riuscire a realizzare questa mimetica senza aeropenna aggiunge un enorme aspetto positivo alla tua, ripeto, bella realizzazione.

Aspetto impazientemente il 202 (e i successivi altri).

Salutoni Ezio

Commento di Gianni [02/05/2013]:
Ciao Marco, bellissimo diorama complimenti per il tuo lavoro, ho apprezzato le foto, la spiegazione tutto insomma.
Ciao Gianni.
P.S.
potrei aggiungere il link e una foto del tuo lavoro sulla descrizione del prodotto che propongo in vendita nel mio negozio di modellismo?

Commento di Marco Vergani [03/05/2013]:
a Ezio e Gianni ...
grazie veramente di cuore a tutti e due ....anche se onestamente mi sembrano esagerati .... ci sono modellisti molto più capaci di me !!! ( per esempio il mio amico Ezio ).

Per quanto riguarda il link per il negozio di Gianni non ci sono problemi ..... è un onore per me.

Grazie ancora e caro saluto ..... Marco

Commento di Gianni [06/05/2013]:
Grazie Marco per me è stato un piacere inserire un'immagine del tuo lavoro sul link dell'articolo del mio negozio, ti ringrazio per la tua gentilezza.
Gianni
P.S. ti lascio il link: http://www.olivero-modellismo.com/...

Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No