Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Alessandro Magno
Alessandro Magno

Grumman KA6 D Intruder - Massimo De Luca

Kit Italeri 1/72




C’è un destino che accomuna tanti aeroplani del passato, cioè quello di essere stati velivoli preziosissimi, nonché quasi insostituibili al momento della loro messa in naftalina, eppure, praticamente sconosciuti al grande pubblico non appassionato di cose aeronautiche.
L’A6 Intruder fa indubbiamente parte di questa categoria. Eppure parliamo di un aereo in servizio dalla fine degli anni ’50 fino alla metà degli anni ’90 e, nel suo ruolo, il bombardamento di precisione, insuperato fino all’apparire di una nuova generazione di velivoli tecnologicamente più prestanti. Parliamo di un velivolo che per un decennio è stato l’unico bombardiere medio realmente ognitempo, capace di decollare da una portaerei, volare di giorno o di notte, con qualsiasi condizione di tempo tra piogge monsoniche e uragani, arrivare sul bersaglio designato e colpirlo con uno scarto di pochi metri (usando bombe "stupide" quando non erano ancora disponibili le bombe cd intelligenti). L’USAF sarebbe stata in grado di poter eseguire tali missioni solo dopo l’entrata in servizio nel 1967 (travagliata o, quanto meno, affrettata) dell’F111A durante l’operazione "Combat Lancer".
Successivamente ha partecipato a tutte le varie schermaglie nei vari conflitti di attrito (Libia, Libano) ed infine all’operazione "Desert storm", anche qui praticamente dimenticato dal punto di vista mediatico rispetto ad altri velivoli impiegati, fino ad arrivare alla dismissione dopo anni di onorato servizio, senza che vi fosse un adeguato sostituto (in realtà sulla carta avrebbe dovuto essere il fantascientifico "stealth" A12 Avenger).
Dopo questo doveroso omaggio all’Intruder passiamo al modello Italeri.




Nel catalogo della ditta Bolognese direi che l’A6 è trattato molto bene essendo disponibile nelle versioni KA6, A6 "E" Tram (ma avendo le decals è possibile anche ricavare un "E" iniziale omettendo la torretta TRAM) e EA6 "Wild weasel".
Analizzando il kit Italeri (possiamo generalizzare visto che la base è comune e le varie versioni vengono declinate semplicemente variando alcuni pezzi) ho scoperto alcune cose interessanti:

  1. Confrontato con i disegni di "Detail&Scale" è abbastanza preciso;

  2. Tendenzialmente è più indirizzato a riprodurre le versioni "E" ma l’ala, curiosamente, per alcuni versi è più precisa per una versione "A" di primo periodo a causa la posizione delle 2 "fences" più interne. Praticamente se vediamo il velivolo frontalmente le due fences sono esterne ai piloni più interni. Questa è come dovrebbero essere su una versione "A" e KA6D iniziale (vgs 1). Sulle versioni "E" invece il pilone è in posizione più esterna rispetto alle fences (vgs. 2). Il disegno sottostante chiarisce meglio la cosa


Grumman KA6 D Intruder © Massimo De Luca

Inoltre nelle versioni E, sul bordo di entrata dei lerx alari dx e sx, vennero posizionate antenne ECM (un rigonfiamento) mentre nelle versioni A è presente solo una strip alare antistallo. Le versioni Ka6 vennero successivamente aggiornate con questi rigonfiamenti.
Quindi in conclusione con il kit Italeri: - se vogliamo fare il nostro A6E/E TRAM o Ka6D post VietNam dovremo solo segare via e riposizionare le fences interne e riposizionarle come nel disegno 2.
- se vogliamo invece fare un A6A o Ka6D guerra del VietNam va bene la posizione delle fences (dis 1) ma dovremo però raspare via i rigonfiamenti ECM presenti sui bordi di attacco del lerx
(perché all’epoca gli A ed i Ka6D non ne erano dotati) ripristinando la cd "stall strip" lungo tutto il bordo di entrata dei lerx. Inoltre dovremo cancellare la pannellatura inferiore del radome che ricalca quella presente solo sugli E ed E "TRAM".
Dopo le considerazioni generali, siccome l’oggetto del mio lavoro è stata la versione Ka6d Tanker, cioè aero rifornitore, entrando più nel dettaglio diciamo subito che questa è una versione ad hoc e non un semplice allestimento di un esemplare operativo. Sul velivolo sono stati quindi eliminati tutti i sistemi di attacco ed installando il sistema fisso per il tubo di rifornimento sotto la fusoliera.




Italeri fornisce correttamente il pannello ventrale del bulbo con il cestello del sistema di rifornimento in volo. Io sfruttando il pannello separato ho ricostruito in scratch l’interno del meccanismo e ho posizionato il tutto abbassato. Anche il cruscotto strumenti dovrà essere modificato per rendere il velivolo un Ka6, eliminando quindi, per il lato del bombardiere, tutti gli schermi radar, pulsanti e joystick relativi.




YGrumman KA6 D Intruder © Massimo De Luca
Grumman KA6 D Intruder © Massimo De Luca
Grumman KA6 D Intruder © Massimo De Luca

Altro particolare migliorabile sono i pozzetti principali inserendo pezzi di plasticare per delimitare gli stessi e qualche tubazione interna.


Grumman KA6 D Intruder © Massimo De Luca

Per il resto il montaggio fila via liscio e senza intoppi e posso pertanto affermare che questo sia uno dei migliori kit della casa bolognese.

Verniciatura
E’ la fase del modellismo che sicuramente più mi appassiona in quanto diamo davvero vita al nostro nudo pezzo di plastica. Questa volta ho però voluto variare la classica sequenza che adotto sempre cioè: preshading (nelle sue varie declinazioni), livrea e postshading.
Ho eliminato completamente la fase di preshading passando direttamente i colori di guerra (Gunze h325 ed XF2 flat white Tamiya). Successivamente con un mix di colori nero/marrone Tamiya, diluiti al 95%, ho ripassato leggermente, a bassissima pressione, in maniera randomica le varie zone del velivolo, soffermandomi di più lungo i pannelli. In questo modo mi è parso di usurare il velivolo in maniera più coerente (nel senso più naturale, cioè, l’aereo è inizialmente pulito, solo dopo si sporca) evitando quindi di incorrere in un effetto troppo regolare tipico del preshading.




Alla fine, tenuto conto che il velivolo da me riprodotto, dalle foto dell’epoca, risulta ben tenuto, devo dire che questo modo di agire mi ha permesso di non massacrare troppo la livrea garantendo però un buon impatto visivo.




Le decals sono quelle Italeri (le ho prese tramite il servizio ricambi italeri, bellissime e coloratissime rispetto alla vecchia scatola che avevo io), ho solo variato "by myself" i numeri seriali e di reparto in quanto volevo riprodurre un velivolo col naso color "crema" ma non tutti i KA6 dello squadron VA75 presentavano tale caratteristica quindi ho dovuto necessariamente (e, aggiungo, fortunatamente) trovarne uno adattando i numeri a mia disposizione.
Lavaggio nei pannelli grigio scuro e il modello è finito!!

Rappresentazione
Sono un fan dei velivoli imbarcati specie se è possibile ripiegare anche le ali (che è una peculiarità di tali velivoli). L’A6, in particolare, assume in tale configurazione un aspetto raccolto e sornione simile ad un insetto minaccioso. Lo stacco dei colori di reparto e della star tipo Hi Viz bene in vista rende tutto spettacolare visivamente.
Ovviamente ho posizionato l’immancabile e assorto Crew della Fujimi (direi una vera star dei figurini in 1/72…è il figurino in assoluto più posizionato nei diorami UsNavy!!!) a fianco del velivolo sul ponte di volo (quest’ultimo è una basetta di legno con plasticare incollato per la superficie) terminando il lavoro.


Grumman KA6 D Intruder © Massimo De Luca














Conclusioni
Praticamente il modello l’ho finito durante la quarantena forzata. Dovendo stare a casa senza uscire, se non per necessità, ho avuto molto tempo a disposizione.
Per il resto mi piace tanto l’A6 e mi piacerebbe farne ancora qualcun’altro (nonché il suo "alter ego" EA6B).
Spero quindi di aver fatto un buon lavoro.
Con l’occasione ringrazio gli amici del forum "Modeling Time" per il supporto ed i consigli.







Commento di enrico [22/07/2020]:

Ciao Massimo
Ogni tuo modello è garanzia di precisione e tecnica ed anche questo Intruder lo testimonia.
Bellissimo lavoro!
Saluti cari

enrico


Commento di Angelo Battistelli [22/07/2020]:

Ciao Massimo, hai fatto un bellissimo lavoro sia nel montaggio che nella verniciatura. Visto che vivi nella bella Livorno potevi effettuare una foto del tuo Intruder con uno sfondo sul mare.
Saluti Angelo Battistelli


Commento di ezio bottasini [23/07/2020]:

Ciao Massimo, è sempre un piacere vedere e leggere i tuoi articoli, c'è sempre da imparare.
Ottima realizzazione, li livrea US Navy Hi Viz mi è sempre piaciuta, se poi è realizzata in maniera impeccabile ancora meglio.
Ciao, al prossimo.
Ezio


Commento di Pietro [24/07/2020]:

Ciao Massimo
Ottimo lavoro
Complimenti
Pietro


Commento di Giampaolo Bianchi [24/07/2020]:

Grandissimo lavoro in piccola scala. grazie anche per le note di storia e tecnica.
Giampaolo.


Commento di Alby Starkiller [26/07/2020]:

... Un'eccellente realizzazione!

COMPLIMENTI MASSIMO!!!

un salutone.
Alby.


Commento di giovenco giuseppe [27/07/2020]:

la capacità di un modellista, non è quella di assemblare un modellino, ma quella di sostituire le parti non consone e di arricchirlo con dei particolari comprovati da un'adeguata ricerca storica - viceversa, uno si confonde nella miriade di collezionisti senza arte né parte - bravo Massimo, ottimo anche il reportage fotografico con delle prese alla pari sul piano di lavoro - Giuseppe


Commento di Vito [29/07/2020]:

Lavoro stupendo ❤️


Commento di Massimo M De Luca [01/08/2020]:

Ciao a tutti
grazie ragazzi per i Vs gentilissimi commenti.... in effetti fare una foto con sfondo mare non ci avevo pensato!
Massimo "Pitchup"



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No