Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

BAe "Harrier" Gr.3 - Massimo De Luca

Italeri 1/72




Anche in questo caso, sotto le mentite spoglie del marchio Italeri, si cela uno stampo di provenienza ESCI.
Devo ammettere che il recupero di questo e di altri stampi da parte della casa bolognese non mi disturba affatto, anzi!! Aggiungo infine poi che le versioni primitive dell’Harrier (Gr.3 e "Sea Harrier") sono da sempre le mie preferite rispetto alle varianti più moderne AV-8/Gr.5 in poi.


BAe Harrier Gr.3


Diciamo subito che Il kit, seppur sotto certi aspetti basico, risulta abbastanza fedele come linee, è finemente inciso e si monta anche facilmente con un uso dello stucco tutto sommato nella norma.
Se poi però vogliamo spingere un po’ più a fondo il dettaglio della nostra riproduzione questo è la mia personale scaletta dei lavori eseguiti rigorosamente in scratch affidandomi al fido buon vecchio plasticard di spessori e sezioni varie:

1. Abitacolo: sul vero Harrier il cockpit è molto angusto ma sul modello c’è spazio comunque per qualche lavoretto: per prima cosa ho rifatto il cruscotto aggiungendovi la pulsantiera dell’HUD.
Il sedile del kit è davvero misero.
In questo caso disponevo di due opzioni per un cambio: in resina ed in metallo.
Entrambi però risultavano notevolmente sovradimensionati.
Allora ho preso il sedile originale ed usandolo come scheletro e dima ho proceduto alla sua ricostruzione integrale (cuscini, poggiatesta e cinghie varie).

2. Prese d’aria: Brutte notizie! Purtroppo quando i nostri Harrier sono a terra i flabelli mobili delle prese d’aria sono sempre aperti.
Armandomi di santa pazienza ho tagliato i flabelli stampati solidali ai pezzi delle prese d’aria ricostruendoli uno ad uno.




3. Parabrezza: ho aggiunto un piccolo rigonfiamento alla base per rappresentare la carena del perno di rotazione del tergicristallo (quest’ultimo rifatto poi con filo sprue stirato).




4. Tettuccio scorrevole: quello fornito è in pratica solo una "calotta" trasparente priva di qualsiasi dettaglio della struttura interna che dovrà essere quindi ricostruita in plasticard.


BAe Harrier Gr.3


5. Ricostruzione tappi anti-Fod: sono fatti in plasticard sagomato ed incollato (con l’aggiunta di manigliette di filo di rame).




6. Pozzetti carrelli: quello delle ruote principali difatto non esiste ma tanto, poiché a terra è totalmente chiuso dai portelli, è inutile perderci troppo tempo.
Per quello anteriore ho solo ricostruito con plasticard il tetto e le pareti laterali giusto per non lasciare il "buco" spoglio.

7. Ricostruzione sensore "I-band": durante il conflitto della Falkland / Malvinas gli esemplari Gr.3 inviati in quel teatro di operazioni furono equipaggiati con questo sistema elettronico.
In pratica è riconoscibile per la gobba sotto il muso.
Io l’ho riprodotto con plasticard spesso, incollato, sagomato e raccordato.


BAe Harrier Gr.3


Ho infine aggiunto sulle semiali dx e sx anche due nuovi scarichi rapidi del carburante (sul modello sono appena accennati) rifatti con sezioni di plastirod tubolare.

Colorazione:
La colorazione è il classico "schema NATO" anni ’80 (verde 34079 e grigio 36152 wrap around).
Per questi colori (tenendo presente che i colori Tamiya non hanno un vero e proprio riferimento Federal Standard) mi sono affidato all’ "occhiometro" ed alle foto.
Alla fine ho optato per l’XF13 (verde) e per l’Xf54 (grigio).


BAe Harrier Gr.3


La fase della colorazione è quella che più mi esalta nel modellismo in quanto si riesce veramente a dare vita ad un pezzo di plastica.
Tradotto in pratica, significa che non riesco ad immaginare un colore dato "puro" ma mi piace invece molto lavorare sui toni.


BAe Harrier Gr.3


Le tecniche che uso sono arcinote (il postshading in particolare).
In questo caso ho cercato di ottenere una dominate azzurrina nello schiarimento del grigio Xf54 mentre, per il verde Xf13, mi sono affidato al sabbia.
In altre parole non ho usato semplice bianco per schiarire i colori al centro dei pannelli ma ho scelto una "dominante" verso il quale il colore risultante deve "virare" usando il rosa e l’azzurro per il grigio ed il sabbia per il verde (sempre gamma tamiya).


BAe Harrier Gr.3


Ovviamente queste non sono altro che rappresentazioni e forzature della realtà ma costituiscono la mia filosofia per la quale il modello deve intendersi quasi fosse un quadro, o una foto, cercando di puntare sulla "drammaticità" ed impressione visiva anche a scapito del rigoroso Federal standard.


BAe Harrier Gr.3


Sicuramente tanti non approveranno quest’ultima affermazione ma mi piace pensare che, magari, ognuno dei lettori potrà trarne spunti di riflessione e discuterne durante le sane riunioni tra modellisti (leggi magnate in pizzeria).


BAe Harrier Gr.3


BAe Harrier Gr.3


Tornando al nostro Harrier le sue forme "tormentate" si prestano poi molto bene all’ombreggiatura, mediante colore "NATO Black tamiya", diluito e spruzzato a bassa pressione nei recessi.
Dopo avere dato una mano di trasparente lucido si passa ai lavaggi ad olio "bruno scuro" e "nero" nei pannelli per conferire ulteriore profondità e magari sfruttare un po’ l’effetto filtro di questi colori quando ne leviamo l’eccesso.


BAe Harrier Gr.3


Decals:
Sono quelle della scatola ed hanno funzionato bene.
Un'unica accortezza dobbiamo averla con i "Roundels" sulle prese d’aria.
Ricordate i flabelli aperti???? Bene! Gli inglesi ovviamente hanno messo le coccarde proprio sui flabelli (e finché questi sono chiusi poco male) ma siccome a noi invece piace farci del male, rappresentandoli aperti, bisognerà tagliare la coccardina (dx e sx) in tanti pezzettini e posizionarli sui singoli flabelli, ritoccando poi a pennello se necessario.
A proposito ho scoperto che il "Rosso vermiglio" e l’"Oxford blue" Vallejo sono ottimi per i ritocchi sulle coccarde inglesi.


BAe Harrier Gr.3


Basetta e rappresentazione:
C’è da dire che nel caso dell’Harrier terrestre possiamo sbizzarrirci, diversamente da altri jet, confrontandoci con tipi diversi di terreno.
Infatti oltre al classico spezzone di pista aeroportuale in Tarmac potremmo anche rappresentare un terreno naturale ricoperto con grelle metalliche di una remota base avanzata.
Nel caso della guerra della Falkland/Malvinas i Gr.3 si involavano invece dai ponti di volo delle portaerei britanniche per fornire appoggio aereo e ricognizione.
Volendo rappresentare questa particolare situazione operativa mi sono cercato sul web delle foto del ponte della "HMS Hermes" per valutare l’andamento della segnaletica orizzontale e cercare di riprodurla.
Ho incollato su una basetta del "Leroy Marlen" un foglio di carta abrasiva 500 per simulare l’aspetto rugoso del ponte, poi, per mascheratura, spruzzando colori Tamiya, ho ottenuto le varie linee segnaletiche.


BAe Harrier Gr.3


Ho caricato il modello in una possibile configurazione utilizzata durante la guerra: 2 serbatoi e 2 bombe Bl755 (ho preso quelle fornite nel kit Tornado della Revell).
Poi mi sono sbizzarrito nel riprodurre le strisce RBF bianco/rosse.
Devo dire che spezzano e fanno molta scena!




BAe Harrier Gr.3


Ed eccolo finito il nostro piccolo Bae Harrier Gr.3 "ZX988" pronto al decollo per una missione contro le posizioni Argentine in quell’oramai lontanissimo maggio del 1982 in un luogo del mondo ancora più lontano.
Fatalmente questo velivolo fu uno dei 4 Harrier Gr.3 persi durante quella guerra dalla RAF.


BAe Harrier Gr.3


Devo dire che ho completato il modello in tempi relativamente brevi considerati i miei normali ritmi di "lavoro".
Ora spero di affiancargli quanto prima anche il "fratellino marinaio", alias Sea Harrier, per completare il tema "Falkland/Malvinas" almeno dal punto di vista inglese (...spero vivamente prima del prossimo 2032 in occasione del 50° anniversario dallo scoppio del conflitto....ma sapete…prima ho una scaletta da rispettare piena di modelli da fare e che mi terrà impegnato almeno per i prossimi 10 anni!!!!).




Alla fine ringrazio come sempre per i preziosi consigli e critiche gli amici del forum "Modeling Time" e spero inoltre vivamente che questo lavoro sia gradito agli ottimi utenti e visitatori di "Kitshow"!



Commento di maurizio ugo [22/05/2015]:
....ciao Massimo, solo per il lavoro dei flabelli 10 e lode, poi il resto, basetta compresa anche li un bel 10 lodato pure lui, non te lo leva nessuno, anche la colorazione rende bene, ma dal mio personale punto di vista, direi un po troppo eccessiva, giusto il discorso di non schiarire con bianco o scurire col nero, la mia è una considerazione solo sulla cromaticità, non sulla tecnica...
un salutone maurizio

Commento di Mario Bentivoglio [22/05/2015]:
...che lavoro !!! Splendido! complimenti!!!
un saluto
mario

Commento di Vito [23/05/2015]:
Ciao Massimo, complimenti per questa tua nuova creatura, l'ennesima dimostrazione di tecnica modellistica espressa ai massimi livelli con un autocostruzione straordinaria dei dettagli mancanti è una modulazione del colore molto realistica il tutto su di un soggetto non proprio facile considerando il punto di partenza.
Complimenti il risultato finale è davvero ottimo, mi ha fatto venire il voglione di tirare fuori la mia scatola dall'armadio ....
A presto Vito

Commento di Enrico Calanchini [23/05/2015]:
Chapeau !! Modello di pregevole fattura, ricercato nei particolari e tecnicamente ben dipinto.
Non mi addentro oltre non essendo esperto del genere di velivoli, ma gli occhi questo mi dicono.
Complimenti Massimo
Ciao Enrico

Commento di ezio bottasini [25/05/2015]:
Ciao Max, l'ennesimo lavoro da grande maestro, in ogni suo particolare e nella sua interezza.
Come sempre complimentoni vivissimi.
Al prossimo Ezio

Commento di Massimo "pitchup" [25/05/2015]:
Ciao a tutti e grazie per i gentili commenti. Che dire, in effetti in questo modello ho estremizzato un "pochino" gli effetti speciali ed ammetto che in certi casi mi è sfuggito un po' il controllo dell'aerografo (difatti dopo ne ho preso uno nuovo duse 0,2). Grazie a tutti davvero.

Commento di gianfranco [05/07/2015]:
Ciao Massimo come posso visito sempre questo sito per ammirare i lavori dei bravissimi modellisti che lo compongono, ma questo modello mi ha colpito molto oltre che per la sua ottima realizzazione soprattutto per la tua "personalizzazione" nella sfumatura dei colori che rendono il modello veramente unico
Credo che effettivamente qualche volta uscire dal rigido standard della colorazione non sia poi così sbagliato se serve a dare una sua personalità al modello come sei riuscito tu
Complimenti veramente!
Gianfranco

Commento di Gianni [09/01/2016]:
Questo commento giunge in ritardo , scusami ;
splendido questo lavoro e descritto in maniera molto accurata , complimenti anche perchè 1/72 è proprio una piccola scala.
In casa ho un kit Italeri in cui c'è l'Harrier e il tuo lavoro può essermi d'aiuto.
Wessex UH.5 / Sea Harrier FRS.1 (1329)
Ciao
Gianni

Commento di Max "Pitchup" [09/01/2016]:
Ciao Gianni
Grazie per il commento. Ovviamente la versione "FRS" soffre degli stessi "problemi" delle versioni terrestri.
Buon lavoro dunque.
saluti
Massimo



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No