Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

T-34/76 - Russia 1943 - Mario Bentivoglio




Questo piccolo diorama è stato realizzato nell’ambito delle campagne tematiche annuali che si svolgono sul sito ‘Modellismo Più’.
Il tema proposto era la ‘Russia’ per cui qualsiasi mezzo, carro, aereo, nave, figurino o quant’altro riconducibile alla Russia era ammesso al contest.
Per quanto mi riguarda, ho scelto di ‘scendere in campo’ con un T-34/76 mod. 1943, un carro usato dall’Armata Rossa estesamente durante il secondo conflitto mondiale; con le sue innumerevoli versioni è diventato uno dei carri ‘simbolo’ dell’esercito russo.




Il T-34/76 mod. 1943
Il kit utilizzato nella scenetta è della Dragon in scala 1:72; documentandomi un po’, ho trovato che il T-34 era un carro con tantissime versioni e differenze causate dalle piccole modifiche operate dalle fabbriche (‘Zavod’) russe.
Dato che le configurazioni decal/versioni T-34 con le relative modifiche proposte dal foglio istruzioni della confezione Dragon non erano strettamente rispondenti alla realtà (questo particolare mi è stato fatto notare dal mio amico esperto in carri T-34 Luigi Manes che ringrazio pubblicamente per l’aiuto costante nella realizzazione di questo lavoro), ho deciso di affidarmi su alcune foto reali.
Dopo un’attenta ricerca, la scelta è ricaduta su questa foto, che rivela anche una particolare configurazione delle ruote del treno di rotolamento, configurazione debitamente replicata con le varie tipologie di ruote incluse nella scatola.




Oltre la modifica delle ruote, ho cambiato sulla torretta un visore sostituendolo con uno di forma completamente cilindrica per portare il carro alla configurazione corretta come appariva nella foto.
Ho usato tutte le fotoincisioni presenti nella scatola (griglie, pannelli vano motore, etc.) che conferiscono al piccolo carro maggiore dettaglio e finezza nei particolari più piccoli.




Unica grande pecca del kit, i cingoli che, pur se stampati benissimo, sono troppo corti di circa un paio di maglie!!!




Come si vede nella foto allegata, ho ‘risolto’ il problema posizionando la parte ‘vuota’ del cingolo sotto una ruota, particolare che non si vedrà più una volta posizionato il carro nel terreno.
Questo ‘particolare’ dei cingoli più corti purtroppo l’ho riscontrato in tanti kit di marche differenti e onestamente non capisco come non possano accorgersi di tale errore molto evidente.
Per fortuna il modellista... non si ferma di fronte a nessun ostacolo e una soluzione, la trova sempre!!!
Superato lo scoglio cingoli e assemblato il tutto, ho provveduto a dare una leggerissima mano di primer grigio della Tamiya per amalgamare i vari materiali usati (plastica, plasticard, ottone delle fotoincisioni) per la colorazione.




Figurini
Per la scena che avevo in mente ho usato figurini di diverse marche, ovviamente sempre in scala 1:72: un carrista della Preiser ‘Soviet Tankers at rest’ (solo la testa e il busto , predisposto per il posto pilota) e un fante in piedi, sempre della Preiser (l’unico soldato in piedi sul carro, dietro la torretta).
Questi della Preiser sono figurini in plastica rigida , ottimi come pose e con la possibilità di assemblare alcune parti del corpo sulla falsariga della scala in 1:35.
Tutti gli altri soldati, sistemati sul carro (un carrista nella cupola e cinque soldati seduti o inginocchiati sulla parte posteriore) sono della Hat, purtroppo in plastica gommosa con delle bave sulle linee di giunzione dei figurini quasi impossibile da togliere, a meno di rovinare i particolari delle divise per cui ho preferito rinunciare per non rovinare il tutto.
I soldati a terra in movimento (in tutto quattro) sono invece della Zvezda e fanno parte della serie di scatole piccole composte da 4/5 figurini in plastica rigida e sono componibili come i pari scala della Preiser, con un dettaglio e una scultura dei particolari e del panneggio delle divise a dir poco fantastico, vista la scala.
In totale ho utilizzato per questo piccolo diorama dodici figurini che all’apparenza possono sembrare tanti, ma una volta posizionati nella scenetta non hanno sfigurato, a mio avviso, riempendo a dovere la ‘scenografia’ del lavoro.
Sono stati tutti dipinti con acrilici Lifecolor e Vallejo e rifiniti con colori ad olio.




Ambientazione e Colorazione
Per l’ambientazione ho usato una piccola cornice comprata in un grande magazzino di Bricolage.
Ho incollato del polistirolo ad alta densità per simulare il volume del terreno, ricoperto il tutto con pasta acrilica della Maimeri, spolverato, dopo aver spalmato un po’ di colla vinilica diluita con acqua, di sabbia, fondi caffè essiccati e piccoli sassolini (lettiera per gatti triturata) per replicare il terreno tipico delle steppe russe, incollato l’erbetta (di provenienza ferroviaria) , colorato con toni terrosi e rifinito con aerografo.




A questo punto ho inserito il carro in precedenza dipinto con il verde della Tamiya JA Green debitamente desaturato con Buff per creare delle leggere variazioni cromatiche.






Incollato il T-34 con un po’ di colla vinilica ho provveduto a infossare i cingoli nel terreno per rendere più reale il suo posizionamento.
Invecchiato con lavaggi ad olio e polveri di gessetti per uniformare il tutto in base all’ambientazione.




Ho ricostruito con uno ‘spiedino’ di legno che si usa per involtini/barbecue (di diametro un po’ grosso, comprati in un comune supermercato) un palo tipico delle campagne russe.
Attaccato ad esso alcuni cartelli stradali con scritte in tedesco e in caratteri cirillici, ricostruito con piccoli pezzetti di legno di balsa una recinzione in legno, inserito un bidone che sosteneva un palo (divelto) con altri cartelli stradali e inserito qualche straccio e qualche piccolissimo manifesto in carta.








Superfluo dire che mi sono divertito anche in questa occasione a realizzare questo piccolo diorama.
Spero possa piacere anche a voi.
Buon modellismo !!!




Commento di ezio bottasini [05/12/2014]:
Ciao Mario, di bene in meglio, tanto più che tu lavori sulla scala piccola...aver fatto la foto in bianco e nero, senza far vedere la cornice della basetta, avrebbe potuto trarre in inganno...
Complimenti alla prossima Ezio.

Commento di Luis [05/12/2014]:
Ciao caro
mi piace, mi convince e mi invoglia a riprendere.
10 min. trascorsi piacevolmente a leggere il tuo articolo.
Grazie x il lieto intrattenimento.
Abbrax
Luis

Commento di Luca Navoni [05/12/2014]:
Devo ammettere che subito guardando la foto di presentazione mi sembrava in 1/35.... ottima realizzazione.... e anche se dalle foto non si vede molto bene l'ambientazione risulta essere ricca di particolari: dal palo caduto, ai vari oggetti sparsi sul terreno....

Davvero un buon lavoro, complimenti....

Un saluto, Luca

Commento di Alby Starkiller [06/12/2014]:
Caro Mario,
ecco un altro dei tuoi piccoli e magnifici diorami.
Ogni volta che ho il piacere di visualizzarne uno, mi invogli sempre più ad abbandonare le altre scale e di cimentarmi definitivamente nella 1/72. é impressionante l'accuratezza ed il numero elevato di particolari che riesci a ricreare in una scala così piccola... Mi ha colpito sopratutto come hai dipinto magistralmente i figurini, con le sfumature tali da ricreare perfettamente la tridimensionalità di ognuno di essi!
Concordo con il buon Ezio sul fatto che se avessi aggiunto una foto in bianco e nero, avresti di certo tratto in inganno tra realtà e modellismo.
Davvero tantissimi meritati complimenti!
Un super salutone! a presto!
Alby.

Commento di Mario Bentivoglio [06/12/2014]:
Alby grazie di cuore per il tuo commento! Ultimamente sto portando avanti lavoretti in entrambe le scale che prediligo ( 1:35 e 1:72). Negli ultimi anni il dettaglio e la qualità dei kit in 1:72 è salito tantissimo e permette di realizzare dei lavoretti molto 'simpatici', con il vantaggio , vista la scala, di occupare anche poco spazio. :-) (il che..non è un dettaglio di poco conto!!! ) :-D Grazie ancora e a presto un salutone
mario

Commento di Francesco Sasso [06/12/2014]:
Ciao Mario, che dire se non farti tanti complimenti per l'ennesima realizzazione accurata e realistica nonostante la piccola scala. Bellissimo il carro armato, mi piace molto l'effetto di invecchiamento che hai applicato. Continua così!
Un salutone, alla prossima!
Francesco

Commento di riccardo casati [09/12/2014]:
Bravo Mario veramente bello per essere cos piccolo veramete ricco di particolari . veramente i miei complimenti per questo tuo diorama Riccardo

Commento di Mario Bentivoglio [10/12/2014]:
Francesco, Riccardo grazie di cuore per il vostro gradimento!
un salutone
mario

Commento di maurizio [10/12/2014]:
....bella l'ambientazione.... e bello il modello... complimenti Mario.
...salutoni maurizio

Commento di francesco pozzessere [06/03/2015]:
bellissimo modello....comlimenti



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No