Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Sd.Kfz. 251 e Stazione Radio
Sd.Kfz. 251 e Stazione Radio

  Editoriale

Perche' KitShow?

Josef "Pips" Priller - Giampaolo Bianchi


Dopo aver visto questa foto:




Ho deciso di riprodurre la scenetta che ritrae Josef "Pips" Priller, asso tedesco della seconda guerra mondiale.
Josef "Pips" Priller (27 luglio 1915 - 20 maggio 1961) ha partecipato a 1307 missioni di combattimento con 101 vittorie.
Tutte le sue vittorie sono state registrate nel fronte occidentale, nei confronti di 11 bombardieri pesanti USAAF, 68 Spitfire, 11 Hurricanei e 10 bombardieri medi.
Priller è stato il pilota Luftwaffe più vittorioso in battaglie contro gli Spitfires - rivendicando almeno 68 abbattimenti - il più alto numero fra tutti gli assi Luftwaffe per questi velivoli.
Le azioni di Priller furono anche immortalate nel libro e nel film "Il giorno più lungo", quando lui e il suo collega Heinz Wodarczyk volarono in un solo attacco sulla spiaggia di Sword durante il D-Day il 6 giugno 1944.
In questa foto è immortalato a Lille-Vendeville, in Francia, a metà del 1943 vicino alla sua BMW 327/55 sport-cabriolet per montare il suo "black 13" Fw 190A-5 alimentato con un motore BMW 801.
Per la composizione del diorama, ho acquistato i seguenti kit tutti in scala 1:48:




FW 190 A German Aces - Italeri





BMW 327 - Hasegawa





German Lutwaffe pilot and ground personnel - ICM


Fw 190 A
Per essere un kit Italeri devo dire che è stato sorprendente: nella scatola ci sono decals per 5 versioni e due stampate in fotoincisione.
Ho iniziato dall’abitacolo utilizzando le fotoincisioni per il pannello strumenti che ho dipinto a mano non essendoci decals della strumentazione.
Come autocostruzione ho utilizzato del filo di alluminio per i blocca piedi sui pedali.
















L’incollaggio della fusoliera e delle ali ha richiesto poche stuccature.






Ho cercato di dettagliare il vano carrelli anche se non si vedrà nulla.




Il motore non è stato dettagliato per scelta perché eventuali modifiche sarebbero state praticamente invisibili.






Complesso è stato il montaggio del tettuccio con il meccanismo di scorrimento per apertura chiusura.






Per la colorazione, eseguita a pennello, ho utilizzato colori Vallejo basandomi sulla foto e non sulle istruzioni del kit.
Ecco alcune immagini del FW 190 A:






















Bmw 327
Bellissimo e raro kit Hasegawa; il montaggio è stato perfetto senza praticamente stuccature, certamente è stato difficile maneggiare parti così minute ma il risultato finale è veramente appagante.
Il montaggio è iniziato dal fondo.






Dopodiché sono passato all’abitacolo e agli interni cercando di rispettare la foto originale e documentandomi sulla rete.
Le cinghie del cofano motore non erano presenti nel kit e le ho ricavate da residui di fotoincisioni.
Ho utilizzato il rosso Vallejo e per l’effetto lucido lo spray trasparente Mr. Hobby




































Figurino
In questo kit ICM sono presenti vari figurini; ho scelto quello che più si avvicinava a Priller e forse, per la prima volta sono riuscito a realizzare una figura quasi umana.




Per la base ho utilizzato una tavoletta di forex dipinta incisa con taglierino e dipinta con spray grigio Tamiya ed invecchiata con lavaggi Vallejo seppia, nero e giallo scuro.




Seguono alcune foto del diorama completo.
















Grazie per i vs eventuali commenti e a tutti voi, maestri aeroplanari e non.




Chiedo se questo piccolo diorama potrebbe essere presentato ad una mostra/concorso.

Buon modellismo a tutti.

Giampaolo Bianchi

[Gallery]

10.11.2017



Commento di Flavio [09/11/2017]:
Complimenti ancora una volta per la splendida realizzazione!

Commento di Valter vaudagna [10/11/2017]:
Credo che ogni modellista possa esporre a qualsiasi mostra concorso.. tutti i lavori sono degni.. dai più bravi ai meno bravi.. sarà sicuramente per te un occasione di incontrare altri modellisti, scambiare esperienze, e di ulteriore stimolo per la crescita.
Questo detve essere lo spirito delle mostre, accomunare gente con la stessa passione.

Commento di ezio bottasini [10/11/2017]:
Ciao Gianpaolo, innazitutto un WAW per l'insieme del lavoro ma permettimi di dare qualche piccolo consiglio pratico:
Per gli interni prova ad usare le fotoincisioni dedicate soprattutto per la strumentazione, sicuramente già faresti il salto di qualità; per la verniciatura, se non intendi usare l'aerografo hai due possibilità: le bobolette coma usava il carissimo Marco oppure un pennello molto morbido e diluire maggiormente i colori al fine di evitare i segni del pennello; Per quanto riguarda la pavimentazione, forse ti sei accorto che è un po' grossa per la scala utilizzata, quindi puoi usare o della carta vetrata fine che poi polori a simulare il cemento oppure l'effetto cemento della Tamiya che però ci vuole un po' la mano per usarlo, terzo e forse più semplice il cartoncino tipo quello del fondo dei ricettari tagliato a quadrato e poi lavorato con i colori, tieni conto però che il cartoncino dopo la prima/seconda mano di colore "fiorisce" un po' e va passato con della carta abrasiva fine.
Credo che il prossimo lavoro che vedremo sarà ancora migliore di questo. Bravissimo un caro saluto Ezio

Commento di giovenco giuseppe [10/11/2017]:
premesso che l'idea della ricostruzione storica è lodevolissima, tanto più se supportata da tanto di documentazione fotografica, credo che il dioramino meriti una base più realistica, per cui concordo con Ezio che mi ha preceduto - poi, se si appartiene ad un forum alla pari come gli altri modellisti, è giusto consigliare il partecipante alle critiche costruttive - per esempio io che frequento principalmente il settore Normandia con le truppe di Sua Maestà, mi sono avventurato anche sui siti di lingua anglosassone per ricevere suggerimenti da chi ne sa più di me indiscutibilmente . i britannici sono terribili!!!! - non ti concedono sbavature sia sulle uniformi che sugli equipaggiamenti, anche se poi sono pronti a sommergerti di documentazione - ora la tua scenetta merita davvero di essere esaltata di più - per es. avrei tagliato delle fettuccine di vera pelle per fare le cinghie del cofano, ma sono certo che saprai sistemare anche altri particolari, ...la mano non ti manca!!!
Giuseppe

Commento di Dino Dall'Asta [10/11/2017]:
Pienamente d'accordo con quanto commentato da Valter: iniziare dapprima a frequentare le varie mostre per poi rendersi conto che "ci posso stare anch'io" è il cammino che tutti noi abbiamo fatto. Poi il confrontarsi, assimilare e studiare il lavoro degli altri modellisti favorisce la naturale crescita sia per esperienza che per abilità.
Complimenti.
Dino

Commento di Gianni [10/11/2017]:
Complimenti Gianpaolo un lavoro decisamente impegnativo... aereo, vettura, figurino basetta un bell'impegno.
Guardando le foto macro inevitabilmente si vedono i difetti e non sai quante volte capita anche a me, purtroppo io farei peggio con il pennello e con l'aerografo ho ancora molto da imparare, i consigli di Ezio li condivido a pieno ma devo dire che vedendo le foto finali fa decisamente una bella figura .
Complimenti ancora
Gianni

Commento di giampaolo bianchi [10/11/2017]:
carissimi un grazie a tutti e\' doveroso per i preziosissimi consigli che vedro\' di mettere in atto gia da un B-24 liberator che ho iniziato a costruire.

Commento di Lauro Bonfà [10/11/2017]:
Complimenti Carissimo lavoro non certo facile e complesso, visto che mettere insieme modelli cosi diversi per tipologia non è affatto facile. Devo dire che mi piace l\'insieme del diorama,certo tutto si può migliorare e questo lavoro ne è la riprova. Per il discorso mostre vai tranquillo, entri meritatamente in qualsiasi evento e personalmente consiglio di frequentare in primis quelle non a concorso, fatte per divertimento in relax.

Commento di Laura [11/11/2017]:
Non capisco di modellismo ma proverei a partecipare ai concorsi che rappresentano sempre un confronto e stimolo al miglioramento.
Ciao e complimenti

Commento di marco vergani [13/11/2017]:
carissimo Giampaolo,
un diorama di grande effetto. Come ha detto l'amico Ezio (che ringrazio per avermi citato) devi ancora "farti le ossa" ma sei sulla buona strada.
Anch'io usavo le bombolette spary Tamiya e devo dire con risultati ottimi in quanto ho vinto dei premi (vedi Prowler, SEM e Rafale), ma le ho definitivamente abbandonate per l'aerografo. Certamente richiede molta più attenzione e soprattutto un pochino di esperienza .... vedremo i prossimi risultati.
A presto e un caloroso saluto.
Marco.

Commento di Enrico Calanchini [13/11/2017]:
Nell'insieme è una ricostruzione indovinata e piacevole, quanto alle tecniche usate, il macro non contribuisce certo ad esaltarle anche l'impegno profuso è indice di una volenterosa intenzione a migliorare e serve per farsi le ossa, come ognuno di noi abbisogna all'inizio.
Sei sulla strada giusta ti faccio i miei complimenti
Ciao Enrico

Commento di giampaolo bianchi [13/11/2017]:
nel ringraziarvi tutti per i consigli e le critiche costruttive devo dire che effettivamente la basetta ..e' una cag.... pazzesca come avrebbe detto Fantozzi.. ma non me ne ero accorto.. sara' mia cura rifarla seguendo le vs indicazioni.
grazie
giampaolo

Commento di Gianni [14/11/2017]:
Volevo solo aggiungere che anche a me è capitato di partecipare a delle mostre con lavori non sempre eccellenti ma vederli esposti mi rende orgoglioso, tanto non ho nessuna pretesa, anzi spesso con qualche modellista si scambiano utili opinioni filtrando le critiche pesanti.
Gianni

Commento di giampaolo bianchi [14/11/2017]:
grazie Gianni mi conforti
un caro saluto
giampaolo

Commento di Valter vaudagna [14/11/2017]:
Caro Giampaolo, cominciamo a fare qualche critica costruttiva seria.
Allora, osserva il modello davanti, guarda gli allineamenti alari, le ali devono avere lo stesso diedro, i piani di coda pure, come pure i carrelli vanno perfettamente allineati.
Per eseguire ciò, o conosci perfettamente l'aereo che stai riproducendo o ti affidi a trittici di disegni affidabili, che si trovano su libri, riviste, web.
Una volta risolto i problemi di montaggio allineamento si passerà a migliorare altri aspetti, un passo per volta, non si diventa maestri in un colpo solo, se ti può consolare il 70% dei modelli che si vedono alle mostre ha questi problemi.
Allora sotto con impegno e aspetto il prossimo modello con ansia, un carissimo saluto

Commento di giampaolo bianchi [15/11/2017]:
grazie valter veramente un bel consiglio..come al solito lo avevo notato..ma a modello terminato.
veramente grazie.
Giampaolo

Commento di ezio bottasini [15/11/2017]:
Caro Giampaolo, mi associo assolutamente a quanto scritto da Valter, i miei consigli erano già oltre i fondamentali consigliati da lui... se ti può consolare il disassamento dei carrelli (soprattutto) è un quakcosa che capita anche a chi ha più esperienza di te; comunque resto dell'idea che sei sulla strada giusta e l'impegno non ti manca, ultima cosa: la fretta è una grande nemica, impiega una settimana in più ma fai le cose con calma, certo a tutti piacerebbe vedere finito il proprio modello 5 minuti dopo aver aperto la scatola.....ma.....
Alla prossima, un caro saluto Ezio

Commento di giampaolo bianchi [16/11/2017]:
CARO EZIO HAI TOCCATO UN PUNTO IMPORTANTE..ALLA FINE LA FRETTA FORSE PER SATURAZIONE..PRENDE IL SOPRAVVENTO.
GRAZIE DI TUTTO E UN CARO ABBRACCIO
GIAMPAOLO



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No