Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Emanuele Iemma
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marcello d'Andrea
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Taxi de la Marne
Taxi de la Marne
Sergio Colombo

  Latest arrival...

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

  Latest arrival in the gallery

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

Joachim Marseille - Giampaolo Bianchi


Girovagando come al solito per il web a caccia di foto da cui trarre spunti, mi sono imbattuto in queste foto:


Joachim Marseille


Joachim Marseille

Le immagini ritraggono Joachim Marseille vicino ad uno Spitfire da lui abbattuto sul deserto della Tunisia nel marzo del 1942 ed accanto ad una kubelwagen.


Joachim Marseille
Joachim Marseille

Joachim Marseille, l'asso ribelle soprannominato "Stella d'Africa"[*]
..."Era un playboy dal fascino irresistibile, un pilota indisciplinato e piantagrane, ma nonostante tutto, maledettamente geniale e senza rivali. Conduceva una vita notturna troppo movimentata e spesso, la mattina, pretendeva di decollare nonostante non avesse quasi chiuso occhio."...
Con queste parole il comandante dello Jagdgeschwader 52, "Macky" Steinhoff disegnò i tratti di uno dei più formidabili assi della Luftwaffe durante il secondo conflitto mondiale: Hans Joachim Marseille.
Pressoché impossibile qualificarlo come modello del disciplinato soldato tedesco, era considerato dai superiori una notevole seccatura, sia per il carattere fortemente individualista che per l’insofferenza verso qualsiasi tipo di autorità.
Nato nel 1919, allo scoppio dell’offensiva tedesca contro la Francia, Marseille entrò come tenente nella 4ª Staffel dello JG 52, ma dopo poco tempo passò allo JG 5 dove si aggiudicò le prime sette vittorie e la Croce di Ferro.
Nonostante l’eccezionale bravura, i suoi superiori erano fermamente decisi a levarsi di torno quel giovane pilota insolente e scavezzacollo che amava il jazz americano (musica bandita dal regime nazista) e che disprezzava le tecniche di combattimento insegnate dalla Luftwaffe.
Così, all’inizio del 1941, Marseille venne trasferito nella 3ª Staffel dello JG 27 impegnata sul fronte Nord-Africano; qui ebbe la fortuna di essere posto agli ordini del Colonnello Eduard Neumann, un ufficiale che intuì le ottime potenzialità del ragazzo e ne incoraggiò l’affinamento di quelle tecniche personali di addestramento che ne avrebbero fatto un asso impareggiabile.
La formidabile vista di cui era dotato gli consentiva di individuare e colpire il nemico con largo anticipo, prima che quest’ultimo riuscisse ad accorgersi della minaccia e senza avere più il tempo per qualsiasi tipo di manovra evasiva; la sospensione dell’uso degli occhiali da sole fece si che gli occhi di Marseille si abituassero alla potente luminosità del deserto.
Abolì inoltre ogni consumo di alcolici, particolarmente del brandy di cui era grande estimatore, e si sottopose a massicci esercizi atti a rafforzare la muscolatura delle gambe e degli addominali; in questo modo riuscì a incrementare la capacità fisica per una più efficace resistenza alle innumerevoli sollecitazioni a cui il corpo del pilota è sottoposto durante il volo, soprattutto nelle violente manovre dei duelli aerei.
Nel 1942, lo JG 27 venne riequipaggiato con i Messerschmitt Bf 109 F in sostituzione dei precedenti 109 E e Marseille ricevette il comando della 3ª Staffel, di base a 150 chilometri a sud-ovest di Tobruk.
Il 6 giugno 1942 decollò a bordo del suo ormai famoso Bf 109 F-4 Gelbe 14 (di cui seguiva personalmente ogni modifica e riparazione) ed intercettò una formazione di quindici Curtiss P-40 Tomahawk del 5º Squadrone della South African Air Force: in 11 minuti, sei raffiche abbatterono sei aerei, tre dei quali erano pilotati dagli assi britannici Douglas Golding, André Botha e Robin Pare.
Il 1 settembre 1942 l’asso tedesco batterà ogni suo record con 17 vittorie in tre missioni, tutte effettuate nello stesso giorno.
Il Generale Adolf Galland commentò il genio di Marseille con queste parole: ..."Nella Seconda Guerra Mondiale fu impareggiabile tra i piloti da caccia, i risultati da lui ottenuti non sarebbero mai più stati eguagliati dopo la sua morte"...
Marseille raggiunse l’apice della carriera con 158 abbattimenti e ricevendo dalle mani di Hitler la più alta decorazione militare tedesca: la Croce di Cavaliere con Fronde di Quercia, Spade e Diamanti.
Scomparirà tre giorni dopo, il 30 settembre 1942 a soli 22 anni per un banale incidente di volo: durante il rientro da una missione come scorta a un reparto di Junkers 87 Stuka, il motore del suo aereo si incendiò a causa della rottura di una tubazione dell’olio. La cabina di pilotaggio si riempi di fumo e il caccia cominciò a perdere rapidamente quota; raggiunte con notevole sforzo le linee tedesche, Marseille posizionò l’aereo in volo rovesciato, in modo da poter aprire il tettuccio e lanciarsi fuori dall’abitacolo.
Mentre i compagni di squadriglia lo affiancavano per cercare di proteggerlo da possibili attacchi nemici in quel frangente così delicato, assistettero impotenti alla fine della "Stella d’Africa". Marseille fuoriuscì dal Bf 109 rovesciato, ma il timone di coda urtò violentemente contro il suo torace. Attoniti, gli altri piloti lo videro precipitare sul deserto nei pressi di Sidi Abd El Rahman senza che il paracadute si fosse aperto.
Così uscì di scena il più giovane Capitano della Luftwaffe, il cui epitaffio tombale, presso il cimitero militare di Tobruk, cita come: "Invincibile".




Mi era stato da poco regalato uno splendido modello di un Supermarine Spitfire Mk XVIe della Tamiya in scala 1/32; pur commettendo un altro "falso storico" non ho resistito alla tentazione ed ho iniziato a costruire il diorama.

Il modello
Il Supermarine Spitfire è un prodotto stupendo e dettagliatissimo sotto ogni punto di vista (il libretto di istruzioni consta di 35 pagine); mi affascinava l’idea di poter riprodurre il motore e gli interni in modo tale che potessero essere osservati e rovinare l’aereo precipitato.
Premetto che è stato il primo aereo che ho costruito e dipinto dopo 30 anni !!! quindi chiedo venia a tutti i "maestri aereo planari" se il risultato non è avvicinabile ai vostri livelli... ma mi sono divertito parecchio.

Il motore
Per la costruzione del motore ho cercato di essere il piu aderente possibile alla realta osservando alcune foto reali dei mitici motori rols-royce e merlin aggiungendo civetterie con filo di rame.











Cookpit
Anche in questo caso ho preso spunto da foto reali cercando di riprodurre il piu fedelmente possibile il vero posizionando cavi e tubi in filo di rame.






Joachim Marseille










Carlinga
Qui il lavoro è stato complesso perche ho dovuto riprodurre la zona distrutta sulla parte dx della carlinga.
Ho disegnato in primis la zona da rimuovere e successivamente l’ho incisa con lama da bisturi arroventato.
Poi con un filo di acciaio del diametro di 1 mm ho cercato di riprodurre le barre trasversali visibili in foto e con del plasticard le centine.














Armamento






Ho cercato di riprodurre il cannone Hispano da 20 mm e la mitragliatrice browning da 12,7 mm nell’ala di dx; il cannone hispano è totalmente auto costruito e la mitragliatrice browning è un residuo della banca dei pezzi.






Colorazione dell’aereo
Ho usato i Vallejo air per aerografo e i valleio normali per i ritocchi.
Per le pannellature e gli scarichi del fumo e delle mitragliatrici ho utilizzato coloriad olio diluiti con petrolio bianco.
















Kubelwagen
È un prodotto molto datato dell’Italarei in scala 1:35; colorazione con Vallejo e Lifecolor.
Ho cercato di riprodurre il piu fedelmente possibile le scritte ed i disegni sulle fiancate a pennello a mano libera.
Tali scritte che rappresentano il numero OTTO in lettere derivano da un omaggio che gli fecero dei piloti italiani perche in un solo giorno abbattè ben OTTO aerei nemici.






I figurini
Per Joachim Marseille ho utilizzato il figurino presente nella scatola dello spitfire sostituendo il cappello d’ordinanza inglese con una bustina tedesca riprodotta in lamierino di metallo.
Ho cercato di rendere l’espressione di iun ragazzo spensierato perche l’asso tedesco è sempre stato descritto come un personaggio fuori dagli schemi.




Il beduino è un residuo della banca dei pezzi; la tunica ho cercato di riprodurla con stucco bi componente della Tamiya (per la prima volta!!).






L’ufficiale tedesco era nel kit della kubelwagen.






Basetta
Per la basetta ho rivestito una tavola di forex (40x 30 cm) con della balsa; ho spalmato colla vinilica e colla spray cui ho fatto aderire del terriccio che ho poi colorato con aerografo e pigmenti Vallejo.






Il diorama
Prendendo spunto dalle foto all’inizio dell’articolo ho immaginato Marseille accompagnato da un ufficiale tedesco con la Kubelwagen a lui dedicata a visionare uno Spitfire da lui abbattuto nei cieli della tunisia nel 1942; qui incontra il beduino che lo guarda ammirato.




















Grazie dei Vostri eventuali commenti e buon modellismo a tutti.


Giampaolo Bianchi

[Gallery]

22.11.2015

[*] Liberamente tratto dal'articolo di E. Susani (www.qattara.it)



Commento di Vito [01/12/2015]:
Ciao Giampaolo
Lavoro davvero notevole !
Molto realistiche le rotture del velivolo riprodotte con eccezionale maestria .
Il tutto ambientato ottimamente .
Complimenti Vito

Commento di Marco Vergani [01/12/2015]:
ciao Giampaolo,
sei sicuro che la foto storica ritrae uno Spitfire, onestamente a me sembra un Hurricane!!
La scenetta mi piace molto, non molto come hai riprodotto il terreno, comunque questa è una mia personale osservazione.
Complimenti vivissimi.
ciao, Marco

Commento di Giampaolo Bianchi [01/12/2015]:
grazie Vito i tuoi complimenti di maestro "aeroplanaro" sono molto stimolanti.. e grazie anche a te Marco.. su alcuni siti ho trovato l'indicazione che trattavasi di spitfire ma sinceramente il dubbio era venuto anche a me..pero'mi sono lasciato trasportare dal modello che avevo.per quanto riguarda il terreno ho cercato di rendere la disomogeneita' del terreno desertico dopo l'impatto..ma cerchero' sicuramente di migliorare.

Giampaolo

Commento di Flavio [01/12/2015]:
Complimenti....é un lavoro che testimonia la maturità realizzativa con un pizzico di simpatia nel ricercare questa figura così atipica di militare tedesco. Ad maiora!

Commento di Enrico Calanchini [01/12/2015]:
Sicuramente impattante la scena e ben imitata.Immagino l'impegno per realizzarla avvalendoti della tua manualità non comune.
Avevo visto anch'io che si trattava dell'Hurricane notando a prima vista il timone verticale.
Bella la Kubelwagen.
Bravo! Ciao Enrico

Commento di maurizio ugo [01/12/2015]:
...ciao Giampaolo, gran bel lavoro sull'aereo, ma come detto da Marco, non è uno Spitfire quello della foto, e se anche lo fosse stato, non sarebbe stato di questa versione, il canopy a goccia, non ha prestato servizio in quel teatro bellico.... sorry per la precisazione, un caro salutone
maurizio

Commento di Giampaolo Bianchi [01/12/2015]:
Grazie a tutti..ma avevo premesso che era un bel "falso storico"..ma questo era il modello a disposizione e la scena era troppo intrigante per non riprodurre.
Giampaolo.

Commento di ezio bottasini [02/12/2015]:
Ciao Gianpaolo, grandissimo lavoro di dettaglio, ricostruzione e "danneggiamento",modellisticamente ineccepibile, purtroppo mi devo associare con chi mi ha preceduto nel dire che è un bellissimo "francobollo falso" vista la tarda versione dello "Spit" che hai usato, assolutamente non contemporanea al grande Marseille. Comunque ripeto un ottimo lavoro di modellismo, speriamo di vederne altri di questo livello ma con l'aereo giusto al posto giusto.
Al prossimo Ezio

Commento di Giampaolo Bianchi [02/12/2015]:
hai ragione ezio ma mi sono fatto prendere la mano dal bellissimo " pezzo" tamya..ma al prossimo che e' gia' in lavorazione gli aerei saranno del tempo giusto..e spero di sorprendervi.
Grazie ancora Ezio.
Giampaolo

Commento di Lauro Bonfa' [02/12/2015]:
Ti faccio i miei piu'vivi complimenti,sia per quanto riguarda la ricerca storica sulla Stella d'Africa molto dettagliata e interessante che per il lavoraccio fatto. Mi piace molto tutto l'insieme del diorama, hai saputo trasmettere con grande manualita' e passione una drammatica scena non certo. semplice da riprodurre . Bravo Giampaolo e continua cosi. Lauro

Commento di Francesco Sasso [02/12/2015]:
Ciao Giampaolo, sempre interessanti i tuoi falsi storici, ti applichi con costante impegno e i risultati si vedono..anche io avrei realizzato diversamente il terreno.. se ti capita ti consiglio di provare ad acquistare la pasta effetto sabbia della Vallejo, io la uso spesso, è di facile applicazione e con un risultato molto buono per le ambientazioni desertiche.. per il resto complimenti, continua così!
Francesco

Commento di Giampaolo Bianchi [03/12/2015]:
Grazie a Lauro perché i complimenti di un modellista così esperto e produttivo non possono che far altro che spingermi a migliorare.Grazie Francesco proverò sicuramente la pasta vallejo per i prossimi diorami "desertici".
Un abbraccio.
Giampaolo.

Commento di Navoni Luca [03/12/2015]:
Ciao Giampaolo,

bellissima l'idea di prendere spunto da foto storiche.... ....buono tutto il lavoro svolto su entrambi i modelli.... ....il terreno lascia un po' desiderare, senza grossi investimenti basta anche della comune sabbia per canarini passata con un piccolo setaccio per eliminare eventuali residui, un po' di lavaggi o aerografo per dare un po' di tridimensionalità e il gioco è fatto...

....continua così che vai alla grande, un saluto, Luca.....

Commento di Giampaolo Bianchi [03/12/2015]:
gRAZIE LUCA PER I COMPLIMENTI E PER I PREZIOSI CONSIGLI.
UN ABBRACCIO.
gIAMPAOLO

Commento di riccardo casati [04/12/2015]:
Bravo Gianpaolo lo trovo un bel lavoro ...vai sempre meglio ...poi trovo bellissimo anche il racconto storico di questo asso tedesco ..grande ..

Riccardo

Commento di Giampaolo Bianchi [04/12/2015]:
grazie Riccardo detto da te..e' solo un onore.
Giampaolo.

Commento di Sandro Gibin [05/12/2015]:
Con tutto ciò che oggi il web e quant'altro ci mette a disposizione è inaccettabile confondere un Hawker Hurricane con un Supermarine Spitfire, tanto valeva utilizzare un Hawker Typhoon o Tempest...
Non critico assolutamente la qualità del lavoro, imparare o insegnare le varie tecniche è una cosa che va sempre accettata ma il confondere le acque, questo no!
Sandro

Commento di Giampaolo Bianchi [04/12/2015]:
Caro Sandro fortunatamente questo e' un hobby che serve a rilassarmi..ti auguro di far confluire tutta questa veemenza e aggressivita' in splendidi modelli da poter ammirare presto.
un caro saluto.
Giampaolo.

Commento di Vito [07/12/2015]:
Il modellismo e soprattutto divertimento !
E creare cosa più ci piace, come più ci piace !
Io non capisco gran che di aerei della seconda guerra mondiale facendo solo jet, pero penso di capirne qualcosa di modellismo e rinnovo i complimenti per la tecnica usata nella realizzazione del velivolo poi se è il soggetto è sbagliatiato chisseneimporta a Giampaolo andava così ed ha fatto bene a divertirsi come un pazzo a finire il suo lavoro.
Come Giampaolo, spero anche io che il sig. Gibin Sandro presto condivida presto con noi le sue opere, anche se non ho ben capito se è anche midellista oltre che esperto storico aeronautico.
Ciao Vito

Commento di giampaolo bianchi [16/02/2016]:
grazie vito condivido appieno..
giampaolo

Commento di Steffy [01/08/2017]:
Perdonami...diorama stupendo...ma dalla prima foto si evince che è un Hurricane e non uno Spitfire !



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No