Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Emanuele Iemma
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marcello d'Andrea
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Taxi de la Marne
Taxi de la Marne
Sergio Colombo

  Latest arrival...

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

  Latest arrival in the gallery

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

Banchina di Dunkerque 1940 – Giuseppe Giovenco


Banchina di Dunkerque 1940 © Giuseppe Giovenco

Non sempre gli eserciti che si contrappongono ottengono la vittoria come viene riportato dalle cronache storiche – è il caso di citare la famosa battaglia di Karkemish, dove secondo i cronisti egizi il faraone Ramsete II° riportò una vittoria schiacciante contro l’esercito Ittita : nella realtà si è chiusa quasi in un decoroso pareggio.
Dunkerque che ha segnato la ritirata del BEF (tradotto in italiano come Corpo di Spedizione Britannico), organizzata dagli stati maggiori di Sua Maestà, di concerto con altrettanti comandi alleati, tra la fine di maggio e i primi di giugno del 1940, per recuperare le truppe francesi, del Regno Unito e belghe, fu riportata dai cronisti tedeschi, come una rovinosa impresa del Regno Unito ed un trionfo delle truppe del Reich.
In realtà, se da un lato è stata inequivocabilmente una ritirata con grandi perdite di materiali e mezzi (il web abbonda di filmati e foto delle spiagge di Dunkerque dove si vedono letteralmente cataste di equipaggiamenti, oltreché mezzi semidistrutti), dall’altro lato è stato un trionfo umanitario per tutti quei soldati che hanno portato, oltre Manica, a casa la pelle, grazie alla volontaria partecipazione delle marine militare e mercantile di Sua Maestà.
Probabilmente, se all’epoca avessero avuto anche dei gommoni come gli odierni scafisti del Mediterraneo, frotte di pescatori inglesi si sarebbero lanciati prodigalmente al recupero dei soldati in rotta, ed in attesa, sulle spiagge francesi.
Parliamo di oltre 400.000 soldati dei tre eserciti, sopra citati, la cui sorte sarebbe stata sicuramente in qualche campo di concentramento; è altrettanto vero che gli eserciti in ritirata accusarono una batosta talmente forte che prima di riorganizzarsi impiegarono molto tempo, permettendo alle truppe tedesche di conquistare la Francia e Parigi (quest’ultima faceva parte di un vecchio conto in sospeso riferito alla prima guerra mondiale, dove i tedeschi arrivarono alle porte della capitale, senza potervi entrare, grazie alla strenua resistenza delle truppe francesi in primis – erano talmente sicuri di entrarvi, che avevano già coniato una medaglia commemorativa per celebrare la presa di Parigi).
Il diorama che segue è un omaggio a quei soldati anonimi che, presi da sconforto per la colossale ritirata, hanno dovuto abbandonare armi ed equipaggiamenti sulle spiagge, consci del fallimento del fronte, ma che per "grazia di Dio"sono stati tratti in salvo – dalle cronache del British Army : chi abbandonava o perdeva il suo Enfield era passibile di una multa pari a 5 Sterline di allora – come direbbe un romano : ‘na cifra!!!




Vi posto anche le fasi di esecuzione per la realizzazione di uno spezzone di molo con la sua bitta.
Fasi iniziali : incollaggio di tre sezioni di balsa da 3 mm., per simulare n. 2 soglie di marmo e la piastra quadrata di ancoraggio della bitta, applicate su multistrato da 1 cm. (naturalmente per la scala 1/6), indi battitura del bordo per i marmi di cornice e stuccatura per togliere le venature del legno, con successivo passaggio con carta vetrata.








Realizzazione della bitta con pane di DAS, previo un'anima di polistirolo ad alta densità da contornare con la pasta, e, una volta asciugata quest'ultima, modellarla con la carta vetrata.


Banchina di Dunkerque 1940 © Giuseppe Giovenco

Con la sabbia da canarini, ho creato la pavimentazione della banchina - dopo aver spalmato una soluzione composta da colla vinilica diluita con altrettanto volume di acqua, ho cosparso il piano ed ho aspettato che il tutto si asciugasse per togliere la sabbia in esubero.








Non rimane che modellare la bitta ed inserirla nel suo riquadro, con ficcandola in due perni, sigillando la base ad imitazione di saldatura, come da foto.












Inizio della colorazione della bitta : già con il collaudato connubio tra nero opaco ed argento, a piacere per quel che riguarda la cromia del ferro appena uscito dallo stampo.




Banchina di Dunkerque 1940 © Giuseppe Giovenco

Mano finale di marrone opaco, diluito e non, per arrugginire la mia bitta, come da manuale.






I marmi li ho ottenuti con la miscela di nero, bianco ed un apuntina di giallo (q.b. per togliere il colore grigio plastico), indi passata finale con il bianco opaco fortemente diluito, a livello di velatura.




Leccata finale con il cordame intriso di colla vinilica per tenerlo teso verso l’ipotetica nave.




Ed ecco il risultato finale.


Banchina di Dunkerque 1940 © Giuseppe Giovenco











Giuseppe Giovenco

[Gallery]

Gruppo Herring Mantova

05.04.2016




Commento di giampaolo bianchi [04/04/2016]:
Ciao Giuseppe, complimentoni ( vista la scala..).
Spettacolare l'autocostruzione della bitta..un colpo da maestro. Bravissimo.
un caro saluto.
Giampaolo

Commento di Dino Dall'Asta [04/04/2016]:
E bravo Giuseppe...un'ottima scenetta ben progettata e realizzata.
Dino

Commento di Gianni [04/04/2016]:
Bello questo lavoro molto realistico... non so se capita anche a voi ma questo è un diorama che parla...comunica ...la sofferenza di un soldato magari pensa a casa agli affetti o magari e morto un suo commilitone ...forse semplicemente esausto mentre un ufficiale con il suo carisma ed il suo grado prova a rincuorarlo.
Complimenti per le foto che dettagliano minuzisamente il tuo lavoro, bitta e diorama fantastici.
Gianni

Commento di Lauro Bonfà [04/04/2016]:
E bravo il nostro Caro VECCHIO Giuseppe che nonostante l'età,gli acciacchi,la dieta e tutto il resto riesce sempre a deliziarci con lavori di alto livello.Percepisco la tristezza e lo scoramento del soldato ferito, in un momento tragico e difficile per gli Alleati,quando sembrava che nulla e nessuno potesse fermare la Wermacht.Molto interessante anche il tuo report storico e modellistico.
Lauro.

Commento di Vito [05/04/2016]:
Ciao Giuseppe
Lavoro splendido come sempre ricco di dettagli che trasmette sensazioni forti a chi lo osserva.
A presto Vito

Commento di Francesco Sasso [05/04/2016]:
Ciao Giuseppe, che dire.. a ogni lavoro mi stupisci sempre di più! Come scrivono gli altri amici.. i tuoi lavori trasmettono emozioni..
Un caro saluto.
Francesco

Commento di ezio bottasini [06/04/2016]:
Ciao Giuseppe, non sono un poeta par tuo, questa scenetta però da a chi la guarda la sensazione del momento storico, l'orlo del baratro su cui si sono trovati gli aglo-francesi in quei giorni, salvati solo dalla stupidità e megalomania dei tedeschi, nel proseguo della guerra.
Bellissimo, perticolari stupendi, vista soprattutto la scala dove la minima imperfezione si esalta.
Ciao al prossimo Ezio

Commento di giovenco giuseppe [06/04/2016]:
cari amici modellisti sfegatati, è sempre un piacere partecipare ai lavori degli altri perché così ci si arricchisce - se mettessimo insieme tutti i nostri lavori, potremmo allestire una mostra storica permanente di carattere didattico, visto il bagaglio personale che ognuno di noi si sta costruendo - vi ringrazio ancora per le vostre visite e, naturalmente, mi aspetto di vedere i vostri nuovi lavori, poi ......... di sicuro ci si incontrerà in qualche altra mostra - alle prossime - vostro sinceramente affezionato Giuseppe

Commento di ezio bottasini [07/04/2016]:
Carissimo Giuseppe, l'idea di un museo modellistico permanente è unan cosa che mi frulla in testa da tempo, visto che anche tu sei un fautore di tale idea, potremmo seriamente pensare di produrre qualcosa di vero...
Sinceramente entusiasta, Ezio

Commento di maurizio ugo [08/04/2016]:
Ciao Giuseppe, come sempre riesci a incuriosirci con i tuoi lavori molto rappresentativi e ben realizzati, scusa se non ti ho risposto in rima, ma aspetto l'ispirazione poetica.... bello, bello e per finire bello, semplice ma molto rappresentativo della realtà, complimentoni Beppe... aspettando altre tue chicche, ti saluto "accanitamente".... maurizio

Commento di Luca Navoni [10/04/2016]:
Ciao Giuseppe,
bella scenetta e ben progettata.... ...bellissima e ben realizzata l'autocostruzione della bitta... ...davvero complimenti, attento in ogni particolare senza tralasciare nulla....

un saluto, Luca



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No