Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Emanuele Iemma
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marcello d'Andrea
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Taxi de la Marne
Taxi de la Marne
Sergio Colombo

  Latest arrival...

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

  Latest arrival in the gallery

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

British Armoured Car - Francesco Sasso

Pattern 1920 Mk.I - Iraq - 1941




L'Iraq durante la Seconda Guerra Mondiale fu di grande importanza per la Gran Bretagna per diversi ragioni.
Per prima cosa, l'Iraq le forniva tutto il petrolio di provenienza non americana; secondo, possedendo le riserve petrolifere irachene, non permetteva alla Germania di sfruttarle; terzo, l'eventuale perdita dell'Iraq avrebbe dato un significativo impulso al nazionalismo arabo in altre zone del Medio Oriente dell'epoca; quarto, ma non ultimo per ordine di importanza, perdere l'Iraq significava spezzare la vitale linea di comunicazione tra il Mediterraneo e l'India e una fondamentale linea di rifornimento verso la Palestina dall'Oriente.
Alla Gran Bretagna fu concesso dallo stato iracheno di tenere due basi aeree nel Paese e di reclutare uomini di leva locali per garantirne la sicurezza, una presso il lago di Habbaniya sull'Eufrate, l'altra a Shaibah.
Habbaniya era una base autosufficiente e con al suo interno tutto ciò che militari e civili che vi abitavano avrebbero potuto aver bisogno senza uscirne.
Al suo interno vi era un campo d'aviazione e inoltre erano presenti mezzi di terra, tra cui le autoblindo Rolls Royce.




Caratteristiche del mezzo:
La Rolls-Royce armoured car è stata un'autoblindo britannica utilizzata tra il 1914 ed il 1941.
Fu impiegata durante la Prima Guerra Mondiale ed all'inizio della Seconda.
Il mezzo corazzato fu rivisto nel 1920 e nel 1924 e le nuove versioni furono chiamate, rispettivamente, "Rolls-Royce 1920 Pattern" (il mio kit) e '"Rolls-Royce 1924 Pattern"
Raggiungeva un velocità massima di 72 Km/h e, con una corazzatura spessa 12 mm e una mitragliatrice Vickers da 7.7 mm in torretta, era considerato un buon veicolo da ricognizione.
A fine 1941 questi mezzi furono gradualmente ritirati dal servizio.




Il kit:
Il Kit in scala 1/35 è della Roden, prima volta che ho a che fare con questa marca di modellismo.
Non è un Tamiya, ma la qualità degli stampi è comunque buona, anche se ho dovuto fare parecchio lavoro di pulizia e il montaggio in alcuni punti non è stato dei più semplici, ma una volta finito, si ottiene un piacevole ed appagante risultato.
Il kit propone anche i pezzi per montare il motore, ma dato che a veicolo ultimato non si vedrà nulla, ho preferito non montarlo ed aggiungerlo alla mia banca pezzi per future realizzazioni.
Essendo un appassionato di camionette ed autoblindo desertiche, dopo essermi imbattuto in questo modello, non ho esitato a procurarmelo per realizzarlo.
Al kit ho aggiunto equipaggiamenti vari provenienti dalla mia banca pezzi, ho aggiunto il filo di corrente del faro in torretta utilizzando un sottilissimo filo in rame per dare un tocco di realismo in più.








Colorazione:
Finito di montare il mezzo, ho applicato uno strato di primer nero opaco come base, e dopo sono passato alla colorazione tramite areografo, usando i colori acrilici Tamiya:

  • XF-60 DARK YELLOW per la blindatura, torretta e parafanghi;
  • XF-78 WOODEN DECK TAN per gli assi in legno posteriori;
  • XF-18,XF-2 E XF-7 (rispettivamente MEDIUM BLUE, FLAT WHITE E FLAT RED) per rappresentare il logo della RAF sul tettuccio della torretta;
  • XF-10 GUN METAL per la mitragliatrice in torretta.




Per la torretta non ho voluto usare le decals, quindi, dopo aver accuratamente mascherato le parti della torretta con nastro Tamiya per avere la forma circolare più precisa possibile, ho colorato tramite areografo.
Tecnica della lacca per scrostature e graffi, invecchiamento eseguito tramite colori ad olio, prodotti specifici AK Interactive e pigmenti Mig e Tamiya per impolverare il mezzo.
Purtroppo durante l'invecchiamento del mezzo ho rovinato le decals sul vano del motore, perciò, non avendone altre, le ho quasi "nascoste" ipotizzando che a differenza delle altre siano ancora da ripulire da sabbia e sporcizia dopo una ricognizione nel deserto.

Ambientazione:
L'idea di realizzare questo diorama mi è venuta dopo aver visto questa foto:




Perciò, tramite Autocad, ho riprodotto le scritte del cartello (Dim. 7,00 cm x 4,50 cm), una volta stampato su carta adesiva, l'ho incollata su un sottile pezzo di legno di balsa, e attentamente ritagliata tramite un taglierino.
Poi ho fissato il tutto con dei listelli in legno come pali.




Su una cornice in legno ho steso una base di Das, pasta effetto sabbia della Vallejo e pietruzze e ciuffi d'erba per completare l'insieme, come al solito molto semplice ma per dare un senso di operatività al mezzo.
Ecco altre foto del diorama completo....


















Realizzare questa scenetta mi ha interessato e impegnato molto, ma alla fine sono stato contento del risultato ottenuto, ma come al solito lascio a voi commenti ed eventuali consigli.




Al prossimo episodio, buon modellismo!

Francesco Sasso

[Gallery]

20.10.2015

Bibliografia:
- "Le battaglie per il petrolio" - Osprey
- Wikipedia




Commento di Mario Bentivoglio [25/10/2015]:
GRANDISSIMO lavoro Francesco !!! Bellissima scenetta, mi piacciono tanto i diorami ispirati da foto storiche!!! Mezzo bellissimo e il tutto realizzato in maniera molto equlibrata!!! COMPLIMENTI !!! un salutone ciaoo mario :-)

Commento di Roberto [25/10/2015]:
Ottimo lavoro, bella la finitura e l' invecchiamento.
Ottima anche l' idea di accostare il mezzo al cartello con la distanza da Londra, quel tocco di umorismo che ravviva il Ddiorama.

Roberto.

Commento di Giampaolo Bianchi [25/10/2015]:
Bravissimo Francesco. .definirti Giotto per la realizzazione delle decals forse è riduttivo. .magari le avrei usurate un po di più. ..ma è un piccolo dettaglio nella bellezza del soggetto.
Ancora complimenti.
Giampaolo.

Commento di Enrico Calanchini [25/10/2015]:
Lavoro magnifico Francesco,veramente a mio giudizio, di grande livello, il mezzo è strepitoso,
verniciato benissimo, il figurino non è da meno come l'ambientazione.Consigli? Esporlo al pubblico delle mostre per mietere palmares.

Ciao Enrico

Commento di Dino Dall'Asta [25/10/2015]:
Ottima realizzazione, eseguita veramente in modo magistrale.
Dino

Commento di Lauro Bonfa' [26/10/2015]:
Ciao Francesco,complimenti hai saputo armonizzare un modello accattivante e inusuale in un contesto storico molto significativo.Interessante la blindo e fuori dai soliti schemi di mezzi visti e rivisti. Spero di vederlo dal vivo in qualche mostra,perche'come ha detto giustamente Enrico merita moltissimi plausi.
Lauro

Commento di ezio bottasini [26/10/2015]:
Ciao Francesco; sembra vera, se non ci fosse la cornice della basetta, si potrebbe essere tratti in inganno.
Bravissimo, al prossimo Ezio

Commento di Luca Navoni [26/10/2015]:
Ciao Francesco,

tutto bilanciato..... ....ben eseguita l'ambientazione e l'invecchiamento del mezzo.... ....complimenti, a mio parere tutto al suo posto....

....non voglio passare assolutamente da "criticone" però se proprio posso fare una piccola osservazione, o almeno è quello che mi sembra di notare dalle foto, mi sento di darti un consiglio sulle ruote, a mio parere si nota ancora dove erano attaccate allo stampo, ti sarebbe bastato mettere l'attaccatura nella parte inferiore e nascondere così il tutto.....

Però continua così perché vai alla grande, ancora complimenti.... un saluto, Luca

Commento di Riccardo casati [26/10/2015]:
Bravo francesco bel lavoro ...migliori costantemente  sia nella realizzazione che nella fotografia del modello ...mi piace tutto dal colore della sabbia che a mio avviso è  azzeccatissimo al mezzo ben fatto, colorato ed invecchiato molto bene ...e molto buono anche il figurino ...complimenti

Riccardo

Commento di Fabio [26/10/2015]:
Rare volte sono rimasto a bocca chiusa, questa è una di quelle. Gran bel lavoro. Una scenetta dal gusto romantico. Ciao, Fabio

Commento di Francesco Sasso [26/10/2015]:
Ciao ragazzi.. vi ringrazio di cuore per tutti i vostri complimenti e apprezzamenti, sapere che vi è piaciuto il mio lavoro è una grande soddisfazione per me e mi fa un immenso piacere!
Luca hai ragione, purtroppo in fase di montaggio mi è sfuggito questo particolare.. nelle realizzazioni future seguirò assolutamente il tuo consiglio!
Ancora grazie molte a TUTTI..
Francesco

Commento di Vito [27/10/2015]:
Ciao Francesco Lavoro davvero notevole invecchiamento e figurino da paura i tuoi lavori sono sempre di una qualità ogni volta più elevata.
A presto
Vito

Commento di maurizio ugo [27/10/2015]:
.....ciao Francesco, bellissima realizzazione, mi piace veramente il mezzo per conto suo, e tu l'hai rappresentato benissimo...complimenti!!!!
un salutone maurizio...

Commento di Francesco Sasso [27/10/2015]:
Maurizio, Vito.. grazie di cuore anche a voi, i vostri complimenti fanno un gran piacere!
Un salutone!
Francesco

Commento di giuseppe giovenco [28/10/2015]:
se fossi un toscano direi che è " GANZO!!! ", ma come mantovano lo definirei " CIOZZO " che, tradotto in italiano vuol dire notevolmente bello!!
anche tu come altri state facendo le foto in B/N - ottime soprattutto per soggetti storici come questa autoblindo
bravissimo Francesco - in poco spazio hai centrato un momento storico del British Army molto affascinante - giuseppe

Commento di Francesco Sasso [30/10/2015]:
Grazie anche a te Giuseppe..sempre stimolanti i tuoi commenti ed apprezzamenti!
Un salutone, alla prossima!
Francesco



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No