Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

FIAT G.91 R1B - Ezio Bottasini

Kit Italeri scala 1/48




Cari amici, l’avventura di questo modello inizia nel novembre 2014, quando alla Fiera Modellistica di Bologna, la nostrana Italeri presentò questo kit. Noi aeroplanaro amanti delle ali tricolori in prima battuta penso lo accogliemmo bene (il prezzo fiera era appetibile, solo 20€), sennonché, aprendo la scatola, ci accorgemmo dell’inganno: infatti altri non era che il vecchio kit ESCI reiscatolato, con tutte le pecche e le manchevolezze di un kit di 25-30 anni fa.
Dopo la lunga attesa sullo scaffale dei miei modelli da realizzare, a metà settembre finalmente arrivò il suo turno; avevo precedentemente ampiamente ricercato sull’WEB immagini di particolari, di kit realizzati da modellisti senza dubbio più bravi dello scrivente, rispolverato le monografie in mio possesso e dei pochi aftermarket che il mercato dispone riferiti a questo glorioso aereo: il seggiolino MB. Mk4 della Pavla e le bruttissime mask della Montex specifiche per il G91 Italeri che non corrispondono nel modo più assoluto alle misure richieste per mascherare i trasparenti e che mi hanno costretto a ricorrere ai vecchi metodi dei profili fatti con nastro Tamyia riempiti di Maskol.
Ma andiamo per gradi: ho iniziato con il ricostruire completamente la strumentazione e le consolles laterali (quelle originali erano dei piccoli pezzi di plastica blu lisci a cui andavano applicate delle decal, pure brutte), nonché a completare l’abitacolo, aggiungendo la paratia posta dietro al seggiolino, aggiungendo parte dell’avionica posta dietro ad essa e l’alloggiamento del martinetto che solleva il cupolino.




crucotto e consolles originali






crucotto e consolles rifatte







Al seggiolino, sono state aggiunte le maniglie di espulsione poste sopra la testa ed in mezzo alle gambe del pilota, i blocca gambe e il nastro rosso della sicura da rimuovere prima del volo.






I pozzetti dei carrelli e degli air-brekets (visto che a terra come altri aerei dell’epoca rimanevano aperti), sono stati dettagliati con cablaggi e martinetti vari.








Al cupolino sono stati aggiunti i traguardi di mira fotografici laterali, le luci che illuminano il cruscotto, i blocchi di chiusura e gli specchietti retrovisori; mentre al parabrezza, una maniglia per facilitare l’ingresso all’abitacolo e la bussola magnetica di riserva.
La palpebra sopra al cruscotto è stata allungata con pezzetti di plasticard, in modo da far ombra agli strumenti e, sopra di esso è stato incollata un pezzo di palpebra di recupero debitamente adattata su cui è stato simulato il collimatore 83-A3.
Anche i carrelli avrebbero dovuto essere rifatti ma ho sorvolato, aggiungendo solo i tubetti dell’impianto idraulico.
I flap sono stati tagliati, il bordo di attacco ricostruito e posizionati abbassati; anche il direzionale è stato sezionato, anche se rimontato diritto, ma risulta in questo modo più realistico.






Altri rifacimenti sono stati il tubo di pitot e le quattro mitragliatrici Colt-Browning M3 da 12,7, rifatti entrambi con aghi intramuscolari di diversi calibri, all’interno di quello usato per il pitot, ho inserito un tondino di ottone da 0,5 mm per creare il terminale.




La lucina anticollisione dorsale è stata sostituita con un pezzo trasparente cilindrico recuperato nella banca pezzi a cui è stata applicata una piccola goccia di rosso all’interno; sono state rifatte anche le luci anteriori si atterraggio, scavando nel pezzo del portello, applicando l’H191 cromo e chiudendo con una goccia di Cristal Clear.
Infine è stata aggiunta una piccola presa d’aria ausiliaria sulla parte superiore sinistra della fusoliera vicino alla radice del timone verticale.
I pannelli sono stati completamente reincisi, visto che lo stampo era in fine positivo; le rivettature sono state rimosse laddove risultavano di pura fantasia, mantenendo in rilievo solo quelle realmente esistenti.
La scaletta e i blocchi delle ruote, sono stati realizzati con tondini di ottone, piegati ed incollati con la ciano (in quanto non sono assolutamente capace di eseguire delle microsaldature).






Il pilota è l’ormai più che strausato Plusmodel AL4017, già visto accanto ad un paio di 104, a cui ho "tagliato" i baffi per differenziarlo dagli altri, il casco è di recupero (non ricordo da cosa).




La verniciatura, effettuata ad aerografo con i fedeli smalti Humbrol è stata ottenuta usando, dopo aver steso il primer fine grigio Tamyia e un preshading con nero, per le superfici superiori l’H125 grigio scuro e l’H116 verde scuro desaturati con bianco e giallo rispettivamente.




Le superfici inferiori, invece, dopo aver annerito tutta la parte inferiore, con l’Alclad 101 alluminium.
I pozzetti dei carrelli e degli aerofreni, dopo una mano di H78 verde interni, sono stati desaturati con H31 slate gray e dato tridimensionalità con marrone scuro acrilico molto diluito.
Gli interni dell’abitacolo sono stato realizzati con H128 grigio gabbiano e i pannelli, strumenti ecc. con H33 nero opaco.






Le decal usate sono le Tauro dedicate a questo aereo, nei vari fogli necessari (coccarde, stencils, N° individuali, insegne di reparto).
I colori sono quelli della 51° Aerobrigata di base ad Istrana (Treviso), nel 1966, dove per un breve periodo anche i G91R hanno volato, formando la famosa triade: F86K, G91R, F104G a protezione dei nostri cieli.




Questo "Gina" è stato per le mie capacità, indubbiamente un modello impegnativo, fortunatamente, le piccole dimensioni, mi hanno sicuramente facilitato il lavoro.
Il solito grazie a mia figlia Sara per le foto e alla vostra pazienza che sopportate ancora i miei "pastrugni".


Ezio Bottasini

[Gallery]

30.09.2017




Commento di giampaolo bianchi [02/10/2017]:
CARO EZIO IL SOLITO CAPOLAVORO..CIO CHE MI HA COLPITO DI PIU' SONO LE AUTOCOSTRUZIONI.. POTRESTI SPIEGARE A ME,,( COMUNE MORTALE) COME HAI RIFATTO I PANNELLI DI COMANDO.
GRAZIE DI QUESTA CHICCA.
UN GRANDE ABBRACCIO
GIAMPAOLO

Commento di Gianni [02/10/2017]:
Complimenti Ezio, hai trasformato il kit da scatola in uno splendido esemplare stradettagliato, peccato non vedere alcune foto degli scarichi visto da dietro.
Bravissimo
Gianni

Commento di ANGELO BATTISTELLI [02/10/2017]:
Bravo Ezio veramente un bel lavoro, hai impreziosito il modello con moltissimi particolari che rendono onore ad un velivolo che ha contribuito alla sicurezza aerea della nostra Penisola in tempo di pace.
Ciao Angelo

Commento di marco vergani [02/10/2017]:
Visto dal vero è ancora più bello ...complimenti!
Un caro saluto, Marco

Commento di giovenco giuseppe [02/10/2017]:
....basta spilli?
lo so, ... ti sei divertito!!! lo si legge tranquillamente nel reportage fotografico - bello ed italico il FIAT G 91 - bravo Ezio, ... sono fiero di te!!!

Commento di Dino Dall'Asta [02/10/2017]:
Come sempre un modello ottimamente realizzato.
Complimenti e ti aspetto a Varedo.
Dino

Commento di Enrico Calanchini [02/10/2017]:
Ciao Ezio, hai agghindato perbene il vecchio ESCI,sia il kockpit che l'avionica sono ben rappresentati, anche l'ambientazione, scaletta ecc.
un bel vedere complessivamente insomma. Complimenti

Enrico

Commento di Lauro Bonfà [02/10/2017]:
Una lavorata non da poco ma con un risultato direi eccellente per un aereo che ha fatto la storia dell'A.M.I. Complimenti Ezio, ottimo ed accattivante Modello.

Commento di ezio bottasini [03/10/2017]:
Cari amici grazie, in effetti qusto "Gina" mi ha impegnato un po', vista la scatola di partenza....rispondendo a Giampaolo, la strumentazione e le consolles laterali, nel vero sono molto piu affollate, purtroppo personalmente non sono riuscito a fare di più, anche se nell'insieme il colpo d'occhio c'è; per la realizzazione: foto, plasticard in fogli e nei profilati Evergreen di diverse sezioni, che sono stati tagliati, forati, incollati; tanta pazienza e per me che ormai sono "vecchietto" un buon paio di occhiali ingrandenti.....
Caro Giuseppe, di "Spilli" non se ne ha mai abbastanza, ho finito gli ultimi due germanici, che saranno soggetto di prossimo articolo e, per il momento ne ho ancora tre che aspettano....
Un caro saluto a tutto e per chi ci sarà, ci vediamo a Varedo

Commento di Francesco Sbarile [03/10/2017]:
Ho sempre amato questo piccolo sabre, esponente di un epoca ormai tramontata. Hai fatto un lavoro eccellente su una base datata e davvero poco accattivante.
Anche se dici che le console erano decisamente più affollate devo dire che la sensazione che danno è davvero di realismo. Complimenti ed aspetto con ansia l'ennesimo spillo ...
Francesco

Commento di michelangelo galli [03/10/2017]:
mi continuo a chiedere spesso... ma come fate ad arrivare a questi livelli di dettaglio? sembra di essere davanti ad un velivolo vero!
io mi inchino davanti a tanta bravura... non sarò mai a questi livelli!

Commento di Roberto [04/10/2017]:
Ezio,

non dovevi venirmi a trovare, ti devo aver contagiato con una forma grave di iperdettaglite cronica. Curati mi raccomando, altrimenti ti riduci come me!!!

Schezavo ovviamente, bel lavoro, ciao,

Roberto.

Commento di ezio bottasini [05/10/2017]:
Carissimo Michelangelo non mi sembra proprio che i tuoi modelli non siano di alto livello....al mio Tutor Roberto (visto che non ama farsi definire un maestro), questo modello aveva bisogno di qualche dettaglio in più, comunque un po' di contagio della tua malattia l'ho accusato. Sono contento che vi piaccia. Grazie

Commento di marco [05/10/2017]:
Complimenti per il bel risultato ottenuto, soprattutto per l'abilità con la quale sei riuscito a ricreare tutti i particolari!

Commento di Massimo [05/10/2017]:
Ciao Ezio
complimenti, questo G91 ha una marcia in più. C'è tutta una ricercatezza di particolari che danno davvero vita al modello. Mi segno i codici dei colori perché li trovo particolarmente azzeccati a livello di usura operativa. Bravo!!!
Massimo "Pitchup"

Commento di maurizio [17/11/2017]:
...ciao Ezio, il G91 è per me come lo Spillone... un piccolo grande mito, mi piace, mi piace e mi piace, preferisco questi operativi che i vari arlecchini di special color, non li sopporto più... grazie anche per questo... un abbraccione
maurizio


Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No