Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

Aquila 1 Transporter - Ezio Bottasini

Kit MPC scala 1/72


Spazio 1999

Chi di noi giovani adulti non si ricorda la mitica serie TV: Spazio 1999, forse qualcuno a cui non piace la SciFi, ma penso che parecchi di noi se la ricordino, anche perché è stata definita da molti, come una delle serie di genere tra le più belle e realistiche.
Quando la nostra Luna abbandona l’orbita terrestre, a causa di un’esplosione nucleare dovuta all’ammasso incontrollato di scorie radioattive sulla superficie lunare il giorno 13 settembre 1999, inizia l’odissea della Base Lunare Alpha e di tutti i suoi occupanti che verranno in seguito chiamati Alphani.
Le versatili astronavi da trasporto chiamate "Aquila", equipaggiate di cannone laser di difesa, sono i principali mezzi di trasporto spaziale della Base Lunare Alpha, di cui possiede una flotta e sono spesso usate per esplorare pianeti alieni che vengono incrociati durante il girovagare della Luna nello spazio; inoltre hanno il compito di difendere la base grazie all’armamento laser di cui sono dotate, infine trasportano materiali da e verso la base lunare.
Le navi sono modulari e sono costituite da tre principali sezioni: il modulo di comando, il modulo passeggeri o altri pod di servizio (trasporto VIP, modulo di soccorso, ecc.) e le sovrastrutture che comprendono: i pattini di atterraggio, i corridoi di passaggio, il compartimenti di poppa, i serbatoi del combustibile e il sistema primario di propulsione.
Il modulo di comando ha anche la possibilità di fungere da modulo di salvataggio oppure in caso di necessità accoppiarsi con una nave gemella.
Tutte le "Aquile" sono equipaggiate con un sistema di gravità artificiale.




I moduli intercambiabili differiscono in base alla missione che si deve svolgere:
- passeggeri: il modulo passeggeri standard, generalmente disarmato, viene utilizzato per il trasporto del personale della base lunare, per un massimo di otto persone.
- ricognizione: questo modulo viene utilizzato per l’esplorazione di pianeti alieni e regioni dello spazio, equipaggiato con potenti computer e sensori atti ad analizzare atmosfere, minerali ed eventuali campioni biologici.
- VIP: di colore arancio, è usato per il trasporto di personalità di spicco (usato raramente).
- soccorso: riconoscibili per le bande verticali bianche e rosse; sono equipaggiati con diversi tipi attrezzature di soccorso e salva-vita.
- trasporto/rifornimento: usato per il trasporto di rifornimenti ed altre attrezzature, possono essere trasportate anche passeggeri in forma limitata.
- laboratorio: dotati di un equipaggiamento di natura maggiormente scientifica rispetto a quelli da ricognizione.
- combattimento: malgrado le "Aquile" non siano state progettate principalmente per il combattimento, esse possono venir equipaggiate con cannoni laser e lanciatori di missili in caso di necessità difensive.
L’Aquila è equipaggiata con motori a fusione nucleare e trasporta carburante di riserva per 48 ore di volo. Il campo di forza per la gravità artificiale costruito attorno all’Aquila le permette di accelerare fino al 15% della velocità della luce (circa 45000 km/sec), aumentando il raggio di missione massimo (con le riserve di combustibile) di diversi giorni luce.




L’Aquila ha anche la capacità di entrare nell’atmosfera di un pianeta con gravità terrestre, atterrare usando i motori a combustibile chimico e decollare per tornare alla base lunare; il carburante in dotazione permette atterraggi e decolli multipli prima di necessitare di rifornimento, ha inoltre in dotazione ulteriori quattro motori per aumentare la potenza dei motori verticali principali in caso di corpi celesti con gravità superiore alla norma.
Come già accennato l’Aquila non è stata progettata come astronave da combattimento, alcune Aquile però sono state dotate di emettitore laser e un equipaggiamento standard di missili spazio-spazio. Durante le peregrinazioni spaziali, fu approntata una variante dell’Aquila, indicata come Mark IX Hawk, disegnata specificatamente per il combattimento, più veloce, manovrabile e meglio armata dell’Aquila.
Le Aquile sono pilotate generalmente da due astronauti addestrati, anche se può essere pilotata da un singolo uomo dal sedile di destra.
Le dimensioni sono di circa 21,6 metri di lunghezza per 7,5 metri di larghezza, altezza 4 metri circa; i moduli circa 8 metri di lunghezza per circa 4 di larghezza, altezza 2,5.




Il kit di semplice montaggio, necessita però di molto tempo per togliere imperfezioni e bave; il montaggio è articolato in sottoinsiemi che vanno poi uniti a formare la struttura dell’Aquila, il modulo può essere mantenuto staccato.
Ho effettuato le seguenti modifiche, aggiunta di tubi collettori dall’astronave ai serbatoi e altri collettori tra i vari serbatoi; ho inoltre allungato le zampe di atterraggio che in base alle foto erano troppo compresse. Per dare un po’ di colore, ho scelto di colorare i serbatoi di rosso, colore non proprio comune sulle Aquile e di utilizzare il modulo V.I.P. che nella serie televisiva si vede raramente.
La colorazione dell’astronave, dopo aver applicato il primer bianco, l’ho spruzzata completamente di nero ad aerografo, previa mascheratura, per simulare la struttura tubolare, di zone piene per mantenerle nere; ad aerografo ho applicato il grigio chiaro H147 e successivamente con tecnica drybrush il bianco sui tubi per dare maggior profondità.
Per il V.I.P. pod ho usato l’H82 orange con inserti color alluminio a delimitare il portellone e le finestrature superiori; l’ho mantenuto praticamente nuovo, vista il suo raro utilizzo.
La basetta, ottenuta da un pezzo di legno massello ha un diametro di 32 cm per 2cm di altezza, è stata rivestita di plasticard da 0,25mm di spessore su cui ho inciso la "croce rossa" che simula il montacarichi di decollo della Base Lunare Alpha, suddiviso in pannelli asimmetrici per dare più movimento e separato dagli archi di cerchio neri che, con le loro luci di atterraggio limitano il perimetro del montacarichi.
Su un lato ho costruito con del plasticard da 1mm di spessore, il terminal di imbarco del personale.
La colorazione della basetta, dopo primer bianco per il montacarichi e il terminal e primer grigio per la parte fissa, è stata ottenuta, dopo preshading nero e mascheratura di piccole zone, per il montacarichi con H73 vinaccia, per le parti fisse con H33 nero opaco e per il terminal con H147 grigio chiaro.
Le luci di atterraggio le ho ricavare dai pezzi trasparenti delle luci di posizione degli F-104 in 48 non utilizzate, dopo aver applicato una piccola goccia di giallo nell’incavo interno.




Le dimensioni della basetta, purtroppo per ragioni di spazio in vetrina, sono molto inferiori a quello che avrebbero dovuto essere per una resa in scala, il diametro corretto sarebbe dovuto essere di 44cm, ho dovuto ridurlo a 32, ben sei centimetri in meno per ogni lato, con queste misure la resa scenica sarebbe stata sicuramente migliore.

Le notizie sull’Aquila sono tratte da Wikipedia, se foto sono come di consueto di mia figlia Sara.


Ezio Bottasini

[Gallery]

06.01.2017




Commento di marco vergani [12/01/2017]:
E bravo il nostro Ezio .... anche se il soggetto non fa parte del mio repertorio, il modello si presenta pulito e ben fatto ..... BRAVO!
A tutti i lettori di Kit show .... Buona Anno !!
ciao, Marco

Commento di Dino Dall'Asta [12/01/2017]:
Da base lunare Alpha a Aquila 1: complimenti comandante Koenig (alias Bottasini), ottimo modello !!
Oltre il tempo, oltre l'infinito...
Dino

Commento di Massimo "Pitchup" [12/01/2017]:
Ciao Ezio, con me sfondi una porta aperta! Io sono un fan accanito di Spazio 1999 fin dal primo episodio andato sulla RAI nel 1976!!!
Bellissimo modello, giusto i compassi antitorsione delle "zampe" andavano montati posteriormente e nella direzione di volo. Ma è solo un particolare (che ci vuoi fare son un fan) che nulla toglie al tuo bellissimo lavoro (rampa di allunaggio compresa!). Curiosità l'Aquila VIP arrivò su Alpha, pilotata personalmente dal Commissario Lunare Gerald Simmonds, intorno l'11 settembre(!) 1999. Bravissimo!
Massimo

Commento di Enrico Calanchini [12/01/2017]:
Caro Ezio hai risvegliato ricordi di un periodo molto bello per me, haimè ormai lontano, non perdevamo una sola puntata io e mia moglie.
Molto bello e ben fatto il tuo evocativo lavoro, complimenti intrisi di nostalgia, grazie.

Ciao Enrico

Commento di giampaolo bianchi [12/01/2017]:
CARO EZIO CHE EMOZIONE!!! SONO CRESCIUTO CON SPAZIO 1999 E MI ERO COMPRATO IL MODELLINO IN METALLO..VEDERE OGGI QUESTA TUA SPLENDIDA REALIZZAZIONE..SIA MODELLISTICA CHE PITTORICA CHE PER LE AUTOCOSTRUZIONI..MI HA EMOZIONATO!! E PENSO TU ABBIA RAGGIUNTO L'OBIETTIVO DI QUESTA ARTE/HOBBY..EMOZIONARE...GRAZIE EZIO.
GIAMPAOLO

Commento di ezio bottasini [13/01/2017]:
Cari amici grazie, siete sempre troppo buoni. Al caro Massimo, sicuramente ho interpretato male le foto o le istruzioni di montaggio, grazie della precisazione.
A tutti un felice, sereno e modellistico 2017.
Ezio

Commento di Luca Navoni [13/01/2017]:
Ciao Ezio,

ahimè non ho mai visto questa serie televisiva.... ...bellissima realizzazione, pulito e ben realizzato nei suoi particolari....

...un saluto e un abbraccio, Luca

Commento di Lauro Bonfà [13/01/2017]:
Dopo aver ammirato sul Nostro Favoloso Kitshow mezzi su ruote, cingoli, pattini, galleggianti, ecc..ecc... ecco arrivare dallo Spazio un favoloso modello a 4 zampe. Semplicemente Fantastico, BRAVO EZIO. Un abbraccio, Lauro.

Commento di maurizio ugo [13/01/2017]:
....ciao Ezio, evviva..... un veicolo spaziale bello e polivalente come un'Aquila, figlio di una serie molto bella, che con questi mezzi, molto ben realizzati, ci hanno fatto appassionare davanti alla tv anni fa...belin... ma che grazie a te davanti a un pc rivedo volentieri, grazie della bella visione.
Un caloroso saluto..... maurizio


Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No