Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

"Mein Gott!"
"Mein Gott!"

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Pilota Luftwaffe - Battaglia d’Inghilterra

Ezio Bottasini

Kit Tamiya scala 1/16




Nell’estate del 1940 la Battaglia d’Inghilterra imperversava nei cieli della Britannia e sul Canale della Manica.
Questo modello è basato sulle immagini dei piloti tedeschi che combatterono in quel periodo, la divisa si compone dell’uniforme della Luftwaffe abbinata agli stivali di volo, al giubbetto salvagente; il kit è finemente scolpito con diversi particolari posti sulla giacca della divisa, quali gradi, brevetto di pilota, croce di ferro, insegna indicante numerose missioni, inoltre separata, da applicare al collo, la Croce di cavaliere di prima classe con spade e fronde di quercia, alla quale però bisogna creare il nastrino.
Durante la II G.M., l’uniforme della Luftwaffe (Tuckroch) era grigio-azzurra, con quattro bottoni che chiudevano il davanti della giacca; in alcuni casi prima del risvolto della manica destra era presente una fascia blu che riportava il nome dell’unità di appartenenza.
Dipendentemente dalle attività di combattimento in cui il pilota era impegnato, la divisa poteva avere alcune differenze, ad esempio i taschini pettorali a volte non erano presenti come pure i bottoni anteriori potevano essere nascosti sotto un corto risvolto.
Il giubbetto salvagente di colore giallo, era posto sopra la divisa, coprendo in questo modo i vari distintivi e decorazioni, questo giubbetto poteva essere gonfiato al bisogno, tramite una bomboletta di CO2, oppure soffiando in un apposito boccaglio. Gli stivali erano in pelle e generalmente erano rivestiti all’interno di pelliccia.
La divisa era completata dal berretto da ufficiale con visiera e da un paio di guanti di pelle nera. Col proseguo della guerra le combinazione di volo ebbe variazioni ufficiali e/o personali, con l’adozione di giubbetti di pelle oppure tute intere di pelle foderate di pelliccia.
Il montaggio di questo kit non ha avuto particolari difficoltà e, l’utilizzo di stucco è stato minimo nella migliore tradizione Tamiya.

Dopo aver applicato il primer fine grigio Tamiya ho iniziato la verniciatura a "blocchi":

  • tronco e gambe, che erano formati da due pezzi, a cui ho applicato subito gli stivali anch’essi formati da due pezzi;
  • braccia;
  • mani inguantate;
  • berretto composto da due pezzi assemblati;
  • testa: il kit è fornito di due teste, una raffigurante l’allora maggiore Adolf Galland, da applicare senza berretto, una raffigurante un non meglio identificato soggetto (potrebbe assomigliare a Walter Novotny anche se personalmente gli ho fatto i capelli biondi), al quale andava applicato il berretto; ho scelto questo, proprio per usare il copricapo.
La colorazione dell’uniforme e della parte superiore del berretto è stata così ottenuta:
  • verniciatura di fondo con grigio nero H32
  • prima mano di grigio azzurro H96
  • prima lumeggiata con H96 schiarito con bianco H34
  • seconda lumeggiata sempre con H96 ma con più bianco
gli stivali e i guanti sono stati realizzati con:
  • fondo in nero H33
  • prima lumeggiata con H32
  • seconda lumeggiata con grigio roccia H31
il giubbetto salvagente, nel seguente modo:
  • fondo in ocra H83
  • prima lumeggiata con giallo pallido H81
  • seconda lumeggiata con lino H74
  • leggera passata di pastello bianco sui rilievi più marcati
fatto questo sono passato ai particolari della divisa, cha sarebbero stato poi nascosti dal salvagente:
  • mostrine di rango sul bavero: fondo giallo e drybrusch argento;
  • spalline: profilo giallo, fondo nero e drybrusch argento;
  • aquila tedesca e brevetto da pilota drybrusch argento;
  • barrette di missioni drybrusch ottone/bronzo
  • croce di cavaliere di 2º classe fondo nero e bordi argento

I particolari del berretto, invece, dopo aver fatto la fascia nera opaca (H33) e la visiera in nero satinato (H85), sempre con argento in drybrusch ho evidenziato i fregi, dando una nota di colore (blu, argento e rosso) della coccardina centrale.
L’alta onorificenza attorno al collo, ha richiesto la creazione del nastrino a cui appenderla, visto che nello stampo non era stato previsto, l’ho ricavato da una strisciolina di nastro adesivo opportunamente colorata, tagliata e applicata, sopra alla quale ho incollato con una goccia di cianoacrilica la decorazione precedentemente colorata.
La testa che è stata sicuramente il pezzo più difficile da realizzare, per me, è stata colorata con luci, ombre e mescole ottenute con acrilici Vallejo.

Nell’insieme, come sempre in questi casi, mi sono divertito non poco a realizzare questo figurino, certo non è il mio campo, aeroplanaro sono e resto, però ogni tanto divagare fa bene, rompe la monotonia, tantè che ne ho già in programma futuro un altro della stessa serie: pilota dell’Imperiale Marina giapponese della II G.M..
Le Norme usate per le mescole sono le ormai abituali: UNI AD OCCHIO.

Le notizie riguardo la divisa sono una libera traduzione tratta dalla parte posteriore della scatola, le foto sono come ormai di consueto eseguite da mia figlia Sara che ringrazio.


Ezio Bottasini

[Gallery]

01.07.2015



Commento di Luca Navoni [08/07/2015]:
Caro Ezio mi piaaaceee.....!!!! ;) belli i fregi sul cappello e la realizzazione del nastrino dell'alta onorificenza al collo..... bhe anche se sei aeroplanaro, permettimi di dire che non te la cavi male neanche nei figurini.....!!!!

Un saluto, Luca

Commento di maurizio ugo [08/07/2015]:
....ciao Ezio, per restare in tema aeronautico un ufficiale della Luftwaffe, molto difficile l'arte del figurino, ma pur non essendo il tuo settore ti sei difeso bene... mi hai stimolato a tentare anche io....
Complimenti, un "caloroso" salutone
maurizio

Commento di Vito [08/07/2015]:
Ciao Ezio..... Sei una sorpresa continua...anche i figurini sai fare bene ! Bel lavoro mi associo a maurizio per non essere il tuo campo di gioco il risultato è ottimo .

A presto Un saluto Vito

Commento di Giampaolo Bianchi [09/07/2015]:
Ciao Ezio complimenti doverosi a chi non ha paura di cimentarsi in altri campi.ritengo che se ti ci dedicarsi un po di più verrebbero fuori altri capolavori come i tuoi aerei.aspetto il giapponese.
Un saluto.
Giampaolo.

Commento di giuseppe giovenco [09/07/2015]:
ti sei deciso, finalmente, a passare al ruolo umano dei piloti!!!!! tanto di aerei ne hai una flotta - ora devi cominciare a mostrarci le varie tenute nei vari conflitti - quello tedesco della battaglia di inghilterra è un bel classico che non tramonterà mai!!! decisamente acuto nell'aver ricavato il nastrino dell'onoreficenza che di sicuro lo ha reso più unico - bravo Ezio - ti aspetto sull'1/6 dove questo pilota è veramnete da sballo!!!! scusa se tiro l'acqua al mio mulino!!! sempre fraternamente - giuseppe

Commento di Francesco Sasso [09/07/2015]:
Ciao Ezio! molto bello il figurino che hai realizzato, particolari e dettagli davvero ben eseguiti..insomma tanti complimenti!
Un salutone.
Francesco

Commento di Enrico Calanchini [09/07/2015]:
E si.... mi unisco ai meritati elogi fatti da chi mi ha preceduto. Bella realizzazione, complimenti.

Ciao Enrico

Commento di Marco Vergani [14/07/2015]:
MI PIACE .....un'unica cosa... i capelli danno l'impressione di essere "finti". Si sa che le foto sono un pochettino forvianti ...
ciao, Marco

Commento di ezio bottasini [27/07/2015]:
Ciao Ragazzi, mi fate arrossire con tutti questi complimenti, come ho già detto più volte i figurini, sono una pausa e un ulteriore divertimento tra un gruppo di aerei ed un altro....purtroppo per Gianpaolo il giap lo dovrà aspettare un po', devo smaltire qualche oggetto volante prima, comunque non disperare, penso di farlo all'inizio del prossimo anno...
Un caro saluto a tutti e buone e meritate ferie.
Ezio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No