Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola New
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Come Back
I’ll Come Back
Pietro Ballarini

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

L'agguato - Stefano Lana

Per creare il mio diorama mi sono rifatto ai numerosi episodi che hanno afflitto le operazioni angloamericane durante l’Enduring Freedom.
Dopo l’invasione dell’Iraq l’esercito iracheno andò in briciole ma al suo posto prese piede un esercito ”nascosto” composto per la gran parte di ex soldati appartenenti ai seguaci di Saddam e di miliziani urbani che iniziarono a compiere attività terroristiche contro gli Alleati, armati soprattutto con lanciarazzi in grado di metter fuori battaglia i potenti carri della coalizione.

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


Questo diorama rappresenta un angolo martoriato della città di Bagdad, un carro Bradley sta attraversando una via mentre un gruppo di terroristi sta preparando un agguato, il capocarro si è accorto in anticipo e sta per sferrare un attacco difensivo con i missili TOW o con il proprio cannone.
Chi colpirà per primo? Nessuno lo sa, io ho voluto bloccare la scena prima che potessero concludersi gli eventi.

IL Kit
Ho scelto il kit della dragon, questa marca ha messo in produzione svariati modelli, quello in mio possesso non è l’ultima aggiornata con le protezioni ERA, risale infatti al 2004.
Il kit è corretto e ho utilizzato per il dettaglio alcune parti del set Eduard che avevo acquistato tempo fa.
Il guaio è che purtroppo per me non ho ancora la pazienza e la bravura per maneggiare pezzi così piccoli per cui ho preferito riporli nella confezione e li utilizzerò quando la mia bravura sarà maggiore.



L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


I pannelli sono precisi, antiestetici sono invece le pale e alcuni arnesi stampati sulla superficie del carro che vanno tagliati e ricostruiti ex novo o con plasticare e filo di rame oppure con le fotoincisioni.
Dopo averlo montato cercando però di non incollarlo totalmente ma dividendo i segmenti più importanti, lo scafo e torretta divisi, fasci laterali distaccati e così anche il treno di rotololamento.

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


Prima di tutto ho steso una mano di marrone terra Tamya, dopo ho passato una lieve mano di TS 46 light sand Tamya e in un secondo tempo ho dato una mano più pesante dello stesso colore.
Trasparente lucido e poi mani di olio (marrone scuro) per dargli tridimensionalità, ho applicato delcals, altra mano di lucido ed infine opaco.
Ho unito tutti i sottoinsiemi e ho cercato di caricar il carro con ogni genere di fardello e cassa.

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


C’è da dire una cosa, dopo aver dato le mani di olio mi sono preoccupato di far un buona tecnica di drybrush, ho tinto un pennello piatto con colore di base schiarito, poi l ho pulito più volte su un panno fino a quando ho visto che non scendeva più colore, così ho passato il pennello dall’alto al basso sul alcune zone del carro eliminando gli effetti troppo scuri dell’olio così rende l’effetto più omogeneo.

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


Il diorama
Per crear questa scena mi sono ispirato alle numerose notizie date dai Tg che enunciavano i famosi scontri avvenuti fra i miliziani iracheni e le forze anglo americane dove i carri americani spesso erano vittime di attacchi subiti con gli RPG.

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


Ho trovato la scatola dei terroristi della Casear, ho visto una foto che mi incuriosiva in rete inerente un tratto stradale di Bagdad e ho creato la mia scena.
Da come potete veder dalla foto originale la casa ha subito presumibilmente una cannonata, ha sfondato il tetto che è crollato sul piano superiore dell’edificio.
Purtroppo non riesco a vedere all’interno dell’edificio, per cui sono stato costretto ad arrangiarmi e metterci un pizzico di fantasia.
Anche gli altri due edifici sono frutto dall’osservazione di altre foto di altre case ma le ho volute inserir in questo diorama, una di esse poi è letteralmente sfracellata e all’interno di essa un cumulo di macerie.

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


Ho preso una cornice e ho iniziato a prender le misure, ho seguito l’idea del triangolo su due fronti applicando all’inizio dei simulacri in cartoncino, ho preso poi le misure poi ho disegnato le sagome sul foglio di cartonplume e ho iniziato ad intagliar l’edificio.
Ho steso più mani di stucco semiliquido sul quale ho posato un foglio di scartavetra mentre era ancora fresco.
Dopo esser asciugato ho dato una mano di fondo e ho iniziato ad usar gli acrilici seguendo le tinte viste in foto, il palazzo mi sembrava un bianco sporco, così ho creato un grigio chiarissimo,lavature di olio grigio scuro e poi ho lumeggiato il tutto.
Con vari materiali ho creato le macerie all’interno e con plasticard e acetato ho costruito gli infissi e i vetri rotti.
Nella foto originale i serramenti erano integri ma io ho voluto dar un senso di distruzione.
Anche per gli altri edifici ho seguito lo stesso tipo di trattamento, ho solo modificato la struttura delle case con colori differenti.
Per creare i cartelli sulle pareti mi sono avvalso di plasticare e del traduttore di goggle, ho scritto frasi italiane e le ho tradotte in arabo, stampante a colori e il gioco era fatto.

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


Ho fissato i tre edifici, come avevo già detto derivano da tre foto differenti e ho unito insieme.
Con una mano di stucco ho creato l’asfalto e con il das i marciapiedi ricreando un vero incrocio stradale nel quale inserir i protagonisti della scena.

L'agguato © Stefano Lana

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge


Dopo aver creato marciapiedi e asfalto, li ho colorati con acrilici con molte mani di grigio; ho poi fissato momentaneamente il mio Bradley e ho sbriciolato sopra frammenti di das che avevo già preparato simulando le macerie disseminate, incollate con vinavil le ho colorate mescolando colori, bianchi, rossi, color crema grigi.
Mani di olio per dar ombreggiature, in seguito ho inserito gli edifici, i numerosi particolari che riempiono la scena, il materasso è in das, ho collocato il carro sulla strada e il diorama è terminato!

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge

L'agguato © Stefano Lana - Click to enlarge



Stefano Lana
[Gallery]
05.03.2011


Commento di Luca Navoni [16/11/2014]:
Ciao Stefano,

Bhe che dire scena ricchissima di particolari, bella tutta la descrizione dei vari passaggi per la realizzazione e colorazione del mezzo e soprattutto bello l'effetto ottenuto...
L'autocostruzione degli edifici è spettacolare anche, sempre se posso permettermi, in alcuni punti mi sarei spinto un po' di più come la realizzazione dei mattoni dell'edificio centrale, che visto dalle foto mi sembra di notare che siano stampati, ma questa è solo una mia opinione....
Comunque ribadisco spettacolare, forse anche perché questo tipo di diorami sul fronte iraniano/afgano mi colpiscono molto e ne ho realizzati e ne sto realizzando un paio tuttora....

Un saluto, Luca

Commento di Luca Navoni [16/11/2014]:
Grazie mille luca, sei in fb per caso? così possiamo parlare più velocemente.
Cmq è un modellino semplice semplice niente di che.
La casa è realmente esistente in irq, avevo preso una foto reale e ho cercato di imitarla :) salutoni stefano. e grazie ancora


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No