Gli assi dell'aviazione

Giulio Reiner
Giulio Reiner New
Pietro Ballarini


I precedenti...

Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong
Marcel Albert

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

T34 76 Versione ChTZ
T34/76 Versione ChTZ
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cavaliere Templare XIII Sec.
Cavaliere Templare XIII Sec.
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

F-16D Night Falcon (USAFE) - Marco Giuli

Kit Italeri, scala 1:72




Descrizione
Velivolo multiruolo Lockheed Martin F-16D, blocco 30/B
Numero di serie: 85-1572
Contruction N.: 5D-41
Unità: 480th TFS (52rd TFW)
Base USAFE: Spangdahlem AB (in Germania)


Il propulsore General Electric
Dal blocco di produzione 30 in poi (blocco 30, 40, 50 e 60) tutti gli F-16C/D montano un propulsore GE F110 della General Electric. Questo potente propulsore, che ha un ugello di scarico dalla forma caratteristica, ha richiesto una riprogettazione della presa d'aria, che presenta un'apertura maggiorata, proprio per un maggiore quantità d'aria aspirata.
La particolarità di questo F-16D è la presenza di un propulsore GE F-110 montato su un esemplare con una presa d'aria del tipo piccolo, come in originale (tipica del blocco 25, 32, 42, 52 e 72). Questo particolare si nota confrontando i due tipi nelle viste frontali.


Il kit della Italeri in scala 1:72
Ho scelto di rappresentare la versione di F-16D riprodotta sul coperchio (l'immagine è opera dell'illustratore Enzo Maio), denominata “Night Falcon”, cioè predisposta per missioni notturne. Il modellino è stato montato da scatola, con la sostituzione di alcuni pezzi con quelli avanzati dai kit della Tamiya e dell’Hasegawa.


Correzioni principali
Ho eliminato le incisioni delle pannellature su tutte le superfici, compreso il tettuccio trasparente, il serbatoio ausiliare e i piloni sub-alari; facendo poi riferimento al kit della Tamiya ho ritracciato tutto, ma tralasciando le innumerevoli file di rivetti o viti e varie griglie e feritoie in fusoliera (quest'ultime le ho riprodotte a pennello).
Ho dovuto spostare i piani di coda di circa 4 mm indietro.



Abitacolo biposto
Aggiunte:

  • Palpebra paraluce del cruscotto anteriore.

  • Schermo e montanti dell'HUD.

  • Struttura per il sollevamento del tettuccio, sotto il montante centrale.

I seggiolini eiettabili, dettagliati dei particolari mancanti, provengono dal kit della Tamiya, mentre i figurini da quelli dell’Hasegawa e della Tamiya.
I flap gli ho abbassati in posizione di decollo.
I due simulacri dei missili AIM-9L sono pezzi ritoccati della Tamiya. I “supporti” alle estremità alari sono stati sostituiti con quelli dell’Hasegawa.






Presa d'aria
Una volta montata, la presa d'aria presenta un vuoto al suo interno che ho dovuto chiudere con plasticard dal lato del vano del ruotino. Successivamente ho foderato le pareti interne della presa d'aria con una sfoglia di stucco epossidico; una buona carteggiata ha uniformato la superficie.




Ugello di scarico
L'ugello di scarico è un pezzo dell’Hasegawa. All'interno ho aggiunto i “petali”. Il fondo l'ho sostituito con un dischetto dipinto.




Carrello d'atterraggio
Nel carrello e nei suoi vani sono stati aggiunti solo pochi dettagli. Il lavoro più impegnativo è stato rimuovere il rilievo interno dei due portelli principali e ricostruirlo. Tutte le ruote sono pezzi avanzati dell'Hasegawa.




Altri particolari aggiunti

  • Pilone centrale.

  • Fanalini e luci di posizione.

  • Antenne a lama.

  • Sensori vari (tubo di Pitot, AoA, ecc.)

  • Drenaggi elettrici.

  • Insegne, scritte di pericolo e avvertimento, filetti vari e lo stemma della 480th TFS sul lato sinistro della deriva sono stati realizzati a mano libera o con l’uso di mascherature adesive. In questo modo ho potuto usare tonalità più convincenti.

Le uniche decal utilizzate sono quelle delle insegne di nazionalità, i codici e lo stemma del 52rd TFW sul lato destro della deriva.




Il modellino è rappresentato in rullaggio, approssimativamente nel 1989.




Marco Giuli

[Gallery]

13.02.2024


Condividi questo articolo su WhatsApp





Commento di PIETRO [14/02/2024]:

Bravissimo Marco.
lavoro esemplare.
Pietro


Commento di Enrico [14/02/2024]:

Grandi lavori per mettere "a norma" questo kit ma il risultato vale tutta la fatica spesa.
Bellissimo modello,complimenti.
Saluti cari
enrico


Commento di Massimo M De Luca [14/02/2024]:

Ciao... questo è un modello che ha del miracoloso!!!
Infatti, il riuscire a far sembrare un F16 l'F16 Italeri richiede davvero delle doti taumaturgiche.
Massimo "pitchup"


Commento di Ezio Bottasini [15/02/2024]:

Ciao Marco, l'F 16 personalmente mi piace molto, come ho già scritto in altre occasioni è un aereo con talmente tante versioni che è veramente un modello difficile da interpretare, a mio avviso tu hai fatto un lavoro esemplare, ottimo.
Al prossimo.
Ezio


Commento di DINO DALL'ASTA [15/02/2024]:

Un gran bel lavoro, complimenti!!
Dino


Commento di EMANUELE IEMMA [15/02/2024]:

Ottima realizzazione... complimentissimi


Commento di Matteo [16/02/2024]:

Complimenti! Gran bel lavoro


Commento di Marco Giuli [21/02/2024]:

Grazie a tutti per i complimenti.



Puoi inserire un commento su questo articolo

      Nome

      E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No