Gli assi dell'aviazione

Giulio Reiner
Giulio Reiner New
Pietro Ballarini


I precedenti...

Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong
Marcel Albert

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

T34 76 Versione ChTZ
T34/76 Versione ChTZ
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cavaliere Templare XIII Sec.
Cavaliere Templare XIII Sec.
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Fiat "Mefistofele" - Luca Navoni




La Fiat SB4 Eldridge, meglio conosciuta come "Mefistofele", è un'automobile da competizione realizzata, nel 1924 da Ernest Eldridge; la vettura è ora conservata nel Centro Storico Fiat di Torino.






Qualche cenno storico... tratto da Wikipedia
Nel 1922 il pilota John Duff stava gareggiando sul circuito di Brooklands, nella contea di Surrey, al volante di una vecchia Fiat SB4 del 1908 ormai al termine della propria carriera agonistica. Durante la competizione uno dei cilindri esplose con una violenza inaudita, tanto che lo stesso si liberò dal vincolo dell'albero motore e distrutta la testata prese il volo portando con sé il cofano e varie parti dell'automobile. Il rottame venne così acquistato da Ernest Eldridge con l'intenzione di farne una vettura da record.
Eldridge pensò di installare a bordo della SB4 un propulsore aeronautico, un Fiat A.12 a sei cilindri in linea, dalla cilindrata di 21 706 cm³, dotandolo di varie migliorie al sistema di alimentazione, allo scopo di raggiungere la potenza di 320 CV.
Essendo quel propulsore troppo lungo per essere ospitato sotto il cofano dalla "SB4", si provvide ad allungare il telaio utilizzando parti strutturali prelevate dai rottami di un autobus. La carrozzeria beneficiò dell'allungamento, risultando particolarmente filante e con una gradevole rastrematura della coda. Per il resto, l'impostazione tecnica rimase quella della primigenia "SB4" con trasmissione finale a doppia catena e freni posti unicamente sull'asse posteriore, che peraltro non agivano direttamente sulle ruote, ma sul differenziale, il che rendeva difficoltoso il suo arresto.
Nel luglio del 1924, per battere il record mondiale di velocità sul km lanciato, si presentarono ad Arpajon la squadra René Thomas con la Delage, accreditata di 350 CV, e quella di Ernest Eldridge, con la Fiat SB4 Eldridge che, dal pubblico francese, venne subito ribattezzata Mefistofele, a causa del baccano infernale prodotto dall'enorme motore aeronautico con scarichi liberi.
Eldridge riuscì a portare la "Mefistofele" alla velocità di 143,26 mph (230,55 km/h), ovvero oltre il precedente record.
Dietro reclamo della squadra avversaria, tuttavia, la prestazione non venne omologata in quanto la "Mefistofele" era sprovvista della retromarcia, come invece prevedeva il regolamento. Inoltre, il giorno seguente, René Thomas riuscì a portare la propria Delage V12 alla velocità di 143,31 mph (230,63 km/h); record che, questa volta, venne regolarmente omologato.
Il primato durò appena sei giorni, il tempo strettamente necessario ad Eldridge per una migliore messa a punto del motore e per aggiungere un marchingegno che permetteva alla sua vettura una minimale retromarcia.
Ripresentatasi sul rettifilo della Route d'Orléans, 12 luglio 1924, la "Mefistofele" innalzò nuovamente il record mondiale di velocità a 146,01 mph (234,97 km/h).
Fu l'ultimo primato mondiale sul chilometro lanciato ad essere conseguito su una strada pubblica.




Modello
Questa volta, vado a presentarvi un modello che mi hanno commissionato e che rimarrà solo nella mia collezione virtuale.
Il kit della "Mefistofele" è un Italeri in scala 1:12; il modello l'ho costruito tutto da scatola come mi è stato richiesto dal suo proprietario, però per chi avesse intenzione in un futuro di acquistare questo kit, mi sento di consigliare una sostituzione drastica; l'interno dell'abitacolo che si presenta in plastica, sostituirlo con dei listelli di legno perché sicuramente renderebbe molto di più e sarebbe molto più reale, visto che nel modello vero il pianale era fatto di legno; altre modifiche possono essere le sospensioni a balestra che si possono ricostruire con del piatto in metallo da 0.3/0.4mm e le molle dei pistoni utilizzando del tondino di metallo morbido da 0.1mm; ma tutto questo è semplicemente un mio parere e consiglio o almeno è come avrei agito se il modello fosse stato il mio.
La colorazione è avvenuta senza aerografo, utilizzando colori acrilici Tamiya e, per quanto riguarda il motore e il musetto anteriore, di alcuni smalti della Humbrol.
La parte diciamo più complicata di questo modello è il motore che si presenta molto ben dettagliato e per cercare di assemblarlo e colorarlo al meglio, mi sono aiutato con una foto trovata su internet di un primo piano del vano motore.




La costruzione del motore vede l'assemblaggio di tutte le varie componenti del motore: raccordi, pistoni, candele, ecc.








Purtroppo non avendo molto da descrivere sul resto della costruzione del modello, lascio parlare le foto e rendendovi così anche voi partecipi di questa mia "avventura" modellistica senza annoiarvi troppo con molte descrizioni.


















Un saluto e buon modellismo a tutti voi.


Luca Navoni

[Gallery]

Gruppo Modellisti Ravenna

03.05.2017




Commento di Enrico Calanchini [09/05/2017]:
Straordinaria! Magnifica! Perfetta!
Le auto d'epoca sono la mia passione insieme alla Regia.
Complimenti vivissimi

Ciao Enrico

Commento di ezio bottasini [09/05/2017]:
Ciao Luca, in effetti un modello un po' fuori dai tuoi schemi e realizzazioni passate; comunque pur essendo da scatola, senza le tue fantasctiche autocostruzioni ed iperdettagli, sarà per la scala "Grande", è un modello di tutto rispetto.
Bello al prossimo Ezio

Commento di Gianni [09/05/2017]:
Italeri secondo me non ha sbagliato a tirar fuori un kit di questo genere ...un made in Italy a tutto tondo.Il risultato del tuo lavoro è splendido...immagino quanto sia stato complicato l'assemblaggio e la colorazione dei particolari.
Ancora complimenti
Gianni

Commento di Dino Dall'Asta [09/05/2017]:
Veramente una bellissima "avventura", fuori dall'ordinario ed eseguita in modo magistrale...
Bravo!
Dino

Commento di Michelangelo Galli [09/05/2017]:
Scusa Luca mi sapresti dire quale foto sono del modellino e quali dell'auto vera perchè non riesco a distinguerle! Mi inchino alla tua bravura, una realizzazione spettacolare! Bella macchina! Bravo Modellista!

Commento di Lauro Bonfà [09/05/2017]:
LUCA MA ??????? dove sono torretta cingoli e cannone, AH.... ho capito è l'auto di un Ufficiale dello Stato Maggiore in sosta sulla Balbia. Bella sorpresa Carissimo, è un modello direi Demoniaco e come ogni tuo modello ottimamente costruito e molto realistico. Complimenti ammiro e stimo molto chi riesce ad essere cosi eclettico nello spaziare su vari soggetti ed epoche. Un Abbraccio.

Commento di Giampaolo Bianchi [09/05/2017]:
Lavoro straordinario. .perfettamente eseguito. .non so se le foto del motore sono anche quelle del modello... perché sono indistinguibili dall' originale... ormai sei un grande maestro... molto versatile.
Un caro abbraccio.
Giampaolo.

Commento di Luca Navoni [10/05/2017]:
....troppo buoni, grazie a tutti per i vostri complimenti e apprezzamenti tutti ben accettati, mi fa davvero piacere che vi sia piaciuto questo modello....!!!! ;-)

....le foto del motore a parte la prima che è l'originale, le altre sono tutte del modello....

...sono immerso ancora nel civile con una trattrice Mack DM600 ma ho già in fase di progettazione un mezzo americano WW2 il cargo truck 2.5 ton 6x6 versione "abbastanza particolare" e chi era presente con me alla rievocazione storica a Felonica sa di cosa parlo.... ;-)

...grazie ancora e un saluto e un abbraccio a tutti, Luca

Commento di Massimo M. De Luca [10/05/2017]:
Ciao
Ma che bella!!!!!
Massimo "Pitchup"

Commento di Francesco Sasso [10/05/2017]:
Ciao Luca! Veramente un ottimo lavoro, i dettagli sono splendidi, che dire, bravissimo!!
Un abbraccio!
Francesco

Commento di Valter vaudagna [11/05/2017]:
Gran bel lavoro, molto affascinante, ma l'esame più serio sarà la visione di queste immagini da parte dell'ingegnere che ne curò il restauro, di quella vera, mio caro amico, nonché modellista di prim'ordine, ciao, e ai tuoi prossimi lavori

Commento di maurizio ugo [12/05/2017]:
....ciao Luca, altro campo modellistico dove ti fai onore, avrai un po tribolato a non invecchiare il modello e renderlo usurato o danneggiato, ma comunque molto ma molto bello il risultato finale, ti manca da farci vedere un bel kit di aereo, così potrò finalmente darmi alla filatelia..
un salutone maurizio

Commento di Luca Navoni [13/05/2017]:
Massimo, Francesco, Valter, grazie per i vostri complimenti, davvero molto ben accettati....!!!

....Maurizio, non preoccuparti, potrai tranquillamente continuare con questo magnifico mondo che è il modellismo, non sconfinerò nel tuo campo......

un saluto e un abbraccio a tutti, Luca.

Commento di Francesco Sbarile [15/05/2017]:
B E L L I S S I M A !!!!! Un vero gioiello
Francesco

Commento di giovenco giuseppe [22/05/2017]:
D.I.V.I.N.A!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commento di Mike [16/06/2018]:
Ciao Luca, sono anche io di Ravenna. Ho visto alcuni dei tuoi lavori al negozio di V.le Alberti, e scommetto che la Mefistofele l'hai fatta per lo stesso a cui sto facendo io la 806 GP sempre Italeri in 1/12. lo capito da fatto che ti ha richiesto un montaggio da scatola.

Commento di Luca Navoni [17/06/2018]:
Ciao Mike,

molto probabile......comunque se ti può interessare ho messo su un gruppo di modellismo a Ravenna, contattami privatamente che ti passo tutte le info.

Ciao, Luca



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No