Gli assi dell'aviazione

Giulio Reiner
Giulio Reiner New
Pietro Ballarini


I precedenti...

Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong
Marcel Albert

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

T34 76 Versione ChTZ
T34/76 Versione ChTZ
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cavaliere Templare XIII Sec.
Cavaliere Templare XIII Sec.
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

O.F.M. Romeo Ro 37 bis 1ª Serie

Enrico Calanchini




Era l’evoluzione del Romeo Ro.37 A 30 con motore Fiat in linea sostituito con un radiale Piaggio P.IX RC.40, che consentì un complessivo miglioramento delle prestazioni.
La prima serie prodotta dalle O.F.M. (Officine Ferroviarie Meridionali) denominata Romeo (in seguito I.M.A.M. Romeo) adottava un’elica bipala in legno a passo fisso con ogiva, il generatore Marelli era posizionato al di sopra dell’ala superiore in posizione centrale, l’abitacolo differiva per la forma dello scasso in fusoliera ed era dotato di vetratura scorrevole e diverso frangivento, che racchiudeva il posto di pilotaggio lasciando scoperta solo parte della postazione del mitragliere osservatore dotata di un’arma brandeggiabile Lewis da 7,7 mm. anche le carenature delle ruote erano di diversa pannellatura per accedere all’interno.








Nella successiva 2ª serie divenuta I.M.A.M. l’elica divenne tripala metallica, l’abitacolo e il frangivento cambiarono forma, l’arma dorsale fu sostituita da una Breda Safat da 7,7 mm. oppure raramente da una Isotta Fraschini del medesimo calibro, le carenature delle ruote erano con pannello d’accesso circolare, il generatore Marelli fu invece disassato sulla destra, e altre minori modifiche furono apportate.
Della serie bis ne furono prodotti in totale 617 esemplari dei quali 50 della 1ª serie, dalla Romeo, le commesse furono affidate anche ad altre ditte licenziatarie.




Caratteristiche:
    Apertura alare: mt. 11,08
    Lunghezza: mt. 8,56
    Superfice alare: mq. 31,35
    Peso a vuoto: Kg. 2.040
    Velocità max: Kmh 330
    Motore stellare: Piaggio P IX RC40 – 560 Cv




Il modello è quello in scala 1/72 della Airmodel in vacuform e accessori in resina che era l’unico reperibile in commercio al momento della realizzazione che ha comportato le modifiche sopra esposte per configurarlo come 1ª serie dato che il kit offriva la serie successiva, quindi la prima modifica riguarda la diversa forma dell’abitacolo, l’elica bipala proviene dalla banca pezzi, i trasparenti sono in acetato opportunamente sagomato, la Lewis è autocostruita come pure il generatore, qualche incisione e le tiranterie in sprue filato completano il tutto.
I colori usati sono acrilici della Life Color, purtroppo il cachi avorio con il tempo si è alterato ingiallendosi un po’; le tessere del Domino sono dipinte a mano come nella realtà.










Il velivolo rappresentato è la M.M. 10758, 105ª Squadriglia R.S. ad Assab – Maacaca, Eritrea Aprile 1936, il pilota era il Com.te della Squadriglia Tito Falconi, l’osservatore tale Zazzetta, l’aereo era interamente in cachi avorio chiaro e presentava sulla superfice dell’ala superiore delle bande rosse per l’alta visibilità.
In questa Squadriglia i numeri individuali dei velivoli erano identificati mediante la somma del valore di due tessere del gioco del Domino poste su una fascia verde obliqua da ambo le parti della fusoliera, l’artistica e originale numerazione era dipinta personalmente da Falconi che ne era anche l’ideatore.






Ho fotografato il modello accanto a un volumetto dell'epoca reperito in un mercatino anni orsono.




Enrico Calanchini

[Gallery]

21.07.2016



Commento di giampaolo bianchi [21/05/2016]:
CARO ENRICO ANCHE SE LA REALIZZAZIONE E' DI QUALCHE TEMPO FA ..SI VEDE CHE ERANO GIA PRESENTI ALCUNE CARATTERISTICHE DEL MAESTRO ATTUALE..BELLISSIMO MODELLO ANCHE PER LE AUTOCOSTRUZIONI VISTE LE RIDOTTE DIMENSIONI. LA LIVREA DELLE ALI SUPERIORI E' STATA DIPINTA ANCH'ESSA A MANO?
UN CARO SALUTO.
GIAMPAOLO

Commento di ezio bottasini [23/07/2016]:
Caro Enrico, conosci la mia passione per gli aerei della Regia, anche se sto bigiando il periodo da un po di tempo. È un modello splendido soprattutto visto che sei partito da un vacuformed. Io lo feci anni fa in 72 se non ricordo male della Special Hobby uno short run sicuramente più facile del tuo. Sinceri complimenti bellissimo modello e ripasso di storia aeronautica molto interessante. Alla prossima Ezio

Commento di Vito [23/07/2016]:
Ciao Enrico
Che dire.....
Un gran bel lavoro e se poi teniamo presente il punto di partenza l'arrivo è qualcosa di spettacolare.
Complimenti davvero un gioiellino!!!!!
Ciao
Vito

Commento di Enrico Calanchini [25/07/2016]:
Grazie per i consensi positivi
@ Giampaolo, tutto rigorosamente a pennello bande comprese previa mascheratura

Saluti Enrico

Commento di giampaolo bianchi [25/05/2016]:
allora complimenti--raddoppiati.
un abbraccio.
Giampaolo

Commento di Francesco Sbarile [25/05/2016]:
Bella realizzazione e velivolo assolutamente misconosciuto. Sono rimasto sorpreso del numero di esemplari costruiti, davvero ragguardevole per le capacità industriali del periodo e per un ricognitore. Complimenti

Commento di giovenco giuseppe [26/05/2016]:
Gagliardo, questo biplanino in terra d'Africa!!!!
ora ti stai specializzando nelle pose didattiche ...... tra un po' scriverai un'enciclopedia della Regia aviazione con tanto di tavole illustrative .... sono sicuro che andrà a ruba tra i patiti del web e non solo!!! Bravo Enrico, continui a regalarci perle da esposizione - Giuseppe

Commento di maurizio ugo [27/05/2016]:
.....ciao Enrico, COMPLIMENTONI!!!!! poi sapere che è nato da un vacuform.... ancora BRAVO!!!...
un salutone maurizio

Commento di Enrico Calanchini [30/05/2016]:
Un ulteriore ringraziamento a voi tutti.
A presto

Commento di marco vergani [11/06/2016]:
ciao Enrico, una curiosità: perché le tessere del domino sono dipinte oblique da una parte e dritte dall'altra?? 
Ciao e complimenti.
Marco

Commento di Enrico Calanchini [30/08/2016]:
Ciao Marco, è vero, è stata una mia svista dipingendole a mano, erano oblique, mea culpa.

Enrico



Puoi inserire un commento su questo articolo

      Nome

      E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No