Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese New
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Rino Rufolo
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

A-7 Corsair
A-7 Corsair

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Rheinmetall-Borsig "Rheinbote"

Dino Dall'Asta




Verso la fine del secondo conflitto mondiale, vennero impiegate armi nuove e micidiali che mostrarono l’alto grado di sviluppo scientifico e tecnologico raggiunto dai tedeschi.
Fra quelle realizzazioni ci fu il Rheinbote "Messaggero del Reno" denominato anche V-4 nella serie Vergeltungswaffen (arma per rappresaglia).
Era un razzo balistico terra-terra a quattro stadi, a lungo raggio e a combustibile solido, sviluppato dalla Rheinmetall-Borsig in Germania, testato nel 1944 e utilizzato sia alla fine di quell’anno che all’inizio del 1945.



Immagine d’epoca


Lungo11,40 m - peso 1715 kg - velocità 5,5 mach (6800 k/h), poteva salire ad una altitudine di circa 80 km nella stratosfera, prima di scendere ed impattare fino a circa 220 km dal sito di lancio, tutto in 260 secondi.



Diagramma della traiettoria


Le pinne, leggermente inclinate su ogni stadio, erano destinate a far ruotare il razzo in volo, permettendo così di aumentare la precisione sull’obiettivo anche se, non avendo alcuna guida, veniva lanciato in direzione del bersaglio e con l’elevazione stimata in base alla distanza.
L’ultimo stadio, lungo 4 m con un diametro di 19 cm, era dotato di una testata pesante 40 kg ma con soli 20 kg di esplosivo, che provocava all’impatto un cratere di soli 1,20 m di diametro, senza però effetti di frammentazione.
Contro il porto Anversa, che era usato dagli Alleati per sbarcare materiale bellico e già pesantemente colpito dalle V-1 e V-2, furono effettuati circa 220 lanci partendo da una base presso Nunspeet in Olanda, località indicate nella mappa sottostante, ma con scarsi risultati: la testata era troppo "leggera" per dare un peso strategico a questa interessante arma.




I lanci furono effettuati da una unità la cui denominazione era Artillerie-Abteilung 709, sotto il comando della SS- Division zur Vergeltung operante appunto nei Paesi Bassi per l’impiego operativo dei razzi.
Il progetto di migliorare il razzo in versioni più avanzate e dal potenziale distruttivo più elevato venne abbandonato nel Febbraio 1945, anche perché si era ormai alla fine della guerra con il rapido avanzamento del fronte alleato.
Il Rheinbote veniva impiegato al lancio sia da una rampa mobile FR-Wagen, che era una versione modificata di quella utilizzata per il razzo V-2, sia da una piattaforma del cannone Flak41da 88 mm opportunamente trasformata, piattaforma quest’ultima usata anche per il missile antiaereo Rheintöchter (precedentemente illustrato in un diorama in questo sito).



FR-Wagen




Flak41


Pur essendo stata un’arma con poca precisione e dal modesto carico utile, con il suo design sottile e multistadio fu, unitamente al più potente e conosciuto V-2, il primo missile balistico operante nel secondo conflitto mondiale, precursore dei moderni ICBM (Intercontinental Ballistic Missile), inaugurando così una nuova era di guerra e di esplorazione spaziale.




Il modello 1:35
Il kit è della cinese Bronco Models che mi ha piacevolmente sorpreso sia per l’ottima qualità dello stampaggio in plastica grigia che per i numerosi componenti molto particolareggiati e precisi, per cui non ho avuto alcun problema ad assemblare il tutto anche per le chiare e concise istruzioni del relativo libretto, formato da 14 pagine.
Previa stesura del primer nero della Vallejo, ho eseguito la verniciatura usando acrilici Tamiya, dando poi lavaggio e usura.
Ho leggermente mimetizzato la piattaforma di lancio con del bianco che ho steso con il Washable White Camo della MIG che, una volta asciutto, ho iniziato a rimuovere con un pennello umido d’acqua, sfumandolo in modo da creare quel tipico mimetismo dato sommariamente e con poca vernice.








Il diorama
Da un pannello isolante edile di polistirene estruso, ho ricavato una base da 36x25x3 cm sulla quale ho posizionato una roccia da ferromodellismo e alcuni spezzoni dello stesso polistirene, precedentemente sagomati e incollati tra loro, per formare così uno spazio scenico in zone diverse.
Quindi ho steso dapprima alcuni strati di DAS in modo irregolare per simulare l’andamento del terreno, poi, una volta asciutto, ho spalmato sull’intera superficie della pasta acrilica Terra dell’Abbiati Wargames, mescolando e testurizzando due prodotti di tonalità diversa.
Successivamente, ho posizionato quattro abeti bianchi d’alto fusto, realistica realizzazione del Mondo in miniatura, aggiungendo alcuni ceppi, tronchi d’albero abbattuti, rami e piccole quantità di sottobosco, del tutto naturali.
Usando un colino a trama fine ho cosparso a pioggia della neve artificiale della Woodland Scenics, fissandola contemporaneamente con lacca spray per capelli; successivamente ho simulato l’effetto di ghiaccio e di neve pressata dal passaggio dei mezzi e degli uomini con del gel acrilico brillante della Vallejo.
Hanno completato lo scenario un paio di pozze d’acqua, realizzate con la resina ultravioletta effetto acqua della Green Stuff World e con l’uso della relativa mini torcia UV.








Come finitura al rustico, ho steso a pennello lungo i bordi verticali della base la pasta acrilica della AK e incollato una lastrina in ottone da 15x2,5 cm con inciso il nominativo.




I figurini
Dopo una ricerca nel web, sono riuscito a reperire otto figurini di marche diverse, adatti in questo contesto, che ho distribuito nel diorama secondo le loro pose e mansioni che avevo ipotizzato.










Infine, un sentito ringraziamento all’amico Leonardo Petroli che ha realizzato le foto del diorama.




Dino Dall'Asta

[Gallery]

01.01.2021

Bibliografia e immagini.

  • "I segreti di Peenemünde" di Brian Ford - ed. Ermanno Alberetelli 1970

  • "Le armi segrete del Terzo Reich" di David Irving - ed. Mondadori 1970

  • "Batterie... fuoco! Storia, uomini, uniformi e tattiche della Heeresartillerie 1935-1945" di Andrea Lombardi - ed. EFFEPI 2006

  • www.russianspaceweb.com

  • www.bunkervliegtuigarcheo.com






Commento di giuseppe giovenco [03/01/2021]:

Decisamente questo messaggero del Reno reca onore alla tua fama di ricercatore - poi un giorno ci dirai dove capperi trovi tutte queste scatole di montaggio decisamente fuori dai canali ufficiali - ma, verdure a parte, resta sempre un tuo marchio indiscutibile per la rarità del pezzo - della serie: se un giorno deciderai di proporci, che so, uno Sherman, nessuno ti crederebbe - auguri Dino - per me resta sempre il piacere di averti conosciuto e di saperti apprezzare - Giuseppe


Commento di giampaolo bianchi [03/01/2021]:

io non ho mai avuto il piacere di conoscerti, ma da storico mancato, immagino che 4 chiacchere con te siano meglio di una lezione universitaria.. modello stupendo ben ambientato e realizzato.. soggetto di cui chiaramente ignoravo l'esistenza.
grazie Dino.
Giampaolo


Commento di ezio bottasini [04/01/2021]:

Caro Dino, l'ennesimo articolo carico di storia e modellismo, soggetto intrigante e realizzazione da grande modellista.
Sinceri complimenti e un caro augurio di Buon Anno.
Un augurio a Tutti gli amici di Kitshow.

Ezio


Commento di Leonardo Petroli [04/01/2021]:

Grazie Dino per avermi citato, io ho fatto solo le fotografie, è veramente un bel modello grazie all'abilità modellistica di Dino.


Commento di Valter [04/01/2021]:

Storie chiare e sempre interessanti.. fa piacere leggerle.. modello ben fatto sui tuoi livelli.. e anche insolito.. bravo 👏


Commento di PIETRO [06/01/2021]:

Ciao Dino,
grazie per questo nuovo soggetto insolito.
ottima l'ambientazione.
complimenti
Pietro


Commento di Alby Starkiller [11/01/2021]:

Caro nonno Dino,
Una realizzazione eccellente.... COME SEMPRE!!!



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No