Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

F-16A-ADF "Viper" dell’A.M.I. - Marco Vergani




Non sto a dilungarmi con la spiegazione tecnica in quanto già ampiamente illustrato nel mio articolo sull’F-16D israeliano.
Per quanto riguarda invece gli l’F-16 ADF italiani, in attesa dell’entrata in servizio nonché del raggiungimento della piena capacità operativa dell’Eurofighter Typhoon, vennero acquisiti in leasing a 45 mila ore di volo da effettuare tra il 2003 e il 2010, dall’USAF.
Diventarono pertanto operativi a partire dal 2004 presso il 5° Stormo "Giuseppe Cenni" di Rimini-Cervia e il 37° Stormo "Cesare Toschi" di con sede operativa a Trapani-Birgi.
Attualmente sono stati restituiti e sostituiti dall’Eurofighter Typhoon.

Caratteristiche tecniche:

 ruolo :
caccia multiruolo
 costruttore :
Lockheed Martin
 equipaggio :
1/2 piloti
 lunghezza :
15,06 m
 apertura alare :
9,96 m
 motore :
1 turbo ventola Pratt & Whitney GE F110
 velocità max:
2 Mach
 autonomia :
4.220 km. con serbatoi alari
 tangenza :
18.000 m
 armamento e carichi esterni :
1 cannone M61 Vulcan da 20 mm
bombe, vari tipi di missili e altro
serbatoi supplementari alari
F-16A-ADF

Il kit
Premetto che, durante la manifestazione modellistica svoltasi a Giussano il 12 e 13 marzo ho vinto, grazie al modello del Grumman EA-6B "Prowler", un premio speciale offerto da Italian kits consistente in un foglio decal in scala 1/48 per gli F-16 ADF e i Tornado ADV dell’AMI.
Anche l’amico Ezio ha vinto un premio speciale sempre offerto da Italian Kits consistente in un buono acquisto spendibile sul sito.
Abbiamo così deciso in comune accordo di acquistare alcuni articoli; per quanto riguarda il sottoscritto il dettaglio in resina necessario ad ottenere un F-16 dell'AMI, consistenti la base dell'impennaggio verticale con i corretti rigonfiamenti degli attuatori e i due pannelli con le antenne a lama IFF da posizionare davanti al canopy e sotto la presa d'aria... un grazie di cuore all’amico Ezio.
Ecco perché l’acquisto di un altro kit dell’F-16 che, utilizzando le decal e i dettagli in resina di Italian Kits vinti a Giussano, è stato convertito in un F-16 ADV dell'AMI.
La scelta è caduta ancora sul kit Kinetic in quanto, a mio parere, ha un dettaglio molto buono.
Il coperchio della scatola è dotato di una bella box art, che rappresenta la fotografia di un F-16A in volo.
Il kit si compone di diversi canali di colata grigio chiari più uno di trasparenti, per un totale di circa 450 pezzi (come del resto anche per l’F-16D), un foglio decal per un F-16A Block 20 MLU seriale numero FA-87, 31° Squadrone belga per il Tigermeet NATO del 2009-2010, oltre ad un opuscolo per istruzioni.
Non vi sono decal per i carichi esterni ma, per fortuna, ho potuto utilizzare quelli avanzati dal kit dell’F-16D.
È inclusa anche una lastrina foto incisa, molto bella, che rappresenta le piastre di rinforzo installate durante gli aggiornamenti strutturali, che caratterizzano la versione ADF.
Il kit fornisce una serie completa di armi aria-aria, tipo AIM-9M/X, AIM-120B/C, Maverick e Penguin; aria-terra tipo GBU-24, GBU-31, CBU-87, GBU-12, GBU-38, Mk 82, nonché serbatoi alari da 370 galloni e ventrale da 300 galloni.
Tutte le parti sono finemente modellate, senza alcuna traccia di residui di stampo.
Le linee delle pannellature e dei rivetti sono molto delicate (chiaramente è lo stesso stampo dell’F-16D) con la possibilità di "perderli" nella costruzione del modello causa carteggiature e colorazione.
Ho voluto pertanto "approfondirli" ancora una volta, accentuandoli maggiormente.
Il kit prevede che i due aerofreni posteriori in coda abbiano la possibilità di essere montati aperti; anche tutte le superfici di controllo delle ali, flaps e slats e timone di coda, sono separati dalla struttura dell’ala e pertanto creano un sicuro effetto di realismo e movimento.
Molto ben dettagliato il pozzetto dei carrelli principali, con tubazioni varie, accumulatore idraulico e pneumatico, che diventa maggiormente dettagliato arricchendolo con tubazioni varie "fai da te".
Le decalcomanie del kit, chiaramente, non sono state usate.




Montaggio
Premetto che per questo kit ho acquistato tre after market e precisamente:
  - foglio mask della Eduard EDU-EX286;
  - lastrina Eduard Fe-477;
  - set in resina dello scarico motore marca Aires art. 4440.



Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio del pozzetto è abbastanza buono ma ho voluto migliorare il realismo con le foto incisioni della Eduard.
L’intera vasca dell’abitacolo è stata colorata in neutral grey e poi invecchiata, mentre invece il bordo dell’abitacolo è stato dipinto in nero opaco.
Anche l’interno del grande tettuccio, compresi gli elementi di alzata dello stesso, sono stati dipinti sempre in neutral grey e poi "invecchiati".
La vasca, una volta completata la posa di tutti i dettagli foto incisi e la verniciatura è stata inserita in una semi fusoliera.
Il seggiolino, dipinto in neutral gray, arricchito dalle cinture foto incise e poi invecchiato è stato inserito nel vano abitacolo solo a costruzione finita, rispettando la sua inclinazione originale di ca. 30 gradi.
Prima di chiudere le due semi fusoliere ho dovuto anche inserire lo scarico del motore, formato dall’intera struttura interna in resina e una piccola foto incisione e sporcato all’interno con abbondante polvere di carboncino, al fine di creare quella sfumatura cotta dovuta ai gas di scarico roventi.
Sono stati inseriti anche i due vani carrello, principale e anteriore, e l’intera struttura della presa d’aria.
Gli interni dei pozzetti del carrello principale e anteriore, le gambe di forza dei carrelli stessi sono stati dipinti in bianco lucido.
Ho poi seguito dei "lavaggi" all’intero dei pozzetti dei carrelli con del marrone opaco molto diluito, al fine di dare al velivolo un aspetto vissuto.




Colorazione, camouflage e marking
Sulla scorta delle ricerche fatte sul web per quanto riguarda la colorazione degli F-16A-ADF sono arrivato a queste conclusioni:

  • superfici superiori : US. Dark grey
  • superfici inferiori, parte anteriore del muso e intero impennaggio verticale: light ghost gray
  • radome

Pertanto sulla scorta di quanto sopra, considerando la mancanza di aerografo, ho deciso per questi colori:

  • superfici superiori humbrol 125 dato a pennello;
  • superfici inferiori, parte anteriore del muso e intero impennaggio verticale Tamiya AS 11;
  • radome humbrol 129

Ho iniziato prima a stendere con i pennello l’umbrol 125 sulle superfici superiori.
Una volta ben asciutto ho mascherato ho mascherato le superfici superiori con del mastro di carta e la parte anteriore del muso con dei rotolini di patafix per dare l’effetto sfumato tra un colore e l’altro.
Dopo una mano di cera, la posa delle decal, i lavaggi per evidenziare i pannelli e la mano finale di cera, il tutto è stato sigillato con del trasparente opaco.




Figurino
Il figurino in resina usato per il diorama è della Plus Model art. 4018 piloti F-4... "italianizzati".
Il figurino è stato dipinto tenendo conto delle uniformi dei piloti dell’AMI, schiarito ed ombreggiato con successive passate di colori chiari e scuri con tonalità simili al colore di base, al fine di dargli profondità.
Ho dipinto sulla manica di sinistra il triangolino tricolore.




Ambientazione del modello
Per la basetta ho utilizzato la solita cornice in legno, delle dimensioni di 25x30 cm. senza lastra di vetro.
Ho fatto tagliare al reparto falegnameria del Leroy Merlin di Caponago un rettangolo di legno, altezza 1 cm. di dimensioni adeguate, al fine di eliminare l’effetto "vasca"; è stato coperto con il biadesivo su cui sono stati incollati dei rettangoli di cartone di spessore 3 mm., al fine di riprodurre la pavimentazione in cemento.
E’ stato poi ricoperto con il pigmento della Tamiya 87115 "pavement effect light gray", leggermente carteggiato con carta abrasiva finissima ed evidenziate le linee di unione tra un rettangolo e l’altro con del nero opaco diluitissimo.
Dopo la formazione della segnaletica orizzontale bianca che delimita la pista eseguita a spruzzo, previa mascheratura della zona interessata, la superficie è stata leggermente "invecchiata" e sporcata.
Lo spazio rimasto è stato riempito di vinavil e cosparso di sabbia fine e infine ricoperto di erbetta usata nel modellismo ferroviario.
Per finire sono stati incollati ciuffi d’erba secca e piccoli arbusti.
Infine è stato incollato al fondo della basetta con del mastice universale.
L’opacizzazione è stata fatta usando un normale trasparente spray opaco comprato in ferramenta.

Profilo dell’F-16A-ADF dell’A.M.I.



23° Gruppo – 5° Stormo – M.M. 7346 - numero individuale 81-1023 – Rimini-Cervia 2005



Conclusioni
L’F-16D Kinetic è già da scatola un modello molto ben dettagliato e ragionevolmente accurato, ma ho voluto aumentare il dettaglio con alcuni after market che ne hanno valorizzato il dettaglio.
Buon modellismo a tutti !!
Le immagini e le informazioni tecniche sono state tratte da wikipedia.

Marco Vergani

[Gallery]

13.07.2016




Commento di ezio bottasini [14/07/2016]:
Molto bello. Non ho ancora avuto il privilegio di vederlo dal vero ma mi riprometto di colmare la lacuna al più presto. Sinceri complimenti, tenendo sempre presente che è fatto senza aerografo.
Al prossimo Ezio

Commento di giampaolo bianchi [14/07/2016]:
Caro Marco bellissimo lavoro..perfettamente dettagliato. .le pannellature sono praticamente perfette! Unica pecca che non hai mostrato le foto dell'abitacolo. . Che immagino stupendo e che per uno " studente " come me sono preziose fonti di studio e ispirazione.
Complimenti.
Giampaolo.

Commento di marco vergani [15/07/2016]:
grazie ragazzi ...... a Ezio buon proseguo di vacanza ...... domani parto anch'io per il mare.
A tutti, ovunque andiate, buone vacanze... arrivederci a settembre.
Marco

Commento di Massimo "Pitchup" [15/07/2016]:
Ciao Marco
lavoro stupendo davvero! Lavorare sui "grigi" non è mai semplice e tu lo hai fatto davvero bene.
Ho solo un dubbio sulla motorizzazione del tuo modello: guardando lo scarico sembrerebbe un velivolo dotato di motore GE110 e non di PW F100 della versione "ADF" AMI.
Max "Pitchup"

Commento di marco vergani [15/07/2016]:
per Massimo "Pitchup"
forse hai ragione, ho acquistato il dettaglio Aires senza tenere conto della differenza dei petali dello scarico (non so neppure se esiste un dettaglio per il PW F100" ma era talmente bello che non usarlo si faceva peccato....
Grazie per la tua precisazione .. al prossimo, il Mirage 2000-5F Kinetic ..... a settembre.
Ciao, Marco

Commento di Lauro Bonfà [15/07/2016]:
Gran bel modello caro Marco, costruito, dipinto e ambientato a regola d'arte. Complimenti.
Lauro.

Commento di Marco vergani [15/07/2016]:
Grazie Lauro e al prossimo
Ciao, Marco

Commento di maurizio ugo [16/07/2016]:
....ciao Marco, complimenti finalmente un bel F16 Italiano, chissà forse la colorazione molta standardizzata, ma non sembra aver avuto molto successo modellistico, almeno per i velivoli italiani, peccato, è un velivolo molto bello, meriterebbe un pò più di modelli, fortunatamente, ci hai pensato te a deliziarci...
un abbraccio maurizio

Commento di Marco vergani [17/07/2016]:
Grazie Maurizio,
un abbraccio anche da parte mia
Ciao,Marco

Commento di Vito [19/07/2016]:
Ciao Marco
Nell'insieme un bel modello. Bravo continui sempre a migliorare!!!
A parte lo scarico che come hai detto era un peccato non usarlo ....
Volevo segnalarti anche la deriva....
Quella degli F 16 italiani è differente per il prossimo, se lo farai Italian kit fa la conversazione esatta.
Cosa è successo al canopy?
Sembra macchiato ma forse è la foto.
Alla prossima Vito

Commento di Marco vergani [23/07/2016]:
Avevo il dettaglio in resina di italian kit ma era ostico da usare, invece nel kit c'era già la deriva giusta ...almeno secondo me!
Il canopy è fume' utilizzando lo smile tamiya...forse non è venuto molto bene. .. ciao e buone vacanze




Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No