Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

RF-104G & TF-104G "Starfighter"

Marco Vergani




Credo siano scorsi fiumi d’inchiostro per descrivere questo velivolo e pertanto tralascio tutta la descrizione tecnica.
Aggiungo solamente che, fra i molti paesi che hanno utilizzato l’F-104 c’è anche l’Italia, con la nostra Aviazione Militare.
L'Italia è stato, tra l’altro, il paese che ha mantenuto lo Starfighter in servizio più a lungo di tutti gli altri paesi, e precisamente dal 1963 al 2004, sviluppandone la versione F-104S ottimizzata per l'intercettazione ognitempo e compatibile con i missili aria-aria classe Sparrow e Aspide.
Ancora oggi, 2 F-104S/ASA-M e 2 TF-104G restano in carico al Reparto Sperimentale Volo dell'Aeronautica Militare Italiana, per compiti di test e valutazioni.




Dati tecnici:

 costruttore :
Lockheed
 impiego bellico :
caccia intercettore
 lunghezza :
16,66 m
 apertura alare :
6,36 m
 motore :
turbogetto General Elettric J9 con postbruciatore
 velocità max:
1,85 mach
 autonomia :
2623 Km
 tangenza :
17.700 m
 armamento :
1 cannone M61 Vulcan da 20 mm
7 piloni per carichi esterni quali:
- serbatoi alari
- bombe
- missili


RF-104G & TF-104G "Starfighter"

Il kit dell’F-104G
Nella scatola con il coperchio, bruttino in verità, sono inclusi:

  1. 10 stampi in plastica grigio chiarissimo per un totale di 125 pezzi;
  2. 1 stampa di trasparenti per un totale di 19 parti;
  3. 1 fogli decals da non utilizzare;
  4. 1 libretto istruzioni formato da 8 pagine.

Dopo innumerevole "pressioni psicologiche e fisiche" da parte dell’amico Ezio, finalmente ho deciso di affrontare la costruzione del mitico "spillone"... scherzo naturalmente.
In questa costruzione sono stato supportato dall’esperienza e dalle innumerevoli conoscenze sull’F-104 da parte di Ezio, il quale mi ha assistito passo dopo passo nella costruzione del modello, fornendomi anche le decal necessarie per riprodurre un F-104 dell’A.M.I.
Il kit Hasegawa è povero di carichi esterni, infatti nel kit sono presenti solamente i due serbatoi alle estremità alari.
Sempre con l’amico Ezio si era discusso sull’eventualità di acquistare il super dettaglio della Daco in 1/48 proprio per il kit Hasegawa ma, considerato il suo costo abbastanza considerevole, l’idea è stata scartata; nel kit in questione erano presenti molti dettagli, dall’avionica alla scaletta e soprattutto ai molti carichi esterni per la versione italiana che avrebbero certamente impreziosito il modello ma impoverito le casse familiari.
Alla fine ha deciso il "buon senso" del padre di famiglia.
Ho optato comunque per alcuni aftermarket molto meno costosi che hanno gravato meno sul "bilancio famigliare" e precisamente:

  1. Fotoincisioni Eduard EDU-49375;
  2. Mask Eduard EDU-EX031;
  3. Stencil Tauro Model alta visibilità 48534;
  4. Tubo di Pitot in ottone Master 40044.
Le decal presenti nel kit, come si può intuire, non sono state usate per niente usate.




Montaggio
Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio del pozzetto, come sopra già descritto, è abbastanza buono ma è stato "migliorato" usando le fotoincisioni Eduard riguardante il cruscotto e le console laterali, al fine di accentuare il realismo di questa parte, molto importante secondo me nei modelli.
Come precedentemente scritto sono stato supportato dai suggerimenti dell’amico Ezio e pertanto i colori usati sono stati i seguenti:

  • H140 per l’interno dell’abitacolo, compresa la struttura metallica del seggiolino;
  • H155 per palpebra cruscotto e imbottitura seggiolino, a cui sono state date delle pennellate a dry brush con 155 schiarito per simulare l’usura;
  • H33 per impugnatura della barra di comando e pannelli sulle consolle laterali, su cui sono stati poi incollate le fotoincisioni Eduard.

Il montaggio non ha richiesto particolari accorgimenti e una quantità minima di stucco; sono state aggiunte le strutture interne ai trasparenti principali ottenute con rod evergreen 220 con diametro di 0,88mm, con l’aggiunta degli specchietti retrovisori e due maniglioni di recupero.
Il seggiolino tipo M.B. CQ.7 è quello del kit, opportunamente modificato, colorato in grigio chiaro, verde oliva l’imbottitura, usando le fotoincisioni della lastrina Eduard 49375 per le varie cinture.
Infine con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto) ho dato luce all’interno dell’abitacolo usando del bianco opaco.
Gli interni dei pozzetti del carrello principale e anteriore sono stati dipinti in alluminio opaco usando lo smalto humbrol n. 56.
Ho poi seguito dei "lavaggi" all’intero abitacolo e alle nervature dei pozzetti del carrello principale con del marrone opaco molto diluito, al fine di dare aspetto al velivolo un aspetto vissuto.
Lo scarico dello J79 dopo averlo verniciato di nero opaco, l’ho "drybrushato" prima con l’H53, poi con passate leggere sempre a dry brush con l’H52 ed infine con l’H55, seguendo le indicazioni dei kit fatti precedentemente dall’amico Ezio.




Colorazione, camouflage e marking
Il modello rappresenta il velivolo con il numero individuale 00, in forza alla 3° Stormo - 132° Gruppo - Aerobrigata Ricognitori Tattici- con mimetizzazione NATO, verniciato in grigio mare scuro con bande trasversali in verde scuro sulle superfici superiori ed in alluminio su quelle inferiori. Pertanto ho usato:

  • F.S. 34079 – humbrol 116 per il verde scuro per le superfici superiori;
  • F.S. 36152 – humbrol 125 per il grigio mare scuro per le superfici superiori;
  • Light Silver-gray - spray Tamiya AS12 per le superfici inferiori.

Prima della colorazione ho spruzzato su tutto il modello una mano di primer grigio Fine Tamiya, mentre per quanto riguarda la verniciatura delle superfici superiori ho prima steso il grigio mare, poi con opportuna mascheratura usando del nastro apposito, ho creato le bande trasversali per il verde scuro.
Dopo le varie mani di cera, la posa delle decal, i lavaggi per evidenziare i pannelli e la mano finale di cera, il tutto è stato sigillato con del trasparente opaco per le superfici superiori e del trasparente semilucido per le superfici inferiori.
Le decal derivano da diversi fogli: Come già precisato le decal di reparto e di nazionalità mi sono stati gentilmente offerti dall’amico Ezio (foglio Sky Models 48031), mentre gli stencil ad alta visibilità provengono dal foglio della Tauro 48534.




Marking dell’RF-104G




Profilo dell’RF-104G M.M. 6558/3-02 – 3° Stormo "Carlo Emanuele Buscaglia" – 132° Gruppo
Aerobrigata Ricognitori Tattici – Verona – Villafranca.


L’unica differenza nel modello realizzato, rispetto al profilo sopra riportato, sono i numeri di identificazione a bassa visibilità introdotti negli anni ottanta.







Figurini
Per quanto riguarda i due figurini in resina sono di marche diverse e, precisamente:

  1. Plus Model art. 4011 pilota USA dell’F-16;
  2. Aerobonus art. 480085 "USAAF pilots Vietnam war 1966";


RF-104G & TF-104G "Starfighter"

Tutti e due riproducono piloti USA ma il sottoscritto li ha fatti diventare piloti della nostra Aeronautica Militare.
Sono stati dipinti come da istruzioni e poi schiariti ed ombreggiati con successive passate di colori chiari e scuri con tonalità simili al colore di base, al fine di dare profondità agli stessi.




L’interno del casco del figurino della Plus Model è stato "scavato", tanto per dare un pochino di realtà!




Ambientazione
Per la basetta ho utilizzato la solita cornice in legno, delle dimensioni di 25 x 30 cm. senza lastra di vetro.
Ho fatto tagliare al reparto falegnameria del Leroy Merlin di Caponago un rettangolo di legno di altezza 1 cm. Di dimensioni adeguate, al fine di eliminare l’effetto "vasca"; è stato coperto con il biadesivo su cui è stato incollato un cartoncino per imitare la pavimentazione in cemento.
E’ stato poi ricoperto con il pigmento della Tamiya 87115 "pavement effect light gray" e poi diviso in quadrotti, mentre la segnaletica orizzontale bianca e gialla che delimita la pista è stata eseguita a spruzzo previa mascheratura della zona interessata.
Infine è stato incollato al fondo della basetta con del mastice universale.
L’opacizzazione è stata fatta usando un normale trasparente spray opaco comprato in ferramenta mentre le strisciate dei pneumatici sono state eseguite con una matita nera molto morbida.




Il kit del TF-104G


RF-104G & TF-104G "Starfighter"

Nella scatola, con il coperchio più bello rispetto al kit "Red Baron", sono inclusi:

  1. 15 stampi in plastica grigio chiarissimo per un totale di 162 pezzi;
  2. 2 stampe di trasparenti per un totale di 28 parti;
  3. 1 fogli decals per 2 marking (due della nostrana A.M.I.) + stencil;
  4. 1 libretto istruzioni formato da 8 pagine, con immagini dei 3 profili da riprodurre.

Dopo la positiva esperienza dell’F-104 mi è balenata l’idea di fare una basetta unica inserendo un F-104G con un TF-104G ASA, ovviamente tutti e due con le insegne della nostrana A.M.I.
L’idea si è materializzata quando ho avuto occasione di "mettere le mani" sul bellissimo kit dell’Hasegawa del TF-104G, che già conteneva decal per un profilo italiano.
Anche per il TF-104 sono stato supportato dall’esperienza e dalle innumerevoli conoscenze sugli F-104 da parte di Ezio, il quale mi ha assistito passo dopo passo nella costruzione del modello, fornendomi anche parte degli stencil Low visibility necessari per riprodurre il TF-104 dell’A.M.I.
Anche questo kit è povero di carichi esterni, infatti nel kit sono presenti solamente i due serbatoi alle estremità alari e due piloni alari "nudi e crudi".
Vale il discorso fatto per l’F-104 mono, optando per l’acquisto dei soli aftermarket sotto elencati, molto meno costosi, e precisamente:

  1. Fotoincisioni Eduard EDU-49368;
  2. Tubo di Pitot in ottone Master 40044;
  3. Pannelli F.O.D. QBT-48161;

Per quanto riguarda le decal, sono state usate quelle inserite nel kit con l’aggiunta di alcuni stencil low visibilità del foglio Tauro 48-569 donatemi dall’amico Ezio.




Montaggio
Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio del pozzetto, come sopra già descritto, è abbastanza buono ma è stato "migliorato" usando le fotoincisioni Eduard 49368 per il TF riguardanti il cruscotto e le console laterali, al fine di accentuare il realismo.
Come precedentemente scritto sono stato supportato dai suggerimenti dell’amico Ezio e pertanto i colori usati sono stati i seguenti:

  1. H140 per l’interno dell’abitacolo, compresa la struttura metallica del seggiolino;
  2. H155 per palpebra cruscotto e imbottitura seggiolino, a cui sono state date delle pennellate a dry brush con 155 schiarito per simulare l’usura;
  3. H33 per impugnatura della barra di comando e pannelli sulle consolle laterali, su cui sono stati poi incollate le fotoincisioni Eduard.

Il montaggio non ha richiesto particolari accorgimenti e una quantità minima di stucco; sono state aggiunte le strutture interne ai trasparenti principali ottenute con rod evergreen 220 con diametro di 0,88mm, con l’aggiunta degli specchietti retrovisori e due maniglioni di recupero.
I bellissimi seggiolini in resina sono stati colorati in grigio chiaro, in verde oliva l’imbottitura, mentre tutte le varie cinture in tan schiarito.
Infine con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto) ho dato luce all’interno dell’abitacolo usando del bianco opaco.
Gli interni dei pozzetti del carrello principale e anteriore sono stati dipinti in alluminio opaco usando lo smalto humbrol n. 56.
Ho poi seguito dei "lavaggi" all’intero abitacolo e alle nervature dei pozzetti del carrello principale con del marrone opaco molto diluito, al fine di dare aspetto al velivolo un aspetto vissuto.
Lo scarico dello J79 dopo averlo verniciato di nero opaco, l’ho "drybrushato" prima con l’H53, poi con passate leggere sempre a dry brush con l’H52 ed infine con l’H55, seguendo le indicazioni dei kit fatti precedentemente dall’amico Ezio.




Colorazione, camouflage e marking
Il modello rappresenta il velivolo M.M. 54553/4-44, in forza alla 4° Stormo-20° Gruppo-Addestramento- con mimetizzazione interamente in grigio chiaro F.S. 36280.
Come colori ho usato lo spray Tamiya AS11 per tutte le superfici.
Mi sono documentato grazie alla tabella scaricata dal web "Colori mimetici degli aeromobili italiani dagli anni ’60 ad oggi" dove specificava che la mimetica Nato veniva sostituita dalla colorazione uniforme in grigio chiaro.
Specificava altresì tre codificazioni di marche di colori molto usate dai modellisti e fra queste ho preso in considerazione il n. 165 della Humbrol, definito come medium sea gray.
Sono andato alla ricerca dello stesso nei vari spray Tamiya, individuandolo nell’AS11, colore che a mio avviso più si avvicinava.
Prima della colorazione ho spruzzato su tutto il modello una mano di primer grigio Fine Tamiya, mentre per quanto riguarda la verniciatura delle superfici superiori ho prima steso il grigio mare, poi con opportuna mascheratura usando del nastro apposito, ho creato le bande trasversali per il verde scuro.
Dopo le varie mani di cera, la posa delle decal, i lavaggi per evidenziare i pannelli e la mano finale di cera, il tutto è stato sigillato con del trasparente opaco per le superfici superiori e del trasparente semilucido per le superfici inferiori.
Le decal derivano da diversi fogli: Come già precisato le decal di reparto e di nazionalità mi sono stati gentilmente offerti dall’amico Ezio (foglio Sky Models 48031), mentre gli stencil low visibility provengono dal foglio della Tauro 48569.




Marking del TF-104G



Profilo del TF-104G M.M. 54553/4-44 del 4º Stormo "Amedeo d’Aosta" – 20º Gruppo Addestramento Operativo
Grosseto, novembre 2000.


Conclusioni
Prima di tutto è doveroso un ringraziamento all’amico Ezio per i suoi preziosi consigli, aiuto nonché per la fornitura delle decal per riprodurre un F-104 dell’A.M.I.
Per quanto riguarda invece il kit, l’unico in questa scala e ormai di difficile reperimento, è molto bello e si costruisce con molta facilità.
Forse un’appunto sono i carichi esterni veramente "all’osso" anche se ora c’è la possibilità di "esagerare" con il bellissimo kit di dettaglio della Daco... però anche senza usare questo set di dettaglio rimangono sempre dei modelli validi e interessanti!
Una curiosità belli i tubi di Pitot, verò!!?? li ha fatti l’amico Ezio …. grazie!!

Sto già lavorando ai prossimi modelli: ancora due "Spilloni" un G primi anni 60’ con camouflage "antiradiazione" mentre l’altro è un S, anni 1971/1973, camouflage "NATO" 50º Stormo CB, 155º Gruppo "Pantere Nere" di Piacenza San Damiano... chi lo avrebbe mai detto!!

Buon modellismo a tutti !!

Marco Vergani

[Gallery]

24.05.2015




Commento di maurizio ugo [30/05/2015]:
....ciao Marco, grazie per la visione di due Spilloni, belli sempre, siano monogrigio o mimetici, RF, TF, G, S, ASA, ASAM, e sopratutto quando ben fatti come questi!!! Molto piacevole sapere della collaborazione con Ezio.
Complimenti davvero, aspetto il modello "antiradiazione", non particolarmente facile da eseguire come colorazione, che rappresenterai alla grande!!!!!! un salutone a te e a Ezio....

maurizio

Commento di Vito [30/05/2015]:
Ciao Marco ....dopo questa tua bella realizzazione di un allegra famiglia di spilloni ,non so se ti darò il tf che ti ho promesso...dalle foto direi che hai eseguito un montaggio pulito e perfetto , soprattutto nel raccordo delle prese d'aria punto critico di questo straordinario prodotto giapponese.
Se mi concedi qualche piccola domanda.... ,perché non hai riinciso la parte finale delle linee di struttura sulla curvatura delle prese D'aria perse durante la carteggiatura ? Le luci di formazione sui lati a ridosso delle prese d'aria e sui serbatoi ? Perché hai lasciato tutti quei rivetti sulle ali e sul terminale non visibili sul velivolo reale (non capirò mai perché asegawa li ha fatti....)
Comunque sia se consideriamo che non adoperi l'aerografo , strumento fondamentale Per dare tridimensionalità al modello, Marco hai fatto davvero un ottimo , ottimo lavoro bella anche la scenetta e i piloti , anche se non italici.
A presto Vito

Commento di Enrico Calanchini [31/05/2015]:
Beh....lo Spillone è quello che è, poi assemblato e colorato magnificamente, oltretutto a pennello, non può che essere ammirato ed elogiato.
Complimenti Ciao Enrico

Commento di Marco Vergani [01/06/2015]:
Grazie di cuore a tutti .....
per Vito : è vero, ho fatto alcuni piccoli errori, però considera che erano i miei primi "Spilloni" ....nei prossimi che vedrai ( terzo, quarto, quinto e ...sesto, il TF) ho cercato di migliorarmi, anche se qualcosina troverete lo stesso ......
ciao a tutti!!
Marco
P.S. è risaputo che le ali dei modelli F/TF-104 Hasegawa sono sbagliati.... pazienza!!

Commento di Massimo "pitchup" [01/06/2015]:
Ciao Marco
Ottimo lavoro davvero per i tuoi due spilloni.
Inoltre leggo che non usi l'aerografo quindi sei stato doppiamente bravo!
L'unica pecca,perdonami,sono le alette dei serbatoi alari montate al contrario. Magari riesci a risistemarle.
Massimo "Pitchup"

Commento di Marco Vergani [01/06/2015]:
Caro Massimo, grazie per la tua osservazione ... hai proprio ragione. Credo a questo punto di avere sbagliato anche il terzo e quarto Spillone (molto probabilmente ho confuso le istruzioni).
Il problema che tutti quattro i modelli hanno le ruote "spinate" e pertanto "manipolare" gli stessi risulterebbe molto difficile, sicuramente poi gli incastri si romperebbero ... meglio lasciare perdere.
Vorrà dire che starò più attento con il quinto e sesto 104 .......
ciao, Marco

Commento di Vito [01/06/2015]:
Ciao Marco , premetto che le mie critiche sono assolutamente piccoli "appunti" costrittivi per farti notare dove poter migliorare !!!!
Aspetto i tuoi prossimi 104 e ci vediamo a luglio.
A presto Vito

Commento di Marco Vergani [03/06/2015]:
OK Vito,
Ti ringrazio per le tue "osservazioni", servono per migliorare i modelli futuri ...
Ai prossimi 104 e ... a luglio per i TF.
ciao, Marco

Commento di ezio bottasini [03/06/2015]:
Ciao Marco, belli, ma d'altra parte li avevo visti dal vero e onestamente le alette mi erano sfoggite, acc......comunque ribadisco quanto detto dagli amici sopraintervenuti, doppimente belli, vista la mancanza di arografo.
Ciao Ezio

Commento di Roberto [06/06/2015]:
Prendendo per buone le osservazioni fatte da chi mi ha preceduto, poichènon conosco bene il soggetto, devo dire che con i modeli hai fatto veramente un ottimo lavoro. Davvero molto ben rappresentati.Se devo essere onesto, non mi piace tantissimo la disposizione, tendo un po' a coprirsi a vicenda, anche se capisco era quella che minimizzava gli ingombri.

Ciao Roberto

Commento di Marco Vergani [08/06/2015]:
per Roberto:
hai ragione ma la basetta in realtà era stata "pensata" solo per un modello ( poi è arrivato il TF e allora ...) Comunque per le prossime due accoppiate dei 104, anche se li ho disposti nello stesso modo, ho usato una basetta più grande (30x40)e pertanto sono meno "sacrificati" .... ho cercato anche di evitare gli errori fatti con questi primi due 104 tenendo buone le osservazioni di Massimo e Vito..... Grazie per tutto a tutti.
Ai prossimi Spilloni, Marco



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No