Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Lockheed-Martin F-35A "Lightning II"

Marco Vergani




Il Lockheed Martin F-35 Lightning II è un caccia multiruolo di 5ª generazione monoposto, a singolo propulsore, con ala trapezoidale a caratteristiche stealth e capacità multiruolo, utilizzabile per ruoli di supporto aereo ravvicinato, bombardamento tattico e missioni di superiorità aerea.
Battendo il Boeing X-32 è diventato il vincitore della gara per il programma JSF (Joint Strike Fighter) per la ricerca di un aereo che potesse sostituire diversi modelli dell'USAF, dell'US Navy e dei USMC (Marines).
Inizialmente era previsto che circa l'80% delle parti fosse in comune fra le diverse versioni, ma poi, con l'evolversi del progetto, ci si è accontentati di raggiungere questa percentuale includendo anche parti specifiche per ogni versione, ma comunque suscettibili di una lavorazione comune.
In ogni caso, tutta l'elettronica di bordo e buona parte del software saranno praticamente uguali.
Esistono tre versioni dell'F-35: una variante a decollo e atterraggio convenzionale (F-35A - Conventional Take Off and Landing), una variante a decollo corto e atterraggio verticale, per portaerei di dimensioni ridotte come la nostra Cavour e Garibaldi (F-35B Short Take Off And Vertical Landing), e una variante per l'uso sulle portaerei convenzionali a catapulta.




Tra gli acquirenti dell’F-35A, la versione più piccola e leggera, c’è anche la nostra Aeronautica Militare italiana.
L’F-35 dovrebbe sostituire il Panavia Tornado del 6° Stormo di stanza all’aeroporto militare di Brescia-Ghedi.


Dati tecnici:
 costruttore :
Lockheed-Martin
 impiego bellico :
velivolo stealth caccia multiruolo
 equipaggio :
1 pilota
 lunghezza :
m. 15,67 m
 apertura alare :
m. 10,70 m
 motori :
1 Pratt & Whitney F-135-PW con post-bruciatore
 velocità max:
1,61 Mach (1930 km/h)
 autonomia :
2.220 Km
 tangenza :
18.288 mt.
 Armamento :
1 cannone GAU -12/U da 25 mm.
 Piloni :
6 sub-alari, 4 nelle due stive per:
bombe a caduta libera, a guida laser, GPS, nucleari;
missili aria-aria, aria-superficie, antinave.


l’impressionante dotazione di carichi bellici dell’F-35



Il kit
Nella scatola sono inclusi:

  • 6 stampi in plastica grigio chiaro più le due semi fusoliere;
  • 1 stampa di trasparenti per un totale di 6 parti;
  • una lastrina in fotoincisione;
  • 2 fogli decals per marking e stencil;
  • 1 foglietto decals con le insegne italiane del 6° Stormo dell’A.M.I. (una bella sorpresa);
  • un sacchettino con alcuni dettagli in resina per il vano armi;
  • 1 libretto istruzioni con copertina a colori formato da 12 pagine con i 2 profili a colori da riprodurre e un foglio supplementare di istruzioni dedicato alle fotoincisioni.


Lockheed-Martin F-35A

Ho acquistato questo kit al solo scopo di poterlo "vestire" con i colori della nostra Aeronautica Militare e, considerato che non è ancora operativo, è stato colorato sulla scorta dei colori attualmente in uso nella nostra A.M.I.
Nella confezione ho scoperto che è stato inserito un foglietto decal riguardante le insegne italiane per il 6° Stormo... veramente una bella sorpresa!

Il kit ha le seguenti caratteristiche:

  • cinture e dettagli foto incisi del seggiolino M.B. Mark 16E;
  • Canopy posizionabile aperta;
  • Struttura apertura/chiusura foto incisa della canopy, se posizionata aperta;
  • Dettaglio del motore Pratt & Whitney F-135 con tronchi di aspirazione completi;
  • Scelta ugello postbruciatore in plastica oppure foto inciso;
  • Vani armi dettagliati;
  • Flaps del bordo d'uscita ali posizionabili;
  • Piloni delle armi esterne opzionali;
  • 2x AIM-9X Sidewinder;
  • 2 x AIM-120B/C AMRAAM;
  • 2 JDAM.

Il dettaglio delle pannellature è molto buono. Anche il seggiolino eiettabile, fatto in quattro parti più alcune foto incisioni, ha un aspetto piacevole.
Per simulare la stoffa dell’imbottitura del sedile ho usato dei pezzettini, opportunamente tagliati e sagomati, di cerotto medicale.
Non sapendo chiaramente cosa usare per la configurazione italiana, ho deciso per i due missili AIM-120B/C AMRAAM e le due JDAM, solamente per pura questione "scenografica".
Nella confezione sono anche inseriti i piloni sub-alari ma, considerato che sulle semiali inferiori non c’è traccia dei fori per il loro corretto posizionamento, ho deciso di ometterli.
Una pecca sono le istruzioni dove sono ben illustrate le fasi del montaggio ma queste non offrono colori per l'abitacolo ed altri dettagli visibili, anche questi indicati nei profili finali.
Con una piccola ricerca online è possibile determinare i colori da usare ma sarebbe stato molto meglio aver avuto questi riferimenti direttamente sul foglio delle istruzioni.
Le parti trasparenti sono molto nitide e sottili al punto giusto, soprattutto la canopy in un pezzo unico.




Il montaggio
Ho iniziato la costruzione, come al solito dall’abitacolo del jet.
Non essendo riportate sul libretto le istruzioni sulla colorazione ho fatto delle ricerche sul web, prendendo pertanto spunto dalle molte fotografie trovate, sia del velivolo vero che di molti modelli.
Il livello di dettaglio del pozzetto, come sopra già descritto, è abbastanza buono ed è stato "migliorato" usando le fotoincisioni della scatola del kit, per il cruscotto del pilota ho usato la decal inserita nel foglio mentre per il seggiolino sono state usate le cinture della lastrina sopra citata.
L’intero abitacolo, il seggiolino, il cruscotto e le consolle laterali sono stati colorati in nero opaco, usando lo spray Tamiya TS63.
Con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto), ho dato luce all’interno dell’abitacolo, seggiolino compreso, lumeggiando il tutto con del bianco opaco.
Tutti gli altri interni ( pozzetti e gambe del carrello principale e anteriore, interno stive carichi, interno prese d’aria ) sono stati dipinti in bianco opaco usando lo smalto humbrol n. 34.
Ho poi seguito dei leggeri "lavaggi" all’intero abitacolo e alle nervature dei pozzetti dei carrelli con del marrone opaco molto diluito, al fine di dare al velivolo un minimo di aspetto vissuto, considerato la sua non ancora operatività nell’A.M.I.




Colorazione e camouflage
Per quanto riguarda la colorazione ho usato ancora lo spray Tamiya AS26 "ligth ghost gray" , usato anche per il "Tifone" italiano.

6° Stormo

Per preparare il modello all’applicazione delle decal di insegna di nazionalità e quei pochi stencil dedicati al 6° Stormo ho steso due strati di cera e, una volta ben asciutta ho posizionando le decal stesse.
Dopo il posizionamento delle decal, a modello ancora lucido, ho messo in evidenza le linee delle pannellature con il prodotto panel line accent black della Tamiya usando un pennellino 00.
Dopo avere "sigillato" il tutto con uno spray lucido ho opacizzato il modello per dargli l’aspetto definitivo.
Naturalmente non si è proceduto all’invecchiamento del modello in quanto " nuovo di fabbrica" ma ho solamente evidenziato le pannellature per non creare un modello "piatto".




Figurino
Per quanto riguarda il figurino ho usato quello in resina della Italia Kits, art.IK-W4801A, che riproduce un pilota dell’A.M.I.
è stato dipinto in verde scuro ed ombreggiato in un verde più chiaro.
Per dare luce e profondità allo stesso è stato leggermente di nuovo ombreggiato con del bianco opaco con la tecnica del "dry bush".
Al figurino è stata aggiunta una cartina per dare maggior dinamicità allo stesso.




Ambientazione
Per la basetta ho utilizzato la solita cornice in legno, delle dimensioni di 25 x 30 cm. senza lastra di vetro.
Ho fatto tagliare al reparto falegnameria del Leroy Merlin di Caponago un rettangolo di legno di altezza 1,5 cm. e dimensioni adeguate, al fine di eliminare l’effetto "vasca"; è stato coperto con il biadesivo su cui è stato incollato un cartoncino per imitare la pavimentazione in cemento.
E’ stato poi ricoperto con il pigmento della Tamiya 87115 " pavement effect light gray" e poi diviso in quadrotti, mentre la segnaletica orizzontale bianca e gialla che delimita la pista è stata eseguita a spruzzo previa mascheratura della zona interessata.
Ho voluto creare una piccolissima zona "a verde" per dare un po’ di colore alla basetta stessa.
Infine è stato incollato al fondo della basetta con del mastice universale.
L’opacizzazione è stata fatta usando un normale trasparente spray opaco comprato in ferramenta mentre le strisciate dei pneumatici sono state eseguite con una matita nera molto morbida.




Profilo dell’F-35 italiano


Profilo di come, più o meno, "dovrebbe" essere L’F-35 con i colori italiani appartenente al 6° Stormo "Diavoli Rossi" -154° Gruppo CBOC – Brescia-Ghedi.



Conclusioni
Il modello della Kitty Hawk relativo all’F-35A in scala 1/48 è, a mio parere, un ottimo modello.
Sicuramente la scelta di rappresentarlo con i colori italiani lo ha un pochino penalizzato in quanto, non essendo ancora operativo nella nostra aeronautica militare, alcune scelte possono essere interpretate di pura fantasia.
Credo che la realtà non si discosterà poi molto dal modello proposto però una cosa è certa, per una volta non abbiamo dovuto sottostare alle regole ferree di rappresentare un modello identico all’originale, ma abbiamo potuto "lavorare" un pochino di fantasia.




Marco Vergani

[Gallery]

13.10.2014

I miei prossimi lavori saranno altri due jet e precisamente il MiG-25 sempre della kitty Hawk e lo IAI Kfir israeliano, versione C7, inscatolato dalla Wingman Models ma stampo Kinetic, in scala 1/48.


Nota: La documentazione sull’F-35 è stata tratta dal sito Wikipedia.






Commento di Gianni [15/10/2014]:
Bel lavoro Marco, peccato che non riesco a farmi piacere questo caccia...esteticamente e anche per il elevatissimo , guardando i figurini in scala 1/72 come il tuo mi chiedo come sia possibile dipingerlo.
Ciao Gianni

Commento di Roberto [16/10/2014]:
Ciao Marco, ennesimo bel lavoro, mi domando sempre come riesci a fare certi modelli solo con le bombolette.
Se devo dire la verità però, per far rendere al meglio questo soggetto in particolare, la differenzizzione delle pannellature sarebbe stata indispensabile.
Un limite non tuo, ma degli strumenti che usi, e non aggiungo altro.......:-)

Ancora complimenti, Roberto.

Commento di ezio bottasini [16/10/2014]:
Ciao Marco, bello, come ben sai l'ho comprato anch'io, ma per ora l'ho fatto solo in 72 (di prossima pubblicazione su queste stesse pagine), il 48 aspetterà un po', vista la giacenza che ho a casa (sarà un modello dell'anno prossimo o magari dell'altranno ancora); per ora godiamoci in anteprima italiana il Tuo 35 A.M.I. .
Complimenti Ezio

Commento di marco vergani [17/10/2014]:
per Gianni, Roberto, Ezio
grazie per i vs. commenti ...... è vero che la mancanza di "strumenti" adeguati può essere, e sicuramente è, una limitazione ma ormai sono talmente abituato a lavorare senza che non ci faccio neanche più caso ....
Un caro saluto e ..... al prossimo!!
Marco



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No