Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Alessandro Magno
Alessandro Magno

Arado Ar 234 - Marco Vergani


L'Arado Ar 234 è stato il primo bombardiere a getto della storia.
Prodotto dall'azienda tedesca Arado Flugzeugwerke GmbH negli anni quaranta fu, insieme al Messerschmitt Me 262, uno dei migliori aerei da combattimento della Luftwaffe.
Sia come bombardiere, sia come ricognitore, era quasi impossibile da intercettare per i caccia alleati ma, come tutti i velivoli tedeschi costruiti nella fase finale della seconda guerra mondiale, entrò in scena troppo tardi per cambiare il corso del conflitto.
Comunemente conosciuto come Blitz (lampo in tedesco), in realtà l'appellativo era da riferire solamente alla versione B-2 da bombardamento, derivato dalla contrazione del termine informale "Blitz-Bomber" (traducibile come "bombardiere veloce quanto un lampo").
Sebbene ostacolati dalla carenza di carburante, questi aerei giocarono un ruolo importante sul fronte europeo durante gli ultimi mesi del conflitto.
In totale vennero consegnati 210 esemplari escludendo i prototipi, le versioni con quattro motori e un esemplare rimasto incompiuto che avrebbe dovuto avere un'ala più ampia.




Sviluppo
Il progetto (curato da Walter Blume e Hans Rebeski) prese il via nei primi mesi del 1941 e consisteva in un monoplano ad ala alta con i motori (due dei nuovi motori a reazione Junkers Jumo 004 in fase finale di sviluppo) alloggiati in gondole poste sotto le semiali; la cabina di pilotaggio era completamente vetrata e situata all'estrema prua della snella fusoliera.
Queste caratteristiche portarono a considerare inizialmente l'utilizzo di un sistema per il decollo basato su un supporto triciclo sganciabile, mentre l'atterraggio sarebbe avvenuto su pattini montati, rispettivamente, sul ventre della fusoliera e sotto le gondole dei motori.
Il ritardo nella consegna dei primi motori, malgrado due prototipi dell'aereo fossero già stati completati tra la fine del 1941 e l'inizio del 1942, fece sì che il primo volo potesse avere luogo solo nel giugno del 1943.
Fin dai primi tempi il Blitz mostrò eccellenti caratteristiche di volo e non si manifestarono grossi difetti.

Impiego operativo
Il primo impiego operativo del Blitz fu nel ruolo di ricognitore, nel quale la macchina si mostrò in grado di sfuggire facilmente, grazie alla velocità, alla caccia nemica.
Al fine di eseguire ricognizioni fotografiche volte a prevenire eventuali invasioni dell'Olanda, nel settembre del 1944 venne creato il Sonderkommando Götz.
Nel novembre del 1944 furono valutati i primi esemplari da bombardamento che vennero inquadrati in unità appositamente costituite: i Sonderkommando Hecht e Sperling.

Arado Ar 234

Le missioni di bombardamento prevedevano tecniche sofisticate, poiché l'equipaggio era costituito solamente dal pilota, e potevano avvenire con volo orizzontale oppure in picchiata.
Nel primo caso era previsto l'utilizzo di un sistema di guida automatico, utilizzato mentre il pilota eseguiva le manovre di puntamento del bersaglio.
Per le missioni di bombardamento in picchiata il pilota utilizzava per il puntamento ancora il periscopio montato sul tetto della cabina.
Gli Ar 234 B-2 presero parte alla famosa missione di bombardamento del Ponte Ludendorff a Remagen sul Reno, nel marzo del 1945, al fine di ritardare l’avanzata degli Alleati.
Al termine del conflitto risulta che fossero stati consegnati alla Luftwaffe un totale di 224 aerei, nelle varie versioni, ma che solo 38 fossero realmente operativi, in ragione del caos regnante tra le file tedesche nell'ultimo anno di guerra e dalla scarsità di carburante disponibile.

La versione da caccia notturno
Un discorso a parte merita la progettazione di questa versione.
Nel 1945, durante le ultimissime settimane di guerra, furono operativi un piccolo numero di bombardieri Arado 234 B-2 modificati, con il compito della difesa aerea notturna dell’area di Berlino.
Essi erano gli Arado 234 B-2/N “Nachtigall”.

Arado Ar 234

Tutto ebbe inizio nel luglio del 1944 quando Arado Flugzeugwerke GmbH inizio lo sviluppo dell’Ar 234 in versione da caccia notturno, ricevendo l’opzione per la produzione di circa 30 velivoli.
Il progetto prevedeva un secondo membro dell’equipaggio come operatore radar, ubicato nella parte posteriore della fusoliera in uno spazio molto piccolo, dietro al serbatoio del carburante, dove nelle versioni da ricognizione era installata una macchina fotografica (vedi immagine).
Il 20 settembre 1944 ad Oranienburg incominciarono i lavori per la trasformazione del primo Ar 234 B-2/N.
Esso fu equipaggiato con un sistema radar FuG 216 Neptun oppure FuG 218 e due MG 151 da 20 mm.
installate sotto la fusoliera, nella parte centrale, denominata “Magirus Bombe”.
Il Ministero dell’Aria tedesco (RLM) però sospese il progetto in quanto l’unità KG 76 aveva in quel momento disperatamente bisogno di bombardieri di riserva.
I test ripresero l’11 novembre 1944 sotto il comando dell’Hauptman Joseph Bisping, con l’ordine anche di cominciare di nuovo la produzione.
Il 10 dicembre 1944 venne completato il primo esemplare da caccia notturna, volando per la prima volta per circa 25 minuti.
Il velivolo WNr. 140145 - codice identificativo SM+FE, andò perduto in un incidente in fase di decollo il 23 febbraio 1945 (*), incidente in cui persero la vita il pilota collaudatore Hauptmann Joseph Bisping e l’operatore radio Hauptmann Albert Vogl.

(*) altre fonti riportano invece la data del 13 febbraio 1945.

Il 26 marzo il maggiore Kurt Bonow, del Kommando 288, assunse il comando dell’unità che fu sciolta e rinominata Erprobungskommando Bonow, con base a Oranienburg, fino alla fine del conflitto.

Dati tecnici Ar 234 B-2

Costruttore: Arado Flugzeugwerke GmbH
Impiego bellico: bombardiere, ricognitore
Equipaggio: 1 persone
Esemplari costruiti: 224
Lunghezza: m. 12,64
Altezza: m. 4,30
Apertura alare : m. 14,10
Motore: due turbogetto Junkers Jumo 004 B
Spinta: 8,73 kN/cad.
Velocità max: 740 km/h
Autonomina: da 1.630 Km
Tangenza: m 10.000
Armamento difensivo: 2 MG 151/20 da 20 mm. nella parte ventrale della fusoliera
Armamento offensivo: bombe fino a 2.000 kg



Il kit
Stampato in plastica color grigio chiaro, il kit è presentato in otto alberi contenuti in un unico sacchetto di plastica, più uno supplementare per le parti trasparenti del tettuccio della cabina di pilotaggio; quest’ultimi sono disposti in un sacchetto separato per evitare danni e graffi.
All’interno della scatola troviamo un libretto di istruzioni composto da 16 pagine e un foglio decal, per marking e stencil (come al solito mancano le svastiche per i kit prodotti made in Germany).
Non comprende invece nessun tipo di zavorra e pertanto bisogna ricordarsi di inserirla prima di chiudere le due semi fusoliere, altrimenti il modello si “siederà” sulla coda.
Il dettaglio del motore è visibile solo per quanto riguarda i coni della parte anteriore e posteriore dei due turbo getti, mentre il muso monta le quattro antenne a dipolo.
Le ultime quattro pagine del libretto istruzioni, dalla 11 alla 14, sono dedicate al camouflage e marking dei velivoli; infatti le decals incluse sono per quattro esemplari, e precisamente:

  1. Ar 234 B-2/N, WNr. 140608, T9+GL - Kommando Bonow, Oranienburg, 1945;
  2. Ar 234 B-2/N, WNr. 140150, SM+FJ - Kommando Bonow, Oranienburg, 1945;
  3. Ar 234 B-2/N, WNr. 140146, F1+CS - Kommando Bonow, hptm. Kurt Bonow, Oranienburg, 1945;
  4. Ar 234 B-2/N, WNr. 140145, SM+FE - Sonderkommando Bisping, hptm Joseph Bisping, Oranienburg, 1945.
Il montaggio
Ho iniziato la costruzione, come al solito, dalla cabina di pilotaggio.
Il livello di dettaglio del pozzetto è abbastanza buono ma... ho voluto strafare!!
Pertanto ho acquistato il dettaglio in resina della cabina e dei pozzetti dei due carrelli principali dell’Aires art. 4164 (bellissimo); I dettagli in resina riguardanti l’Ar 234 sono molteplici (Aires, CMK, Verlinden) ma ho deciso per il dettaglio dell’Aires perché, a mio parere, è sicuramente superiore, anche se si è dimostrato molto impegnativo.
Il kit contiene i dettagli per i pannelli strumenti pilota con i quadranti, sedile, cloche, ecc. nonché una lastrina foto-incisa per le cinture di sicurezza, pedaliera e manopole varie.
Sono anche compresi i due pozzetti dei carrelli principali nonché il supporto ventrale.
Per quanto mi riguarda, ho passato quasi una settimana, dedicando più o meno un’oretta alla sera, ad assemblare tutti questi dettagli e a dipingere l'intero dell’abitacolo, godendomi alla fine il risultato.
Come sopra descritto ho iniziato dall’abitacolo, colorandolo (strumenti ed interni) in RLM 66, usando lo spray Tamiya TS4 German gray.
Ho poi seguito dei “lavaggi” in modo da far risaltare le strumentazioni stesse con del marrone opaco molto diluiti, al fine di dare a tutto l’interno dell’abitacolo stesso un aspetto vissuto.
Per quanto riguarda i pannelli anteriore e posteriore in resina del set CMK, contenenti le varie strumentazioni, ho evidenziato tutti gli strumenti ripassando i bordi degli stessi con del bianco opaco.
Infine con la tecnica del Dry Brush (pennello asciutto) ho evidenziato le parti più sporgenti con l’alluminio.
Tutti gli altri interni, come i pozzetti dei tre carrelli, nonché le gambe di forza dei carrelli stessi sono stai invece dipinti in RLM 02, usando il colore UA071 della Lifecolor.
Anche in questo caso ho poi eseguito dei “lavaggi” in modo da far risaltare le nervature dei pozzetti con del marrone opaco molto diluiti, al fine di dare agli interni un aspetto vissuto.
Ho deciso di “aprire” lo sportello superiore di accesso al velivolo, incidendo la parte trasparente interessata in modo da fare intravedere l’interno dell’abitacolo, in quanto era un peccato lasciarlo chiuso... usando il cutter... onestamente con non poca difficoltà!!
Il kit conteneva decals per quattro esemplari ed il camouflage prevedeva:

  1. Ar 234 B-2/N, WNr. 140608, T9+GL - Kommando Bonow, Oranienburg, 1945: intero velivolo in RLM 76. Sulla parte superiore del 76 comparivano macchie sfumate, abbastanza fitte, in RLM 75;
  2. Ar 234 B-2/N, WNr. 140150, SM+FJ - Kommando Bonow, Oranienburg, 1945: intero velivolo in RLM 76. Sulla parte superiore del 76 comparivano macchie sfumate, abbastanza fitte, in RLM 75;
  3. Ar 234 B-2/N, WNr. 140146, F1+CS - Kommando Bonow, hptm. Kurt Bonow, Oranienburg, 1945: superfici superiori in RLM 76, superfici inferiori in RLM 22. Sul 76 comparivano macchie sfumate in RLM 75;
  4. Ar 234 B-2/N, WNr. 140145, SM+FE - Sonderkommando Bisping, hptm Joseph Bisping, Oranienburg, 1945: superfici superiori in RLM 81 e RLM 82 con schema a scheggia, superfici inferiori in RLM 76;




Ho scelto di riprodurre l’Ar 234 B-2/N, WNr. 140145, SM+FE - Kommando Bisping, pilotato dal collaudatore Hptm. Joseph Bisping, in RLM 81/82 e 76, e pertanto ho utilizzato questi colori:

  • per il 76 ho utilizzato lo spray Tamiya AS-5, opportunamente poi schiarito con lavaggi in bianco opaco molto fluido;
  • prima ho colorato le intere superfici superiori in RLM 82 utilizzando l’acrilico della Lifecolor UA 053 dato a pennello;
  • ho mascherato la zona dell’82 con nastro di carta ed ho spruzzato sulle zone rimanenti lo spray TS-5 Olive Drab che, a parere mio, imita molto bene l’81.
Occorre aprire una parentesi per quanto riguarda i nuovi colori RLM 81, 82 ed 83:
Con il precipitare della situazione bellica, la Luftwaffe, ridotta alla difensiva del Reich, in conformità ad una circolare emanata dall’RLM nell’agosto 1943 in materia di mimetizzazione, introdusse il primo luglio 1944 una nuova mimetica basata su tre colori verdi da abbinare al 76 che veniva impiegato per le superfici latero-inferiori.
L’utilizzo delle nuove tonalità, RLM BraunViolet 81, RLM HellGrun 82 e RLM DunkelGrun 83, venne giustificato in quanto, si ritornava a volare sulle aree della madrepatria, caratterizzate da una fitta vegetazione.
Queste nuove tonalità furono usate in vari accostamenti ed unitamente con stock di colori residui che andavano consumati prima dell’impiego di quelli più recenti.

  1. la tonalità del colore 81 variava da un marrone rossastro Braunviolett, ad un Olivebraun. Queste diverse tonalità erano certamente dovute alla carenza di materie prime che costringeva le ditte produttrici a realizzare i colori richiesti dall’RLM con fondi di magazzino, producendo così colori di qualità molto scadente che avevano il difetto di deteriorarsi velocemente ed in modi diversi;
  2. il colore 82 era un colore più chiaro, rispetto all’81 e 83, e venne impiegato soprattutto sugli ultimissimi modelli di velivoli progettati e costruiti (Me 262, Ar 234, Do 335);
  3. il colore 83 era invece un verde scuro spesso associato al grigio 75, impiegato prevalentemente sui Me 109 di ultima generazione e sui Fw 190 D.
Dopo il posizionamento delle decals e di tutti gli stencil, ho voluto dare al modello un aspetto vissuto, senza esagerare considerato la sua vita non operativa, cercando soprattutto di mettere in evidenza le linee delle pannellature, per poi sigillare il tutto con spray opaco trasparente.




Conclusioni
Prima di tutto lasciatemi dire che questo kit Revell è un riconfezionamento di quello Hasegawa (art. JT085), messo in commercio circa un paio di anni fa.
Pertanto è esattamente la stessa copia del kit giapponese, fatta eccezione per l'imballaggio, le istruzioni e naturalmente il foglio decal che tra l’altro, rispetto a quello Hasegawa, è molto “ricco” soprattutto di stencil.
Nonostante tutto il livello di dettaglio delle stampate, per quanto riguarda soprattutto le linee delle pannellature è buono.
I dettagli in resina dell’Aires impreziosiscono ancora di più il modello e, di conseguenza, il risultato è assicurato.
Gli alberi di stampo sono confezionati in un unico sacchetto di plastica.
L'unica cosa che si potrebbe vedere come una carenza in questa scatola di montaggio è la mancanza di nessun tipo di zavorra, costringendo il modellista ad adattarsi come può... tanto per cambiare.
Un altro punto a favore del kit è il prezzo... meno di 30 euro e... considerati i tempi “magri”, scusate se è poco!!
Per gli amanti degli aerei della Luftwaffe questo kit è decisamente consigliato!




Figurini e veicoli
Il veicoli sono della Tamiya, e precisamente:

Citroen traction 11CV
Lo stampo Tamiya è molto pulito senza traccia di ritiri.
Il kit è formato da 31 pezzi di plastica color grigio scuro e decal per quattro immatricolazioni (una civile e militare francese e due militari tedesche).
E’ stata incisa la portiera dell’autista e lasciata aperta per maggior realismo.
La vettura, dipinta con il TS 4 German Grey, ha subito poi dei lavaggi in marrone e nero opachi per accentuare l’usura della stessa.
Sempre con la tecnica del Dry Brush, usando il colore alluminio, ho simulato le perdite di colore derivanti dall’uso.
Un po’ di storia: la vettura fu utilizzata dalle forze armate francesi e, a sua volta, confiscate in gran numero dai tedeschi dopo la caduta della Francia.
I tedeschi usarono la Citroen praticamente su tutti i fronti di guerra, diventando la macchina di servizio più utilizzata ed amata dalla Wehrmacht e dalla Luftwaffe.




German Kettenkraftrad
La Kettenkraftrad, recuperata però dalla scatola degli avanzi, è stata ridipinta in dark yellow, usando lo spray Tamiya TS3, subendo poi lo stesso “trattamento” della Citroen, con lavaggi in marrone e nero opachi per accentuare l’usura della stessa.
Sempre con la tecnica del Dry Brush, usando il colore alluminio, ho simulato le perdite di colore derivanti dall’uso.
Un po’ di storia: Con tre marce in avanti ed una retromarcia la kettenkraftrad è stata largamente utilizzata come veicolo da trasporto, generatore di corrente, veicolo di comunicazione, e motrice di traino, capace di trainare fino a 4 tonnellate.
Per questo è stata usata per il traino dell’artiglieria leggera ed attrezzature, nonché utilizzata anche ampiamente dalla Luftwaffe per il traino di velivoli.
Per i modellisti che hanno intenzione di realizzare dei diorami, questi due kit sono ideali da acquistare!
Li consiglio a tutti gli amanti degli aerei tedeschi della seconda guerra mondiale, poiché danno l’opportunità di aggiungere un po’ di realismo alle scenette da riprodurre.




Per quanto riguarda i figurini in plastica, ovviamente in scala 1/48, sono della ICM: German Luftwaffe groud personnel 1939/45 - art. art. 48085.
I figurini degli inservienti sono stati dipinti nel classico colore grigio uniforme (feld grau), con smalti della Humbrol.
Per quanto riguarda gli ufficiali piloti, anche questi sono stati dipinti nei classici colori che riguardavano le divise dei piloti della Luftwaffe, sempre con smalti della Humbrol.
Tutti i figurini sono stati poi schiariti ed ombreggiati con successive passate di colori chiari e scuri con tonalità simili al colore di base, al fine di dare profondità agli stessi.




Ambientazione
Per la basetta ho adoperato la solita cornice di legno, cm. 25x35, senza lastra di vetro.
Ho deciso di riprodurre la sola pista di sosta/manutenzione, senza nessun spazio verde.
La pista è formata da fogli di plasticard da 0,25 mm. di spessore incollati con il bi-adesivo, su cui ho poi inciso dei quadrati, tipici di una pista in cemento.
Ho spruzzato sull’intera basetta il primer grigio fine della Tamiya, poi con il pennello ho steso un grigio leggermente più scuro molto diluito, togliendo l’eccesso con un fazzolettino di carta.
Con il nero opaco Humbrol ho ripreso i bordi dei quadri per evidenziare la giuntura fra un quadrato e l’altro.
Sulla pista con una mistura di nero e marrone ad olio molto diluito ho fatto qualche macchie di olio qua e là (tipiche delle piazzole di manutenzione), con una matita nera molto morbida ho ricreato delle strisciate di pneumatici e per finire ho aggiunto anche qualche ciuffo d'erba lungo le giunture dei quadrati di cemento e... la basetta è terminata.
Per finire ho “sigillando” l’intera basetta con una bella spruzzata di trasparente opaco comprato in ferramenta.
Prendendo spunto dalla fotografia sotto riportata, la scenetta vuole raffigurare il traino del velivolo in una piazzuola da parte di inservienti per i controlli finali da parte dei meccanici della Luftwaffe, prima dell’effettuazione di un test di volo, sotto la supervisione del pilota e di ufficiali di comando.

Arado Ar 234
Marking
Il velivolo rappresentato nel diorama è un Arado Ar 234 B-2/N, WNr. 140145 - codice identificativo SM+FE, appartenuto allo Sonderkommando Bisping, con base ad Oranienburg nel 1944/1945.
Il velivolo andò perduto in un incidente in fase di decollo il 23 febbraio 1945, incidente in cui persero la vita il pilota collaudatore Hauptmann Joseph Bisping e l’operatore radio Hauptmann Albert Vogl.



Arado Ar 234 B-2/N “Nachtigall” - WNr. 140145 -SM+FE – Hptm Joseph Bisping Oranienburg 1944/1945


I cenni storici e le fotografie sono stati recuperati da vari siti web: un grazie a queste fonti!

Buon modellismo a tutti !!


Marco Vergani
[Gallery]
01.06.2012

Il mio prossimo modello sarà il Do. 335 della Tamiya in 1/48... lo Junkers Ju 87-B in 1/48 della Italeri (regalatomi a Natale), dovrà aspettare ancora !!





Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No