Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Junkers Ju 52 - Massimo Cerrato




Lo Ju 52 ha rappresentato per le forze dell’asse quello che il C 47 Dakota è stato per gli alleati.
Del mulo da trasporto della Luftwaffe furono costruiti ben 4850 esemplari di tutte le versioni.
Concepito come trasporto civile la sua versatilità condusse a impiegare la versione g3e nel duplice ruolo di bombardiere e trasporto.
Con l’introduzione sulla versione g5e di motori più potenti, carrello intercambiabile (ruote, sci o galleggianti) e la rimozione della torretta ventrale il velivolo fu dedicato unicamente al trasporto.




La versione g9e oltre alle migliorie apportate sulle precedenti (g6e: impianto radio migliorato; g7e introduzione autopilota e portello di carico ingrandito) montava motori BMW 132z più potenti rispetto alle versioni precedenti e capace del traino alianti: soprattutto distinguibile facilmente per la presenza di una postazione armata sopra la cabina di pilotaggio, denominata "nido del condor".
Caratteristica peculiare che offriva al velivolo una notevole robustezza tanto da permettergli il rientro alla base pur con gravi danni a bordo era la fusoliera "a scatola" in lamiera ondulata.


Il "bianco" non può non essere sporco in prossimità dei tubi di scappamento e sui finestrini laterali ci sarà stata un po’ di neve?


Il modello della Italaerei (questa era la denominazione originale di questa vecchia edizione ristampata qualche anno fa) riproduce un Ju 52/3m-g9e appartenente al KGzbv700 impiegato nell’inverno 1942-43 nel rifornimento della 6a Armata di Von Paulus assediata a Stalingrado.
È rappresentato al principio della campagna invernale quando la neve fresca aveva consigliato la sostituzione delle ruote con gli sci (in seguito, una volta divenuta compatta, le rare foto mostrano che furono nuovamente utilizzate le ruote); pertanto la vernice bianca lavabile riportata a livello di reparto sopra l’originale a due toni di verde, deve apparire ancora integra.
Colore che è stato riprodotto con il bianco opaco della Gunze che ha garantito un’ottima copertura.




Nonostante i soldati di Von Paulus avessero mandato molte lettere alle famiglie e siamo a conoscenza dei sacrifici che dovettero sopportare; ben poco si è detto in riguardo alle difficoltà logistiche incontrate dalla Luftwaffe: è molto probabile che gli armieri-capo carico mantenessero la loro postazione difensiva, mentre si svolgevano febbrilmente le operazioni di scarico e imbarco dei feriti, con i piloti al loro posto pronti a muoversi.
Mentre truppe di terra difendevano il sedime aeroportuale da probabili attacchi da parte della Armata Rossa.
All’operazione di rinforzo partecipò ogni tipo di velivolo che fosse stato in grado di imbarcare materiale o soldati.






Il modello nonostante l’età è di un’attualità incredibile, con precisione di particolari che alcune case si sono attivate soltanto in tempi recenti; alcuni particolari come le lamiere forate nella porta di ingresso, il predellino del capo carico, l’armamento mostrano una precisazione che avrebbe fatto invidia alle marche di oggi più note e persino ai realizzatori di particolari in resina; tuttavia pur nella sua semplicità il modello richiede particolari attenzioni nell’incollaggio delle parti e non sono mancate le stuccature.




Una particolare attenzione deve essere posta all’atto di incollare gli sci, in quanto devono essere posizionati differentemente secondo se il velivolo è rappresentato in volo o a terra; quindi è stato opportuno un primo posizionamento a secco quando tutto era ormai assemblato.
Un’ultima precisazione sulla loro colorazione di questi oggetti: evidentemente le parti superiori erano in bianco, le inferiori invece difficilmente l’avrebbero conservata con lo sfregamento sulla neve.
Considerando inoltre il basso impatto che avrebbe potuto avere su un cielo brumo il colore dell’alluminio nella sua tinta naturale, ho preferito in assenza di riscontri sicuri di colorarli secondo quest’ultima condizione con Hu 56.




Tabella riassuntiva modelli a confronto
sono stati presi in considerazione le versioni 3m g7e e 3m g9e con il C 47 Dakota; comparabili in quanto entrambi trasporti a medio raggio.


Ju 52/3m g7e Ju 52/3m g9e C 47 Dakota
Equipaggio 3 3 3
Tipo di missione Trasporto merci o paracadutisti, evacuazione sanitaria Trasporto merci o paracadutisti, evacuazione sanitaria Trasporto merci o paracadutisti, evacuazione sanitaria
Carico utile 28 paracadutisti o 18 barelle o 4540 kg merci
Apertura alare (m) 29,2 29,2 28,9
Lunghezza (m) 18,9 18,9 19,6
Altezza 5,5 5,5 5,2
Superficie alare (m2) 110,5 110,5 91,69
Motore BMW 132T
3x 830 cv
BMW 132Z
3x 841 cv
Pratt & Witney PW R1830-93
2x 1216 CV
Peso a vuoto (kg) 6500 7650
Peso a pieno carico (kg) 10700 11800
Autonomia trasferimento (km) 1100 2415
Tangenza pratica (m) 5900 7070
Velocità massima (km/h)
Alla quota di (m)
286,5
1400
370
2300
Armamento 2 MG 15 da 7,9 mm (laterali)
1 MG 15 da 7,9 mm o 1 mg 131 da 13 mm (dorsale)
2 MG 15 da 7,9 mm (laterali)
1 mg 131 da 13 mm (dorsale)
1 MG 15 da 7,9 mm o 1 mg 131 da 13 mm (“nido del condor”)


Fonti:
  • Storia dell’aviazione, Novara 1973, 7
  • Take off, Novara, 3






Massimo Cerrato
[Gallery]
01.04.2013


Commento di luigi [30/04/2013]:
ottimo lavoro, ragazzo. bravo e salut. luis


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No