Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Macchi MC 202 - Marco Manzo

Kit Hasegawa scala 1/48




Sulla storia dell'aereo non mi dilungherei più di tanto, dato che se ne è parlato ampiamente in altri articoli su questo sito.
Il kit Hasegawa non è male e la qualità della plastica è molto buona; avendo un aerografo non sufficientemente preciso da permettermi di fare un buon lavoro, per gli anelli di fumo, ho deciso di acquistare le decals della Tauromodel, ad esse ho aggiunto un ulteriore foglio avente tutti gli stemmi dei principali gruppi caccia della Regia Aeronautica che mi è stato regalato.
Sono stato indeciso fino alla fine se fare l'aereo di Ennio Tarantola o di Luigi Gorrini, ma alla fine ho deciso di fare il primo.




La cabina di pilotaggio, così com'è da kit, non è poi così ben accurata; aiutandomi con le immagini della mia enciclopedia, ho provveduto a modificare qualcosina, tipo rimuovere la leva sulla destra del sedile per metterne invece una mancante in altro a sinistra, per poi aggiungere alcuni particolari al sedile, fin troppo scarno.




Il risultato non è stato proprio così perfetto, ma ottenuto lavorando manualmente su pezzi di recupero.
Completata la cabina, sono passato al montaggio della fusoliera, senza riscontrare grossi problemi.
Ho deciso di riempire la zona del pozzetto delle ruote del carrello con tubi e cavi, dato che in quella parte dell'aereo passavano diversi collegamenti (anche se a lavoro finito non resta quasi visibile).




All'interno del filtro dell'aria sul lato anteriore sinistro ho aggiunto un flabello mancante, poi ho aggiunto l'antennina posta poco più avanti del parabrezza, in zona centrale.
Per quanto riguarda la colorazione, ho deciso di iniziare col fare la banda bianca dietro la cabina e la croce sabauda, che ho poi mascherato accuratamente.




Il colore della livrea è un insieme di colori, fatto ad occhio con l'aiuto dell'enciclopedia e di mio padre, ottenuto mischiando l'Italian Sand della Model Master con il giallo ed il bianco della Humbrol.
Successivamente ho ripassato con il nero tutte le numerose fenditure e fessure presenti nel muso dell'aereo.
Dopo una passata di lucido trasparente, ho posato le decals.




Ho iniziato con le "macchie di fumo stile Macchi" della Tauromodel, che ho dovuto ritagliare una ad una attorno ai bordi.
Poi è venuto il momento di posare le altre decalcomanie riguardanti gli stemmi e le insegne.
La particolarità dell'aereo di Tarantola era una vistosa scritta gialla posta sul muso, lato anteriore destro, indicante "Dai Banana", in quanto il pilota prima della guerra fu un importatore di tale frutto. Inoltre sulla fusoliera, dietro l'abitacolo, vi erano rappresentati i numeri di appartenenza: 151 che stava ad indicare la squadriglia, ed il 2 rosso che indicava il numero personale del pilota.




Ma il guaio era dietro l'angolo...una volta posata la scritta "Dai Banana", questa è scomparsa nella mimetica dell'aereo, In pratica rimaneva visibile solamente controluce... non so ancora adesso a cosa attribuire il problema di scarso contrasto, se è stato un problema di stampate vecchie, se è stato un problema di eccesso di colla proprio della decalcomania, oppure un mix sfigato di combinazioni.
Dato che mi rodeva lasciare l'aereo così, ho preso una decisione radicale, e cioè rimuovere la scritta. La conseguenza è stata quella di dover cambiare anche il 2 rosso per fare un lavoro ben fatto.
Mi sarebbe piaciuto a quel punto fare l'1 rosso, appartenuto all'asso Furio Niclot Dolio, ma controllando nella mia banca decals, non ne ho trovato nessuno... tuttavia della stessa scala mi era avanzato un 4 rosso (in questo caso plausibile), con il quale ho fatto il cambio.
Ho fissato poi il tutto con un'altra mano di trasparente lucido per poi ripassare le pannellature con un terra di Siena ad olio diluito con la trementina.
Mano di trasparente opaco ed il lavoro è stato ultimato.




Ho fatto poi una basettina con ambientazione di tipo desertico/terra arida, aggiungendo dei figurini fatti in passato da me, recuperati da un altro lavoro.
I soggetti sono della ICM in resina.




I bidoni ed altri particolari sono autocostruiti in scala.

Marco Manzo

[Gallery]

20.04.2015




Commento di Vito [20/04/2015]:
Ciao Marco , anche se non amo particolarmente l'eliche , bel soggetto e soprattutto un lavoro ben realizzato soprattutto mi piace come lo hai invecchiato e l'ambientazione .
Ciao Vito

Commento di Giampaolo Bianchi [20/04/2015]:
Complimenti! Lavoro preciso e ben dettagliato figurini compresi.attendo i tuoi prossimi lavori. Un saluto . Giampaolo.

Commento di ezio bottasini [21/04/2015]:
Ciao Marco, bel lavoro preciso e pulito, l'unica cosa è il "sabbia" che sui 202 era più un nocciola chiaro il 118 Humbrol tanto per capirci; occhio alle scrostature in foto sembrano in rilievo, se le fai, come me, dopo la verniciatura e non scrostando la vrniciatura come andrebbe fatto, drybruscha di più.
Tutto ciò non toglie nulla alla bellizza del soggetto ed al rimanente rimarchevole lavoro.
Ciao Ezio

Commento di Marco Vergani [21/04/2015]:
ciao Marco,
bel lavoro ...... una precisazione... i figurini in resina sono della CMK.
ciao, Marco

Commento di Enrico Calanchini [21/04/2015]:
Ciao Marco,mi associo a quanto affermato da Ezio,
personalmente credo che gli anelli di fumo sarebbero risultati meglio se più numerosi ed eseguiti a pennello, per il resto una bella realizzazione, bella la fotografia.
Ciao Enrico

Commento di Marco [21/04/2015]:
Grazie a tutti per i complimenti e i commenti!!!!
@ezio, hai perfettamente ragione sulle scrostature, non mi sono rimaste bene, avrei voluto correggerle ma avrei rischiato di peggiorare la cosa. Per quanto riguarda il color sabbia si effettivamente su molti modelli era più nocciola marcato, ma dalle foto che ho riguardanti il 51esimo stormo della 151esima squadriglia, sembra un pò più chiaro.
@enrico, gli anelli di fumo sarebbero dovuti essere più sul verde, invece nelle decals sono piuttosto nere. Come dici tu avrei dovuto avere un pò più di coraggio e farli a pennello. Sulla quantità credo che fossero piuttosto casuali e dipendenti dal gruppo di appartenenza (ho una foto del 22esimo gruppo,53esimo stormo che ne ha moltissimi, uno attaccato all'altro, mentre questo aereo del 20esimo gruppo le ha molte più rade). Forse come dimensioni sono un pochino piccole rispetto a quello che dovevano essere!
Marco



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No