Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza New
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

U.S. M10 G.M.C. Tank Destroyer - Lauro Bonfà

Modello Academy Scala 1/35




Proseguendo sul sentiero affascinante della mia ricerca storica sui mezzi corazzati Angloamericani inviati da questi all'Alleato Sovietico nei difficili anni della Seconda Guerra Mondiale, una decina di anni fà mi sono imbattuto (in un sito russo) in alcune immagini molto interessanti e rare...




Ritraggono il Tank Destroyer M10 americano in servizio nelle unità dell'Armata Rossa dal 1944 fino alla fine del conflitto.
Ne vennero inviati a dir la verità un numero molto esiguo, le fonti citate (scarse) parlano di 52 esemplari di cacciacarri forniti ai Reparti Scelti delle Divisioni Guardie.
Per me modellista e appassionato, di storia fu una scoperta molto interessante per il semplice fatto che conoscevo questo mezzo, operativo solo sui fronti Italiano e centro europeo occidentale.
Dal punto di vista bellico non fu un mezzo molto potente, armato di un cannone da 76mm a bassa velocità iniziale e con una blindatura anteriore e laterale molto scarsa .
Oltretutto con la torretta sprovvista di blindatura superiore. Ma del resto in quei difficili momenti fu anch'esso una manna dal cielo per le provate unità russe.
Come spesso accade da una foto scatta l'insana passione modellistica che subito ci porta alla ricerca spasmodica del Kit di riferimento per poi iniziare l'avventura.




La scelta mi cadde sul modello Academy M10 in scala 1/35.
Devo riconoscere che fu una buona scelta, per l'ottima qualità del kit, con parti precise nelle varie fasi di montaggio, senza convulsioni, spasmi o patemi mentali,(come spesso accade, e... molti Amici sanno di cosa parlo).




Il modello dispone anche di interni sufficientemente dettagliati, di buoni dettagli generali e di cingoli in vinile molto belli e veloci da posizionare.




Ho poi dipinto il carro con olive drab Humbrol, con una leggera passata di pennello quasi asciutto in sand.
Infine ho rifinito zaini, coperte e teli autocostruiti in Das in Kakhi Drab e ho aggiunto un ramo per simulare il tronco d'albero sul davanti del mezzo come da foto.




Questo espediente veniva usato dall'equipaggio in caso il carro rimanesse bloccato in zone paludose tipiche della steppa russa.
Le insegne dei reparti della Guardia e una leggera velatura inferiore hanno completato anche questo mio ennesimo lavoretto.








Nasdrovie Tovarish.


Lauro Bonfà

[Gallery]

Gruppo Herring Mantova

10.06.2018




Commento di giampaolo bianchi [10/06/2018]:
Ciao Lauro bel lavoro modellistico e bella ricerca storica, una sola domanda: i cingoli non sono un po' troppo puliti visti i terreni operativi?
Un caro abbraccio.
Giampaolo

Commento di ezio bottasini [11/06/2018]:
Ciao Lauro, sempre ottimi lavori ed interessante ricerca storica... certo che senza gli aiuti USA i sovietici non so cosa sarebbero riusciti a fare.....
MI PIACE; al prossimo Ezio

Commento di Enrico Calanchini [11/06/2018]:
E'una bella dimostrazione di quanto riesci ad ottenere, soprattutto per la resa cromatica e non solo, altra pagina storica spesso ignorata ma ricca di soggetti interessanti da prendere in considerazione. Mi associo all'osservazione fatta da Giampaolo, consapevole che sia forse una scelta del modellista quella di rappresentarlo, nonostante l'aspetto usurato del mezzo, senza ambientazione.
Ciao Enrico

Commento di Dino Dall'Asta [11/06/2018]:
Complimenti per l'ottimo lavoro, interessante e ben realizzato.
Dino

Commento di giovenco giuseppe [11/06/2018]:
sono d'accordo con Giampaolo Bianchi, per quanto riguarda i cingoli, d'altronde tu sei un purista, per cui è difficile farti cambiare idea sulle sporcature, ma un tank infangato ha un fascino tutto suo, basta esserne convinti, naturalmente - grazie per la chicca - Giuseppe

Commento di giuseppe [11/06/2018]:
Ciao Lauro, mi piace molto l'aspetto usurato che hai dato al carro. Molto interessante anche la ricerca storica, grazie e complimenti. un saluto-giuseppe

Commento di Bruno [12/06/2018]:
Oltre all'insieme notrvole mi ha impressionato la dimestichezza con il DAS, materiale non facile per detagli modellistici!

Commento di alberto gollini [13/06/2018]:
Bravo Lauro!!!
ancora una volta presenti un ottimo lavoro... realizzazione precisa, pulita, piena di dettagli, in linea col tuo inconfondibile stile. Eccellente resa cromatica generale, anche se carente di "sporcature" mirate sui cingoli. Le foto evidenziano tutti i particolari del tank, anche quelli all'interno torretta. Bella ed esauriente la ricerca storica. Complimenti Lauro!!!
Al prossimo lavoro ...ciao... Alberto

Commento di Lauro Bonfà [13/06/2018]:
In primis un Grazie a tutti Voi Carissimi. La mia scelta di non usurare e infangare la parte inferiore dello scafo è voluta, per il semplice fatto che esteticamente mi piace di più e considerando che lavoro in scala trovo più realistica tale scelta. Penso che avrebbe senso se ambientassi i miei modelli in un diorama quindi in un contesto più completo e diverso. Purtroppo per spazio e tempo ho optato per una collezione di soli mezzi militari. Poi non usando aftermarket cerco per quanto possibile di farmi da solo diverse cosette,con l'aiuto dell'insostituibile Das, che costa poco, è duttile e mi ci diverto pure. La ricerca storica poi è una delle colonne portanti del nostro fare e senza questa il nostro hobby si riduce solo a incollare e colorare pezzi. Un saluto e un abbraccio e......... al prossimo.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No