Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini New
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

F-4B Phantom II - Massimo De Luca

Il fantasma dei "Colli di cuoio" - Hasegawa 1/72


F-4B Phantom II


Sperando di non tediare troppo i miei lettori eccomi qua ad affrontare nuovamente la creatura di Saint Louis, questa volta nella versione "B", la prima operativa ed entrata in servizio nell’US Navy e nei Marines. Ovviamente per tutte le varie note costruttive sul modello Hasegawa potete fare riferimento all’articolo che ho precedentemente dedicato alla versione "D" dell’USAF.
Per chi si orienta poco nell’universo delle varianti del Phantom, dirò solamente che la versione "B" differisce esternamente dalle successive per lo spessore dell’ala (ed i relativi portelli dei carrelli principali) che non aveva i tipici "rigonfiamenti" in quanto montava pneumatici ad alta pressione a sezione più stretta. I "rigonfiamenti", compariranno invece dalla successiva variante "C" in poi, che monterà invece pneumatici a sezione più larga.
Per il resto le altre caratteristiche sono quelle che differenziano i Phantom UsNavy/Marines rispetto alle versioni terrestri e riguardano il cockpit (senza doppi comandi e la postazione WSO, praticamente priva di consolles per far posto alla sonda RIV tipo estensibile) ed alcuni impianti avionici.




Premesso quanto sopra la differenza del tipo di ala, con o senza rigonfiamenti, per le case produttrici di kit è stata in realtà una vera sciagura!
Infatti se per le altre versioni l’ala montata è di fatto uguale (con notevoli benefici economici nella produzione di un unico stampo), per avere un Phantom "B" devi invece creare uno stampo apposito per rappresentare l’unicità del suo intradosso/estradosso.
Ecco spiegato perché se da una parte abbiamo avuto un proliferare di kit nelle versioni dalla "C" in poi (Monogram, Hasegawa, ESCI, Italeri), dall’altra si è dovuto penare non poco per poter fare il nostro Phantom "B" e negli anni abbiamo dovuto prima mettere mano al preistorico Airfix poi invece abbiamo dovuto aspettare alla fine degli anni ‘80 la "Phantom Family" Fujimi e Hasegawa uniche ditte ad aver scatole ad hoc specifiche per questa versione (parlo della scala 1/72).
Per piccola curiosità ricordo ai modellisti più giovani che la ESCI negli anni ’80 ebbe il "coraggio" di spacciare una scatola 1/48 con la seguente dicitura "F-4 B/J Phantom"!
Ma all’epoca eravamo di boccabuona e la sola boxart (di quelle con il "centro del mirino"... ve la ricordate amici tardo 40/50enni???) con il "Sundowners", raffigurato minaccioso in coda ad un MiG, mandava in visibilio i modellisti!
Volendo poi rappresentare un velivolo nato per operare sui ponti di volo ho deciso per una configurazione peculiare tipica di questi soggetti e cioè le ali ripiegate.
Il kit Hasegawa ci facilita in questo in quanto le parti ripiegabili sono fornite con pezzi a parte, quindi, basterà eliminare i perni di riscontro delle semiali esterne e riprodurre il meccanismo di incernieratura che permette la rotazione.
Per il resto bisognerà fare attenzione alle stuccature necessarie nonché ai vari pezzi alternativi. Infatti negli anni i Phantom sono stati oggetto di continui aggiornamenti ed ecco perché possiamo trovare particolari diversi su una stessa versione (per esempio, nelle versioni "B", il sensore posto sotto il radome, oppure, il terminale di coda, di vari tipi). Qui le foto e la biblioteca saranno d’aiuto!




F-4B Phantom II


Colorando il Phantasma...
Le colorazioni possibili per un "B" non brillano molto per varietà (grigio gull grey e bianco).
I colori usati sono Gunze e Tamiya come al solito.
La differenza la faranno successivamente le insegne coloratissime che caratterizzavano all’epoca i velivoli UsNavy e Marines! Ammetto che la "ragion d’essere" di questa scatola è sicuramente la possibilità di poter rappresentare l’esemplare proposto sulla boxart e cioè quello dei "Sundowners" VF111, il famosissimo reparto col sole al tramonto alla giapponese dipinto in coda ma io, invece, dopo aver cercato per anni questa scatola per fare, appunto, "...il famosissimo VF111... quello col sole dipinto sulla coda...", invece, alla fine, ho optato per un F-4B dei MARINES, del VMFA115 "Silver Eagle", della prima metà degli anni ’70, caratterizzato dalla deriva e dal radome bianco.
Mi sembrava molto più "guerriero" in effetti.
Colorazione… invecchiamento abbastanza deciso e lavoro terminato... Semplice penserete... ma leggete più avanti cosa è successo da qui in poi!!!














... e rimediando ai guai!
I guai sono sempre in agguato!!
Infatti per un maldestro e sciagurato scambio di boccette al momento di spruzzare il trasparente opaco ho usato, per sbaglio, l’H40 Gunze che non è in realtà un "Flat Clear", ma, bensì, un prodotto che si miscela ai colori lucidi per renderli opachi quindi "Flat Base" (come riportato sulla boccetta... e chi le legge mai le boccette???)
In pratica sul modello oramai colorato e decalizzato dopo una decina di minuti è apparsa una patina biancastra... orrore... sudore freddo... salivazione azzerata... sconforto... che fare????
Ancora una volta dagli insostituibili amici del forum "Modeling Time", ai quali, ho chiesto aiuto sul come poter rimediare, è arrivata una dritta: provare a spruzzare sul modello un prodotto sgrassante. Avevo lo "SMAC casa" e ho usato quello, senza patemi d’animo, tanto, il "lacrimatoio" era già pieno ed il destino nel cestino (fa pure la rima!) per il Phantom già segnato!!!




Ebbene miracolo!!!! Per qualche oscuro motivo il consiglio ha funzionato e l’effetto "biancastro" è praticamente scomparso!!!




Ho ripassato la FUTURE e poi l’opaco "Puravest " diluito col suo diluente apposito.
Morale della favola amici quando comprate/usate le vernici opache trasparenti Gunze occhio a non confondere il "Flat Clear H20" con il "Flat Base H40".
Alla fine!
Per questa volta ho limitato i danni per fortuna e sono contento di potervi mostrare questo Phantasmino.




Diorama
Ho rappresentato una zona della pista e affiancato al modello un carrellino estintore proveniente dal Ground equipment set Hasegawa.


F-4B Phantom II


Le striscioline "Remove before flight" (carta colorata di rosso) danno un tocco di colore ed interesse al lavoro.


F-4B Phantom II


Vediamo inoltre il pilota che si avvicina al velivolo che è già stato caricato (6 Mk82 sui TER interni), pronto per una missione di appoggio ai suoi colleghi terrestri, volando nei pericolosi cieli del sudest asiatico.








F-4B Phantom II




Spero che il risultato finale sia piacevole ed interessante per tutti.




Commento di giampaolo bianchi [17/11/2016]:
Caro Massimo viste le lillipuziane dimensioni del modello hai fatto un capolavoro considerando anche l'incidente di percorso. Bravissimo!!
Un abbraccio.
Giampaolo.

Commento di Valter vaudagna [17/11/2016]:
Un altro bel modello nella tua collezione,che dire,,,nulla se non ammirarlo con piacere
Bravo, continua cosi siamo ansiosi... di vedere il prossimo, si sa che l'appetito viene mangiando

Commento di ezio bottasini [18/11/2016]:
Carissimo Max, ciao, due parole "Puro spettacolo"; anche a me il Phantom ha sempre fatto impazzire, soprattutto quelli high visibility. Ne ho uno in 48 da fare, penso però di farlo con la mime SEA, anche perchè di scatola non ha altre possibilità.
Complimentoni al prossimo Ezio

Commento di Gianni [18/11/2016]:
ciao massimo complimenti per questo capolavoro mi piace moltissimo un lavoro pulito e dettagliato.
ti sei trovato bene ad usare l'opaco Puravest? dal tuo racconto credo alla fine abbiamo un angelo custode del modellista.
le strisce rosse sui carichi sono come dicevi tu delle strisce di carta con delle decal applicate?

Commento di Vito [18/11/2016]:
Ciao Massimo...
Ennesimo gioiellino !
Complimenti come sempre
Vito

Commento di Massimo "Pitchup" [19/11/2016]:
Ciao a tutti
Grazie davvero per gli apprezzamenti! Considerato che il modello stava per finire nel cestino li apprezzo doppio. Per il resto rispondendo a Gianni, il Puravest è un ottimo prodotto a patto di usare il suo diluente. Le strisce RBF sono carta normale dipinta di rosso (con una punta di giallo). Poi con uno stecchino e vernice bianca ho riprodotto le scrittine (ovviamente non è che ho scritto sono solo linee e punti ma, in scala, rende bene). Le strisce vengono poi piegate, incollate col vinavil mettendo in mezzo un filo di rame fino che sarà il cavetto.
Grazie e saluti a tutti..... e al prossimo Phantasma!

Commento di Lauro Bonfà [19/11/2016]:
Un modello bello da vedere, con un lavoro pulito e un risultato eccezzionale, che dire di più caro Massimo Interessante ed esaustivo il report che accompagna il tuo ottimo lavoro, e mi piace molto anche il piccolo diorama,semplice ma accattivante. Complimenti. Lauro

Commento di Roberto [20/11/2016]:
Ottimo lavoro, e grande recupero in estremix. Bello il soggetto, anche se un rimpiantino per il Sundowner ce l'avrei.

Commento di maurizio ugo [26/11/2016]:
....ciao Massimo, mi piace moltissimo, complimenti, la livrea che hai fatto è la più bella per me, e su di un mostro sacro come è il Phantom dell'US NAVY rende ancora di più...
ottimo lavoro, un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No