Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza New
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

Aermacchi MC 200 Saetta - Angelo Battistelli

356^ Squadriglia 21 mo. Gruppo Autonomo Caccia Regia Aeronautica
(Voroshilovgrad Russia 1942)




Il modello
Il kit, Pacific Coast Models in scala 1/32, rappresenta un esempio di scatola di montaggio a tiraura limitata.
Una volta aperta la confezione il modello si mostra in tutti i minimi particolari: di grandi dimensioni, pannellature incise finemente, parti in resina come la capotta motore e interni cabina, fotoincisioni e decals per 6 versioni.




Qualche problema nella zona davanti al parabrezza che risulta un po' più bassa di qualche millimetro rispetto ai disegni in scala e anche qualche discordanza sulle ali; tutto sommato cose di lieve entità che non tradiscono le linee generali del modello una volta ultimata la sua costruzione.






Interni cabina
Per quanto riguarda gli interni cabina le pareti laterali in resina fornite dal kit non presentano le ordinate forate mentre il suo pavimento può essere lasciato benissimo come si presenta, da correggere con tubicini la struttura dove viene inserito il seggiolino del pilota.
Ho deciso di lasciare il tutto così con l'aggiunta di cavi e cavetti di diverso colore giallo e celeste ad arricchire gli interni.
Riprodotta anche la bombola dell'ossigeno bianca e celeste: per rendere visibile la parte retrostante delle lancette e degli indicatori è stata verniciata con una mano di bianco.
Per terminare il lavoro ho aggiunto piccoli particolari come le due levette ai lati del parabrezza e il collimatore a riflessione San Giorgio.








Quando ho costruito il modello nel 2006 non possedevo una macchina fotografica digitale e quindi dovete fare affidamento alle foto scattate dall'esterno.
Un'altra impresa non tanto facile è stata quella di separare le superfici vetrate del tettuccio dell'abitacolo: inserendo della gomma pane sotto lo stesso per irrigidire la struttura e con molta pazienza ho tagliato con un cutter la parte superiore e laterale dello stesso aprendolo in due.




Il Motore
Il Fiat A74 R1 C38 a 14 cilindri riprodotto in resina presenta le teste dei cilindri tagliate di netto senza la riproduzione delle carenature delle valvole che una volta inserite nella capotta motore non lasciano intravedere il difetto; è stato necessario aggiungere le aste dei bilancieri i cavetti di alimentazione e il tubo di scarico ad anello oltre agli attuatori delle alette capotta motore mentre nella parte inferiore dell' anello Magni sono state aggiunte delle piccole centine.








I carrelli retrattili
Deludente è il vano carrelli che si presenta molto scarno di particolari: per rimediare sono stati aggiunti il serbatoio dell'olio motore che è stato autocostruito (nelle foto si intravede appena) e colorato in bruno mimetico mentre gli altri cavetti sono stati dipinti in Giallo (carburante) Rosso (antincendio) Marrone (lubrificanti) Blu (aria compressa) Nero (gas di scarico) autocostruite pure le due aste di retrazione dei portelli carrelli di forma convessa oltre ai martinetti di retrazione degli stessi.
Modificati anche i carrelli e i cerchioni privi dei piccoli raggi (ricostruiti con piccoli fili di rame).












Ali
Per quanto riguarda le ali ho separato tutte le superfici mobili compresi i piani di coda assottigliando la giunzione posteriore delle stesse per conferire un aspetto tagliente e affilato.












La colorazione
La scelta è stata quella di riprodurre il Macchi M.C. 200 della 356^ Squadriglia 21 mo Gruppo Caccia Regia Aeronautica basato a Voroshilovgrad in Russia nel 1942.
Lo schema mimetico è a reticolo a macchie continue (C 11A) su fondo Verde Mimetico 2 con macchie in Giallo Mimetico 4 spruzzate ad aerografo sulle superfici superiori e in Grigio Mimetico su quelle inferiori.










I velivoli Italiani operanti sul Fronte Russo adottavano la colorazione della capotta motore, fascia in fusoliera e estremità alari inferiori in Giallo Cromo 7 con l'aggiunta di due triangoli bianchi sui bordi alari che come sappiamo servivano per l'indetinficazione a terra da parte dei serventi della contraerea e delle truppe italiane operanti in quel settore.
Terminata la colorazione ho spruzzato diversi strati di trasparente lucido Gunze Sangyo molto diluiti e una volta "caramellato" a dovere ho applicato le decals presenti nel kit; una mano di trasparente finale per prepararlo al lavaggio con colore ad olio nero su tutte le pannellature e finitura in trasparente semilucido hanno completato il tutto.




Buon Modellismo amici di Kitshow

Bibliografia

  • Colori e Schemi Mimetici della Regia Aeronautica 1935/1943 (U. Postiglioni A. Degli Innocenti)
  • Regia Aeronautica Caccia e Assalto 1941 - 1943 Parte 2^
  • I Caccia a Motore Radiale N. Arena
  • Ali Sulla Steppa N. Malizia
  • Ali d'Italia Aer. Macchi C. 200 Saetta





Commento di Valter vaudagna [05/02/2018]:
Bravo, bella realizzazione... il kit ce l'ho pure io, tanto per cambiare incominciato, preso dall'entusiasmo

Commento di ezio bottasini [06/02/2018]:
Mamma che BELLO......peccato non essere ambientato (la basetta si può sempre fare dopo....) in B/N con sullo sfondo la steppa, dificilmente si distinguerebbe da uno vero.....l'unica cosa personalmente l'avrei sporcato un po' di più, però è proprio bello.
Quando vedo questi modelli mi dico che devo rimettermi a fare i caccia della Regia......
Complimentoni al prossimo Ezio

Commento di Angelo Battistelli [06/02/2018]:
Caro Ezio hai ragione sarebbe stato meglio ambientarlo. Ho provato a fare un ingrandimento formato A3 di una foto della Steppa Russa ma le dimensioni dell'aereo non si adattavano al Macchi. Un formato più grande era possibile ma la foto avrebbe avuto i contorni sfocati e allora ho lasciato perdere.
Per quanto riguarda l'invecchiamento il 200 apparteneva alla 356^ Squadriglia 21 mo Gruppo Autonomo (Maggio 42 - Gennaio 43) che aveva sostituito il 22mo (Agosto 41 - Maggio 42) con i suoi logori Macchi: si può sempre sostenere la tesi che il velivolo era stato appena consegnato al reparto.

Un saluto te e a tutti modellisti di Kitshow.

Angelo

Commento di Lauro Bonfà [07/02/2018]:
Caro Angelo è la prima volta che vedo un modello di aereo italiano in scala 1/32. Sono rimasto piacevolmente sorpreso, vuoi perché è un famoso aereo italiano e vuoi perché è costruito e dipinto in modo eccellente. Magnifici gli interni, con tutti i vari cablaggi e la colorazione molto realistica.
Ti faccio i miei più sentiti complimenti. Lauro.

Commento di Enrico Calanchini [08/02/2018]:
Altro capolavoro da ammirare.
Realizzazione superba e particolareggiata come richiede la scala, verniciatura impeccabile e fedele. Ambientato e fotografato a dovere si stenterebbe credere che sia un modello.
Complimenti
Ciao Enrico

Commento di Gianni [09/02/2018]:
Bellismmo lavoro, la verniciatura è perfetta poche sporcature forse ma io preferisco così, anche per me occorre una basetta.
Complimenti
Gianni

Commento di giovenco giuseppe [12/02/2018]:
è veramente bello e va esaltato con una basetta e con delle foto in esterni - anche se ripeto quanto già esposto dai miei predecessori, non importa, anzi è la conferma che stai ricevendo un giudizio unanime: ovvero è da copertina - Giuseppe

Commento di maurizio [15/02/2018]:
...ciao Angelo, complimenti, un bel risultato finale, piacevolissimo da vedere.
....se puoi dagli un po di invecchiamento, poco, ma lo rende meno museale.
...ancora complimenti e un salutone
maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No