Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

MiG 21 Bis-D Croatian Air Force

Massimo De Luca

Kit Zvezda, scala 1/72




Non so se vi sia mai capitato che, dopo avere montato un perfettissimo kit Tamiya, vi venga invece la voglia di mettere le mani su un kit di fattura più modesta, quasi fosse una sorta di rivincita o per avere come una conferma delle proprie capacità. In effetti la mia scelta di montare questo kit è stata presa dopo un evento del genere.




Il kit Zvezda in questione si presenta, a livello di contenuto, davvero basico, direi stile kit Airfix anni ’70.
Abitacolo al minimo sindacale, non tantissimi pezzi, particolari abbastanza scarni. A livello di finitura presenta pannellature in negativo abbastanza fino. Consiglio però di procurarsi dei disegni in scala per controllare l’andamento dei pannelli non sempre accurato e decidere se intraprendere l’opera di re incisione (io ho inoltre rivettato il tutto). Per il resto però, cosa essenziale, il contenuto della scatola permette di rappresentare correttamente una versione "Bis".

Montaggio
Come anticipatovi l’abitacolo è molto scarno, stessa cosa dicasi del sedile. Qui c’è poco da fare specie se scegliete di lasciare aperto il tettuccio: o mettete mano al plasticard o al portafogli. Per mia fortuna tempo fa il mio amico Jacopo del forum "modeling time" mi regalò un paio di sedili in resina della Pavla adatti, guarda caso, proprio al MiG 21 bis al quale ho aggiunto solo in paio di maniglie di espulsione.
Per il resto ho lavorato come al solito adattando pezzi di fabbrica a pezzi in "scratch".




Attenzione al colore del cockpit perché normalmente è di quel simpatico "turchese sala operatoria" tipico di molti velivoli russi, però, a volte, specie nel caso utenti stranieri, il colore poteva variare ad un normale grigio, quindi controllate bene la documentazione.
La miscela da me utilizzata è stata ottenuta mescolando precisamente (vabbè ad occhio in pratica) alcuni colori.
Consiglio di partire mescolando inizialmente una punta di blu al bianco, per ottenere una tonalità celeste, aggiungendo poi una punta di verde e giallo fermandosi quando ritenete giusto.
Al momento di chiudere le fusoliere consiglio di fare prove a secco e verificare bene l’incastro del radome nella presa d’aria.
Quest’ultimo si deve inserire, mediante due alette, dentro due inviti posti all’interno delle semifusoliere.
Il problema è che detto incastro non è molto preciso e si rischia seriamente di trovarci con un MiG21 col naso storto una volta incollato il tutto! Io ho inserito dei fermi interni dove far appoggiare il cono, così siamo sicuri anche che questo non si stacchi per sbaglio durante il lavoro.




Altro punto critico sono le gambe dei carrelli principali.
Normalmente mi guardo sempre i modelli di altri pubblicati sul web per avere un’ idea del "colpo d’occhio" finale e da qui ho notato che, montando da scatola, l’assetto finale del MiG 21 Zvezda risultava troppo "caricato" sulle gambe, non avendo quindi quello "spunto" slanciato e agile tipico di questo velivolo.
Ho pertanto segato in due le gambe principali e aggiunto alle stesse circa 3 mm di plastirod tubolare.
E’ un lavoro da nervi saldi ma vi assicuro che, alla fine, lavorando bene, l’impatto visivo ne guadagnerà!!!!




Nel frattempo potremo aggiungere ai carrelli vari dettagli come il tipico compasso antitorsione romboidale e qualche cavo.
Ho inoltre provveduto a rifare in plasticard i pannelli di copertura dei carrelli principali perché quelli Zvezda sono più spessi di quelli veri!!!!
Il caratteristico tubo di Pitot è stato rifatto mediante un ago di siringa con inserito in punta un pezzetto di vecchia corda ".009 Mi cantino" provenienti dalla mia cara Ibanez elettrica.
Per il resto il montaggio prosegue liscio e con uso dello stucco al minimo sindacale davvero. Brava Zvezda!

Versione
Parlando di un aereo costruito in migliaia di esemplari ed in servizio di moltissime forze aeree con svariate differenze il bravo modellista sceglie sempre prima la versione da rappresentare procurandosi le decals appropriate, i colori e studiando le modifiche da apportare.
Ma siccome invece io ho sempre un approccio modellistico molto thriller ecco la mia sequenza dei cambi decisionali nel corso del lavoro: russo metallico... russo mimetico... polacco metallico... finlandese mimetico... Ex yugoslavia... croato grigio... croato mimetico 2 toni! Ok, compro le decal per quest’ultimo!!! Finito direte??? No! All’ultimo momento scelgo Croato mimetico 3 toni, versione "Bis-D"!!!
Mi piace essere uno deciso in quest’hobby!!!
Questa versione "Bis-D" delle forze aeree croate è entrata (e rimasta) in servizio per poco tempo (prima del successivo riammodernamento) ed esternamente presentava alcune peculiarità tra le quali piastre di rinforzo alle estremità alari nonché antenne varie.




MiG 21 Bis-D Croatian Air Force


Per il resto mi sento caldamente di consigliare, in ogni caso, la sostituzione del foglio decals perché quelle fornite da Zvezda sembrano di cartone nonché inaccurate.

Colorazione
Come già detto la scelta è caduta su un esemplare di MiG21 Bis "D" della Hrvatsko Ratno Zrakoplovstvo (Forze aeree Croate) nella mimetica tre toni (tipo Europe 1):




C’è da dire che però quello che mi ha fatto optare per questa scelta e stato lo stadio successivo di usura raggiunto da questa colorazione (stesso esemplare "115"):




Per cercare di rappresentare questa finitura ho iniziato stendendo in sequenza i seguenti colori Tamiya:

  • Grigio Xf24;
  • Miscela di verde Xf5 + bianco + giallo (ad occhio) per il verde chiaro;
  • Verde scuro Xf26;
  • Miscela di blu X4 + bianco XF2 + grigio XF19 (ad occhio) per il grigio sup. inferiori

A questo punto l’effetto era però troppo saturo e nuovo, in pratica il grigio troppo scuro, i verdi troppo verdi ecc. e allora ho fatto un secondo passaggio di postshading (in realtà una serie di passaggi) usando tonalità ancora più schiarite dei colori, insistendo al centro dei pannelli e nelle zone di "luce".
Terzo passaggio ho eseguito tipo una tecnica del "black basing" effettuata sovraspruzzando colori molto diluiti di altre tonalità per avere una sorta di effetto patchwork.




Il colore inferiore dopo il postshading è invece stato trattato con un filtro ad olio pesante "tirando" bianco titanio e bruno e successive variazioni cromatiche di celeste usando pennello a secco.




I passaggi successivi sono stati:

  • uso di gessetti per sottolineare i volumi e le ombre;
  • profilatura pannelli ad olio;
  • trasparente opaco finale Puravest;


Ci siamo quasi... ho aggiunto un paio di lanciarazzi colorati in metallo ed aggiunto un serbatoio supplementare ventrale (da molte foto ho visto che erano dipinti in un grigio molto chiaro), aggiunto le ultime antennine, il canopy con le varie aste di apertura... et voilà ecco qua!!!












Direi che alla fine sono davvero soddisfatto di come questo piccolo kit sia riuscito. Ammetto che non mi accadeva da tempo! Di sicuro, come ne parlavo con gli amici del Forum di "Modeling Time", molto della riuscita è dovuta al lavoro di allungamento effettuato sulle gambe.




Inoltre questo lavoro mi ha permesso di prendere davvero confidenza con le miscele di colori e con varie fasi di weathering ottenute mediante applicazioni successive ad aerografo di toni diversi di colore.




Al solito ringrazio tutti gli amici del Forum di Modeling Time, tra i quali Jacopo e Kruno (che mi ha fornito interessanti foto e link su questo velivolo).
Cari amici di Kitshow spero che il lavoro sia di vostro gradimento e se avete dubbi o curiosità non esitate a contattarmi!

Saluti




Commento di Roberto [04/05/2017]:
Massimo,

complimenti, molto bello, mi stai facendo voglia di metter mano al mio in 1/48, volevo farlo proprio Croato.

Roberto

Commento di Gianni [05/05/2017]:
Bravissimo Massimo, questo caccia russo non mi è mai piaciuto ma al di là dei miei gusti personali il risultato finale è di alta qualità , devo ammettere che spaventa tagliare , aggiungere elementi autocostruiti, trovare le miscele giuste sono lavori lunghi, complicati e rischiosissimi, però al termine del lavoro si è giustamente ricompensati.
Ti faccio ancora i complimenti per lo splendido risultato.

Commento di Dino Dall'Asta [05/05/2017]:
Ottimo lavoro...interessante ed istruttiva la relativa descrizione.
Complimenti.
Dino

Commento di Valter vaudagna [05/05/2017]:
Notevole....un bel kit. Realizzato ottimamente, bravissimo

Commento di Giampaolo Bianchi [05/05/2017]:
Vista la scala un lavoro eccezionale! ! Sembra in 1/32..grazie x la descrizione delle tecniche da te usate.
Un abbraccio.
Giampaolo.

Commento di Marco [06/05/2017]:
Complimenti, bellissima realizzazione con molta cura dei particolari nonostante la scala 1/72. La mimetica e i toni di colore sono perfetti!!!

Commento di Enrico Calanchini [06/05/2017]:
Bellissima replica in una inusuale livrea veramente ben realizzata e usurata con equilibrio, modelli di MiG in veste Croata non ne avevo mai visti, e noto che non manca di carattere anche senza stelle rosse.
Complimenti.
Ciao Enrico

Commento di angelo [06/05/2017]:
Credo che tra 1/100 e 1/32 Tu riesca a far diventare vero un pezzo di plastica. Complimenti amico mio

Commento di Vito [06/05/2017]:
Ciao Massimo
Davvero un bel gioiellino complimenti adoro e osservo sempre con un pizzico di invidia i tuoi meravigliosi velivoli
A presto Vito

Commento di ezio bottasini [08/05/2017]:
Ciao Massimo, è sempre un piacere ammirare un tuo lavoro, le mimetiche che riesci a realizzare sono di un realismo incredibile; malgrado quel "parecchio" che mi hai insegnato e che ho tentato di applicare, mi accorgo ad ogni tuo modello che ho ancora tanta strada da percorrere e non so se mai arriverò......
Veramente un "piccolo, grande" MiG.
A presto Ezio

Commento di Massimo "Pitchup" [08/05/2017]:
Ciao a tutti
Ragazzi vi ringrazio davvero tutti per i commenti.
Massimo "Pitchup"

Commento di maurizio ugo [12/05/2017]:
...ciao Massimo, ottimo lavoro, rappresentazione veramente piacevole da vedere, poi il soggetto, un cavallo da battaglia che mi piace molto, complimenti per la verniciatura e l'invecchiamento.
un salutone maurizio

Commento di Roberto [16/10/2017]:
Questo me l'ero perso, bel lavoro, soprattutto considerando la scala.
Roberto.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No