Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

Merkava - Luca Navoni




Storia (liberamente tratta da Wikipedia)
Il Merkava è un carro armato progettato e prodotto in Israele in dotazione al corpo corazzato israeliano ed ha come caratteristica peculiare quella di avere il blocco motore (cioè il gruppo motore-cambio-trasmissione) nella parte anteriore dello scafo.
Questo permette di offrire maggiore protezione all'equipaggio e di utilizzare il vano rimasto nella parte posteriore per lo stoccaggio di munizioni o, rinunciando a parte delle munizioni, per trasportare personale aggiuntivo.
Sin dall'inizio questo carro fu concepito con lo scopo di garantire elevate probabilità di sopravvivenza all'equipaggio e di offrire un livello di protezione ampiamente superiore a quello all'epoca disponibile su altri veicoli.
In particolare tale obiettivo fu raggiunto attraverso vari accorgimenti quali una pesante corazzatura, che però nelle prime versioni ha talvolta influito negativamente sulla velocità del mezzo, la collocazione dei sistemi principali del carro nella parte anteriore dello scafo, l'aggiunta di un portellone posteriore per facilitarne l'evacuazione in caso di necessità, alloggiando i bunker per il munizionamento nello scafo e dotando il veicolo di una elevata autonomia di fuoco, grazie ad un cospicuo numero di munizioni stivate a bordo.
Nella versione con cannone calibro 105, il Merkava può infatti trasportare fino a 90 colpi, più del doppio del suo principale avversario il T-72.
Inoltre il carro è stato ottimizzato fin dall'inizio per operare anche in un contesto di operazioni a bassa intensità, ma che comportano ripetuti scontri con fanteria in ambiente sfavorevole a un veicolo blindato pesante, come un centro cittadino.
In questo ambito sono stati adottati una serie di sistemi volti a rendere più efficace il veicolo, sia dal punto di vista dell'armamento che della protezione, come:
- l'adozione di un mortaio da 60 mm (nella prima versione fissato al lato destro della torretta in corrispondenza della postazione del capocarro e successivamente nelle versioni 2, 3 & 4 spostato all'interno, sul lato sinistro della torretta, in modo da essere azionabile dal servente) per appoggiare la fanteria;
- l'adozione di una linea di catene terminanti con una palla d'acciaio, che pendono da sotto il cesto della torre e arrivano quasi a filo con lo scafo per fare detonare eventuali granate a razzo (RPG) o proiettili HEAT prima che colpiscano l'anello posteriore della torre;
- l'aggiunta delle corazze modulari, che in caso di danneggiamento è possibile sostituire agevolmente.

Il modello
Il modello che vi vado a presentare è un kit Tamiya, che possedevo da qualche annetto e finalmente messo in "produzione"; ho apportato alcune migliorie e utilizzato due kit aggiuntivi, uno della Eduard per le fotoincisioni e uno della Friulmodel per la sostituzioni dei suoi cingoli in gomma con quelli in metallo molto più realistici.


Merkava

Per quanto riguarda le migliorie apportate da me, sono intervenuto sull'intera scocca e sulla torretta cercando di riprodurre il materiale antiscivolo che viene posto su questi mezzi e la linea di catene che si trovano al di sotto del cestello della torretta; a seguito alcune foto dalle quali ho preso spunto per la realizzazione del mezzo e del diorama.














Per riprodurre l' effetto antiscivolo, ho prima ricoperto con del nastro Tamiya le parti che non volevo ricevessero tale effetto, poi ho spruzzato della colla spray sulla scocca e sulla torretta del carro e vi ho cosparso della sabbia molto fine ( passata prima con un setaccio molto fine per eliminare tutte le impurità ) ho tolto la sabbia in eccesso e lasciato asciugare per un paio di giorni.






poi sono passato alla costruzione di una delle caratteristiche principali di questo mezzo; la linea di catene terminanti con una palla d'acciaio che pendono da sotto il cesto della torretta e arrivano a filo con lo scafo che vi ho parlato a inizio articolo; ho fatto una piccola ricerca e nessuna casa produttrice di modellismo fornisce questo kit di catene, quindi con molta pazienza e l'aiuto di alcune foto originali ho pensato come riprodurle.
Come primo passo ho reperito del lamierino forato e l'ho fissato al di sotto del cestello della torretta poi con della catena per modellismo navale, pinzette e tronchesine ho incominciato a misurare e tagliare pezzi di catena composti dalle 5 maglie (nella parte centrale) andando poi a scalare nei due lati sx e dx da 4 poi 3 e 2 maglie (verso la parte più interna) poi ho fissato in fondo a ciascun pezzo di catena un piombino da pesca nº4.








Colorazione
Per quanto riguarda la costruzione del mezzo, a parte quello che vi ho descritto, il resto l'ho effettuato da scatola, quindi passo alla colorazione che come mio consueto è avvenuta senza l'utilizzo dell'aerografo e utilizzando bombolette spray della Fosco e vari lavaggi a pennello con colori Tamiya e solo alla fine ho utilizzato i pigmenti della Mig; ma andiamo a vedere i vari passaggi: come prima cosa ho steso una mano di fondo Tamiya grigio poi dopo l'asciugatura ho steso un paio di mani di colore Coyote per una copertura omogenea ( bomboletta spray Fosco Industries ) poi sono intervenuto con lavaggi a pennello con colori Tamiya per mettere in risalto pannellature e rivettature; alla fine una volta asciutto ho utilizzato una mina da disegno, per evidenziare qualche spigolatura e usura del metallo dovuta all'utilizzo e alla erosione della sabbia, e i pigmenti della Mig per l'effetto polvere.
I cingoli sono stati trattati a parte, prima gli ho dato una lavata con dell'acetone per eliminare vari residui oleosi e per smorzargli la lucentezza poi ho dato una prima mano di nero, da utilizzare come fondo poi sono intervenuto con varie tonalità di colori acrilici e ad olio, come toni di marrone, terra di siena, alcune tonalità di verde e mentre il colore era ancora fresco ho steso alcune tonalità di pigmenti più chiari e scuri; ho lasciato asciugare poi con l'aiuto dello strofinamento di un vecchio pennello che uso per questi passaggi e un bastoncino cotonato imbevuto nell'acquaragia, ho cavato alcuni recessi di colore e pigmenti "riportando alla luce" il "metallo vivo" del cingolo.




























Diorama
Per la base del diorama, questa volta ho impiegato una piccola tecnica diversa per l'esterno della base: tutta la parte esterna prima di ricevere la colorazione, è stata tirata e stuccata con il gesso e levigata con carta abrasiva per renderla uniforme senza le varie venature del legno.
L'intero complesso è sempre sviluppato utilizzando balsa per i lati esterni e riempito all'interno con del polistirolo, per realizzare il terreno ho utilizzato un prato già pronto per ferromodellismo, nel quale ho ritagliato e scavato nel polistirolo i solchi che mi serviranno successivamente per riprodurre le tracce lasciate dal carro... fissato tutto con colla vinilica ho preparato una mescola di terriccio, acqua, colla vinilica e una parte di gesso in polvere che darà una consistenza molto più forte al composto una volta asciutto; ho steso la mescola preparata all'interno dei due solchi che avevo preparato e prima che il composto asciugasse gli ho impresso, utilizzando i cingoli in gomma del kit, le tracce dei cingoli, poi ho lasciato asciugare per bene il tutto per un paio di giorni; una volta tutto asciutto sono passato alla colorazione sempre utilizzando le bombolette della Fosco con toni desert e brown, poi a pennello ho dato profondità ai solchi lasciati dai cingoli e ho cercato di ombreggiare di più la parte sottostante e attorno al mezzo e la parte ricoperta dai bassi arbusti e ho lasciato più in luce le parti libere.








Conclusioni
Siamo arrivati in fondo a questo che vi ho presentato che era un vecchio progetto che avevo tenuto da parte per realizzarlo con calma e durante queste vacanze di natale passate sono riuscito a concluderlo.
Mi sembra di avervi descritto tutti i passaggi e procedimenti da me utilizzati, per qualsiasi consiglio o suggerimento mi trovate sempre qua...












Un saluto e un abbraccio a tutti voi kitshowani!!!


Luca Navoni

[Gallery]

17.02.2017




Commento di Giampaolo Bianchi [18/02/2017]:
CARO LUCA UN BELLISSIMO MODELLO! INGEGNOSA LA REALIZZAZIONE DEL MATERIALE ANTISCIVOLO E DELLE CATENE.
TANTISSIMI COMPLIMENTI
GIAMPAOLO

Commento di Dino Dall'Asta [19/02/2017]:
Davvero un'ottima realizzazione, complimenti !!!
Dino

Commento di Lauro Bonfà [19/02/2017]:
Carissimo Luca bello e ottimamente realizzato questo cavallo di battaglia con la Stella di David. Magistrale l'idea della sabbia per simulare l'effetto antiscivolo sul metallo. Mi piace molto anche l'insieme del diorama e le immagini che hai realizzato. In pratica è sempre un piacere ammirare i tuoi lavori e imparare da te sempre nuove e originali tecniche.

Commento di Francesco Sasso [19/02/2017]:
Ciao Luca! Finalmente posso ammirare il Merkava di cui mi avevi parlato.. che dire, BELLISSIMO il modello..Tutto ben fatto e ottimamente dettagliato..le catene autocostruite sono veramente realistiche.
Ho anche io questo modello da parte, e sicuramente prenderò spunto dal tuo lavoro..
Complimenti!!
Un abbraccio, Francesco

Commento di ezio bottasini [20/02/2017]:
Carissimo Luca ciao, ennesimo lavoro di incredibile realismo, bellissimo, dovresti iniziare a realizzare qualche velivolo, così potrei prendere spunto per i miei modesti lavori.
Sinceri complimenti. Pensi di venire a Giussano a metà marzo (11 e 12)?
Un caro saluto Ezio

Commento di marco vergani [20/02/2017]:
ciao Luca
veramente bello il tuo Merkava. Una domanda da un profano: a cosa servono le catene con le palle in acciaio alla fine ???
Ciao e ... ci vediamo a Giussano??
Un abbraccio, Marco.

Commento di Enrico Calanchini [20/02/2017]:
Beh, direi magnifico, il realismo è impressionante, da parte mia la percezione nell'osservarlo è che sia realmente d\'acciaio e che debba pesare tonnellate, merito anche in parte delle belle foto e all'ambientazione minimale ma efficace.
Insomma una gran bella realizzazione, complimenti.

Ciao Enrico

Commento di giovenco giuseppe [20/02/2017]:
come kitshowano sono del pianeta terra e mi fa piacere incontrare tipi della mia razza!!!! ... dalla Normandia agli altipiani aridi di Israele ... ma quante ne sai, Luca!!!! deduco che hai preso una divagazione dalla 2^ guerra per rilassarti - bravo Luca - questo corazzatino dalle linee aerodinamiche e dalle prestazioni più che particolari (come tutti gli armamenti israeliani), si aggiunge alla tua galleria che ormai non è più a tunnel, ma spazia per tutta la casa/garage - sempre all'erta!!! un caloroso abbraccio, Giuseppe

Ciao Enrico

Commento di Luca Navoni [20/02/2017]:
Allora....da dove partire......!!!???

...incomincio con il ringraziarvi tutti per i vostri complimenti e apprezzamenti....

...per i profani l'adozione della linea di catene terminanti con una palla d'acciaio al di sotto della torretta e che arrivano a filo dello scafo, servono per far detonare eventuali granate a razzo (RPG) o proiettili HEAT prima che colpiscano l'anello posteriore della torre;

...non so se riuscirò a venire a Giussano, sono un po' incastrato con il nuovo lavoro e se riesco a liberarmi, mi dispiace, ma vado a farmi un giretto a Verona al ModelExpo....

...ancora un saluto e un abbraccio a tutti voi....e tornerò in campo con un altro mezzo completamente al di fuori dai miei canoni....rimanete sempre su questa rete e non cambiate canale.... ;-)

...buon modellismo a tutti.....!!! ;-)

Commento di Vito [10/03/2017]:
Ciao Luca
Come spesso succede quando vedo un modello costruito con tale maestria da umile aeroplanaro provo un po' di invidia...
Complimenti Vito

Commento di maurizio ugo [15/03/2017]:
.....ciao Luca, e che mi piace.... belin.... aspetto il prossimo per trovare qualche difetto da segnalarti....questo è veramente bello, ma quando fai un aereo però????? fallo con i cingoli se mai, ma son curioso di vedere che tiri fuori da un aereo, riusciresti bene anche li e subito...
un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No