Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

F. Baracca in volo sulle linee austriache

Giampaolo Bianchi




Dopo aver acquistato in rete il Newport 17 di Francesco Baracca, mi sono chiesto come farlo e dove inserirlo... in un lampo di genio mi sono immaginato l’asso italiano in volo di soccorso alle truppe italiane all’assalto di una trincea austriaca!! Sicuramente una sfida epica per me.
I tempi per la realizzazione si sono aggirati intorno ai 5-6 mesi condizionati dal poco tempo a mia disposizione; il risultato finale mi ha ripagato ampiamente!
Mi sono ispirato a queste foto:


Baracca in volo sulle linee austriache


Il nostro eroe volò sul Newport 17 durante l'ultimo periodo di servizio nella 70ma squadriglia, prima di raggiungere la mitica 91ma dove totalizzò 24 sulle 34 vittorie a lui accreditate.




I Newport arrivavano dalla Francia verniciati alluminio con le coccarde francesi; consegnati alle squadriglie, le coccarde venivano riverniciate sostituendole con quelle tricolori italiane; nel caso dei velivoli della 70ma, contrariamente all'usanza, non sono mai visibili le coccarde sull'ala superiore.

Il modello




Il modello in scala 1:32 dell’Italeri è economico e spartano ma per quello che dovevo realizzare, è stato sufficiente.

Abitacolo
Ho iniziato dall’abitacolo anche se successivamente non si sarebbe visto quasi nulla, dato che avrei inserito il pilota.
Ho trapanato il seggiolino come da foto reperite in rete e ho cercato di rappresentare con autocostruzioni in plasticard e filo di rame la strumentazione del pannello di controllo.






Per rappresentare Baracca, ho usato un pilota inglese della PJ production in scala 1:32.








In seguito ho sviluppato l’idea di far volare il Newport 17 su di un albero con un perno di sostegno mascherato da ramo… e mi sono messo all’opera.
Dopo aver forato la parte anteriore della carlinga vicino alla coda, ho inserito ed incollato il solito tratto di stampella di ferro sagomato per poter essere inserito nell’aereo e nell’albero.






Motore
Sempre dalla rete ho tratto la base per la riproduzione:


Baracca in volo sulle linee austriache

ho autocostruito in filo di rame i collegamenti tra i cilindri e le asticelle posteriori.








Carlinga
Ho fresato il poggiapiedi di salita che nel kit era solo accennato.








Ho cercato di dipingere l’elica con le venature del legno e dopo la colorazione ho fissato il tutto con un trasparente lucido.






Il montaggio delle ali è stato relativamente semplice e con poche stuccature.
II tiranti (mia bestia nera) li ho costruiti con del filo di acciaio da 0.1 e il risultato finale è discreto anche se forse leggermente sovradimensionati.
A questo punto, sono sorti due problemi.
Il primo è consistito nello smarrimento di uno dei 2 sostegni per l’ala superiore posizionati vicino alla mitragliatrice, che ho cercato di replicare per quanto possibile.




Il modello è stato verniciato con aerografo utilizzando il Vallejo air aluminium e con il rosso – verde e bianco per riprodurre la bandiera italiana sulla faccia inferiore delle ali.
I lavaggi eseguiti con colori ad olio diluiti con petrolio bianco, poi ho applicato le decals e fissato il tutto con trasparente opaco della Mr. Hobby... e qui sorge il secondo problema: la fissazione col trasparente opaco ha decolorato il cavallino rampante che ho dovuto ridipingere a mano.
Di seguito alcune foto del Nieuport 17 completato.
















































Figurini
Ho acquistato online le truppe d’assalto e le Sturmtruppen tedesche della ICM e la fanteria italiana dell’Italeri.








Per gli elmi delle Sturmtruppen mi sono ispirato a queste foto che ritraggono elmetti veri.






I soldati italiani sono stati ampiamente modificati rispetto al modello base perché dovevano essere caduti o feriti durante l’assalto.
In specie per l’ufficiale italiano ho scelto una posizione alla “platoon” quasi in croce sul filo spinato; il soldato ferito a terra l’ho modificato in una posa che sembra chiedere aiuto a Francesco Baracca in volo.
le cinghie portafucile dei “crucchi” sono state realizzate ritagliando a strisce la confezione di una lama da bisturi n° 11.




I figurini sono stati dipinti con colori Vallejo e rifiniti con lavaggi ad olio diluito con petrolio bianco.
































Albero
L’albero e’ la struttura portante del Nieuport, ho preso un rametto di pino e l’ho trapanato nella parte superiore per accogliere il perno del Nieuport; nella parte inferiore ho inserito un grosso chiodo incollato con acciaio liquido bicomponente.
Sempre con il microtrapano, ho praticato dei fori sul ramo per inserirvi numerosi rametti per formare la chioma.
Con l’ausilio di colla vinilica e spray ho attaccato del mascheramento per simulare il fogliame.
Non ho messo le foglioline intenzionalmemnte per rendere meno visibile il sostegno dell’aereo.














Filo spinato
Dopo aver visionato alcune fotografie ho cercato di riprodurre il filo spinato.








E’ stata la parte più lunga e tediosa di tutto il diorama; dopo aver fatto svariati tentativi, alla fine mi sono deciso per il seguente che è risultato il più veloce ed efficace: si forma un “8 “ da un sottile filo di rame.
Si ripetel’oerazione per la lunghezza desiderata, si fissa il nodo centrale con una goccia di cianoacrilato e si taglia la parte superiore dell’ 8 per ottenere due spuntoni.
Lo stesso procedimento l’ho usato per creare il filo spinato arrotolato sui fili centrali utilizzando un filo metallico ancor più sottile del filo di rame.
Per essere la prima volta lo consuidero un risultato accettabile anche se un po sovradimensionato.




















Base diorama e trincea
Anche in questo caso mi sono ispirato a foto autentiche.








Ho utilizzato del forex dandogli una forma di un pentagono irregolare con il lato maggiore di 50 cm per poi disegnare la forma e la lunghezza della trincea; poi con il taglierino ho inciso il disegno.








Dalla parte opposta alla trincea, ho praticato un foro di sezione compatibile con la base dell’ albero.
La superficie del diorama è stata rivestita da un impasto di stucco e colla vinilica per dare un aspetto irregolare al terreno.






Ho scavato quattro crateri che dessero l’impressione di esplosioni da piccole bombe di mortaio; successivamente con del colorante spray ho dato la base color cioccolato.
Ho rivestito il tutto con colla vinilica ed ho sparso del terriccio e dei pigmenti.






Questi pigmenti ‘senza anilina’ sono stati acquistati in una antica ferramenta romana, prezzo: 100 grammi, 5 euro!! Il che, rispetto ai prezzi dei vari pigmenti modellistici delle varie case produttrici, e’ un abbattimento costi notevole.
Stesso discorso per l’effetto acqua: ho utilizzato un plastificante incolore 250 ml pagato 6,50 euro!!!








Successivamente ho rivestito la trincea con dei pali di contenimento usando comuni stuzzicadenti ed ho versato lavernice trasparente plastificante nelle trincee e nei crateri e sul terreno.














Sacchetti di sabbia
Sono stati modellati con il das incisi leggermente per simulare le cuciture e dipinti con spray color kaki e lavati con colori ad olio.








Il diorama è stato completato con l’aggiunta di mitragliatrici, travi di legno e delle scale autocostruite.
Seguono alcune foto del diorama completo:






































Grazie per i vs eventuali commenti e buon modellismo a tutti.




Giampaolo Bianchi

[Gallery]

07.04.2017



Commento di Lauro Bonfà [15/04/2017]:
Complimenti Carissimo, in primis per l'originale idea, poi per la grande mole di lavoro, realizzato magnificamente in ogni suo dettaglio, e infine per l'eccezionale risultato che hai raggiunto. Ne approfitto per augurare a te, alla tua Famiglia e a tutti gli Amici di Kitshow una Pasqua di salute e di serenità. Un abbraccio,Lauro.

Commento di Valter vaudagna [15/04/2017]:
Tantissimi cari auguri di buona Pasqua a te Giampaolo e a tutti i modellisti di kitshow...

Commento di Giampaolo Bianchi [15/04/2017]:
Grazie Lauro e Valter, ricambio con affetto i Vs auguri.
Un caro abbraccio

Commento di Luca Navoni [16/04/2017]:
Ciao Giampaolo,

grande realizzazione.......!!!!! ...bellissima l'idea e il suo sviluppo, di grande impatto....!!!
...buono il metodo della realizzazione del filo spinato e dei sacchi di sabbia....belle anche le modifiche apportate al modello...

ancora complimenti, un saluto, Luca

Commento di Valter vaudagna [16/04/2017]:
Un piccolissimo consiglio Giampaolo per il prossimo aereo Italiano della Grande Guerra, sotto le ali il bianco della bandiera non veniva verniciato ma era sempre rappresentato dal colore delle superfici inferiori... illuminata o il color crema o il tela chiaro dei primi NIE 11.
Venivano verniciati solo il rosso e il verde a differenza delle derive, o delle cofanature motore dei nie 11 dove il bianco era presente, un caro saluto

Commento di Giampaolo Bianchi [16/04/2017]:
Grazie Luca e grazie Valter per questi consigli "storico-tecnici"..questa e' la bellezza di kitshow..poter sempre imparare qualcosa..Grazie ancora ed auguri

Commento di Enrico Calanchini [17/04/2017]:
Lavoro impegnativo, ma appagante,bella l'idea del velivolo a volo radente sui combattenti, con l'elica in movimento ancor meglio.
Quoto tutto quanto espresso da chi mi ha preceduto e aggiungo i miei complimenti e apprezzamento per il risultato.

Ciao Enrico

Commento di ezio bottasini [18/04/2017]:
Ciao Gianpaolo, lavoro monumentale, di grande effeto ed esecuzione, non sono un esperto di caccia della IG.M., ma mi sembra piuttosto buona come realizzazione. Ottima la resa del terreno e delle trincee. La mano del chirurgo si è vista nella realizzazione del filo spinato, se dovesse esserci una seconda volta, ricordati che esiste in fotoincisione molto realistico che ti risparmnia ore di lavoro.
Complimenti, al prossimo Ezio

Commento di Giampaolo Bianchi [18/04/2017]:
Caro Enrico e caro Ezio i Vs complimenti mi riempiono di gioia..per Enrico. .ci avevo pensato a fare l'elica rotante ma sinceramente ho avuto paura di rovinare il tutto. .avevo pensato ad un disco di acetato trasparente..per Ezio, ti ringrazio per il consiglio ma io devo esercitarmi tanto per migliorare e solo mettermi alla prova mi farà arrivare un po più lontano.
Un caro abbraccio.

Commento di giovenco giuseppe [18/04/2017]:
...... lo sapevo!!!!! questa è l'altra chicca che mi aspettavo!!!! l'aereo di Francesco ha sempre suscitato ammirazione e fantasia per le imprese di quest'asso italiano - come sempre il corredo del diorama, dalla storia alla realizzazione non fa una piega, anche perché con tutto quel vinavil che hai usato, è impossibile che il diorama si muova - eppure, l'azione è data in modo spettacolare, anche se è tutto fermo - grazie, Giampaolo per metterci al corrente del tuo percorso - Giuseppe

Commento di Giampaolo Bianchi [18/04/2017]:
CARO GIUSEPPE..CHE DIRTI ..MI HAI COMMOSSO..GRAZIE..I COMPLIMENTI DI UN MAESTRO DEL TUO CALIBRO POSSONO SOLO SPINGERMI AVANTI.
UN CALOROSO ABBRACCIO

Commento di Stefano Deliperi [30/04/2017]:
splendido risultato di un grandissimo lavoro!
Sicuramente ti ha dato un enorme soddisfazione. Grande ammirazione per la passione, la dedizione e un diorama davvero eccezionale. Approfitterò dei tuoi consigli "tecnici", sperando di riuscire a imparare almeno qualcosa. I miei sinceri complimenti, Giampaolo.

Commento di Giampaolo Bianchi [30/04/2017]:
CARO FRANCESCO ..VISTO IL TUO ULTIMO CAPOLAVORO..DUBITO CHE TU POSSA IMPARARE QUALCOSA DA ME..GRAZIE PERO' PER LA RECENSIONE MOLTO SENSIBILE.
GIAMPAOLO

Commento di Vito [03/05/2017]:
Ciao Giampaolo
Perdonami il ritardo
Davvero una bella realizzazione che premia impegno e passione
Vito

Commento di giampaolo bianchi [08/05/2017]:
grazie Vito e'sempre un piacere ricevere i tuoi complimenti.
un abbraccio
Giampaolo



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No