Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano

Francesco Sbarile


Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile

Bartolomeo D’Alviano fu un condottiero vissuto a cavallo fra il XV ed il XVI secolo e partecipò, al servizio di Venezia, a tutte le maggiori battaglie nel nord Italia fra il 1503 ed il 1515, anno della sua morte durante l’assedio di Brescia.


Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile

Emblema personale del D’Alviano (o Liviano, secondo alcune fonti) era l’unicorno, figura mitologica assai presente nell’iconografia medievale e rinascimentale, con il motto "VENENA PELLO".




Al tempo il corno dell’unicorno era accreditato di virtù taumaturgiche, in particolare della capacità di espellere dall’acqua i veleni in essa contenuti in modo che chi si abbeverasse a quell’acqua fosse appunto preservato dagli effetti del veleno.
Queste virtù gli furono attribuite dal greco Ctesia nel suo libro sugli animali del subcontinente indiano; probabilmente egli si riferiva al corno del rinoceronte indiano ma nell’immaginario medievale queste doti furono attribuite all’unicorno.


Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile

Il figurino rappresenta per l’appunto il portastendardo del D’Alviano agli inizi del 1500.
Il figurino è l’ultimo che mi era rimasto di una piccola serie scolpita da Vincenzo Alberici rappresentante un alabardiere coevo del portastendardo in questione a cui ho sostituito l’alabarda con lo stendardo ed apportato alcune modifiche secondarie di postura delle braccia.


Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile
Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile

Lo stendardo è un pezzo EMI, forse di foggia un po’ precedente al 1500 ma mi piaceva molto ed ho chiuso un occhio sulla questione, mentre la figura sullo stendardo viene da una interpretazione di Massimo Predonzani dell’impresa dell’Alviano presente su un libro di Battista Pittoni poco posteriore alla sua morte.
Il figurino veste le calze e un corpetto nei colori tipici dell’Alviano, bianco e rosso, ed indossa un petto da armatura in due pezzi con rinforzi all’altezza delle spalle.


Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile
Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile

Lo scudo, appoggiato alla palizzata, è dipinto con il leone di San Marco "in moecha" ovvero con una forma a granchio con cui nell’arte bizantina vengono rappresentati, ad esempio, i cherubini.
La forma "in moecha" è presente in molti scudi veneziani sopravvissuti fino a noi come i colori rosso scuro, blu e oro presenti nel mio scudo.




L’ambientazione è minimale e comprende un paio di ruote da carriola del periodo trovate nel "secchio" dei pezzi avanzati.


Portastendardo di Bartolomeo d'Alviano © Francesco Sbarile

Francesco Sbarile

[Gallery]

17.10.2016




Commento di ezio bottasini [20/01/2017]:
Ciao Francesco, questo più che un figurino è un dipinto del '500, a che scuola ti sei ispirato nel realizzarlo??....Scherzi a parte è moooolllltttto bello estremamente realistico, piacerebbe vederlo dal vero.
Complimentoni Ezio

Commento di Giampaolo Bianchi [20/01/2017]:
Caro Francesco veramente complimenti per questo figurino. bellissimo lo stendardo.
Un caro saluto.
Giampaolo

Commento di Luca Navoni [20/01/2017]:
Ciao Francesco,

figurino davvero realistico, molto bello e realistico lo stendardo......!!! ...molto interessante e coinvolgente anche il lato storico......complimenti davvero....!!!

un saluto, Luca

Commento di Lauro Bonfà [20/01/2017]:
Ennesimo bel Figurino con ambientazione suggestiva ed ennesima interessante pagina di Storia Antica. Bravo Francesco. Buona serata Lauro.

Commento di giuseppe giovenco [20/01/2017]:
caro Francesco, ti confesso la mia grande ignoranza per " gli accadimenti " rinascimentali e dei suoi capitani di ventura - fermo restando che il tuo figurino fa un figurone anche alla luce della sua storia personale - devo dire che se dal punto di vista uniformologico per me è un tempo remotissimo, dal punto di vista storico è da conservare come nicchia di un personaggio che ha riempito le cronache a cavallo tra il XV° ed il XVI° secolo - tu stai facendo del modellismo di classe con il supporto della storia - Grazie per la condivisione - Giuseppe

Commento di Enrico Calanchini [21/01/2017]:
Notevole l'insieme dell' opera, compiuta sia come figurinista che come bravura nella decorazione pittorica dello stendardo e dello scudo, che non è da tutti, arricchita come si conviene da cenni storici interessanti soprattutto per chi come me non è edotto sull'argomento. Complimenti

Enrico

Commento di Francesco Sbarile [23/01/2017]:
Grazie mille a tutti, troppo gentili :-)

Commento di Stefano Deliperi [05/02/2017]:
grazie Francesco per la splendida pagina di storia e modellismo! I migliori complimenti.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No